Africa: un'economia emergente in forte crescita

  • Shutterstock.com
Articolo
Pubblicato 2019-09-20 11:51

Le economie di alcuni paesi del continente africano hanno subito in questi ultimi decenni un rapido sviluppo portandosi al pari di altri colossi mondiali. Ad oggi l’Africa suscita l’interesse di investitori internazionali, cosa la rende cosi appetibile? E i quali sono le nazioni più promettenti?

Secondo l'ultimo studio condotto da CEO Africa, i principali paesi africani in termini di crescita economica devono il loro successo ai giovani che si approcciano all'innovazione tecnologica con idee nuove. Nella quarta edizione di Rencontres Africa che si terrà ad Ottobre, le nazioni africane si riuniranno allo scopo di discutere e portare avanti il processo di crescita economica.

Il CEO Africa elenca i paesi africani che si stanno facendo conoscere grazie ad un rapido sviluppo economico che li rende  terreno fertile alla creazione di un'impresa. Per questo studio sono stati consultati dati forniti da istituzioni prestigiose tra cui: 

  • La Banca mondiale (World Bank) e gli studi da essa condotti sull’imprenditorialità
  • Le classifiche del Mercer sulla qualità e costo della vita
  • L’indice globale di innovazione della Cornell University, dell’Istituto INSEAD e dell'Organizzazione mondiale sulla proprietà intellettuale
  • Il GTCI , Global Competitiveness and Talent Index
  • L’ AFDB, African Infrastructure Development Index
  • Il Global Entrepreneurship Index
  • Lo studio di Afrasia sull’ HNWI (High Net Worth Individual)

Altri aspetti che sono stati presi in considerazione includono il numero di incubatori che aiutano le start-up nella loro crescita, gli spazi di co-working come alternativa ai classici uffici, le entrate delle start-up, la qualità dei progetti in atto, le dimensioni del mercato locale per assicurare le vendite e la prosperità delle aziende. 

In quali settori investire?

Le industrie che registrano un maggior tasso di crescita sono quelle legate ai prodotti finanziari, ai generi di consumo, al settore sanitario, all’istruzione, all’agricoltura e alle infrastrutture. L’interesse sempre maggiore verso la tecnologia e la presenza di manodopera giovane e specializzata, rende questo settore un interessante investimento. 

Gli hub tecnologici sono presenti in diversi paesi del continente e si stanno rapidamente sviluppando. Kenya, Malawi e Ruanda stanno iniziando ad applicare le risorse tecnologiche al settore agricolo utilizzando attrezzature per le previsioni meteorologiche, sensori per testare il sottosuolo e satelliti. 

Chi investe in Africa?

La Cina conta circa 10.000 aziende in Africa e, grazie anche al progetto Belt and Road, è il principale investitore. 
Segue a ruota il Giappone che collabora con Ruanda, Etiopia, Kenya, Nigeria e Sudafrica. Completano l’elenco l'Unione europea e gli Stati Uniti.

Le 5 città dove investire

Cape Town, Sud Africa

Cape Town è la città più promettente del continente africano. Conosciuta per l'industria del turismo e la sua storia politica, Città del Capo si assicura il podio come ecosistema in più rapida crescita per le start-up in Africa. Sebbene persistano ancora degli ostacoli, la sua posizione strategica ed il fatto che molte grandi aziende abbiano sede in città, costituiscono degli innegabili vantaggi. 

Johannesburg, Sudafrica

Johannesburg vanta uno degli ecosistemi imprenditoriali più forti e diversificati della regione. Gli incubatori d’impresa presenti in città ne fanno un ambiente imprenditoriale di successo e le organizzazioni allo sviluppo offrono vantaggi e risorse che  aiutano gli imprenditori nel loro business.

Port Louis, Mauritius

Port Louis, la capitale di Mauritius, attira l’interesse di una gamma diversificata di imprese che operano in diversi settori. Il turismo, la tecnologia, l'outsourcing aziendale, i servizi finanziari, tra gli altri,  costituiscono il vivace ecosistema imprenditoriale dell’isola. Il polo della Cybercity, che sorge nella cittadina di Ebene, ospita 350 aziende che contribuiscono notevolmente al prospero sviluppo economico e tecnologico di Mauritius.

Cairo, Egitto

Il Cairo è caratterizzato da un ampio mercato interno e da un vasto capitale umano che garantiscono il buon funzionamento e lo sviluppo delle innovazioni tecnologiche del paese. 
Tra le  strutture di supporto per quel che concerne il settore tecnologico figurano Flat6Labs Cairo, Ebni, EdVentures, Falak Startup. L'Egitto ha una posizione geografica molto strategica infatti la vicinanza agli Stati Arabi costituisce un potenziale per il finanziamento di start-up.

Casablanca, Marocco

Il Technopark di Casablanca e altre strutture come Bidaya Space, Impact Lab e New Work Lab assicurano la crescita economica della capitale del Marocco. 
Il settore che contribuisce maggiormente allo sviluppo del paese è quello tecnologico. Casablanca è conosciuta come la sesta città più innovativa del continente africano.

In sintesi, le aziende godono di un ecosistema che le supporta nel potenziamento dei loro investimenti in Africa.
Un continente che in passato non è stato preso in dovuta considerazione a causa della sua instabilità politica, gode ad oggi di un riconoscimento globale in quanto offre un terreno fertile alla creazione ed allo sviluppo di start-up. 
La Banca Mondiale prevede che l’Africa possa aumentare la crescita pro capite di 1,5 punti percentuali all'anno, con una conseguente riduzione della povertà di 0.7 punti percentuali all'anno.
Se il Paese continuerà ad investire nel suo capitale umano, formando il personale per qualificarlo, e si impegnerà per rendere le innovazioni tecnologiche accessibili a tutta la popolazione, il suo futuro sarà promettente.