Detassazione pensione in Italia se moglie rimane in Italia.

Mi dice un amico commercialista che se la moglie disoccupata rimane in Italia seppure con piccola entrata da sua casa affittata così come i figli adulti occupati e residenti per i fatti loro, l'Agenzia delle Entrate potrebbe/dovrebbe chiedere il pagamento delle imposte non trattenute dall'Inps in quanto rimanendo interessi familiari in Italia - nel caso di specie per contribuire al mantenimento della moglie, non ufficialmente separati - ipotizzerebbe un trasferimento in Tunisia al solo scopo di ottenere il detessamento, anche se l'interessato non torna in Italia. Avete esperienza sulla casistica? Grazie.

Sì, da tempo ormai i coniugi possono avere residenza in luoghi differenti, anche in paesi differenti.

Il consulente giusto a cui rivolgersi per esaminare la tua situazione specifica è l'avvocato tributarista.

Commercialisti spesso imprecisi sulla questione.

avrei un problema anch'io da sottoporre , sono divorziato e con il trasferimento in Tunisia non posso più scalare gli alimenti che naturalmente continuo a versare alla mia ex moglie, ho letto però che la casa che avevo acquistato non è più prima casa con il mio trasferimento, che antecedentemente non dichiaro, credo che anche il mio sia un caso da avv.to tributarista e nel caso potete consigliarmene uno voi, ? Grazie per la cortese risposta.

Marpi :

Mi dice un amico commercialista che se la moglie disoccupata rimane in Italia seppure con piccola entrata da sua casa affittata così come i figli adulti occupati e residenti per i fatti loro, l'Agenzia delle Entrate potrebbe/dovrebbe chiedere il pagamento delle imposte non trattenute dall'Inps in quanto rimanendo interessi familiari in Italia - nel caso di specie per contribuire al mantenimento della moglie, non ufficialmente separati - ipotizzerebbe un trasferimento in Tunisia al solo scopo di ottenere il detessamento, anche se l'interessato non torna in Italia. Avete esperienza sulla casistica? Grazie.

Caro Marpi ma è normale trasferirsi in Tunisia allo scopo di ottenere la detassazione altrimenti perché lo si farebbe? Non ci sta nulla di male e fa parte proprio degli accordi bilaterali tra i due Paesi. Ti hanno sollevato la questione relativa al "centro degli interessi affettivi" ma come ti ha già risposto Live il marito e la moglie possono avere residenze separate (esempio differenti città e separazione dei beni per ottenere l'abbattimento fiscale come "prima casa" nelle compravendite immobiliari). Vai tranquillo :)

Giorgio Trifoni :

avrei un problema anch'io da sottoporre , sono divorziato e con il trasferimento in Tunisia non posso più scalare gli alimenti che naturalmente continuo a versare alla mia ex moglie, ho letto però che la casa che avevo acquistato non è più prima casa con il mio trasferimento, che antecedentemente non dichiaro, credo che anche il mio sia un caso da avv.to tributarista e nel caso potete consigliarmene uno voi, ? Grazie per la cortese risposta.

per la casa rimane "prima casa" cioè il bene che hai acquistato ottenendo uno sgravio fiscale ma perde il titolo di "abitazione principale" quindi dovrai pagare l'IMU.
Per gli alimenti che verserai alla moglie ci sono delle esenzioni anche in Tunisia, dovrai però contattare un commercialista in sede per sottoporgli il problema e fargli fare la dichiarazione dei redditi. So di persone che hanno fatto tradurre da un traduttore giurato l'omologa e che è servita per la dichiarazione ma non essendo una cosa che mi interessava non ho approfondito.

Grazie. Speravo di essere costretto a separarmi.  :cool:

Ciao, se possibile vorrei scrivwrti in privato per i formazioni circa la.problematica da te segnalata.
Alfredo la rocca

Nuova discussione