Alloggiare in Belgio

Aggiornato 2017-07-12 18:40

Se avete deciso di trasferirvi in Belgio, trovare casa sarà una delle vostre priorità. In questo articolo trovate informazioni sul mercato immobiliare belga.

Dove e come cercare casa?

Un buon compromesso potrebbe essere quello di iniziare a cercare casa in una parte del paese di cui conosciate la linguia che vi si parla (a patto che le conosciate bene tutte e tre: olandese, francese e tedesco). Ecco uno schema che vi potrà aiutare:
'¢ Nelle Fiandre (Nord) : olandese (lingua fiamminga)
'¢ In Vallonia (Sud) : francese (lingua vallone)
'¢ Nei Cantoni a Est : tedesco
'¢ Nella regione di Bruxelles-Capitale sia parla sia francese che fiammingo

Il territorio belga è diviso in 589 comuni.
Potete iniziare la vostra ricerca consultando i siti immobiliari sul web, questo metodo si rivela utile per conoscere l'effettiva disponibilità di alloggi nella zona di vostra preferenza e allo stesso tempo vi darà un'indicazione dei prezzi del mercato.
A piè di pagina di questo articolo abbiamo inserito un elenco di link utili da consultare.
Se il trasferimento è imminente ed avete poco tempo a disposizione per la ricerca, non conoscete le varie zone della città in cui state per trasferirvi e non avete familiarità con la lingua locale, vi conviene affidarvi ai servizi di un agente immobiliare: è la soluzione migliore per trovare un alloggio che si adegui al vostro budget ed alle vostre aspettative.
Fate attenzione però che nella maggior parte dei casi dovrete pagare una commissione per i servizi usufruiti il cui l'importo equivale almeno ad una mensilità. Controllate con gli addetti ai lavori per essere sicuri della spesa finale che dovrete sostenere!
Molti proprietari preferiscono affittare senza intermediari ed è per questo che spesso troverete affissi alle pareti degli immobili la scritta 'A louer / Te huur' ossia 'Affittasi'.

La durata del contratto di affitto

In Belgio si possono stipulare contratti di affitto della durata di:
'¢ fino a tre anni: contratto breve
'¢ per 9 anni
'¢ per più di 9 anni
'¢ contratto a vita

Contratto di 9 anni : è il più frequente. Questo contratto ha la particolarità di essere in realtà un documento che non menziona la durata del contratto di locazione. Il periodo dei 9 anni inizia il giorno in cui l'inquilino trasloca (se il contratto è verbale), o il giorno indicato sul contratto di affitto (se c'è un contratto scritto).
Contratto breve: della durata di tre anni, può essere rinnovato una sola volta, solo per iscritto, e per lo stesso periodo di tempo.
Contratto su lungo termine: della durata superiore a 9 anni ma sempre per un lasso di tempo determinato.
Contratto a vita: dura fino alla durata in vita dell'inquilino ed il proprietario non ha il diritto di far cessare il contratto. Di contro, l'affittuare può recedere dando un preavviso di tre mesi.

Deposito contro i danni

Per far fronte ad eventuali danni a cose e luoghi che possano sopraggiungere durante la permanenza dell'inquilino, il padrone di casa può richiedere il versamento di un deposito pari fino a tre mesi d'affitto.
Questa clausola deve essere espressamente menzionata nel contratto altrimenti il proprietario non può avanzare nessun tipo di richiesta.
La somma versata verrà restiuta al termine del contratto a patto che l'appartamento/casa non sia stato danneggiato.

Stato dei luoghi

Quando un inquilino prende possesso dell'alloggio e lo lascia, viene redatto -assieme al proprietario- un documento (da allegare al contratto d'affitto) in cui viene dettagliato lo stato dei luoghi. Questo permette ad entrambe le parti assoluta chiarezza sulla condizione generale dell'immobile in entrata ed uscita dell'affittuario.

Quanto costa affittare in Belgio?

In Belgio non esiste alcuna legge che regoli l'ammontare degli affitti. Il Governo però mette a disposizione un sito (trovate il link nella sezione 'Indirizzi utili') che consente di stimare l'importo da pagare in base al prezzo di base menzionato nel contratto, alla data in cui il documento è stato firmato ed alla data in cui il contratto è entrato in vigore.
L'inquilino deve però farsi carico delle spese di luce, gas, acqua e manutenzione degli spazi comuni o, se altrimenti stabilito al contratto, pagare mensilmente una cifra forfettaria che includa il pagamento di tutte queste spese.
L'inquilino non deve pagare nessuna tassa per l'affitto dell'immobile. Nel caso in cui il proprietario pretendesse la riscossione di una somma a questo fine, non è una prassi legale.

Indirizzi utili:

Expat.com Annunci immobiliari in Belgio
Belgium.be
Economie Fgov calcolatore affitti
IPI Istituto professionale agenti immobiliari
Brussels Irisnet

Facciamo del nostro meglio per fornire informazioni aggiornate ed accurate. Nel caso in cui avessi notato delle imprecisioni in questo articolo per favore segnalacelo inserendo un commento nell'apposito spazio qui sotto.