Cercare lavoro nel Regno Unito

Lavorare nel Regno Unito
Shutterstock.com
Aggiornato 2022-05-18 14:07

Il Regno Unito è il sesto paese globalmente più benestante, con un reddito pro capite di 42.330 GBP e una crescita annuale dell'1,5%. Ma la recente pandemia non ha risparmiato neanche l'economia inglese; tuttavia, con l'allentarsi delle restrizioni entrate in atto durante il lockdown di giugno 2021, il governo è fiducioso che l'economia inglese si riprenda e ritorni ai livelli di PIL pre-pandemici. Allo stesso tempo, il Regno Unito ha a che fare con un'altra novità, la Brexit, che è entrata in pieno vigore a gennaio 2021, dopo un lungo periodo di adattamento. Secondo l'Ufficio Statistico Nazionale (ONS), il tasso di disoccupazione del Regno Unito è basso (4% nel 2020) e questo in parte è spiegato dalla crescita dei contratti a zero ore, che sono aumentati da 225.000 nel 2000 a 896.000 nel 2020. 

Buono a sapersi:
Il contratto a zero ore è una tipologia di contratto inglese che non obbliga il datore di lavoro ad impegnarsi con il dipendente per un numero minimo di ore lavorative. 

Se state cercando di fare carriera nel Regno Unito, o di avviare la vostra attività, sappiate che le opportunità professionali per i neolaureati e i candidati più esperti sono molte. Tuttavia, la competizione è alta e i visti lavorativi per il Regno Unito non sono facili da ottenere, a meno che non soddisfiate dei severi requisiti, ad esempio le qualifiche, le competenze sia trasversali che specifiche, l'esperienza, etc. 

Visti a breve e lungo termine

A seconda della vostra nazionalità, del tipo di lavoro che farete nel Regno Unito e del contratto che avete firmato con il vostro datore di lavoro, dovrete candidarvi per un visto lavorativo a breve o a lungo termine. Sono pochissimi i casi esenti dalla necessità di possedere un visto per vivere e lavorare nel Regno Unito. Esistono cinque tipi di visto a lungo termine, e il più popolare è il visto a punteggio per il lavoratore qualificato. Se invece l'azienda per la quale già lavorate ha una sede nel Regno Unito, il vostro datore di lavoro può assumervi in questo paese con un visto a lungo termine intra-aziendale. Inoltre, esistono otto visti a breve termine per lavoratori temporanei o stagionali. Il visto a breve termine facente parte del programma di mobilità giovanile è un'ottima opportunità per i giovani con meno di 18 anni per acquisire esperienza lavorativa internazionale. 

Datori di lavoro del Regno Unito

I datori di lavoro che vogliono assumere professionisti e talenti stranieri dovranno ottenere la licenza di uno sponsor per farlo. Anche nel caso in cui un'organizzazione volesse introdurre una persona estera per svolgere un lavoro non retribuito, per esempio un servizio presso un'organizzazione di beneficenza, ci sarà comunque bisogno di una licenza da parte di uno sponsor. Sponsorizzare un lavoratore non significa che gli verrà rilasciato automaticamente un visto di lavoro per vivere e lavorare nel Regno Unito. I lavoratori dovranno mettere insieme un determinato numero di punti per avere diritto a un visto lavorativo. 

Per ottenere la licenza di uno sponsor per la vostra azienda, dovrete innanzitutto verificare che essa ne abbia il diritto, ad esempio non deve avere precedenti penali e la licenza precedente non deve essere stata revocata negli ultimi 12 mesi. Ci sono due tipi di licenza di sponsor: la licenza per gli impiegati a lungo termine e quella per gli impiegati temporanei. In quanto lavoratori, potete candidarvi per l'una o per l'altra, o anche per entrambe. Infine, ma non perché meno importante, avrete bisogno di assumere qualcuno, o un team dedicato, per gestire le sponsorizzazioni dei dipendenti e l'intero processo con l'aiuto dello strumento di gestione delle sponsorizzazioni del governo (SMS). Una volta che tutte queste fasi saranno completate, potrete candidarvi online e pagare la tassa. 

Se la vostra candidatura verrà approvata, riceverete una licenza di classe A, cioè uno sponsor completo, che vi permetterà di assegnare certificati di sponsorizzazione. Ma ricordate che ottenere una licenza di classe A è un conto, mantenerla è un altro. 

Una licenza di classe A può essere declassata a una licenza di classe B in qualsiasi momento: nel caso non adempiate ai vostri doveri di sponsor, come ad esempio il controllare le competenze e le qualifiche della vostra forza lavoro e l'averne le prove, il rilasciare certificati di sponsorizzazione per lavori idonei e informare l'ufficio immigrazioni e visti del Regno Unito nel caso in cui gli impiegati non rispettino le condizioni per mantenere il visto. Tuttavia, potete ancora rilasciare certificati per i vecchi lavoratori o potete estendere i loro visti. I dipendenti il ​​cui datore di lavoro dovesse perdere la licenza dello sponsor, o il mancato rinnovo di questa, può essere influenzato a seconda che si trovino nel Regno Unito o al di fuori del Regno Unito nel momento in cui si verifica questa modifica.

Buono a sapersi: 
L'Ufficio Immigrazione e Visti del Regno Unito (UKVI) ha il diritto di fare visita alla vostra azienda per controllare che rispetti le condizioni di licenza dello sponsor. 
Una licenza dello sponsor è valida per quattro anni, ma un datore di lavoro può perderla in ogni momento se non rispetta le responsabilità dello sponsor. 

Importante: se la vostra licenza viene declassata alla classe B, non sarete in grado di emettere nuovi certificati di sponsorizzazione fino a che non tornerete alla classe A. 

Link utili in lingua inglese:

UK visa sponsorship for employers

Register of licensed sponsors: workers

A job applicant's right to work in the UK

Lavori nel Regno Unito

Le più grandi industrie del Regno Unito che offrono la maggior parte delle posizioni lavorative sono quelle che fanno parte dei settori banca e finanza, assicurazioni, ingegneria, salute, istruzione, reclutamento e risorse umane. Altri settori importanti comprendono quello metallurgico, chimico, aerospaziale, costruzione navi, veicoli a motori, trasformazione dei prodotti alimentari, design, arte, apparecchiature di comunicazione ed elettronica. Contabili, analisti aziendali, analisti scientifici, manager delle risorse umane, venditori, infermieri, lavoratori sociali, sviluppatori di software, insegnanti e project manager sono solo alcuni dei lavori più popolari nel Regno Unito. Se volete un lavoro in un'azienda multinazionale, cercate posti vacanti in Unilever, AstraZeneca, Royal Dutch Shell, BHP e Rio Tinto, GlaxoSmithKline (farmaceutica) e HSBC. Nonostante la privatizzazione di massa del Regno Unito, i più grandi datori di lavoro rimangono NHS a gestione pubblica (che è anche il maggiore datore di lavoro d'Europa, con 1,3 milioni di impiegati qualificati), l'esercito britannico e il Dipartimento del governo Britannico per lavoro e Pensioni (DWP). 

Buono a sapersi: 
Secondo UK 300, i datori di lavoro più popolari per il 2020-2021 sono Google, il Centro Ricerca Oncologico del Regno Unito, BBC, GSK, e MI6, cioè l'intelligence dei servizi segreti. 

La shorted occupation list del governo del Regno Unito (*elenco di occupazioni per i quali non ci sono abbastanza lavoratori residenti disponibili), mostra che le mansioni che necessitano di visti da lavoratore qualificato sono manager sanitario, manager di assistenza domiciliare, scienziato nucleare, biochimico, geologo, archeologo, ingegneri elettronici, meccanici e civili, veterinari, architetti, etc. Per i lavori nei settori artistici, dovreste focalizzarvi più su Londra, per quelli nel marketing, invece, Birmingham e Manchester, che sono probabilmente la scelta migliore per dare una svolta alla vostra carriera. 

Link utili in inglese per trovare lavoro:

NHS jobs

British Army

Work for DWP

Trovare lavoro nel Regno Unito

Ci sono numerosi modi per trovare una posizione lavorativa nel Regno Unito. Alcuni dei metodi più popolari comprendono la ricerca su internet, le candidature spontanee, le agenzie di collocamento, le agenzie per il lavoro occasionale, annunci di lavoro sui giornali e il networking. Costruirsi un network professionale è fondamentale, visto che molti posti vacanti non sono pubblicizzati e molti tra coloro che cercano lavoro lo vengono a sapere grazie al passaparola. 

Vale sempre la pena tentare con le candidature spontanee, in particolar modo se volete lavorare per aziende più piccole dove i datori di lavoro sono più alla mano e hanno la possibilità di avere una relazione individuale con ogni dipendente. 

Per molte candidature avrete bisogno di inviare il CV e una lettera di presentazione via mail, o compilare un formulario tramite l'apposita piattaforma. Adaattate e scrivete i vostri curricula e lettera di presentazione secondo gli standard inglesi. Ricordate di fare in modo che entrambi i documenti siano chiari e concisi e comunicate bene la vostra ambizione e motivazione. 

Cercare lavoro nel Regno Unito

Ecco alcune idee su come cercare posizioni vacanti nel Regno Unito:

I media

Iniziate con uno sguardo agli annunci sui giornali locali. Molti posti vacanti sono pubblicizzati sui media. Ecco alcune testate da consultare: 

The Independent

Internet

Potete anche dare un'occhiata ai siti internet dedicati al lavoro. Alcuni si occupano di postare regolarmente annunci di posti di lavoro vacanti, altri invece aggiornano i loro elenchi occasionalmente. Potete anche iscrivervi o inviare il vostro CV a dei siti internet che rendono più facile ai datori di lavoro mettersi in contatto con voi. Ecco alcune opzioni da prendere in considerazione: 

Jobcentre Plus

Adecco UK

Adzuna

Facciamo del nostro meglio per fornire informazioni aggiornate ed accurate. Nel caso in cui avessi notato delle imprecisioni in questo articolo per favore segnalacelo inserendo un commento nell'apposito spazio qui sotto.