Quali Paesi hanno aumentato gli stipendi degli espatriati?

Vita quotidiana
  • jeunes professionnels
    Shutterstock.com
Pubblicato 2022-08-16 alle 10:00 da Asaël Häzaq
L'aumento dell'inflazione è sullo schermo radar di tutti i Paesi del mondo. Alcuni se le stanno cavando meglio di altri, ma nessuno può cantare vittoria. I lavoratori, sfiancati dall'aumento del costo della vita, chiedono a gran voce un aumento degli stipendi.

E per quanto riguarda gli espatriati, i loro stipendi sono saliti? In quali Paesi gli aumenti sono più significativi e riescono a compensare l'aumento del costo della vita?

Stipendi più alti per gli espatri?

Si pensava che la crisi sanitaria avesse messo la parola fine ai pacchetti per gli espatriati, ma così non è stato. Per rinfrescarvi la memoria sappiate che un pacchetto di espatrio è un insieme di vantaggi, offerti dal datore di lavoro, per facilitare la vita dell'espatriato all'estero. Il pacchetto comprende lo stipendio (da negoziare con il datore di lavoro) e vari bonus, tra cui quello per sostenere il "costo della vita" che il dipendente può chiedere se parte per un Paese dove la vita è cara. Nel pacchetto è inclusa anche l'assistenza per il trasloco, l'alloggio, il trasporto, la scuola per i figli, ecc... A livello di vantaggi, va detto che il pacchetto per l'espatrio si limita a compensare il cambio nello stile di vita dell'espatriato (soprattutto se si trasferisce con la famiglia).

Nel 2021, a Singapore, in Giappone e a Taiwan, il valore dei pacchetti per l'espatrio ha subito un incremento del 9-10%. Degli aumenti sono stati registrati anche per l'Australia e la Nuova Zelanda. In Cina e Malesia, nello stesso anno, gli stipendi degli espatriati sono stati maggiorati dell'11%. Tuttavia, dietro queste percentuali, si celano delle discrepanze. In primo luogo, questi aumenti arrivano dopo un periodo segnato dal Covid-19. Nel corso del 2020, gli stipendi sono stati ridotti di circa 1.000$ e le spese vive sono salite: spese sanitarie, per le bollette e la benzina, per il cibo, ecc... in conclusione, si tratta più di una compensazione che di un reale aumento del reddito.

Tassi di inflazione record in tutto il mondo

Sebbene gli stipendi degli espatriati in Malesia siano aumentati dell'11%, i loro benefit rimangono bassi se confrontati con quelli corrisposti agli espatriati in Giappone, in India e in Cina. L'inflazione continua a salire. Il Governo malese riferisce che a giugno 2022 i prezzi sono cresciuti di circa il 3,4%, e continuano a salire. I settori più colpiti sono l'alimentare, i trasporti, la ristorazione e le utenze domestiche: +6,1% per l'alimentare, +5,4% per i trasporti, +5% per la ristorazione e gli alberghi, +3,4% per le utenze domestiche.

In Australia, a giugno 2022, l'inflazione è salita al 6,1%. Il Governo teme un picco di oltre il 7% entro la fine dell'anno. Si tratterebbe della peggiore crisi del Paese dal 1990. In Giappone, nello stesso periodo, l'inflazione ha toccato "solo" il 2,2% ma i prezzi sono in costante aumento, a causa del costo dell'energia, che continua a salire. L'inflazione batte un record dopo l'altro: +8,9% nella zona euro, +9% negli Stati Uniti, +8,1% in Canada. In America Latina, i tassi oscillano tra il 3 e il 10%, con un picco del +50% in Argentina e addirittura del +500% in Venezuela. La situazione è simile in Africa, dove l'inflazione più alta si registra in Sudan (+245%) e Zimbabwe (+86,7%). Negli altri Paesi l'inflazione è compresa tra il 2 e il 20%.

Aumenti salariali a fronte dell'aumento del costo della vita

L'aumento degli stipendi compensa l'aumento del costo della vita? I cittadini locali e gli espatriati godono degli stessi benefici? Innanzitutto, è importante ricordare che non tutti gli espatriati beneficiano dei pacchetti per espatriati. In realtà, questi benefici sono riservati solo a un'elite di professionisti, a cui sono destinati i famigerati "pacchetti d'oro". Inviare un dipendente all'estero è costoso e, a causa della crisi sanitaria, sempre meno aziende optano per questa soluzione. 

Il risultato è che molti espatriati, così come i cittadini locali, vedono diminuire il loro reddito a causa del continuo aumento del costo della vita. I più privilegiati sono coloro che beneficiano di un buon pacchetto di espatrio. Gli altri devono fare i conti con i capricci dell'inflazione. Alcuni optano per una via di mezzo: considerare sia lo stipendio che il costo della vita. Si trasferiscono a Singapore o in Malesia, dove il costo della vita (anche in assenza di crisi) rimane inferiore a quello degli Stati europei o degli Stati Uniti.