S.O.S.

Mi chiarite una cosa?

Quando introduco qualche argomento, lo faccio mosso da una necessità di fondo ben precisa, e cioè cercare di capire a distanza una realtà che non conosco, cercando di sfruttare il vissuto di persone che stanno sul posto. Ebbene, sistematicamente, mi ritrovo a leggere, interpretare, trattare e cercare di capire questioni di filosofia, antropologia culturale, psicanalisi, storia antica e moderna, geopolitica e politica "tout court" e, salvo rare eccezioni, a volte sollecitate, risposte pertinenti.

Come è possibile?

Caro quertysan, purtroppo o per fortuna la Bulgaria e', per posizione geografica un Paese che subisce da sempre influssi politici e culturali di tutti I tipi.
Non puoi pensare che la Grecia con tutta la sua storia e I suoi pensatori non abbia influenzato la Bulgaria.
Qui e' nato Costantino e la Tracia e' stata terra dell'impero romano.
San Paolo dalla Turchia arrivo' vicino a Plovdiv a stabilire una comunita' di primi cristiani.
Fu territorio dell'impero romano di oriente.
Subi' invasioni di visigoti, unni, mongoli e perigranazioni dall'india (da cui arrivarono anche I rom).
la bulgaria fu parte dell'URSS come paese comunista.
La bulgaria fu vicina alla compagnia delle sacre terre di santo stefano (santo ungherese).
La bulgaria fu un elianet dell'impero ottomano per secoli e secoli.
Non puoi pensare di stare in Bulgaria e cercare di capire dove ti trovi dimenticando la storia.
Anche noi siamo forse dei poveri illusi nel pensare che la bulgaria riconosca diritti agli stranieri cosi facilmente.
Siamo semplicemente gli ultimi e non unici frequentatori di una terra che ha ospitato infinite culture a cui pero' chiediamo il rispetto degli impegni legislativi presi.
Forse e' una pia illusione ma effettivamente se uno mi vende una cosa con delle regole, poi deve rispettarle.
E da qui deriva anche la paura di molti pensionati memori di cio' che accadde tanti anni fa agli italiani nelle terre ottomane della libia con gheddafi ....e che pertanto cercano case in affitto e non proprieta'....

Mario, grazie di cuore per l'excursus storico, ma è proprio questo il punto :chiedo informazioni/notizie per l'acquisto di un'auto usate et voilà .... mi compaiono davanti i templari! Che ci faccio con questi? Che utilità mi apportano?

Poi, nello specifico del/i problemi che tu ed altri sollevi/ate, ti chiedo/vi chiedo : avete mai pensato ad un'associazione che tuteli, magari affiancando i singoli in certe situazioni, a difesa dei tanti diritti che a quanto riferite sono in balia non solo del Bravo locale, ma addirittura dei suoi umori?

Caro quertysan, penso che ci siano stati diversi pensionati che abbiano avuto idee per tutelare I diritti degli expat.
A Varna e a Plovdiv ci sono I consolati onorari.
Pero' se le Generali ti offrono una assicurazione italiana in bulgaria ad un prezzo 6 volte superiore a quello delle assicurazioni bulgare, significa che le tutele a livello italiano costano.
Ovvero, quando vieni in bulgaria "copri il premio di rischio" (sanita' locale, malintenzionato locale o bravo manzoniano, fregature  varie come cibo avariato etc) con la tua vita stessa.
Un assicuratore qualsiasi ti direbbe che il rischio e' denaro ovvero per coprire I rischi che corri nel venire in bulgaria con un'associazione dedicata che ti assista, vorrebbe in cambio un premio di rischio che praticamente sarebbe superiore al risparmio che otterresti a seguito del trasferimento.
Per concludere, non e' banale fare l'expat e forse anche la cultura attraverso cui ti puoi difendere (lingua bulgara e inglese, nozioni di storia, filosofia, politica etc.) hanno avuto un costo per te, ovviamente se le possiedi.
Se tu sei ricco in salute e cultura e conoscenza abbassi il premio di rischio con un faidate che ha comunque tutte le sue insidie.
E' evidente che non ci sono solo le buche per strada, ma in bulgaria ci sono anche le "buche di sistema" di cui fa parte il malintenzionato o l'energumeno che potresti incontrare e che ti potrebbe anche fare del male se non gli paghi il cosidetto "pizzo".

Nuova discussione