Riproduzione assistita: dove è legale?

  • Shutterstock.com
Articolo
Pubblicato 2019-10-25 08:00

In Francia la riproduzione assistita ha assunto valore legale dal 9 Ottobre scorso. Tutte le donne residenti nel Paese, indipendentemente dal loro stato civile ed orientamento sessuale, possono ora avvalersi di questa tecnica per avere figli. Se stai progettando di espatriare per sottoporti al trattamento o valuti di trasferirti in una destinazione dove potrai valutare l’opzione, in questo articolo ti portiamo ad esempio alcuni Paesi e ti spieghiamo la loro posizione in materia di fecondazione assistita.

Mercoledì 9 Ottobre 2019, il Parlamento francese emette una legge che dà accesso alla procreazione assistita a coppie lesbiche e mamme single. Il tema è stato oggetto di accesi dibattiti in Parlamento e la decisione ha suscitato varie reazioni oltre confine.

Cos'è la riproduzione assistita?

Per riproduzione assistita si intende “un insieme di tecniche mediche (...) che consentono la fecondazione in vitro (FIV), il trasferimento di embrioni e l'inseminazione artificiale, nonché qualsiasi tecnica con effetto equivalente che consenta la procreazione al di fuori del processo naturale".

Da non confondere con la surrogazione gestazionale, una “tecnica di procreazione mediante la quale una donna (chiamata madre surrogata ") porta avanti una gravidanza per conto di un singolo o di una coppIa (...)". L’ovulo può provenire dalla madre genetica o dalla madre surrogata ".

Il motivo per cui la riproduzione assistita fa così discutere è perché scardina il modello della famiglia tradizionale.

Se cerchi un paese dove la riproduzione assistita è legale…

La posizione del Paese ospitante sulla riproduzione assistita può influenzare un espatrio.

L'Europa, ad esempio, si divide. Polonia, Italia, Romania, Repubblica Ceca e Germania, hanno legalizzato la riproduzione assistita, ma solo per le coppie eterosessuali. Le donne single e le coppie lesbiche non hanno accesso a questo trattamento. E prima del 9 Ottobre queste limitazioni vigevano anche in Francia.

In Grecia ed Estonia le donne single con meno di 50 anni  hanno accesso alla riproduzione assistita.

La Croazia non impone un limite di età. L'Austria invece consente solo alle coppie lesbiche di avvalersi della fecondazione assistita senza imporre un limite di età.

Gli Stati Uniti, la Svezia, la Finlandia, l'Australia, il Regno Unito, la Spagna e il Portogallo hanno scelto di adattare la legislazione al tessuto sociale contemporaneo ed hanno quindi votato per la riproduzione assistita accessibile a donne single, coppie lesbiche ed eterosessuali.

Per quanto riguarda l'Australia nel 2008 ha approvato una legge che consente l'accesso alla riproduzione assistita a donne single e coppie lesbiche (entrata in vigore nel 2010). La legge inoltre legalizza la pratica della maternità surrogata se eseguita per fini non commerciali. Negli Stati Uniti, esistono poche o nessuna regolamentazione: il diritto dell'individuo ha la precedenza. Un inno al rispetto ed alla tolleranza nei confronti delle coppie lesbiche e delle donne single che desiderano avere gli stessi diritti delle coppie eterosessuali.