Dichiarazione redditi in Tunisia

Avrei una questione da porre: essendo tassati dalla Tunisia, l'avere redditi fuori dal quel paese (proprietà o titoli) va dichiarato al fisco tunisino? se sì, come vengono tassati questi redditi?

Vale il principio della worldwide taxation, ovvero il paese di residenza attrae la tassazione di tutti i redditi ovunque prodotti. Ovviamente fatte salve le norme convenzionali che per ciascuna tipologia di reddito stabiliscono in quale viene tassato.

Grazie per la risposta. Ma, in base alla vostra esperienza, le norme bilateriali italo-tunisine prevedono la tassazione in Tunisia di redditi derivanti da immobili o titoli posseduti in Italia?

Giuseppe, in Tunisia paghi le tasse date dal reddito da pensione, per gli immobili in Italia se soggetti a tassazione farai il modello Persone Fisiche.

Giusepppe :

Grazie per la risposta. Ma, in base alla vostra esperienza, le norme bilateriali italo-tunisine prevedono la tassazione in Tunisia di redditi derivanti da immobili o titoli posseduti in Italia?

Giuseppe, non è in base ad alcuna esperienza.

E' in base alla Convenzione.

Qui trovi, reddito per reddito, dove viene tassato:

http://www.finanze.gov.it/export/sites/ … U._ita.pdf

Ho letto il trattato; sugli immobili è abbastanza chiaro, Non capisco per nulla la parte relativa agli interessi (e capital gains, suppongo): si paga il 12%? dove?

Di base gli interessi sono tassati in Tunisia (paese di supposta residenza), art. 12 (vedi comma 4 per la definizione di "interessi").

Capital gains sono gli utili di capitale, art 13.

Ma forse tu ti riferivi a interessi derivanti da azioni o titoli similari; nel qual caso devi fare riferimento all'art. 10 (vedi comma 3 per la definizione di "dividendi").

PS: un buon commercialista potrà aiutarti meglio nell'identificare la fattispecie di interesse

Giuseppe questo argomento interessa anche me. leggendo l'articolo 11 della convenzione sembrerebbe che viene applicata la tassazione del 12% ma poi i vari commi fanno diventare molto incerta la questione. 
Per i capital gain, ammesso che si applica l'art. 13, non si capisce come vengono conteggiati.    Possibile che nessuno delle migliaia di espatriati ha affrontato il "problema"?

Salve. L'anno prossimo mio marito deve fare la dichiarazione dei redditi per la prima volta qui in Tunisia, visto che siamo da poco qui. Se si deve rivolgere ad un commercialista, quanto si deve pagare questo servizio? Grazie  a chi mi risponderà.

dipende dal luogo dove vivi e a quale recette de finance ti rivolgi oltre che la complessità della dichiarazione, il mio l'anno scorso si è preso 150 dinari (un po' troppo) quest'anno mi sa che me la faccio fare da Mauro Biazzi :P

Mi sa che ti conviene 😂😂😂😂

Bene Anto.. Cosi' mi inviti q cena e mi fai una buona abbondante insalata e pomodori... Con aggiunta peperonata piccante...  :D  :D  :D

Dipende apounto come dice il mio amico Antonello.. Se sei vicino a noi.. Costo zero andiamo diretti in recette finances con modulo fatto...

Approffittatrice...  :D  :D  :D

Essendo in Tunisia dal 31/3/2019 non ancora defiscalizzato, ma spero, sulla buona strada, sono a chiedervi:

Nel 2020 entro dicembre dovrò aver effettuato la dichiarazione dei redditi in Tunisia.

Tenendo conto che ricevo in automatico, sul conto tunisino la pensione dal mese di settembre, difficilmente potranno collimare il mio CUD 2020 relativo al 2019 con quanto è transitato sul mio conto in banca in Tunisia.

Mi è stata indicata la strada di spedirmi dei soldi dall’Italia alla Tunisia per colmare  se non tutto in parte le 7/8 mensilità mancanti.

Dato che potrei provare la strada del bonifico parenti (io i soldi non li ho) gia ad ottobre, poi sarei a posto ?

Potrei rimandarli in Italia 15 giorni dopo oppure 30 giorni dopo ?

Questo per evitare di pesare su chi mi aiuta.

Ma x quale motivo vorresti inviare i bonifici dall'Italia..., x completare i mesi mancanti... X fare che...
Se ricevi la pensione da settembre con tasse ancora pagate in italia non fare nulla aspetta la Defiscalizzazione e relativo rimborso arretrati.. Da quel momento pagherai le tasse in Tunisia.. Se cio' avverra' nel 2019 le pagherai entro 5 dicembre 2020 se avverra' nel 2020 le pagherai stesso periodo 2021...

Asp Mauro, lui ha detto che è dal 31 marzo in Tunisia, presumo sia la data di iscrizione AIRE, il prossimo anno avrà problemi nel pagamento delle tasse se queste saranno calcolate unicamente sulla base dei soldi entrati dall'INPS sul conto tunisino, è per questo che gli hanno consigliato di fare i bonifici integrativi in modo da raggiungere l'importo presunto del CUD 2020. Non so però dove abita, in base ai luoghi di residenza alcune recette de finance vogliono il CUD a giustifica, altre vogliono che la banca certifichi i soldi ricevuti dall'INPS, altre accettano che ci siano versamenti volontari e lo stesso avviene per le banche.
Premesso questo Massimo, se nella località dove vivi ti è consentito poter ricevere bonifici e hai parenti che te li farebbero puoi bonificarli in uscita il giorno seguente a quello di ricezione tieni presente che sei defiscalizzato non da marzo 2019 ma da gennaio 2019 (anche se ancora non eri residente) quindi nelle somme che ti dovrai far bonificare considera anche gennaio, febbraio e marzo perché parliamo del montante lordo relativo all'anno 2019.

mauro biazzi :

Ma x quale motivo vorresti inviare i bonifici dall'Italia..., x completare i mesi mancanti... X fare che...
Se ricevi la pensione da settembre con tasse ancora pagate in italia non fare nulla aspetta la Defiscalizzazione e relativo rimborso arretrati.. Da quel momento pagherai le tasse in Tunisia.. Se cio' avverra' nel 2019 le pagherai entro 5 dicembre 2020 se avverra' nel 2020 le pagherai stesso periodo 2021...

Ciao, molto d'accordo con Mauro e Anto!

Caso diverso è:
sei defiscalizzato da gennaio (es. prendi netto 1200  ma da Settembre 2019) e ti spettano gli arretrati del rimborso da Gennaio 2019 (es. 200€ al mese ovvero totali 8x200=1600€) che ti vengono accreditati entro Dicembre 2019, ma hai una trattenuta alla fonte (es. cessione del quinto ecc.), diciamo di 100€ al mese (100x12=1200€), entro Dicembre 2019 dovrai fare un bonifico sul conto Tunisino pari alle trattenute (1200). Così pareggi i conti con il CUD e sei ok.
Ed entro il 5/12/2020 farai la dichiarazione dei redditi Tunisina pagando quanto dovuto.
Giusto Mauro? Anto?
Saluti
Antonio

Si Anto.. Hai ragione.. Di fatto e' come dici Tu.. Ma se lui x il 2019 ha pagato e paghera' x i prox mesi le tasse in italia.. Credo sia a posto sotto l'aspetto.. Adempimento Dovere...
Considerando che La pensione e' Bonificata solo da Settembre... Puo' evitare di pagare ancora cio' che ha gia pagato in italia... Anche se ripeto il tuo discorso non fa una pièga....
Qui a Monastir... La Recette non chiede nulla.. Solo Estratti Conti dell'anno che Tu Inizi a pagare.. Prepari il Modulo... e da quel momento sei Registrato.. Non Verificano o Chiedono Pregresso....
Anche se e' registrato da 31 marzo.. Ma di fatto la Pensione l'ha ricevuta solo da settembre.. Non mi fascerei la Testa.. Io.. Poi Altri... Non So....

Certamente.. In questo caso se ricevi ka defiscalizzazione in dicembre 2019 dovrai pagare Assolutalente entro dicembre 2020...

Grazie per i vostri interventi che cercherò di compensare con quanto ho esposto sopra.

Abito ad Hammamet nord.
Sono arrivato in Tunisia il 31/3.
Iscritto Aire 30 aprile 2019.

Non godo di nessuna defiscalizzazione, anche perché la mia domanda (EP 1/2) l’ho inoltrata a Venezia il 1/10 2019.

Ricevo poco più di 1500€/mese (al netto).

La possibilità di essere defiscalizzato nel 2019 è in bilico, più no che si, arretrati compresi (aspetterò la trafila di Pescara).

Ho un generoso sponsor 😊 che può intervenire economicamente sul mio conto.

Grazie per il vostro contributo

Ciao Massimo
Il primo anno la situazione normalmente  è  un po' complicata per tutti.
E ne sono TUTTI consapevoli.
Anche il fisco tunisino sa che alcune mensilità  non sono accreditate nel conto corrente tunisino per tempi tecnici  e/o ritardi burocratici, spesso perché il pensionato non arriva a gennaio ma nei mesi successivi.
Ad Hammamet  so per esperienza diretta , avendo personalmente assistito 3 settimane fa , alla procedura del pagamento delle tasse di alcuni colleghi.
il commercialista  gli ha chiesto i 12 cedolini INPS relativi all'anno 2018 che per loro era il primo di residenza qui.
Il calcolo del dovutoper le tasse  lo ha fatto su quel totale.
E quello hanno pagato!
Due avevano conguagliato, uno no .
Per lui  non c'era corrispondenza tra quel totale e quanto "accumulato" nel conto corrente bancario qui ad Hammamet.
Io ad esempio sono in una situazione leggermente differente dalla tua.
Avendo ricevuto questo mese sia la pensione defiscalizzata che gli arretrati da gennaio non ho tante scuse , i soldi li ho ricevuti ,e versero l'ultima "trance" di euro nel mio conto pareggiando i due importi.
Anche se informalmente mi è  stato garantito che il primo anno se la discrepanza tra quanto riscosso da INPS e quanto transitato nel conto corrente è inferiore al 10-20% del totale non ci sono problemi.
Neanche per la banca che normalmente rilascia l'attestazione bancaria .
Volendo evitare future discussioni e complicazioni,e dovendo compensare le prime mensilità a novembre al rientro in Tunisia versero' gli ultimi 5000 euro che mi porto dall'italia  e fine dell'ansia.
Poi l'anno prossimo pagherò il dovuto per il 2019.
Saluti a tutti
Paolo

Ti ringrazio Paolo per il tuo esaustivo intervento.

Credo di poter asserire che il 22 novembre avrò la consapevolezza se mi hanno defiscalizzato il 2019 o meno.

Se fosse si, inizio a compensare con bonifici dall’Italia (uno solo basterà).
Se la mia pensione al 22/11/2019 non fosse defiscalizzata, non dovrei versare alcunché.

Ho messo il 22 novembre (il 21 è festa a Venezia) perché sul sito INPS posso leggere l’ultima rata pensionistica 2019.

Paolo il primo anno è il più impegnativo ?
Ma un analista psicologo lo si trova a buon prezzo, perché io sono davvero disorientato.

Massimo

dai resisti che il più è fatto !
.....poi viene il bello !
:/  :/  :/  forse !

Ribadisco il mio Consiglio... Se hai consegnato a INPS il modello EP1. 2 a ottobre.. Figurati riceverai defiscalizzazione se tutto va bene non prima di giugno.. Luglio prox...
X il 2019 non serve tu faccia nulla... Non e' il Caso.... CRedimi...

Ho letto Mauro e le tue brutte notizie quasi le prendo con gioia 😃.

Il forse è la cosa che mi inquieta maggiormente.
Allora brinderemo l’anno prossimo.

Ciao,
ma si dai Massimo, il più è fatto, per il resto, come ripetuto da altri, tieni sempre sotto pressione la tua sede INPS, con mail o meglio PEC.
Auguroni
Antonio

Ben detro Antonio.. Ho citato quei tempi in quanto io 10 anni fa ho. COnsegnato tutto il 27 settembre a Inps Milano.. Ho ricevuto defiscalizzazione e rimborsi maggio successivo.. Magari ogci i tempi si sono accorciati... Ma ne dubito.. Poi varia dq sede a sede e citta'''

Prima di intervenire nella discussione chiedendo lumi, approfitterei per segnalare che quando si scorrono sulle diverse pagine i commenti degli iscritti se il cursore passa dalle parte dei nominativi ogni volta viene fuori una mezza pagina colorata di azzurro con il nome la foto e la data di iscrizione dell'utente a caratteri cubitali che copre e ostacola la fluidità di lettura: suggerisco di correggere magari solo smussando il forte impatto addebitabile alla grandezza della finestra e/o alla posizione. Stesso discorso per per il quadrotto grigio di circa 6x6 cm. in basso a destra (portante una freccia/cursore) che oscura in parte il testo non solo ma sovrapponendosi quasi sempre quando si scorre con il link "modifica" quando di pigia modifica in effetti la pagina scorre in alto e non si entra in funzionalità modifica. Peccato perchè poi per il resto anche graficamente il sito è molto bello e ben fatto.


Tornando alla discussione, consapevole che il testo della convenzione come oramai da oltre un trentennio in diversi punti è se non criptico quantomeno ambiguo, chiedo in maniera pragmatica agli esperti del forum o a chi ha affrontato le casistiche come ci si regola con seguenti redditi (disposizioni da dare, conti correnti, dichiarazioni, ecc.), e in relazione al terzo punto:
- canoni che si percepiscono per una casa di proprietà in Italia ed eventualmente se magari aiuta far indirizzare i pagamenti al conto corrente tunisino?
- rendita vitalizia che si percepisce semestralmente da Unipol in Italia e se anche in questo caso è opportuno, ai fini di vantaggi ottenibili, chiedere il pagamento su c/c tunisino?
- assegno di mantenimento coniuge separato che rimane in Italia, che lo dichiarerà nei suoi redditi in Italia, in quale paese va portato in detrazione dai redditi e nel caso possa portarlo in detrazione sulla dichiarazione dei redditi in Tunisia va detratto prima di procedere al calcolo della quota dell'80% dei redditi da pensione (esempio, ipotizzando una pensione di 20000 euro lorde, e un assegno di mantenimento di 10000 annuo, è corretto pagare in Tunisia le tasse solo sul 20% di 10000 euro?
Grazie

Marpi :

Prima di intervenire nella discussione chiedendo lumi, approfitterei per segnalare che quando si scorrono sulle diverse pagine i commenti degli iscritti se il cursore passa dalle parte dei nominativi ogni volta viene fuori una mezza pagina colorata di azzurro con il nome la foto e la data di iscrizione dell'utente a caratteri cubitali che copre e ostacola la fluidità di lettura: suggerisco di correggere magari solo smussando il forte impatto addebitabile alla grandezza della finestra e/o alla posizione. Stesso discorso per per il quadrotto grigio di circa 6x6 cm. in basso a destra (portante una freccia/cursore) che oscura in parte il testo non solo ma sovrapponendosi quasi sempre quando si scorre con il link "modifica" quando di pigia modifica in effetti la pagina scorre in alto e non si entra in funzionalità modifica. Peccato perchè poi per il resto anche graficamente il sito è molto bello e ben fatto.

Salve martpi, con navigazione da pc non riscontro i problemi che segnali. Con accesso da smartphone potrebbe essere il caso.
Per future segnalazioni del tipo, ti chiedo cortesemente di usare il modulo Contatta il team di Expat.com

Cordialmente,

Francesca
Team Expat.com

- canoni che si percepiscono per una casa di proprietà in Italia ed eventualmente se magari aiuta far indirizzare i pagamenti al conto corrente tunisino?

Su tali redditi le tasse vanno pagate in Italia ai sensi della convenzione; quindi inutile farsi pagare sul conto tunisino

- rendita vitalizia che si percepisce semestralmente da Unipol in Italia e se anche in questo caso è opportuno, ai fini di vantaggi ottenibili, chiedere il pagamento su c/c tunisino?

Se tale rendita è equiparata ad una pensione ed è attualmente tassata in Italia, diviene esente da imposta in Italia e deve essere tassata in Tunisia; in tal caso è essenziale che sia accreditata, o comunque fatta transitare, su conto tunisino;

- assegno di mantenimento coniuge separato che rimane in Italia, che lo dichiarerà nei suoi redditi in Italia, in quale paese va portato in detrazione dai redditi e nel caso possa portarlo in detrazione sulla dichiarazione dei redditi in Tunisia va detratto prima di procedere al calcolo della quota dell'80% dei redditi da pensione (esempio, ipotizzando una pensione di 20000 euro lorde, e un assegno di mantenimento di 10000 annuo, è corretto pagare in Tunisia le tasse solo sul 20% di 10000 euro?

Se hai redditi italiani sottoposti ad imposta in Italia puoi ancora fare la detrazione in dichiarazione. Altrimenti, non avendo più alcun imposta, non hai neppure più nulla da detrarre.

In Tunisia non li puoi detrarre. Pagherai quindi sul 20% della(e) pensione(i) lorda(e) e stop.

Grazie per la risposta articolata e che per la rendita mi apre uno bello spiraglio, in effetti la rendita ho letto che è equiparata al lavoro dipendente ovvero alla pensione.

Per l'assegno di mantenimento ho ancora qualche dubbio, ok fa reddito per la moglie, e ok non posso dedurlo dai redditi che dichiaro in Tunisia, ho qualche perplessità sulla possibilità mi accettino la deduzione sull'unico reddito per cui pagherei l'Irpef in Italia ovvero la locazione che cuba circa 5000 mila euro l'anno: se deduco i 10000 dell'assegno di mantenimento che succede, non pago nulla o addirittura vado a rimborso?? Scusa ho detto una fesseria ricordo una ventina di anni fa quando mi facevo io le dichiarazioni c'era un campo che diceva fai la differenza se esce meno di zero scrivi zero. Non posso andare a rimborso perchè non si tratta di imposte pagate ma parliamo di reddito da cui al massimo si può non pagare imposta. Sorry

Oltretutto, rimanendo l'affitto che percepisco sotto gli 8000 euro l'anno, in Italia, per via della NoTax non dovrei pagare nulla, mi sembra... finchè dura. Non male. Che ne pensi?

Grazie, Live, intanto per la qualità degli approfondimenti.

Ciao.

Sì verifica bene a cosa è equiparata la rendita. Se è equiparata ad una pensione rientra nell'art. 18 della convenzione e quindi, dopo il cambio di residenza, ti dovrà essere erogata lorda e successivamente ci pagherai le imposte in Tunisia.

Ricordo un caso ad esempio relativo ad un fondo pensione integrativo privato che appunto, essendo pensione, ricadde nell'art. 18.

Sul discorso assegno e rendita immobiliare sono in buona sostanza d'accordo (verifica con il commercialista ad ogni modo). Sotto gli 8.000 dovresti rientrare nella no tax.

La deduzione comunque resterebbe valida. Se avessi redditi da immobili pari ad esempio a 20.000 Euro, da questi potresti dedurre l'assegno. La regola resta la stessa. L'importante è avere redditi soggetti ad imposizione in Italia da cui dedurre. Art. 10, comma 1, lettera c) del DPR n 917/86.

A credito ovviamente non si va mai. Con 10.000 Euro di redditto e 10.000 di assegno vai a imponibile IRPEF 0. Ma con 8.000 non vai a -2.000  :D

La rendita vitalizia è equiparata a lavoro dipendente. Bisogna vedere se il lavoro dipendente è equiparato a pensione, ahimè.

Grazie.

Sembrerebbe di sì.

Art. 49 Redditi di lavoro dipendente

1. Sono redditi di lavoro dipendente quelli che derivano da rapporti aventi per oggetto la prestazione di lavoro, con qualsiasi qualifica, alle dipendenze e sotto la direzione di altri, compreso il lavoro a domicilio quando e' considerato lavoro dipendente secondo le norme della legislazione sul lavoro.
2. Costituiscono, altresi', redditi di lavoro dipendente:
a) le pensioni di ogni genere e gli assegni ad esse equiparati;
b) le somme di cui all'art. 429, ultimo comma, del codice di procedura civile.))

Ciao, devi riferirti alla Convenzione:

https://www.finanze.gov.it/export/sites … U._ita.pdf

Secondo me rientra nell'art. 18.

Ma domanda: vi sono delle trattenute su questa rendita?  (presumo di sì e secondo me dovrebbe essere assoggettata ad aliquota separata, ma non avendo conoscenza diretta del tuo caso...).

Se non ce ne fossero stiamo discutendo per nulla, ma ci fossero.....

Escluderei proprio che possa essere considerato reddito da lavoro dipendente.

Sì certo che ci sono e pure l'addizionale regionale mi trattengono. Spero che non facciano storie a questo punto, vista anche la difficoltà di parlarci e reperire contatti telefonici del ramo rendite dell'Unipolsai. A cose fatte scriverò a pec direzione generale che almeno non possono far finta di niente. Pensa ho inviato modifica iban e non so manco se ne hanno preso atto perchè mica rispondono. E' per questo che devo vivere fino a 120 anni, voglio fregarli visto che alla scadenza dell'assicurazione non ho preso l'importo maturato ma ho optato per la rendita.  :joking:

:top:

Mi servirebbe un altro chiarimento, praticamente l'italiano che percepisce la pensione su banca tunisina ma ha anche entrate da affitto in Italia cosa fa due dichiarazioni una per la Tunisia e una per l'Italia? E per la dichiarazione in Italia, in questo caso come ci si regola si deve mantenere il commercialista in Italia o si può fare in Tunisia da solo (è da oltre 20 anni che non ne faccio e non so manco più se si deve firmare, mi pare che non sto firmando neppure più l'inoltra il mio commercialista e le imposte vengono detratte direttamente dalla pensione nell'ultimo anno che non vado a credito) o a mezzo commercialista appoggiandosi ad ambasciata o ufficio similare? Grazie

Due dichiarazioni.

In Tunisia relativamente alla pensione con commercialista tunisino o da solo se si è in grado.

In Italia relativamente al reddito da affitto con commercialista italiano o da solo se si è in grado.

La scelta di avvalersi di un commercialista è ovviamente soggettiva. In Italia come in Tunisia.

Ambasciata non si occupa di queste cose.

:cool:

Grazie mille.  :thanks:

Nuova discussione