La gravidanza in Belgio

partorire in Belgio
Shutterstock.com
Pubblicato 2022-08-11 13:02

State pensando di mettere su famiglia mentre vivete in Belgio? In questo articolo scoprirete tutto quello che c'è da sapere per avere una gravidanza in salute e tranquillità. Affronteremo anche il tema dell'aborto in Belgio, nel caso doveste ricorrere a questa procedura per diverse motivazioni.

Partorire in Belgio

State pensando di mettere su famiglia mentre vivete in Belgio? In questo articolo scoprirete tutto quello che c'è da sapere per avere una gravidanza in salute e tranquillità. Affronteremo anche il tema dell'aborto in Belgio, nel caso doveste ricorrere a questa procedura per diverse motivazioni.

Cure in gravidanza

Non importa in quale parte del Paese vi troviate, una volta determinato che siete incinta (con un test casalingo che potete acquistare sia in farmacia che al supermercato per una cifra che varia tra i 10 e i 20 euro), avrete bisogno di un medico di base in Belgio che confermi la vostra gravidanza. Dopodiché, l'assistenza alla maternità dipenderà da dove vivete.

Fiandre

Nelle Fiandre (dove si parla tedesco), sarete prese in cura sia dal medico di base che da un ginecologo, mentre un'infermiera verrà regolarmente per delle visite a domicilio.

Se avete bisogno di un supporto aggiuntivo durante la gravidanza, potete rivolgervi per un consulto a Kind en Gezin (in tedesco), che offre consulti gratuiti fino ai tre anni di vostro figlio.

Vallonia

In Vallonia (comunità dove si parla francese), verrete prese in cura da un ginecologo sia nel settore privato che pubblico. Verrete seguite regolarmente anche da operatori socio-sanitari (in francese travailleur medico-social TMS) che vi daranno il quadernino della maternità (in francese Carnet de la Mere) da portare a tutti gli appuntamenti che farete sia con loro che con il medico di famiglia.

L'equivalente francese di Kind en Gezin è Office de la Naissance de l'Enfance (ONE).

Checkup

Per essere certe di non avere una gravidanza extrauterina, vi verrà fatta un'ecografia iniziale, utile anche a stabilire una data approssimativa del parto.

Dopo questo primo esame, usufruirete di controlli mensili fino al settimo mese di gravidanza. Da quel momento in poi, i controlli si intensificheranno a intervalli di due settimane, fino ad arrivare a uno a settimana superato il nono mese.

Lo scopo di tutti questi controlli è assicurarsi che il vostro bambino cresca normalmente e sia sano. Per quanto riguarda voi mamme, potreste dover fare altrettanti esami per essere certi che anche voi siate sempre in buon salute.

La maggior parte delle polizze assicurative copre:

  • 3 ecografie

  • Test per anomalie cromosomiche e streptococco (eseguito tra l'undicesima e la quattordicesima settimana)

Altri test (come per le sindromi di Down e di Edwards) non sono inclusi nella copertura assicurativa, quindi dovrete provvedere direttamente voi al pagamento.

Partorire in Belgio

Verrete assistite durante il travaglio dal momento in cui le contrazioni si prentano ogni 4 / 5 minuti. Inoltre, se vi si rompono le acque e sono di un colore strano, perdete sangue, avete dolore o non sentite più il vostro bambino muoversi, chiamate subito il 112.

Parto in ospedale

Portate con voi carta d'identità, tessera sanitaria, documenti assicurativi e tessera del gruppo sanguigno. Rimarrete in ospedale per cinque giorni in una stanza privata e avrete a vostra disposizione un'équipe medica al completo, comprese ostetriche e fisioterapisti.

Parto in casa

Potete scegliere il parto in casa solo se siete in buona salute. Dovrete avere due ostetriche con voi e farvi visitare dal medico di famiglia nella settimana successiva al parto.

Un'alternativa al parto in casa è partorire presso la casa della maternità (in francese maison de la naissance). Avrete sempre a disposizione un'ostetrica, ma il luogo in cui partorirete sarà più attrezzato rispetto a casa vostra.

Abortire in Belgio

In Belgio l'aborto è diventato legale nell'aprile del 1990, a condizione che venga eseguito entro le prime 12 settimane dal concepimento o entro le 14 settimane dall'ultima mestruazione. Se invece è un intervento atto a salvare la vita della mamma, o causato da una compromissione del feto, non sussiste più un limite di tempo.

Per abortire, sono necessarie due consulenze: una pre-aborto e una legale. Successivamente, prima di interrompere la gravidanza, dovrete sottoporvi ad un'ulteriore consulenza di conferma.

Dopo aver ricevuto l'ultima consulenza, devono trascorrere almeno sei giorni prima della procedura effettiva. Entrambe devono essere eseguite nello stesso luogo, che può essere sia un ospedale che un centro di pianificazione familiare (leggermente più economico). Durante queste sessioni di consulenza, è necessario individuare dei metodi contraccettivi.

Per i consulti è necessario portare con sé la carta d'identità, la tessera di previdenza sociale, l'ecografia (se disponibile) e la tessera del gruppo sanguigno. Se non siete in possesso di quest'ultimo documento, il medico vi prescriverà un esame del sangue.

Il costo per un aborto è di circa 3 euro se siete residenti e in possesso di un numero di previdenza sociale, poiché l'assicurazione copre quasi tutte le spese (ma non le degenze ospedaliere, che possono arrivare a costare fino a 250 euro). In caso contrario, costerà circa 450 euro in ospedale o 200 euro in un consultorio.

Indirizzi utili:

Kind en Gezin (olandese)

Office de la Naissance de l'Enfance (ONE) (francese)

The Fédération Laïque de Centres de Planning Familial (FLCPF) (francese)

LUNA (olandese)

Facciamo del nostro meglio per fornire informazioni aggiornate ed accurate. Nel caso in cui avessi notato delle imprecisioni in questo articolo per favore segnalacelo inserendo un commento nell'apposito spazio qui sotto.