Coronavirus a Berlino: quotidianità di un expat in isolamento

Vita quotidiana
  • Alexandra_Koch / Pixabay
Pubblicato 2020-03-19 alle 12:53 da Francesca
Il 16 Marzo la Germania ha chiuso le frontiere con Francia, Svizzera e Austria. Secondo l'ultimo bollettino emesso dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, la Germania registra 7.156 casi confermati di coronavirus e 13 decessi (dati aggiornati al 18 Marzo 2020- bollettino 58).  Noi di Expat.com siamo entrati in contatto con un espatrio italiano che vive e lavora a Berlino da diversi anni e gli abbiamo chiedo di raccontarci che aria tira nel paese in questo periodo. Vi riportiamo di seguito la sua testimonianza.

Da quanto tempo vivi in Germania ed in che zona risiedi?

Vivo a Berlino da quasi 7 anni.

Come ti tieni informato sull'evolversi dell'epidemia in Germania?

Ascolto i telegiornali italiani e quelli tedeschi, e resto in contatto con amici e colleghi.

Che misure sta adottando il Governo tedesco per contrastare il COVID-19?

Hanno chiuso le comunicazioni principali con l'estero.

Conosci qualche espatriato in Germania che sia stato contagiato e sai a cure ha accesso o sta seguendo?

Si e no. Ho due colleghi - non italiani e non tedeschi - contagiati qui a Berlino.
lo hanno segnalato all'azienda e al Ministero della Salute.
Da quel giorno tutto il nostro piano - qualche centinaio di persone - è stato invitato a restare a casa in isolamento - abbiamo la fortuna di poter telelavorare.
Quelli che gli stavano a diretto contatto sono stati a loro volta segnalati e hanno fatto ulteriori trattamenti - non saprei quali - c'è tutta una casistica qui > Charite Hospital : covapp.charite.de/
Il mio piano e' stato (oggi mercoledi 18 Marzo) - trattato (non saprei come)

Che misure stai adottando per evitare il contagio?

Come detto sopra, resto dentro casa, e ricorro al telelavoro almeno per i prossimi 14 (-2) giorni.

I supermercati e le farmacie stanno assicurando la continuità di prodotti di prima necessità e di medicine, oppure le scorte iniziano a scarseggiare?

Per i primi ho avuto la pessima idea di andare sabato e mancavano molte cose. Ho riprovato ieri a mezzogiorno e - almeno quello che uso - io c'era tutto: pasta, pane, uova, burro, riso, sale, sottilettee vari surgelati.
Non ho trovato il latte a lunga conservazione - forse sono andato troppo presto

In farmacia (io vado da Rossmann) per mia fortuna vado pochissimo. La settimana scorsa sono andato per comprarmi il termometro e non c'era nessuno.
Non ho fatto caso al fatto che mancasse qualcosa.

Come gestisci la lontananza dalla famiglia e dagli amici in Italia in questo momento difficile?

adesso che sono a casa mi chiamano anche tre volte al giorno... io al momento non ho molto da dire... ci si annoia un po'