Close

Intervista: Sabrina e Igor a Bali

Ciao a tutti! 

Con piacere metto a disposizione del forum la testimonianza di Sabrina e Igor.
Piemontesi. hanno lasciato le loro valli tre anni fa per trasferirsi in Indonesia, a Bali, dove hanno preso in gestione un ristorante pizzeria. Quello che apprezzano di più della loro nuova vita sono la sensazione di relax e spensieratezza che si respirano sull'isola, la sua l'identità multietnica ed una routine fatta di cose semplici ma nello stesso tempo appagante.

Vi riporto un estratto dell' intervista:

Cosa facevi in Italia prima di trasferirti?

Lavoravo in un'impresa edile da 15 anni, mi occupavo di amministrazione e contabilità.

Di cosa ti occupi attualmente?

Gestisco un piccolo ristorante pizzeria con mio marito Igor, lui si occupa della cucina, io del servizio e della contabilità.

Può uno straniero esercitare come libero professionista in Indonesia?

La forma più comune per aprire un'attività è una sorta di società semplice (la nostra snc per intenderci) perchè ha costi molto limitati, che però deve essere aperta a nome di una o più persone indonesiane.
C'è anche la possibilità di aprire una società con il 50% dei soci indonesiani ed il 50% stranieri oppure interamente straniera ma i costi sono esorbitanti, credo sostenibili solo da grandi compagnie.
Sulla possibilità di esercitare come libero professionista non sono sicura al 100% si possa fare, non conosco nessuno che lo faccia...probabilmente si deve comunque creare una società oppure essere assunto come dipendente.

Continua a leggere l'intervista: www.expat.com/it/intervista/713_sabrina … nesia.html

Clicca qui per leggere tutte le altre Interviste agli espatriati e condividile sui social networks, trovi le icone dedicate nella pagina di ogni intervista.

Se sei un espatriato e vuoi partecipare all’intervista, contattami ora!

Saluti,

Francesca

Ciao a tutti
faccio solo un piccolo appunto, libera professione si puo fare solo costituendo una societa e circa la libera professione, ci sono molte categorie protette dal governo, del tipo medici, infermieri, agricoltori, notai e molte altre.Circa le societa"regolari"faccio riferimento ai post gia scritti.Circa la societa costituita dagli amici italiani, faccio presente che se non si sono tutelati con atto notorio un bel giorno, magari con gli eredi del prestanome si vedono portare via tutto.Inoltre lavorando in un esercizio pubblico se non sono stati assunti regolarmente quindi hanno la kitas work, un bel giorno per gelosie dei vicini, ad esempio, si vedono arrivare l immigrazione e sono considerati come immigrati clandestini lavoranti, quindi multa o prigione e rimpatrio.Continuo a sottolineare a tutti questo, perche il prossimo anno ci saranno le preelezioni politiche e in un programma che ho letto si parla proprio dell intensificazione dei controlli dell immigrazione, visto che gli indonesiani che stanno perdendo il posto di lavoro sono in crescita, quindi si va a oenalizzare l illegalita dovuta agli stranieri.Per il momento e solo un progetto, ma sarebbe meglio per tutti mettersi in regola.
Saluti

Nuova discussione