Trasferirsi negli Emirati Arabi con animali domestici

Trasferirsi negli Emirati Arabi con animali domestici
Shutterstock.com
Aggiornato 2022-09-06 14:08

Se vuoi trasferirti negli Emirati Arabi Uniti con il tuo animale domestico, devi contattare le autorità emiratine per informarti sulle formalità di importazione in base al Paese da cui provieni. Per prima cosa, verifica se la razza del tuo animale domestico è autorizzata a entrare sul territorio. 

Formalità per l'ingresso di animali negli EAU

Come prima cosa, l'animale deve essere dotato di un microchip di identificazione non criptato conforme alla norma ISO 11784 o ISO 11785. Sono accettate anche AVID 9 e AVID 10. L'importante è che sia stato inserito prima della somministrazione del vaccino contro la rabbia.
Nel caso in cui il microchip sia criptato, devi portare con te un strumento atto alla lettura del codice.
Successivamente devi richiedere un'autorizzazione di importazione presso le autorità emiratine, più specificamente presso il Ministero dell'Ambiente e del cambiamento climatico. La richiesta si può inoltrare online.
Il documento deve essere compilato e inviato prima dell'importazione dell'animale ed è valido solo per 30 giorni dalla data di emissione. Ogni licenza d'importazione è valida per due animali da compagnia.

L'animale deve inoltre essere in possesso di un libretto delle vaccinazioni (o certificati) attestante che è stato vaccinato contro la rabbia ed è stato sottoposto ad un esame del sangue.
Per quanto riguarda il vaccino contro la rabbia, il certificato deve includere il nome del produttore, il numero di lotto e la data di scadenza.
Inoltre, tale vaccinazione deve essere stata somministrata tra i 21 giorni e i 12 mesi prima della data di arrivo prevista negli Emirati Arabi Uniti.
Nel caso in cui l'animale sia troppo piccolo per essere vaccinato, gli potrebbe essere vietato l'ingresso nel paese.

Nota bene:

  • I cani devono essere vaccinati contro cimurro, epatite canina, leptospirosi e parvovirosi.
  • I gatti devono essere vaccinati contro la rinotracheite felina, calicivirus e panleukopnia.
  • L'animale domestico deve essere trattato contro i parassiti interni ed esterni entro 10 giorni dall'arrivo nel paese.
  • Devi presentare inoltre il modulo 7001 APHIS e un certificato USDA.

Questa formalità cambia nel caso in cui l'animale provenga da un Paese considerato non a rischio: dopo l'entrata dell'animale negli Emirati Arabi, sarà sufficiente sottoporlo ad un esame del sangue almeno 21 giorni (e non oltre i 90) dopo avere somministrato l'antirabbica.

Segue l'elenco dei paesi che gli Emirati Arabi Uniti considerano non a rischio:

Australia, Austria, Andorra, Aruba, Barbados, Bahrain, Belgio, Comore, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Fiji, Finlandia, Polinesia Francese, Isole Falkland, Germania, Hong Kong, Islanda, Irlanda, Italia, Giamaica, Giappone, Kazakhstan, Kuwait, Liechtenstein, Isole Mauritius, Malta, Nuova Caledonia, Nuova Zelanda, Portogallo, Qatar, Singapore, San Marino, Seychelles, Svezia, Svizzera, Regno Unito e Vanuatu.

Una persona può importare un massimo di due animali e tutti gli animali domestici possono entrare negli Emirati Arabi per via aerea da questi aeroporti:

  • Abu Dhabi
  • El Bateen
  • Ras al Khaimah
  • Dubai
  • Al Ain
  • Sharjah
  • Fujairah
  • Ajman

Buono a sapersi:

  • Gli animali provenienti dall' Europa devono essere dotati sia di microchip identificativo che di passaporto.
  • Le seguenti razze di cani non sono ammesse nel paese: Pit Bull Terrier o American Pit Bull Terrier, Tosa giapponese (cane da combattimento), cani da combattimento argentini (Dogo e Mastiff), cani brasiliani da combattimento (Brasileino Fila e Mastiff), cane lupo ibrido (o qualsiasi cane incrociato con un lupo), American Staffordshire Terrier, American Bully o Rottweiler, Dobermann, Presa Canario e Boxer.
  • Gli uccelli non possono essere importati nel paese, a differenza di invertebrati, pesci tropicali, rettili, anfibi, roditori, conigli, a condizione che abbiano un certificato sanitario.
  • Si consiglia vivamente di rivolgersi al Ministero dell'Ambiente Emiratino (Ministry of Climate Change and Environment) prima di intraprendere un viaggio con il vostro animale.

Viaggiare negli Emirati Arabi Uniti con un animale domestico

La maggior parte delle compagnie aeree consente di volare con il proprio animale domestico. Tuttavia, il costo e le condizioni di trasporto dell'animale variano da una compagnia all'altra.

Prima di partire, accertatevi di verificare le politiche della compagnia aerea prescelta in materia di animali domestici. In genere è una buona idea contattare un rappresentante della compagnia aerea e chiedere informazioni sul trasporto di animali.
Ogni compagnia ha regole e costi di 

Le compagnie aeree applicano regole diverse per volare con gli animali domestici, le razze ammesse a bordo, le dimensioni e il peso dell'animale e altro ancora. Anche i costi di trasporto variano.

Alcune compagnie aeree consentono di viaggiare con un animale domestico di piccola taglia in cabina. In genere, questa opzione è disponibile per gatti e cani di peso inferiore a 8 kg.

Se viaggiate con un animale domestico più grande, dovrà essere alloggiato in un'area cargo speciale, una zona a clima controllato che assicuri il suo benessere durante tutto il volo.

L'animale deve viaggiare in un trasportino confortevole approvato dalla IATA (International Air Transport Association). Assicuratevi di verificare in anticipo con il vettore aereo eventuali requisiti specifici per il trasportino.

La maggior parte delle compagnie aeree applica il seguente regolamento:

  • Il trasportino deve essere privo di ruote e deve avere un tettuccio.
  • Se il trasportino è composto da due sezioni, le viti che tengono insieme le due parti devono essere avvitate correttamente.
  • Il trasportino deve essere dotato di ciotole ben fissate con cibo e acqua sufficienti per la durata del viaggio.
  • Il trasportino  deve essere pulito e impermeabile.
  • Deve essere ben ventilato e avere aperture su tutti e quattro i lati. Deve essere chiusa correttamente e la serratura non deve aprirsi dall'interno.

Infine, deve essere dotati di due etichette ben visibili: l'etichetta che si tratta di un "animale vivente" e l'etichetta che indica dove si trovano la parte superiore e quella inferiore del trasportino.
Assicuratevi che l'animale abbia spazio sufficiente: deve potersi girare, stare in piedi e avere facile accesso a cibo e acqua.

La maggior parte delle compagnie aeree richiede inoltre che l'animale sia "pronto al volo". Il termine "pronto al volo" è definito da diversi fattori, ma in genere significa che l'animale è sano e ben addestrato.

All'arrivo

All'arrivo in aeroporto, l'animale sarà controllato presso l'ufficio della dogana ed esaminato da un veterinario autorizzato al quale si dovranno mostrare certificati sanitari e/o libretto delle vaccinazioni.

Buono a sapersi:

Gli Emirati Ababi non impongono un periodo di quarantena sugli animali.

Indirizzo utile in lingua inglese:

Pet Travel

Facciamo del nostro meglio per fornire informazioni aggiornate ed accurate. Nel caso in cui avessi notato delle imprecisioni in questo articolo per favore segnalacelo inserendo un commento nell'apposito spazio qui sotto.