Come trovare alloggio in Germania

Cercare casa in Germania
Shutterstock.com
Aggiornato 2022-12-26 08:27

Nonostante la crisi economica conseguente al COVID-19, il mercato immobiliare tedesco si è ripreso con forza grazie alle misure di sostegno del governo e della banca centrale, il che si traduce in un aumento dei prezzi delle case, la richiesta è elevata e gli acquisti sono in aumento. Allo stesso tempo, si presta molta attenzione alla sostenibilità degli immobili. Infatti, in alcune parti della Germania, viene richiesta l'installazione di pannelli fotovoltaici e solari sui nuovi edifici - una normativa che dovrebbe essere presto applicata a livello federale. Quando si parla di investimenti immobiliari, Berlino, Francoforte, Stoccarda e Amburgo sono alcune delle città che attirano maggiormente l'attenzione degli acquirenti. 

Affittare una casa in Germania

Secondo i dati forniti da Empirica Regio, l'ultima tendenza riscontrata vede un aumento del 20% delle dimensioni medie delle abitazioni tedesche a partire dal 1990. Ad esempio, lo spazio medio per persona a Stoccarda è di 37 mq, mentre a Colonia e Berlino è di 38,9 mq. In Germania, ci sono due tipi di affitto: la Warmmiete, o affitto caldo, che include nel canone d'affitto mensile le spese di acqua, le tasse di proprietà, il gas, l'elettricità e i servizi di smaltimento dei rifiuti e la Kaltmiete, o affitto freddo, in cui le utenze sono escluse dal costo mensile. La differenza di prezzo tra Warmmiete e Kaltmiete si chiama Nebenkosten. È importante ricercare il Nebenkosten medio nella vostra città per evitare che il proprietario di casa vi faccia pagare troppo. Nella maggior parte dei casi, l'affitto mensile non include le bollette di gas o di elettricità. Tuttavia, può includere le spese di acqua, riscaldamento e manutenzione. Altro importante dato da conoscere è che gli appartamenti in Germania vengono solitamente messi in affitto non arredati, ossia senza elettrodomestici da cucina. 

Ecco alcune cose da tenere a mente quando ci si trasferisce nella nuova casa in Germania:

  • I nuovi inquilini sono soliti portare con sé gli elettrodomestici della cucina o acquistarli dal precedente inquilino. Può sembrare un'esagerazione, ma i tedeschi tendono a portare con sé i lampadari quando lasciano una casa. 
  • A seconda delle disposizioni del comune, spesso è necessario registrarsi e pagare individualmente la tassa per lo smaltimento dei rifiuti, oltre a procurarsi un proprio bidone dell'immondizia. Questo incoraggia le persone a riciclare il più possibile nei punti di raccolta gratuiti. 
  • Quando affittate un appartamento, verificate chi è responsabile del turno settimanale di pulizia delle scale, del viale d'ingresso o di spalare la neve, potreste essere proprio voi! 
  • Esistono leggi che impediscono ai vicini rumorosi di disturbare il resto della comunità. 
  • Potreste dover chiedere il permesso al proprietario se volete tenere un animale domestico o installare un'antenna parabolica o televisiva. 
  • Le auto, le biciclette e le carrozzine possono essere parcheggiate solo nelle aree designate. Il bucato può essere lavato e asciugato solo in aree dedicate.

Trovare un alloggio in Germania

Trovare un alloggio in Germania può essere una sfida perché la domanda è sempre superiore all'offerta. Prima di iniziare a cercare la vostra casa, è bene valutare attentamente le opzioni che ci sono, ricordandosi che la spesa maggiore da sostenere è quella del canone mensile. Monaco di Baviera è di gran lunga la città più cara della Germania sia per quanto riguarda gli affitti sia per il costo complessivo della vita. Subito dopo ci sono Francoforte e Stoccarda, seguite da Dusseldorf e Amburgo. Al contrario, i prezzi degli affitti a Berlino e nella Germania orientale sono molto più accessibili.
La ricerca si può iniziare online e parlare con gli espatriati in Germania, molti dei quali sono presenti nel Forum di Expat.com dedicato alla Germania. Se, invece, preferite l'aiuto di un esperto, potete rivolgervi a un'agenzia immobiliare, il che ovviamente comporterà dei costi aggiuntivi. Gli studenti preferiscono appartamenti condivisi (Wohngemeinschaft o WG), mentre i giovani professionisti optano per i monolocali per avere una vita indipendente e un costo d'affitto più basso.

Indirizzi utili

Studenten WG

WG-Gesucht

Wg-suche.de

Wohngemeinschaft.de

Immowelt

ImmobilienScout24

Kalaydo

Quoka

Scout24 - real-estate

Immonet.de - real-estate

At Home

Il contratto di affitto in Germania 

Per poter affittare una casa in Germania, bisogna pagare un deposito cauzionale, indicato nel contratto di locazione e che per legge non dovrebbe superare il valore di tre mesi di affitto. In generale, tutto ciò che si discute con il proprietario della casa deve essere chiaramente riportato nel contratto di affitto, che vi consigliamo di controllare attentamente prima di firmare. Inoltre, prima della firma del contratto, è consigliabile vedere la casa un paio di volte, di cui almeno una durante il giorno. Prima dell'ingresso, è necessario fare un inventario esaustivo di tutto ciò che è presente, soprattutto se la casa è arredata e fotografare tutti i difetti che notate per evitare detrazioni dalla caparra.

Il proprietario può anche richiedere la documentazione comprovante il vostro reddito e il vostro lavoro e persino una lettera di raccomandazione da parte del vostro precedente locatore. In generale, in Germania non esistono contratti di locazione a tempo determinato, anche se può essere richiesto un periodo minimo di occupazione di uno o due anni. Il preavviso per rescindere il contratto è di due o tre mesi. Nel caso in cui il contratto preveda un periodo minimo di occupazione e voi dobbiate lasciare la Germania prima, sarete legalmente vincolati al contratto fino al termine del periodo minimo di occupazione. In altre parole, dovrete pagare l'affitto e le spese di manutenzione fino al termine del periodo minimo richiesto. Tuttavia, potreste essere in grado di negoziare con il proprietario per trovare un nuovo inquilino che vi sostituisca. 
 
Importante:

Ricordate di consegnare l'anmeldeformular al proprietario della casa per poter presentare la domanda di certificato di residenza.

Indirizzo utili

Associazione tedesca degli inquilini (DMB) - Deutscher Mieterbund 

Acquistare una proprietà in Germania 

Se desiderate investire in una proprietà in Germania, potete ottenere la piena proprietà del terreno o dell'immobile oppure affittare l'appezzamento per un periodo compreso tra i 30 e i 99 anni con la possibilità di edificare. Prima di procedere all'acquisto, i consulenti tecnici devono ispezionare il sito ed ottenere le informazioni necessarie dalle autorità competenti per assicurarsi che vengano soddisfatti i criteri relativi ai permessi, alle condizioni ambientali e ai requisiti architettonici. Gli investitori stranieri possono investire in immobili in Germania, grazie alla convenienza del mercato unico europeo, infatti, il processo è semplificato per i cittadini europei, per i proprietari e anche per le entità che sono registrate presso il Registro della Trasparenza tedesco (Transparenzregister) o presso il suo equivalente in un altro Stato membro dell'UE. Una volta diventati proprietari di un immobile, si noti che non è possibile procedere a qualsiasi tipo di ristrutturazione e costruzione, a meno che non sia approvata e in linea con il Codice Federale dell'Edilizia e dell'Ordinanza Federale sull'Uso del Territorio.

Buono a sapersi:

Secondo Thelocal.de, gli ultimi dati dell'Ufficio federale di statistica (Destatis) rivelano che i prezzi degli immobili residenziali in Germania sono aumentati in media del 12,2% tra l'ultimo trimestre del 2020 e l'ultimo trimestre del 2021. 

Affitto per uso commerciale

In Germania, chi possiede una proprietà la può utilizzare (Miete) oppure dare in affitto (Pacht), ad esempio nel caso in cui si affitti un hotel con tutte le sue attrezzature e lo si gestisca. Quando si affitta, il proprietario deve essere responsabile del mantenimento dei locali come concordato da contratto e delle riparazioni più importanti. Da parte sua, l'affittuario deve provvedere alle piccole riparazioni e alle modifiche relative all'arredamento. Di solito l'affitto viene pagato mensilmente e l'immobile deve essere utilizzato per lo scopo concordato in anticipo da entrambe le parti nel contratto di locazione. Oltre al proprietario dell'immobile, anche la legge sull'edilizia pubblica e il piano regolatore possono determinare gli usi consentiti e quelli vietati.

Facciamo del nostro meglio per fornire informazioni aggiornate ed accurate. Nel caso in cui avessi notato delle imprecisioni in questo articolo per favore segnalacelo inserendo un commento nell'apposito spazio qui sotto.