Trasferirsi

Ciao sono nuovo iscritto da poco il mio nome Michele vorrei consigli per un futuro trasferimento in portogallo, io con mia moglie siamo pensionati e stiamo pensando di trasferirci in portogallo solo che abbiamo figli e nipoti e ci bloccano a restare in Italia, cerchiamo informazioni su dove trasferirci possibilmente un posto di mare, informazioni su abitazioni casa in affitto, costo della vita, documenti per il trasferimento. Saremmo felici se qualcuno ci informi e ci dia consigli in merito. Saluti Michele e Isa

Xfile13
Salve può fare ricerca cliccando sulla lente a destra inserendo un argomento alla volta.
É troppo vasta la risposta da porerLe dare, troppi fattori incidono su quanto chiede.
Se nord centro o sud, quante camere, ammobiliato o no,etc e questo solo per la casa!!!
Le consiglio vivamente di leggere tanti post sugli argomenti le interessano poi non dovesse trovare quello che fa per Lei apra nuova discussione qui!

Thank Gentilissima

Buongiorno michele, forse io sono la persona meno giusta a dare dei consigli, ma, almeno quelli più ovvii, credo di poterli dare, anzi, ti dico come sto preparando il mio trasferimento in portogallo, non da pensionato, tu che sei già in pensione devi solamente fare i conti con il tuo budget mensile...non ti so assolutamente aiutare dal punto di vista dei documenti, ma per gli altri aspetti , innanzitutto ti consiglio di fare una cosa...in primis spostarti "temporaneamente" in una zona, che avrai scelto in base a quello che hai letto o visto, e qui stabilirti per almeno 6 mesi, quindi, verificare "sul campo" se le tue aspettative corrispondono, se lo stile di vita che ti impone il luogo ti piace, e sopratutto, cerca di evitare quanto più possibile almeno all'inizio  di ghettizzarti con i connazionali presenti sul posto, non perchè siano da evitare, ma semplicemente perche non interagendo a 360 gradi con la gente del posto, rischi di giungere a conclusioni sbagliate, ovviamente, un connazionale è sempre un faro accesso in una notte buia, ma, secondo me, per dirla metaforicamente..devi cercare di farti luce da solo, altro consiglio...in questo momento storico, il mercato immobliare portoghese, riferito ad alcune zone, è altamente "drogato", quindi, prima di comprare casa, valuta attentamente , non avere fretta, scegli piuttosto di rimetterci qualche migliaio di euro in affitti, piuttosto che parecchie decine di migliaia, in acquisti fatti in un momento di bolla speculativa (se vuoi un riferimento "nazionale" pensa a coloro che hanno comprato casa in italia tra il 2005 e il 2010, magari con un mutuo trentennale, per un appartamento che alla fine costerà 4 volte il prezzo del valore attuale, sempre ammesso che trovi qualcuno disposto a comprarlo).
trascorsi i sei mesi in una determinata zona, prova a passarne altri 6 in un altro posto, per es. vai dal sud al nord... noterai differenze nella popolazione, probabilmente la tua scelta cambierà, o sarà confermata, e cmq, avrai sempre un termine di paragone.
Su figli e nipoti, non saprei aiutarti, se non dicendoti che (ma è la mia personale opinione) gli affetti e i sentimenti ti fanno perdere la razionalità, e su questo argomento non dico altro..
Infine...comprendo benissimo che ad una certa età fare una vita in un certo senso "da nomade" non è il massimo, e non tutti la trovano una cosa piacevole, a me ad esempio è una cosa che mi entusiasma...ma come ho scritto in un altro post "trapiantarsi" in un'altra terra quando si hanno radici profonde implica la necessità di un terreno fertile in cui è facile attecchire.. buona fortuna a tutti noi...

xfile13 :

Ciao sono nuovo iscritto da poco il mio nome Michele vorrei consigli per un futuro trasferimento in portogallo, io con mia moglie siamo pensionati e stiamo pensando di trasferirci in portogallo solo che abbiamo figli e nipoti e ci bloccano a restare in Italia, cerchiamo informazioni su dove trasferirci possibilmente un posto di mare, informazioni su abitazioni casa in affitto, costo della vita, documenti per il trasferimento. Saremmo felici se qualcuno ci informi e ci dia consigli in merito. Saluti Michele e Isa

Salve,  meglio aspettare i dati certi sulle (probabili) nuove tasse

lisbob.net/en/blog/end-nhr-tax-regime-portugal-2020?fbclid=IwAR3ywuw02X5T9JKefgraiARoTcRHt2zddslATX-ykqbLC37KEMMQ2AVd5tg

(copia/incolla nel browser)

End of tax exemption for foreign pensioners in Portugal :
Portuguese government will change the NHR status

SBERTAN :
xfile13 :

Ciao sono nuovo iscritto da poco il mio nome Michele vorrei consigli per un futuro trasferimento in portogallo, io con mia moglie siamo pensionati e stiamo pensando di trasferirci in portogallo solo che abbiamo figli e nipoti e ci bloccano a restare in Italia, cerchiamo informazioni su dove trasferirci possibilmente un posto di mare, informazioni su abitazioni casa in affitto, costo della vita, documenti per il trasferimento. Saremmo felici se qualcuno ci informi e ci dia consigli in merito. Saluti Michele e Isa

Salve,  meglio aspettare i dati certi sulle (probabili) nuove tasse

lisbob.net/en/blog/end-nhr-tax-regime-portugal-2020?fbclid=IwAR3ywuw02X5T9JKefgraiARoTcRHt2zddslATX-ykqbLC37KEMMQ2AVd5tg

(copia/incolla nel browser)

End of tax exemption for foreign pensioners in Portugal :
Portuguese government will change the NHR status

Per quanto "possibile" credo che in questo momento non se ne farà nulla, forse, tra qualche anno..magari..semplicemente per il fatto che i beneficiari diretti di questo esodo di pensionati verso il portogallo, non sono i portoghesi, bensì nell'ordine: le società immobiliari che non sono altro che cugine delle banche, e siccome nelle banche portoghesi c'e l'angola, e nell'angola c'e la cina, quindi, per dirla in breve...la cina si sta comprando il portogallo sotto mentite spoglie...(vedasi i recentissimi accordi commerciali tra cina e portogallo)  non conviene a nessuno distruggere il vero "eldorado" portoghese....almeno fino a quando la domanda immobiliare resterà alta...poi, magari, una volta scoppiata la bolla, tutto sarà lasciato in mano a coloro che restano..e cioè..pensionati espatriati proprietari di immobili, portoghesi, e governi nazionali che finita la "pacchia" dovranno dimostrare di saper amministrare e mettere a frutto le iniezioni di benessere indotto da questo "strano caso europeo" di sicuro c'e una cosa...molti interessi si stanno spostando verso questo paese, che effettivamente ha bisogno di molte cose, che effettivamente di europeo ha ben poco, e che puo rappresentare un'ottima occasione per chi saprà cogliere i settori giusti...

Buongiorno  wanderlust69,

credo che in questo momento non se ne farà nulla

sei fuori strada,
guarda che stavolta non è come per gli anni passati ... è lo stesso partito  al Governo ... il PS  ... che  ha dichiarato la modifica.

Ricordo che parliamo di 27000 (ventisettemila) pensionati ... tra i quali molti nemmeno effettivamente in loco.

Buongiorno,
 
a Wanderlust...;  è già stato ampiamente scritto sul tema NHR e su come ci siano mugugni da parte di Stati che si vedono sfuggire i "loro Tassabili" (normalmente definendoci noi invece "Persone"  :D  )  Insomma, questo argomento e tema ha "scaldato le pagine del foro Portogallo" da tempo...

Riguardo poi il consiglio dato a Michele, ognuno deve sentire come procedere per questa acquisizione di "formato NHR" (anche se, o seppur poi ridotto nei suoi vantaggi). 
Sta di fatto che dovendoci essere un contratto di affitto annuale, se qualcuno vuole passare alla residenza fiscale portoghese, non può per logica -non convenendogli e pure risultando scomodo (fra utenze da cambiare, indirizzi da dare ecc.ecc. e questo, durante una fase delicata) - stare 6 mesi da un lato eppoi da qualche altra parte per altri "xyz" mesi.  Se il posto scelto e/o l'appartamento affittato per un anno poi non gli garbassero, sempre potrà trasferire le tende.  Da pensionati, almeno non si è legati a qualche esigenza lavorativa con quell'ev. tipo di "palla al piede"...

Normalmente, si va' in perlustrazione per un po' (tipo ferie) e magari più volte (o per un periodo prolungato), oppure appunto girando e "annusando" nel senso di sentire -in base alle proprie esigenze- dove piacerebbe soggiornare.  La prima impressione è importante.  E restando anche per relativamente poco tempo, si può già vedere quello che lí si potrebbe ev. trovare.   E... qui sulla lista in orizzontale a inizio pagina -dove stanno le opzioni per la ricerca- si può pure trovare chi presta servizi di vario tipo.  Uno lo si è ampiamente consigliato  (anche se non lo si può fare in aperto, ma lo si trova...).   
Conviene cioè già da casa attivarsi un pochino, leggendo e indagando sul foro, poi scegliendo da dove partire come località e, di lì, girare un po'.   È del resto il minimo che chi vuole espatriare dovrebbe avere, come iniziativa in proprio e dunque... come impegno personale...

Poi, mi permetto di aggiungere che -contrariamente a quanto da te suggerito (Wanderlust)-,  PUR EVITANDO DI LASCIARSI INFLUENZARE, anche gli EVENTUALI incontri con le persone del vostro paese potrebbe essere utile.  Insomma, ecco, a me pare -anche per tutta un'esperienza durata una vita (di spostamenti)-  che quando si vuole andare altrove, bisogna essere aperti anche e proprio a quello che viene incontro -come possibilità di ascoltare e di porre domande-.  Non mi pare opportuno già decidere in anticipo che "questi sí", ma "questi no"...   Tantopiù che -E LO DEVO RICORDARE...- non per forza di cose (anzi), i portoghesi che incontrerete saranno affidabilissimi riguardo a quello che vi diranno!   Lasciamo stare il vecchio detto:  "tutto il mondo è paese", no;   io mi riferisco -INEVITABILMENTE- alla mia, di esperienza su territorio portoghese.  Esperienza che vale quindi per quello che ne so e ne ho sperimentato io (MA NON SOLTANTO IO) e quindi, senza alcuna pretesa di essere questa estendibile a tutto e tutti o... da tutti condivisibile ... PER ESPERIENZE che possono -ovviamente e logicamente- variare, in quanto assolutamente diverse per ognuno di noi -sempre e ovunque!-  In poche parole: non credo opportuno prestabilire chi frequentare e chi no. Perché capita a volte che "il caso" venga in aiuto. E questo non ha bandiere.  Vi potrebbe persino interessare o essere di aiuto il parere di "un turco" -tanto per dire di uno fra tutti i cittadini del mondo-.....

Ovunque andrete ad "annusare", come clienti, passanti, avventori e turisti, farete un tipo di esperienza... Invece come "involucrati" un po' oltre la superficie, potreste farne un tantino di diverso genere...

Come molti hanno già detto e sottolineato, i portoghesi sono gentili, cordiali, offrono anche una mano... e aggiungo che sí, magari capita che con atteggiamenti appropriati e convincenti, all'occorrenza ti tranquillizzino, dicendoti che tutto andrà bene e che non ci sono problemi, "benvenuto".....  Ma... ma... ma...   E per cui, come ben diceva un nonno:  "Fai come il Bertoldo che quando pioveva rideva, perché poi sarebbe arrivato il sole; invece con il sole lui piangeva, perché sapeva che la pioggia prima o poi sarebbe arrivata (o tornata)" . 
Ossia che:  "scopa nuova, scopa bene"; per cui godetevi tutto quello che potete, ma senza troppi ottimismi.  Siate un po' tedeschi:  negli entusiasmi sono più cauti; loro assaggiano, osservano, sperimentano eppoi si rallegrano (semmai e gradualmente) in seguito a quanto sperimentato e pure assodato (ossia: non troppo in fretta). In compenso, quando apprezzano lo fanno davvero e... durevolmente. Anche nelle amicizie.  :cool:
 
Mi si potrebbe forse tacciare di pessimista.  Ma per me...  il pessimista è un ottimista con il libretto delle istruzioni   ;)   E se uscendo di casa prende l'ombrello "perché non si sa mai, potrebbe piovere", seppoi non piove, gli serve non soltanto per ev. proteggersi dal sole, ma pure dagli invadenti .... (Da giovane ho ombrellato chi era stato troppo insistente con i tentativi di approccio)   :P

Ciò detto, ognuno poi faccia come vuole, come gli pare, come gli piace, come si sente e... "con tanti auguri".
:cheers:

Lavinia...  che "penna"!! 😊

forse mi sono espresso male, o forse ho trascritto integralmente i miei "atteggiamenti" si, dice giusto lavinia che non ci si deve escludere dai connazionali, ma forse per le mie passate esperienze, l'accostamento, sopratutto in una fase iniziale, può risultare fuorviante, ci fà vedere le cose in maniera meno "critica" perchè magari qualcuno in buonafede ci aiuta nelle interpretazioni più svariate, di atteggiamenti, usi, ecc.., cosa diversa è se si prova sulla propria pelle...e sicuramente se ne esce con più esperienza, ben vengano, successivamente, o cmq, con il tempo le condivisioni...alle volte ho paura a scrivere , non vorrei scoraggiare o incoraggiare nessuno in nessun senso, parlo sempre riferendomi a me stesso, se sbaglio..perdonatemi!!!!!

SBERTAN :

Buongiorno  wanderlust69,

credo che in questo momento non se ne farà nulla

sei fuori strada,
guarda che stavolta non è come per gli anni passati ... è lo stesso partito  al Governo ... il PS  ... che  ha dichiarato la modifica.

Ricordo che parliamo di 27000 (ventisettemila) pensionati ... tra i quali molti nemmeno effettivamente in loco.

In realtà, allo stato attuale, non ho molto interesse a seguire le decisioni del governo sull'introduzione di una tassa a carico dei pensionati, tuttavia, essa rappresenta al momento un'ottima iniezione di liquidità per le casse portoghesi, per le banche e per le società immobiliari, quindi, seppure i portoghesi (che comprendo benissimo) non siano molto contenti di questo vantaggio per gli stranieri, mi chiedo: In quale modo un pensionato straniero, che trasferisce i suoi soldi in un altro paese può nuocere a questo stato?cioè! gli sta portando dei soldi, mica se li sta portando via da li..li spenderà li, pagherà utenze, farà la spesa, insomma, li spende...quindi, un vantaggio per i portoghesi in termini economici c'e...se mi si dice che questo ha contribuito a innescare la bolla immobiliare mi tolgo il cappello e dico che è verissimo, e sopratutto ingiusto..però..scusatemi..la colpa non è ne dei pensionati stranieri e neppure dei portoghesi..piuttosto..dei "soliti" poteri forti che si approfittano di queste situazioni per spillare denaro a chiunque e a qualsiasi costo, senza nessuna considerazione per un popolo che fa fatica a comprare una casa con i loro stipendi
in merito ai mugugni europei su questa detassazione vorrei dire, che non capisco come mai non prendano provvedimenti nei loro paesi affinche questo non avvenga, con provvedimenti che rendano conveniente restare piuttosto che scappare..la verità.. è che se non fosse il portogallo, sarà un altro posto..., che ne sò..esisterà sempre un posto più conveniente dove vivere.
Forse perche (parlo dell'italia) la nostra nazione è arrivata ad un livello di sfascio economico dal quale nessuno è in grado di tirarla fuori? e poi..scusatemi se mi permetto di accennare alla politica..chi sono questi politici di "spessore" che oggi dovrebbero prendere le redini finanziarie di questa nazione fuori controllo e riportarle sulla retta via? mio figlio di 17 anni..farebbe meglio di questa manciata di burattini, parassiti, che venderebbero la madre per pochi euro...

wanderlust69 :

forse mi sono espresso male, o forse ho trascritto integralmente i miei "atteggiamenti" si, dice giusto lavinia che non ci si deve escludere dai connazionali, ma forse per le mie passate esperienze, l'accostamento, sopratutto in una fase iniziale, può risultare fuorviante, ci fà vedere le cose in maniera meno "critica" perchè magari qualcuno in buonafede ci aiuta nelle interpretazioni più svariate, di atteggiamenti, usi, ecc.., cosa diversa è se si prova sulla propria pelle...e sicuramente se ne esce con più esperienza, ben vengano, successivamente, o cmq, con il tempo le condivisioni...alle volte ho paura a scrivere , non vorrei scoraggiare o incoraggiare nessuno in nessun senso, parlo sempre riferendomi a me stesso, se sbaglio..perdonatemi!!!!!

:/  " 

Non ti sei espresso male. Soltanto ne ho tratto le mie impressioni e osservazioni. E non c'é da incoraggiare o scoraggiare. Tanto ognuno il coraggio lo ha da trovare in sé stesso e nelle proprie motivazioni e capacità personali. 
--- Proseguo ora però senza intendere ribattere a te in particolare ! -- Tutto qui è opinabile. Per cui può ognuno prendere quello che vuole, o averne uno spunto di ulteriore riflessione.

In generale, direi sulla base dei miei stessi errori, soprassalti, giubili, successi o ... incidenti ed esperimenti:

"Take it easy" - e allora non ci sarà proprio niente, di fuorviante, perché determinante è il distacco. Nel senso di non essere tesi, rispettivamente pro/tesi  a ottenere chiarezza.   
Sembrerà paradossale, ma la chiarezza arriva quando non la si cerca affannosamente. (Non più)....

(Riguardo alla ghettizzazione del frequentare soltanto o soprattutto connazionali, beh... di certo non sarebbe nelle mie corde, ma poi ognuno trova piacere e sollievo per come gli vien dato di fare, per come trova e può  - e va' dunque bene cosí . )
Ad ogni modo, le premesse e condizioni sono diverse quando si espatria con in mente progetti di lavoro, ovvio.   
Eppoi... conta pure come ci si sente con una ventina di anni in più e, soprattutto, è determinante il come si era soliti vivere e occuparsi già ben prima di espatriare.   
Conta, insomma, CHI si é (caratteristiche, interessi, occupazioni, gusti, necessità...)  e COME si è diventati .

Quello che si sente dire da qualcuno è forse piú importante (utile e sensato) ascoltarlo nel senso di sentirne  l'effetto dentro di sé - e vedendo poi se capita di sentire più volte la stessa cosa da altri, o magari  trovando poi per proprio conto  delle varianti di conferma, o per una smentita....
Capita, standoci attenti,  persino o soprattutto forse per caso, cogliendone appunto l'occasione ... 
Un po' come trovare ... per caso una chiave per strada e rendersi  conto soltanto in seguito, che si avrebbe avuto bisogno di un'altra porta (di entrata o di uscita, simbolicamente parlando) o di un'altra soluzione...

Avevo appunto detto del caso e del darvi uno spazio.  Beh, era proprio pensando alle sincronicità: possibili se ad esse ci si dispone adeguatamente-. 

Non si è davvero mai finito di sperimentare ed apprendere. E più che scoprire "soltanto" posti e luoghi, si finisce per scoprire (ancora parecchio e piú di) sé stessi.

Quello che maggiormente può dunque indurre all'errore, è il non ascoltare o... non accorgersi tanto di quel campanellino che forse aveva suonato, ma che giungendoci da dentro qualcosa che non era tanto in linea con quello che ci sta/va a cuore, si è smarrito fra le proprie voci, i dubbi e i tramonti, cadendo nel vuoto - e perdendoci noi quel suo timido (e forse non primo, né unico) intento di avvertirci ...   Infatti, consigliabile è stare attenti a quei piccoli momenti e dettagli che possono sembrare di poco conto, o che magari si diluiscono dentro il tanto e/o il troppo... di quello che diventa allora un eccesso di tutto un po' ...
Per dire che insomma più

Magari, la sicurezza sembra per taluni dunque potersi basare soprattutto sull'esperienza e attitudine o abitudine all'analisi, all'osservazione... analitico-interpretativa, al "sondaggio" quasi sottoforma di "inchiesta trapanante" - e quindi ... su quella che può parere fiducia in sé stessi per le reali, assodate o supposte capacità in tal senso.     Eppure, dall'esercizio di tale abitudine ne può a volte trapelare una nube di "inconfessabili timori" .    Può trattarsi di un modo di tenerne a bada i segni, sotto diligente (razionalizzante) controllo, curandosi dell' abitudine di gestirne i rivoli con la cravatta dell'efficienza.   Attenzione allora, a non stringere troppo - altrimenti il nodo sarà di altro tipo e non si avrà dato modo di sviluppare i suoi talenti all'altra "nostra dolce metá" .... - intendendo io qui soltanto quella del cervello  ;)

Ancora a Wanderlust....(perché : )   Leggo ora le tue riflessioni "di tipo politico-finanziario".  Dici di non seguire con molto interesse le decisioni riguardo i pensionati, ma non sono da trascurare e includere -anzi, facendoli precedere... tutti gli altri destinatari della formula NHR  per i quali era anzi stata ideata soprattutto  -  "accodandovi" in aggiunta la categoria dei pensionati.
Per il resto, circa i motivi e le remore per le politiche in corso e.... non solo in Italia ma -pur limitandoci qui per un momento "in piccolo", alle varie parti dell' Europa-  dire di più, di una politica che ad ogni modo... non è decisa dai politici dei singoli paesi se non che per possibilità limitate e assai condizionate da elementi di varia natura e  dentro un contesto di strategie su ampia scala, non ha senso alcuno se non che restando uno sfogo, senza considerazione dei  vari altri fattori e punti determinanti...    E questo  ( lo dico prima che intervenga Francesca a segnalarlo  ;)  ) non è un foro per dibattiti politici o sulle strategie geo-politiche  con elementi e fattori diversi che ognuno può -se vuole e intende davvero cercare di capire- sondare e vedere di analizzare  per suo conto,  per una visione e comprensione più consona ai tempi e alle varie situazioni in pieno movimento...   Insomma, ponendoti gli interrogativi, con dei "come mai", rispetto ai vari punti che hai nominato,  (in linea con quel che risulta essere perplessità dei più, rispetto a quel che non quadra ma di cui il backround è assai complesso e ... intrigante), le risposte, volendo davvero e sentendone il bisogno, le puoi -, rispettivamente.  le si possono pure trovare...
:cheers:

Nuova discussione