vorrei trasferirmi negli stati uniti

Buongiorno , mi chiamo Roberto ho 42anni e vorrei trasferirmi negli Usa,non parlo inglese purtroppo ma ho una grande capacità ad imparare in fretta e dalla mia parte ho un esperienza ventennale nel settore della ristorazione,so imbiancare e me la cavo abbastanza nei vari lavoretti manuali,quali aggiustare piccoli elettrodomestici,motori ecc. So cucinare e lo faccio con passione. Grazie.

Ciao Roberto,

Ben arrivato sul forum di Expat.com!  :)

C'è un motivo particolare che ti spinge a trasferirti proprio negli Stati Uniti ed hai già scelto una città da dove ti piacerebbe iniziare?

Ti mando un saluto,

Francesca
Team Expat.com

Ciao e grazie per avermi risposto, il motivo che mi spinge a voler andare in America è che ....nonostante io abbia un buon lavoro"in fabbrica", che mi permette di poter vivere e mantenermi da solo , provo un grande senso di insoddisfazione in quanto in Italia "E cito il nostro gran bel paese" perché conosco solo questo,vanno avanti solo i lecchini e gli amici o i figli di...... Questo è uno dei più grandi motivi che mi spinge a farlo e francamente ho pensato all' America pur sapendo che non è facile per niente, ma se trovo il coraggio e perché no,un po' di fortuna che giri dalla mia ,ormai che sono arrivato alla soglia dei miei 42 anni,più che provare in un contesto più facile , quale potrebbe essere l' Europa,riconosco che questo potrebbe essere il mio ultimo treno , quindi se proprio me la voglio giocare vorrei farlo per rincorrere un sogno bellissimo.....e cioè vivere e lavorare in America, riguardo alla scelta della destinazione, mi incuriosisce molto il Montana non solo per l amore che ho per la natura e gli animali i ranch ,le fattorie , ma ho pensato che in un posto del genere avrei più opportunità di farmi conoscere,che in una Washington o new York dove tutti o quasi inseguono il successo e la carriera e non avrebbero sicuramente tempo per me.... Detto questo spero tanto che tu mi possa dare qualche informazione in merito,e capisco che non è una cosa facile,ma ho tanta voglia di provarci,ho solo bisogno di una mano da chi ne sa più di me... Ringraziandoti ancora per avermi dato attenzione, confido in una tua gentile risposta. Cordiali Saluti, Sassano Roberto...... non si sa mai.

Moderato da Francesca la settimana scorsa
Motivo : *A garanzia della privacy non inserire contatto telefonico in questo forum pubblico

Fai bene ad inseguire i tuoi sogni, e se non ci provi adesso poi il temo passa e si porta via tutti i propositi.
L'unica cosa che però ti dico è che, non conoscendo la lingua del posto, diventa complicato. Anche perchè se vuoi trovare un lavoro, come puoi comunicare e farti conoscere? Posto che, quando sarai li, ogni giorno imparerai qualche nuova frase ogni giorno e farti capire non sarà più un ostacolo... però le basi ti servono assolutamente! Ora ti faccio un esempio scontato però se uno straniero con la tua stessa esperienza professionale venisse in Italia per cercare impiego ed iniziare una nuova vita, come farebbe a districarsi se non parlasse almeno le basi di italiano? Non sarebbe fattibile. Quindi credo che dovresti metterti di buona lena e magari fare un corso di inglese online (sul web ne trovi che non costano molto).
Altro aspetto che devi considerare è quello del visto di lavoro, ossia per poter lavorare negli USA devi avere un permesso ed il datore di lavoro ti fa da sponsor.
Fare da sponsor significa che il datore di lavoro assume te che sei straniero dopo aver provato agli organi competenti che non c'è nessun americano (o residente) che possa ricoprire la mansione che andrai a ricoprire, inoltre ti affiancherà nel disbrigo delle formalità burocratiche per l'ottenimento del tuo permesso che sarà valido durante tutta la durata del contratto. Scaduto il visto, che io sappia devi lasciare il paese, a meno che non sopraggiungano altre condizioni per cui puoi restare nel paese.
Leggi questo articolo: Espatrio negli USA: la lotteria per la carta verde e cosa è cambiato in un anno

Grazie, hai pienamente ragione.   Grazie ancora.

Nuova discussione