Truffe immobiliari in Tunisia: come evitarle

Buongiorno  a tutti,

Affittare o acquistare una casa quando si Ŕ nuovi in Tunisia o addirittura non ci si Ŕ ancora trasferiti, Ŕ unĺimpresa stressante.
Aiutateci a stilare delle linee guida per evitare le truffe immobiliari in Tunisia rispondendo ad alcune domande.

Quali sono le truffe pi¨ comuni e come evitarle?

Quali sono i segnali di allarme a cui fare attenzione quando si consultano annunci immobiliari on-line in Tunisia?

Dove si pu˛ reperire un elenco di agenti immobiliari o proprietari accreditati?

Che autoritÓ vanno contattate in caso ci si imbatta in una truffa?

Grazie per condividere la vostra esperienza,

Francesca

Buon giorno a tutti posso solo comunicarvi la mia esperienza personale, per una casa in affitto ho lasciato all'agenzia 2000 dinari di caparra ma sul contratto ne sono comparsi solo mille (le tasse) che quando ho poi lasciato la casa non mi sono stati restituiti neanche i mille ma questo credo sia colpa mia dal momento che non ho mandato la raccomandata citata dal contratto 2 mesi prima della scadenza, il proprietario poi si è inventato mille altre scuse per non restituirmi il dovuto, questo è quanto. per quello che mi riguarda non lascerò più 2 mesi di deposito ma soltanto uno, buona giornata. p.s. sembra tra l'altro che sia meglio non rivolgersi ad un legale se non si vogliono raddoppiare le spese ed a quanto  mi risulta inutilmente . dovrei mettermi a studiare legge per muovermi meglio? forse alla mia età e non conoscendo l'arabo è un pò tardi.

Basta il francese .

quello lo sto studiando di nuovo dato il tempo passato sui libri di scuola. :-)

Da buon "montato" romano ho stabilito (nella mia testa) che avendo noi (romani) conquistato la gallia ed avendo fatto anche le crociate e le guerre puniche, siamo noi che dobbiamo parlare il nostro "italico" e gli altri devono capirlo, di certo non mi metterò mai a 58 anni a fare i compiti per casa ma preferisco che siano gli altri a capirmi e io a divertirmi, se non vogliono farsi capire e parlano arabo… noi parliamo italiano velocemente e non ci capiscono anche loro :D .
Dopo questa premessa per la lingua parliamo del tema del forum. La lingua nella quale DEVE essere scritto il contratto è unicamente il francese, il contratto deve avere valenza almeno annuale, deve essere registrato alla recette de finance, finchè non lo registri non ha nessun valore e non come una nostra "pseudoamica" che cercava a fronte di un contratto che non volevamo firmare di spingerci con mille sotterfugi a fare una dichiarazione per farci pagare la penale "inesistente" al padrone di casa e farci una bella figura. Quando si prende la casa bisogna verificare tutti gli impianti e le utenze, prendere le letture dei contatori di acqua, luce e gas, far pagare al padrone di casa queste utenze in modo da partire da zero con i nostri consumi, dare il meno possibile come caparra ma mai oltre le due mensilità, fare disdetta per tempo con raccomandata menzionando anche che le mensilità di caparra andranno a scalare negli ultimi due mesi e lasciare la casa al migliore dei modi. Penso che sono comunque le norme di base che ogni persona civile deve adottare in questi casi.

Buongiorno a tutti
I fatti risalgono a 6-7 mesi fa quando ero alla ricerca della casa ad Hammamet.
Scortato amorevolmente da un paio di colleghi già residenti contattiamo due delle agenzie immobiliari del posto che vanno molto di moda , e poi qualche proprietario direttamente tramite annunci lasciati a fianco all'immobile.
Ne visito una quindicina prima di prendere la fatidica decisione.
Zona centro (corniche, stadio, lungomare etc)
Tre o quattro  volte mi propongono nel caso la trattativa vada a buon fine di registrare il contratto annuale, e poi in seguito all ottenimento del permesso di soggiorno di "deregistrare" lo stesso ,dopo un paio di mesi,  in modo che il proprietario non debba pagare le tasse sull'affitto.
Rimango perplesso dalla proposta !
Chiedo chi dovrebbe poi recarsi alla recepte de finanze a compiere materialmente l'atto.
Risposta : tu!
Faccio presente che il mio permesso di soggiorno si regge su due presupposti :il contratto di affitto annuale  registrato e il conto corrente bancario !
Risposta : tanto non controlla nessuno !
Ribadisco che non intendo rendermi complice di un evasione fiscale !
Risposta :molti tuoi connazionali lo accettano ed ottengono uno sconto sull affitto.
Ribadisco che non sono disponibile.
Risposta : allora oltre all affitto  paghi anche le mie tasse !
La trattativa finisce lì .
Giro il culetto e me ne vado !
Premetto che in due di questi casi era presente la ragazza dell'agenzia che non ha fatto una piega !
Finalmente trovo la casa che mi piace, faccio il contratto in francese ,lo registro, il proprietario è una persona corretta e gentile .....e vissero tutti felici e contenti!
P.S. inutile dire che un paio di mesi fa restituendo il favore accompagno due ex colleghi alla ricerca della casa !
.......siamo "inciampati" ancora nella stessa richiesta !
Buona domenica!

:cool:   Ehhh gia', Hammamet e' proprio il masssssimo (e non dico di cosa  :D ) ...

:/  Indubbiamente Hammamet, essendo meta -marina-turistica, acclarata da decine di anni, dal panorama internazionale, risulta un pò più cara di altre mete...... E  ci può stare, in considerazione dei numerosissimi "Servizi" che offre, (x numerosi pensionati europei anziani), rispetto ad altre località, dai costi immobiliari molto più bassi;
Non solo i Servizi, ma pure la migliore  "Logistica" / distanza - dall'Aeroporto principale di Tunisi e dal porto de la Goulette.
A Me, differentemente da Laviniavirginia e dal Suo "Calvario" subito, preme smentire che ad Hammamet vi sia il "MASSIMO" di episodi disdicevoli, infatti a Me ed altri conoscenti & Amici Italiani ed una Signora Svizzera, in questi anni, son capitati dei proprietari di abitazioni Onesti, dal punto di vista di  Truffe da locazioni....... Intendiamoci: x la Ns/ mentalità Europea rimane intollerabile il fatto endemico & patologico, che rappresenta una loro .... "Costante",  che certe cose da fare e/o che debbono essere fatte, vengono fatte con i loro "Tempi" (Inc'Halla)........... Poi, da racconti ricevuti, gente disonesta, aggravata e non giustificata dalle "povertà" esistenti,  esiste anche in altre mete Tunisine, Mentre Quì in Hammamet, episodi di criminalità, e/o omicidi, come ne succedono nella capitale e nelle città più a Sud, NON ne ho visti, e questo Grazie all'Ottimo Controllo del Territorio, e vigilanza svolto dagli organi di Polizia, (dei turisti, stradale e Guardia Nazionale)    :one  :cheers:

Biserta, La Marsa, Cartagine ... tutti posti altrettanto -se non anzi ben più- abituati, agli europei. E c'è pure stato un tempo, prima della "rivoluzione" in cui a Kelibia vivevano tantissimi italiani (e francesi poi, ovunque).

chiedo scusa ma quando elogiate così Hammamet parlando di servizi, di elite, ecc. ecc. ma parlate della stessa Hammamet paesone provinciale, caotica e trasandata che conosco io e tutto il resto dei residenti in Tunisia che non abitano ad Hammamet?

Buongiorno a tutti
Ho riportato la mia esperienza dopo una una profonda e meditata riflessione , sull'opportunita' soltanto per rimanere "in topic" con quanto suggerito da Francesca: possibili truffe e segnali di allarme !
Lungi da me qualsiasi considerazione morale o sociale dei fatti !
Sono Italiano, lo sarò  per tutta la vita , sono consapevole che nel mio paese si evadono150- 200 miliardi di euro "STIMATI"  di tasse all'anno, dove ogni giorno ci sono indagini e arresti per corruzione !
E volete che mi sorprenda una richiesta come quella che mi è stata proposta?
Via su! Ho visto di peggio nel bel Paese!
Partecipare o prestarsi anche inconsapevolmente a certe pratiche può  dar luogo a spiacevoli inconvenienti se la cosa viene scoperta !
Di sicuro personali ma per certi versi anche "collettivi" , intesi nel senso di collettività!
Nella mente di chi controlla e reprime certe cose, da scoprire qualche "caso" a magari generalizzare perché "cosi fan tutti " il passo è  breve !
Questa è  la nostra responsabilità individuale!
Evitare che certi comportamenti personali influiscano e squalifichino la considerazione e la vita  degli altri connazionali.
Quando sono all'estero  "IO" sono l'italia.
Dai miei comportamenti viene giudicato il mio Paese ed i suoi cittadini!
una bella responsabilita'!
D'altra parte anche noi ragioniamo spesso così in riferimento  a persone di altra nazionalità,  generaliziamo !!
Lungi da me fare prediche o pistolotti !
L'intervento era solo per esprimere meglio il mio pensiero , circa i fatti da me riportati.
Dopodomani rientro ad Hammamet.
Vedete di impegnarvi da quelle parti e fatemi trovare un bel sole !!!!  ;)  ;)
Non ne posso più  del  freddo , la neve , la grandine e i temporali  degli ultimi 10 giorni nel Nord-est !
Buona giornata

:D Dardo01,
Tranquillo pure TE, che qui, sulla costa, a parte alcuni giorni battuti da forti venti da SO o NO, con raffiche fino a 65 Km. Poche nubi, qlc. Oretta di pioggia, ma sempre sole e temperature max da 19 a 25°.......😱 rispondendo al buon Anton da Sousse, scrivo che x Me, con una pensione meno privilegiata di un "militare", pagare certe prestazioni sanitarie come un Tiket italiano, NON si tratta affatto di "Elite" come 2 gg. di ricovero con possibilità di scelta di cliniche private, (più o meno care), e x carità, nessun elogio del provincialismo, ognuno fa le sue valutazioni e le Sue scelte e vivrà dove si trova meglio, debbo riconoscere però che il "caotico ed il trasandato", la municipalità di Hammamet, lo sta' abbandonando, con un miglior attivismo, dovuto sicuramente ai maggior introiti di Tasse dei numerosi pensionati esteri residenti, rispetto ad altre città Tunisine...... (sintomatici sono le scarse zone "franche" di sporcizia ed i miglioramenti di decoro urbano pubblici).

Dai Enrico che si ricomincia con le nostre escursioni sulle colline di Hammamet!

:D Giusto, Paolo......
Non vedo l'ora, che, un' altro  "compagno de merende" x camminare come TE, (ex militare ed ex civile), NON l'ho ancora trovato in 3 anni ad Hammamet e dintorni.....NON riesco ancora a comprendere il "SEDENTARISMO" eccessivo, da parte di molti colleghi pensionati, che preferiscono i Bar alle escursioni Naturalistiche...... :dumbom:

Per quanto però riguarda le tutto sommato brevi distanze dall'aeroporto di Tunisi, Hammmamet non ne ha il primato. Sinceramente, credo (e constato sul terreno e per quello che dicono di preferire) che sia soprattutto il fatto di una cospicua comunità di italiani già presenti, ad attirarne altri e di continuo...

Francesca poneva la domanda circa le truffe immobiliari...Ebbene, gli italiani si ritrovano, fatte salve le solite eccezioni, in una specie di botte di ferro. I Tunisini o meglio ancora i hammamettois questo lo sanno. Fra Associazioni varie e Patronato e conoscenze, dai, non ho certo bisogno di dilungarmi oltre....

Fatto sta che io non essendo né italiana né francese (con Ambasciate di peso alle spalle) ne ho pagato -oltretutto come donna e non accompagnata...- non già un alto, bensì un altissimo scotto.
Anche perché quella criminale perversa, non soltanto con soldini, bensi con amicizie di alcova di peso, oltre a derubarmi e fare stalking, ha pure pensato bene di diffamarmi e per un po' di tempo (per me, lunghi mesi) trovando credito e quindi io senza più poter trovar casa per parecchio tempo (8 mesi!!).
Ma non si è potuta liberare di me.
Io resto e finché non le tocchera' in sorte quanto si merita. "Solo" ho da recarmi ogni tanto con una letterina alla segreteria del Procuratore della Repubblica...
Purtroppo c'era stato lo sciopero di tutti i funzionari di quel ramo.... Ma non demordo perché qui sempre speculano che si lasci cadere... Forse i tunisini lasciano cadere, ma non la sottoscritta. Di fatto, è quanto mi si e' raccomandato: stancali, non lasciare che il tuo dossier resti in fondo alla pila. Premi e non mollare.
No problem! Non ho difficoltà alcuna a stilare le varie versioni di letterine a mo' di pressione...educata ma senza mezzi termini.

Quindi ... non rischio di annoiarmi e resto sul ring. Le sfide le vivo come stimolo. Eppoi... qui vivo ormai tutto come una partita a scacchi e mi diverte vedere certi musetti attoniti, di gentuzza del posto (al maschile) che troppo dava x scontato che "una estranea, anziana sola è fottuta... e me la mungo e rigiro a piacimento".
Per cui, se prima la folle che mi diffamava diceva di non darmi casa perché non pagherei l'affitto e che (io!!) l'avevo derubata, adesso la voce che circola fra loro ("il circolo") su di me è un'altra: 
"Fa attenzione perché è pericolosa" e intendendo con cio' che sono tosta, che capisco al volo e che oltre a sapermi difendere, attacco eppoi non mollo"   :D  :whistle:

Tanto per chiarire: i contratti di affitto non hanno l'obbligo di registrazione. Non sarebbe neppure richiesta la legalizzazione della firma. Basterebbe un atto privato (sous seing).

Chi vuole ottenere il permesso di soggiorno deve far legalizzare le firme. Conseguenza: il proprietari, da un paio d'anni a questa parte, per poter firmare deve portare la ricevuta delle tasse sulla casa pagate.

Poi, e vale solo per gli italiani, per chiedere l'attestazione di residenza fiscale ci viene richiesto di registrare il contratto.

Conseguenza: il reddito relativo in capo al proprietario diviene a quel punto evidente al fisco tunisino. E il proprietario dovrebbe pagarci le tasse.

I proprietari di casa in generale, quando stabiliscono il canone di locazione, non mettono in conto di doverci pagare le imposte (tasso di evasione/elusione in Tunisia: 70%). Quindi fanno conto che quando chiedono X, questo X sia il loro ricavo netto.

Conseguenza delle conseguenze: a quel punto (e tutto sommato anche legittimamente) loro chiedono un incremento dell'affitto (di solito attorno al 10-15%, che, attenzione, salvo che per canoni molto bassi poco sopra la sogli dei 5.000 DT esenti da imposta, non corrisponde alla totalità delle tasse da pagare su quel reddito, anche ammettendo che fosse l'unico dichiarato).

Quindi non c'è nessuna truffa.

L'escamotage citato nasce dal fatto che alla richiesta di aumento del canone l'italiano di turno usualmente si rifiutava e i tunisini, bravi in questo come gli italiani, hanno trovato la soluzione.

Tanto più che nella maggior parte dei casi la prima locazione non supera il primo anno e il contratto successivo viene semplicemente stipulato con semplice legalizzazione delle firme.

Nulla vieta all'italiano di accettare il canone maggiorato e non "prestarsi" quindi ad alcun tipo di avallo di questa procedura. Oppure, come nel caso in questione, girare i tacchi e cercare altrove un proprietario che (e ce ne sono, sebbene una minoranza) non faccia questioni in quanto paga le sue tasse e ha già stabilito il canone di affitto tenendone debito conto.

Anche perché se l'italiano volesse, ad esempio, domandare ogni anno, dopo aver pagato le tasse, richiedere un'attestazione di residenza fiscale da conservare in un fascicolo in caso di future eventuali richieste da parte italiana, dovrà presentare un contratto valido e correntemente registrato.

:thanks: Lavinia.... Concordo con te,... Chi la dura... La vince! 😜 È solo in questo modo, le pessime abitudini di un popolo, si modificano in meglio...... Anche se, x esperienza personale in Italia, NON ci riuscii a causa di una magistratura collusa con certi poteri, locali  e nazionali.... NON so' in CH,..... Ma se ci troviamo qui'  Expa, un motivo ci sarà No? 😱

Enrico E. :

:thanks: Lavinia.... Concordo con te,... Chi la dura... La vince! 😜 È solo in questo modo, le pessime abitudini di un popolo, si modificano in meglio...... Anche se, x esperienza personale in Italia, NON ci riuscii a causa di una magistratura collusa con certi poteri, locali  e nazionali.... NON so' in CH,..... Ma se ci troviamo qui'  Expa, un motivo ci sarà No? 😱

Beh, non tutti ce ne stiamo qui x gli stessi motivi... Io per tutt'altri che i vostri...
E la CH ?  Niente di simile. Niente "collusioni"...   CH e Danimarca sono gli unici paesi europei in cui le cose vanno come altrove neppure le si puo' concepire...
Io vivevo pero'  in Spagna da 26 anni e quindi...tutt'altra storia...  Ma qui si sta trattando della Tunisia ... non di altro o di altrove...  e se io ci devo stare almeno ancora per un po', non e' di certo con la pia illusione che "le pessime abitudini di un popolo si modifichino in meglio".  Questa e' un'idea che impera in molte "culture" e tendenze, quella di pensare e credere che si possano modificare o far cambiare gli altri.  Non per altro si dice : "se vuoi cambiare il mondo, cambia ((prima))  te stesso"... 

Quello che invece puo' fare funzionare qualcosina in meglio qualcosa/qualcuno, e' dimostrare (piu' con i fatti e con i comportamenti coerenti) che "con me sara' meglio x te che non ci provi ((o...riprovi))"  sottindendendo : con le tue balle.   E' quindi opportuno pensare bene prima di parlare, e fare pero' esattamente quello che si e' detto.  E mi spiego meglio:
Di solito, la tendenza loro e' dire, disdire e dire ...con falso scandalo e sorpresa finta che "mai avrebbero detto  xx o zz"....    Io allora circolo praticamente sempre con bloc-notes e ... faccio firmare ... Non firmano?  Dico -sempre con una calma serafica e il sorriso:  "aha, dunque quello che hai detto non vale niente"...
Pero' quando io dico e avviso, aggiungo "ricordatene, perche' io dico e faccio poi invece anche davvero, lo sai ! "... Risatina e promessa e' allora la reazione,  ma io so gia' in anticipo che non si atterra' (le pessime tendenze e abitudini sono radicatissime e in ogni caso funzionano con piloto automatico) ...

Quindi  mantengo poi pero' io, invece, quanto detto come info-avvertimento.   Non e' quindi affatto cosi che loro cambino per davvero.... . E' piuttosto che ...mi temono perche' sanno che con me non funziona come  vorrebbero e allora , per es. ho il mio nuovo padrone di casa in pugno perche' lui non sa che io so che....avendo lui gia' due processi in corso  (uno per avergli fatto causa la ex-moglie straniera, l'altro x tutt'altro...), basta che ci sia un'altra persona che abbia qualcosa da rimproverargli (mettiamo ...  causa "tentativo di estorsione" ?) e finisce in carcere senza neppure trovarsi seduto in tribunale  x un processo...  Fa quindi presa un accenno a quello che allora farei o direi e a chi....
NB:  A me non piace vivere cosi e infilarmi panni del genere, pero' si vede che dovevo imparare a farlo e anche a saper convivere con simili "forze della natura" e proprio  x sviluppare ķjforza e resistenza, senza lasciarmi abbattere.  Semplicemente, un giorno mi sono accorta di come fossi cambiata (io, non loro) e di come nella vita ogni situazione possa essere e di fatto vada vissuta come una sfida.  E...le sfide vanno quindi assunte con il proposito di vincerle...non contro altri, bensi' a favore di se'...almeno nella tempra...  ;)

Nuova discussione