Sistema fiscale in Nuova Zelanda

Pagare le tasse in Nuova Zelanda
Shutterstock.com
Pubblicato 2023-07-19 12:06

Non importa che lavoro fate, o che tipo di visto avete, la cosa certa è che dovrete versare parte del vostro reddito nel sistema fiscale neozelandese. Come succede nella maggior parte dei paesi, anche la Nuova Zelanda ha un regime fiscale progressivo, il che significa che le aliquote aumentano a seconda del reddito.

La buona notizia è che le percentuali delle aliquote sulle quali vengono calcolate le imposte sul reddito in Nuova Zelanda sono inferiori alla media dei paesi sviluppati. Secondo i dati dell'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE), nel 2020, la media internazionale dell'aliquota per la fascia di reddito più alta era del 37,8%. Bene, in Nuova Zelanda la percentuale si attestava al 33%.

Richiesta di un codice fiscale

Gli expat che vivono in Nuova Zelanda per poter lavorare, percepire reddito e godere dei benefici messi a disposizione dal paese, devono richiedere un numero IRD (Inland Revenue Department), ovvero un numero di identificazione univoco assegnato appunto dall'IRD, che viene utilizzato per tenere traccia sia degli obblighi che dei diritti fiscali.

Per richiedere un numero IRD in quanto stranieri, dovrete compilare l'apposito modulo e inviarlo all'IRD insieme a tutta la documentazione di supporto richiesta. Il modulo si trova sul sito web dell'IRD, o anche presso un PostShop o un centro per la patente di guida AA.

In generale, i dati che dovrete fornire per richiedere il numero IRD sono i seguenti:

  • I vostri dati personali, incluso nome/cognome, data di nascita e contatti
  • Il numero del vostro conto in banca neozelandese oppure un modulo di adeguata verifica della clientela (se ancora non avete un conto in banca)
  • Una prova della vostra identità, come passaporto o altro documento rilasciato da un ente governativo
  • Prova del vostro stato d'immigrazione, come un visto studentesco o lavorativo
  • Qualsiasi altra informazione o documentazione rilevante richiesta dall'IRD

Notate bene che in fase di richiesta del numero IRD potrebbe essere necessario fornire copie originali dei documenti, e che l'istituto potrebbe richiedervi della documentazione aggiuntiva.

Dopo aver inviato la domanda e la documentazione di supporto, l'IRD elaborerà la vostra richiesta e, se considerati idonei, vi rilascerà il codice identificativo. Questo solitamente viene spedito via mail o SMS entro due giorni, e successivamente riceverete una conferma ufficiale via posta entro dieci giorni lavorativi.

Buono a sapersi:
Se iniziate a lavorare prima di aver ottenuto il numero IRD, la tassazione sarà del 45%.

Pagare le tasse in Nuova Zelanda

L'anno fiscale in Nuova Zelanda va dal 1 aprile al 31 marzo. Se siete lavoratori dipendenti, le tasse verranno detratte automaticamente dal vostro stipendio senza che voi facciate nulla. Se invece siete lavoratori autonomi, dovrete tenere traccia dei vostri introiti e presentare una dichiarazione dei redditi individuale (IR3) alla fine dell'anno fiscale, dalla quale si evincerà quante tasse dovrete pagare e se, eventualmente, vi sono dovuti dei rimborsi fiscali.

Quando iniziate un nuovo lavoro, dovete compilare il modulo IR330, che generalmente vi viene fornito dal datore di lavoro stesso. Questo serve a voi, per dichiarare il codice fiscale ed essere tassati secondo il giusto importo. Se non siete sicuri di quale sia il vostro codice, potete servirvi del calcolatore online di codici fiscali che trovate sul sito web dell'IRD. La maggior parte dei dipendenti avrà i codici M o ME.

Codici fiscali

In Nuova Zelanda esistono diversi codici fiscali, quello che vi verrà assegnato sarà individuale, e dipenderà dalle vostre circostanze specifiche. Alcuni dei più usati sono i seguenti:

M: questo codice viene utilizzato per le persone che percepiscono un salario o uno stipendio e non hanno crediti d'imposta o esenzioni; in sostanza, è quello utilizzato per la maggior parte dei dipendenti.

M SL: questo, invece, è assegnato a chi riceve un salario o uno stipendio e ha anche crediti o esenzioni fiscali che non vengono richiesti tramite il datore di lavoro. Questo codice fiscale vi consente di richiedere i crediti d'imposta o le esenzioni direttamente con l'IRD, senza passare per il datore di lavoro.

M X: questo codice fiscale viene utilizzato per le persone che ricevono un salario o uno stipendio e hanno ricevuto un riepilogo di pagamento (precedentemente noto come riepilogo fiscale PAYE) dall'IRD. Con questo codice fiscale potrete richiedere i crediti d'imposta o le esenzioni direttamente all'IRD, senza passare per il datore di lavoro.

ME: questo è il codice fiscale dei lavoratori autonomi o di coloro che percepiscono entrate da altre fonti, come l'affitto o i dividendi.

M SLR: questo codice fiscale è per coloro che ricevono un salario o uno stipendio, hanno crediti d'imposta o esenzioni che non vengono richieste tramite il datore di lavoro e che hanno ricevuto anche un riepilogo di pagamento (precedentemente noto come riepilogo fiscale PAYE) dall'IRD. Questo codice fiscale vi consente di richiedere i crediti d'imposta o le esenzioni direttamente presso l'IRD, senza passare per il datore di lavoro.

È importante sapere che i codici fiscali possono cambiare nel tempo, e potrebbe essere necessario aggiornarli qualora le circostanze cambino. Se avete dubbi su quale sia il codice fiscale più indicato alla vostra situazione, o avete domande sul sistema contributivo, potete contattare l'IRD per tutte le informazioni.

Aliquote delle imposte sul reddito in Nuova Zelanda

Le aliquote, e le soglie specifiche delle imposte sul reddito, dipendono dal reddito imponibile che guadagnate in un determinato anno.

Per l'anno fiscale 2021/22, le aliquote in Nuova Zelanda erano le seguenti:

  • 10,5% sul reddito fino a 14.000 dollari NZ
  • 17,5% sui redditi compresi tra 14.001 e 48.000 dollari NZ
  • 30% sui redditi compresi tra 48.001 e 70.000 dollari NZ
  • 33% su entrate superiori a 70.000 dollari NZ.

È giusto considerare che queste aliquote fiscali si applicano solo al reddito imponibile, ovvero l'importo del vostro reddito dopo aver sottratto eventuali detrazioni o esenzioni alle quali avete diritto. Il reddito imponibile determina la vostra responsabilità fiscale, in altre parole, si tratta dell'ammontare sul quale viene calcolata l'imposta contributiva che dovete versare in base alla fascia di reddito e all'aliquota fiscale applicabile.

Oltre a queste aliquote, la Nuova Zelanda ha anche un sistema di credito d'imposta, che consente ai contribuenti di richiedere un credito per l'imposta che hanno pagato sul proprio reddito. L'importo al quale avete diritto dipende dal vostro reddito imponibile e dal numero di crediti. Questo sistema è concepito per ridurre l'onere fiscale complessivo che grava sui contribuenti, in particolare quelli con redditi ridotti.

Queste aliquote e soglie di imposta sul reddito sono soggette a modifiche e potrebbero essere diverse nei futuri anni fiscali. È sempre bene rimanere aggiornati sulle ultime leggi e politiche fiscali della Nuova Zelanda per essere certi di versare l'importo contributivo corretto.

Ottenimento di un rimborso fiscale in Nuova Zelanda

In Nuova Zelanda, i rimborsi fiscali sono pagamenti che l'IRD emette a persone o aziende che hanno pagato più tasse del dovuto in un determinato anno fiscale. I rimborsi sono previsti sia per i dipendenti che per i lavoratori autonomi, a seconda delle circostanze specifiche.

Per i dipendenti, i rimborsi vengono emessi se l'importo dell'imposta trattenuta dalle buste paga durante l'anno è stata superiore al dovuto, in base al loro reddito imponibile. Ciò può accadere se un dipendente ha più fonti di reddito o richiede crediti d'imposta o detrazioni che riducono l'importo dell'imponibile.

In generale, se vi spetta un rimborso fiscale non dovete fare nulla. L'IRD effettuerà il calcolo e, successivamente, emetterà il rimborso di quanto dovuto direttamente sul vostro conto. Al contrario, se dovete richiedere un credito d'imposta, ritenete di essere stati tassati secondo un'aliquota errata o avete altri motivi per richiedere un rimborso, dovrete presentare la dichiarazione dei redditi all'IRD. Potete farlo online utilizzando il servizio myIR, o compilando una dichiarazione dei redditi cartacea e inviandola per posta all'IRD. Se avete diritto a un rimborso fiscale, l'istituto emetterà il pagamento ? in genere tramite bonifico diretto o a mezzo assegno.

Per i lavoratori autonomi, i rimborsi sono previsti qualora durante l'anno abbiate già versato l'acconto, ma il vostro reddito imponibile risulta essere inferiore alla stima. L'acconto è un versamento d'imposta richiesto ai lavoratori autonomi che fa riferimento al reddito stimato su un anno intero, per cui si versa questo acconto invece di aspettare fino alla fine dell'anno fiscale per pagare le tasse sul reddito effettivo. Qualora risultasse che il reddito imponibile del lavoratore autonomo sia inferiore al pagamento provvisorio fatto con l'acconto, questi ha diritto ad un rimborso fiscale.

Per richiedere un rimborso fiscale come lavoratore autonomo, dovrete presentare la dichiarazione dei redditi all'IRD, includendo i dettagli sulle entrate e le spese annuali. Una volta effettuati i controlli, l'IRD procederà ad emettere il pagamento - sempre tramite bonifico o assegno.

Buono a sapersi:
È da sottolineare che i rimborsi fiscali sono disponibili solo per individui o aziende che hanno pagato più tasse di quelle dovute. Se, al contrario, non avete versato l'intero importo dovuto, potrebbe esservi richiesto di pagare delle tasse aggiuntive alla presentazione della dichiarazione dei redditi. Per evitare questa spiacevole situazione, assicuratevi di essere registrati con il codice fiscale corretto. Se siete lavoratori autonomi, calcolate in anticipo l'ammontare delle tasse che dovrete pagare, in modo da non essere colti alla sprovvista a fine anno! A questo proposito, segnaliamo l'app Hnry, un valido strumento che vi aiuterà a tenere i conti sotto controllo.

GST in Nuova Zelanda

In Nuova Zelanda, l'imposta sui beni e servizi (Goods and Services Tax) è un'imposta sul valore aggiunto applicata alla maggior parte dei beni e servizi venduti nel paese. L'aliquota di questa tassa attualmente è del 15%.

La GST si applica ai lavoratori autonomi e ai liberi professionisti nello stesso modo in cui si applica ad altre imprese. Se siete lavoratori autonomi o liberi professionisti, e vendete beni o servizi soggetti a GST, siete tenuti a riscuotere la GST dai clienti e a versarla all'Inland Revenue Department (IRD). Se la vostra azienda ha un fatturato imponibile annuale di 60.000 dollari NZ ? o più ?, siete tenuti a registrarvi per la GST presso l'IRD.

Se già siete registrati per la GST, avete l'obbligo di presentare regolare dichiarazione presso l'IRD in cui verrà riportata la GST che avete riscosso dai vostri clienti e quella versata a pagamento delle spese aziendali. Siete, inoltre, tenuti a pagare qualsiasi GST che l'IRD riscontri nel momento in cui presentate la dichiarazione dei redditi.

Come nei casi precedenti, se doveste aver pagato più GST di quanto effettivamente dovuto, potete chiedere un rimborso all'IRD, sempre presentando la documentazione che comprovi l'eccesso pagato. Successivamente ai dovuti riscontri, l'IRD provvederà ad emettere il rimborso.

È importante sapere che la GST si applica alla maggior parte dei beni e servizi venduti in Nuova Zelanda, ma ci sono alcune eccezioni. Ad esempio, alcuni tipi di servizi finanziari ed esportazioni non sono soggetti a GST. Pertanto, è sempre una buona idea familiarizzare con le normative relative alla GST, applicate alla vostra attività, in modo da essere certi di rispettare la legge.

Imposte societarie in Nuova Zelanda

L'attuale aliquota dell'imposta sulle società, in Nuova Zelanda è del 28%, applicabile a tutti i tipi di società, comprese quelle residenti e non. La Nuova Zelanda ha anche un sistema ad imputazione dei dividendi, il che significa che le società possono attribuire crediti di imputazione ai dividendi pagati ai propri azionisti. Tali crediti rappresentano l'imposta pagata dalla società sui propri redditi e possono essere utilizzati per ridurre il debito d'imposta dei soci.

Oltre alle imposte, le società in Nuova Zelanda sono tenute a pagare anche la GST e le tasse relative al datore di lavoro come i contributi Pay-As-You-Earn (PAYE) e KiwiSaver.

Se siete in Nuova Zelanda per fare affari o lavorare per una società con sede sul territorio, ci sono alcune cose fondamentali da sapere riguardo alle imposte sulle società:

Residenza fiscale: in Nuova Zelanda, una società è considerata residente fiscale se costituita nel paese o se la sua gestione centrale viene effettuata su territorio neozelandese. Se lavorate, in quanto expat, presso una di queste società, la vostra residenza fiscale dipenderà da vari fattori, come la durata del vostro soggiorno in Nuova Zelanda e i legami che avete nel paese.

Accordi sulla doppia tassazione: la Nuova Zelanda ha degli accordi con diversi paesi atti ad evitare che lo stesso reddito venga tassato due volte. Questi accordi generalmente forniscono regole per determinare quale paese ha il diritto primario di tassare determinati tipi di reddito.

Crediti d'imposta esteri: se siete expat impiegati per una società neozelandese, potreste essere in grado di richiedere un credito d'imposta estero per qualsiasi imposta sul reddito pagata nel vostro paese d'origine. Questo è senz'altro utile a ridurre la vostra responsabilità fiscale in Nuova Zelanda.

Tassazione sugli investimenti: se possedete azioni di una società neozelandese o investite in un fondo gestito da una compagnia con sede in Nuova Zelanda, potreste essere soggetti all'imposta neozelandese su eventuali dividendi o plusvalenze.

Tassa sulla proprietà in Nuova Zelanda

In Nuova Zelanda, l'imposta sulla proprietà viene riscossa in base al valore capitale di una proprietà, ed è nota come "rates" o "local government tax". Questa tassa viene pagata all'amministrazione locale nella zona in cui si trova la proprietà, ed è utilizzata per finanziare servizi locali come la raccolta dei rifiuti, la manutenzione dei parchi e delle strutture ricreative e quella delle strade. L'importo di questa imposta dipenderà quindi dal valore della proprietà e dall'aliquota fiscale dell'amministrazione locale.

In quanto expat, è importante essere consapevoli del fatto che la tassa sulla proprietà in Nuova Zelanda viene valutata ogni anno, ed è responsabilità del proprietario pagarla. Se possedere una proprietà in Nuova Zelanda da expat, dovrete versare questa imposta in modo tempestivo, altrimenti verranno applicate sanzioni e more.

Buono a sapersi: la Nuova Zelanda non applica l'imposta di bollo sui trasferimenti di proprietà, il che significa che non ci sono tasse aggiuntive quando si acquista o si vende una proprietà.

Facciamo del nostro meglio per fornire informazioni aggiornate ed accurate. Nel caso in cui avessi notato delle imprecisioni in questo articolo per favore segnalacelo inserendo un commento nell'apposito spazio qui sotto.