Cercare lavoro in Spagna

Shutterstock.com
Aggiornato 2021-10-21 15:44

La pandemia del COVID-19 ha messo a dura prova la Spagna, colpendo gravemente l'economia e causando la perdita di centinaia di migliaia di posti di lavoro. Tuttavia, grazie alla campagna vaccinale in atto e alla ferma volontà di rialzarsi, la Spagna è sulla buona strada verso la ripresa. E questo si traduce in opportunità di lavoro.

Cercare lavoro in Spagna

Se vuoi trasferirti e cercare lavoro in Spagna, esistono diversi strumenti.

Con molta probabilità inizierai la ricerca usando internet. I portali per il lavoro online sono diversi e tra questi trovi Infojobs, LinkedIn, Monster e Talent Search People). Puoi anche consultare le offerte online pubblicate dalle testate El Pais e El Mundo.

Anche il networking è una valida opportunità per trovare impiego in Spagna. Spargi la voce tra le tue conoscenze professionali che stai cercando lavoro e, se possibile, partecipa a fiere o incontri dedicati. Molte offerte non sono pubblicizzate e l'unico modo per venirne a conoscenza è attraverso le connessioni personali.

Non sottovalutare il valore delle chiamate a freddo. Invia candidature spontanee alle aziende che operano nel tuo settore di specializzazione e chiamale qualche giorno dopo per avere un riscontro. Recati di persona negli uffici delle agenzie per il lavoro, spiega qual è il tipo di impiego che ti interessa e specifica quali sono le tue competenze e aspettative.

La ricerca di lavoro in Spagna potrebbe durare alcuni mesi, la cosa migliore è iniziare mentre sei ancora nel tuo paese d'origine. La maggior parte delle opportunità sono disponibili nei grandi centri urbani.

Indipendentemente dalla tipologia di lavoro che cerchi, sia l'esperienza che una buona padronanza dello spagnolo sono risorse preziose. Se vuoi vivere e lavorare in Catalogna, è consigliata la conoscenza del catalano.

Barcellona e Madrid sono le destinazioni più in voga tra gli stranieri in cerca di lavoro in Spagna. E' importante sapere che gli stipendi offerti sono inferiori rispetto ad altre nazioni. A Barcellona hanno sede un centinaio di start-up, call center di aziende europee e compagnie che lavorano nel settore del marketing.

Il tuo CV per la Spagna

Per poter essere considerato, il tuo curriculum vitae deve distinguersi. Assicurati che non superi le due pagine A4 e che sia scritto in spagnolo corretto, senza errori grammaticali o di sintassi. Inserisci le tue qualifiche, corsi di formazione o professionali (se ne hai fatti) e una foto formato tessera. Non è obbligatorio allegare la fotografia ma può aiutare, l'importante è che sia un primo piano o a mezzo busto, e che tu abbia un'aria professionale. La lettera di presentazione non deve essere più lunga di una pagina e il contenuto deve essere formale. Sul sito TopCV controllano gratuitamente il tuo CV quindi approfittane prima di inviarlo.

A Barcellona e Madrid alcune offerte di lavoro sono pubblicate in inglese. In questo caso puoi inviare il tuo CV e la lettera di presentazione in inglese. Tuttavia, scriverli in spagnolo potrebbe darti un netto vantaggio.

Fare domanda per un lavoro in Spagna

Se ti trovi già in Spagna, recati nella più vicina "Oficina de Empleo" (agenzia di collocamento). Non troverai solo le offerte disponibili ma anche consigli utili per la ricerca di impiego e aiuto nello svolgimento della burocrazia.

Buono a sapersi:

Se la tua candidatura ha esito positivo, sarai invitato per un colloquio di lavoro. A causa della pandemia, la maggior parte dei colloqui si svolgono on line su piattaforme di videoconferenza come Zoom. L'esperienza è diversa da un incontro di persona, quindi preparati adeguatamente,

Importante:

Devi sapere che alcune aziende tendono a offrire posizioni con contratto freelance anche se la persona lavora in ufficio e a tempo pieno. Se questo fosse il tuo caso devi registrarti presso l'Agenzia delle Entrate come autonómo (libero professionista) e versare i contributi alla previdenza sociale. L'importo corrisponde a circa 280 euro al mese a meno che il tuo reddito non sia inferiore al salario minimo. Puoi pagare con addebito diretto.

Come autonómo, non hai diritto all'indennità di disoccupazione, anche se hai versato contributi per anni. Puoi però pagare una cifra supplementare ogni mese da riscattare nel caso in cui perdessi il lavoro.

Informazioni per i cittadini dell'UE e del SEE

Se sei un cittadino straniero proveniente da un paese dell'Unione Europea/Spazio Economico Europeo, avvaliti del supporto del Portale Europeo per la Mobilità sul Lavoro dove trovi molte informazioni sul mercato del lavoro spagnolo e un elenco delle posizioni disponibili.

Tieni presente che può essere difficile trovare un lavoro in Spagna dall'estero, data la burocrazia e le formalità da svolgere. Per saperne di più sulle opportunità di lavoro offerte dal mercato, contatta la Camera di Commercio spagnola nel tuo paese d'origine.

Indirizzi utili

Oficina empleo - Agenzia nazionale di collocamento

Servicio público de Empleo Estatal

Ministerio de Trabajo, Migraciones y Seguridad Social

Eures - Portale Mobilità Europea

Infojobs

LinkedIn

Monster

Infoempleo

Bolsa de trabajo

Trabajo.org

Trabajando

Indeed

Facciamo del nostro meglio per fornire informazioni aggiornate ed accurate. Nel caso in cui avessi notato delle imprecisioni in questo articolo per favore segnalacelo inserendo un commento nell'apposito spazio qui sotto.