DICHIARAZIONE DEI REDDITI (IRS) PORTOGHESE 2020

Ciao a tutti,
prendo spunto da un'altra discussione per condividere qualche info.
L’emergenza sanitaria da Coronavirus oltre a creare dolore e preoccupazione in tutti noi, sta anche rendendo più difficile ottemperare agli obblighi di legge a cui siamo soggetti e ai quali siamo chiamati a rispondere entro i termini previsti.
Tra le varie scadenze ve ne è una di particolare importanza che vorrei segnalarvi: la DICHIARAZIONE DEI REDDITI PORTOGHESE (declaração de IRS).

LINEE GUIDA PER I PENSIONATI ITALIANI RESIDENTI IN PORTOGALLO

Chi deve presentare la dichiarazione dei redditi 2020 per le competenze 2019?
Tutti coloro che hanno ottenuto la residenza fiscale portoghese entro il 31/12/2019

Deve presentare la dichiarazione dei redditi anche chi ha maturato meno di 183 giorni nell’anno fiscale 2019?
Sì, nonostante l’anno fiscale non sia frazionabile è necessario presentare la dichiarazione anche per un solo giorno.

Cosa accade se non presento la dichiarazione dei redditi?
Esattamente come in Italia, prima o poi verrà richiesta e l’anno successivo non verrà accettata la nuova dichiarazione a causa dell’inadempienza arretrata. Ovviamente si potrà porre rimedio ma con tutte le complicazioni del caso.

Perché è così importante presentare la dichiarazione dei redditi in Portogallo anche se la risultanza delle tasse dovute è pari a ZERO?
I motivi sono due, di cui il primo è certamente un’ovvietà, il secondo invece è un dettaglio a cui spesso non si pensa ma che potrebbe rivelarsi fondamentale per non avere problemi in futuro:
1.    (Quello ovvio) è che la normativa fiscale portoghese lo richiede e visto che la popolazione locale ha accolto noi italiani a braccia aperte e con grande rispetto, noi dobbiamo ricambiare e rispettare le loro leggi.
2.    (Quello meno ovvio ma per chi è del settore il più rilevante) in caso di controlli a campione da parte dell’Agenzia delle Entrate, vi potrebbe giungere una richiesta di accertamento. In tal caso la documentazione da inoltrare non si limita al contratto di affitto, ai versamenti di pagamento verso il proprietario ecc… ma riguardano anche e soprattutto la documentazione fiscale, ovvero dovrete dimostrare di essere soggetti fiscali in Portogallo non solo sulla carta ma anche operativamente. Quindi produrre la ricevuta di accettazione della dichiarazione dei redditi è fondamentale. Segnalo che sulla ricevuta viene riportato un codice progressivo che determina la data di accettazione della domanda. Vine da se che produrre una ricevuta per l’anno 2016 (ad esempio) datata 2020, non è propriamente una mossa a nostro vantaggio.

E’ necessario recarsi fisicamente presso un commercialista o un solicitador?
Assolutamente no, quest’anno anzi è fortemente sconsigliato anche recarsi negli uffici delle Finanze.
Potete contattare via mail o telefonicamente qualsiasi figura professionale che possa svolgere il servizio da remoto. (Per consigli ed informazioni scrivetemi in privato)

Posso presentare la dichiarazione dei redditi tramite Portale delle Finanze?
Sì, il link è il seguente https://www.portaldasfinancas.gov.pt/at/html/index.html accedete con le vostre credenziali e cercate con la lentina  “ declaração de IRS 2020 “ prestate massima attenzione agli annessi di vostra competenza, altrimenti rischierete di vedervi richiedere le tasse come un normale cittadino portoghese non provvisto di RNH!

Devo presentare la dichiarazione dei redditi anche in Italia?
Dipende. Per chi percepisce solo ed esclusivamente redditi da pensione NO, sarà sufficiente e necessaria la dichiarazione portoghese. Per chi invece ha altre fonti di reddito in Italia quali ad es. Partite IVA, immobili di proprietà, redditi da locazioni per immobili di proprietà ecc… sarà ancora tenuto a presentare la dichiarazione dei redditi per la competenza italiana. Per questa potete rivolgervi ad un patronato o al vostro commercialista di fiducia.


In Italia con il Decreto Legge n.18 del 17 marzo 2020 noto come “Cura Italia” relativo alla “Sospensione dei termini degli adempimenti e dei versamenti fiscali e contributivi” si è confermato quanto già previsto dai precedenti decreti, ovvero l’estensione della proroga al 30 settembre 2020.
In Portogallo invece, ad oggi, non è stato emanato alcun decreto di proroga sulla scadenza, anche se probabilmente è un’azione che verrà presa in considerazione nel futuro prossimo; ad oggi sul portale della finanza compare solo un avviso di conferma della data di avvio per le presentazioni, già precedentemente fissata al 1° aprile.

Francesca Galieti

Grazie Francesca per mettere sempre a disposizione la tua professionalità che conosco molto bene😊

Azz! Grazie, sono bloccato in Italia e questo mi era sfuggito. Se non ti dispiace ti chiedo una mano in privato.

io sono in una botte di ferro con la vostra professionalità Francesca 👍🙂

Francesca Galieti ha scritto :

Ciao a tutti,
prendo spunto da un'altra discussione per condividere qualche info.
L’emergenza sanitaria da Coronavirus oltre a creare dolore e preoccupazione in tutti noi, sta anche rendendo più difficile ottemperare agli obblighi di legge a cui siamo soggetti e ai quali siamo chiamati a rispondere entro i termini previsti.
Tra le varie scadenze ve ne è una di particolare importanza che vorrei segnalarvi: la DICHIARAZIONE DEI REDDITI PORTOGHESE (declaração de IRS).

LINEE GUIDA PER I PENSIONATI ITALIANI RESIDENTI IN PORTOGALLO

Chi deve presentare la dichiarazione dei redditi 2020 per le competenze 2019?
Tutti coloro che hanno ottenuto la residenza fiscale portoghese entro il 31/12/2019

Deve presentare la dichiarazione dei redditi anche chi ha maturato meno di 183 giorni nell’anno fiscale 2019?
Sì, nonostante l’anno fiscale non sia frazionabile è necessario presentare la dichiarazione anche per un solo giorno.

Cosa accade se non presento la dichiarazione dei redditi?
Esattamente come in Italia, prima o poi verrà richiesta e l’anno successivo non verrà accettata la nuova dichiarazione a causa dell’inadempienza arretrata. Ovviamente si potrà porre rimedio ma con tutte le complicazioni del caso.

Perché è così importante presentare la dichiarazione dei redditi in Portogallo anche se la risultanza delle tasse dovute è pari a ZERO?
I motivi sono due, di cui il primo è certamente un’ovvietà, il secondo invece è un dettaglio a cui spesso non si pensa ma che potrebbe rivelarsi fondamentale per non avere problemi in futuro:
1.    (Quello ovvio) è che la normativa fiscale portoghese lo richiede e visto che la popolazione locale ha accolto noi italiani a braccia aperte e con grande rispetto, noi dobbiamo ricambiare e rispettare le loro leggi.
2.    (Quello meno ovvio ma per chi è del settore il più rilevante) in caso di controlli a campione da parte dell’Agenzia delle Entrate, vi potrebbe giungere una richiesta di accertamento. In tal caso la documentazione da inoltrare non si limita al contratto di affitto, ai versamenti di pagamento verso il proprietario ecc… ma riguardano anche e soprattutto la documentazione fiscale, ovvero dovrete dimostrare di essere soggetti fiscali in Portogallo non solo sulla carta ma anche operativamente. Quindi produrre la ricevuta di accettazione della dichiarazione dei redditi è fondamentale. Segnalo che sulla ricevuta viene riportato un codice progressivo che determina la data di accettazione della domanda. Vine da se che produrre una ricevuta per l’anno 2016 (ad esempio) datata 2020, non è propriamente una mossa a nostro vantaggio.

E’ necessario recarsi fisicamente presso un commercialista o un solicitador?
Assolutamente no, quest’anno anzi è fortemente sconsigliato anche recarsi negli uffici delle Finanze.
Potete contattare via mail o telefonicamente qualsiasi figura professionale che possa svolgere il servizio da remoto. (Per consigli ed informazioni scrivetemi in privato)

Posso presentare la dichiarazione dei redditi tramite Portale delle Finanze?
Sì, il link è il seguente https://www.portaldasfinancas.gov.pt/at/html/index.html accedete con le vostre credenziali e cercate con la lentina  “ declaração de IRS 2020 “ prestate massima attenzione agli annessi di vostra competenza, altrimenti rischierete di vedervi richiedere le tasse come un normale cittadino portoghese non provvisto di RNH!

Devo presentare la dichiarazione dei redditi anche in Italia?
Dipende. Per chi percepisce solo ed esclusivamente redditi da pensione NO, sarà sufficiente e necessaria la dichiarazione portoghese. Per chi invece ha altre fonti di reddito in Italia quali ad es. Partite IVA, immobili di proprietà, redditi da locazioni per immobili di proprietà ecc… sarà ancora tenuto a presentare la dichiarazione dei redditi per la competenza italiana. Per questa potete rivolgervi ad un patronato o al vostro commercialista di fiducia.


In Italia con il Decreto Legge n.18 del 17 marzo 2020 noto come “Cura Italia” relativo alla “Sospensione dei termini degli adempimenti e dei versamenti fiscali e contributivi” si è confermato quanto già previsto dai precedenti decreti, ovvero l’estensione della proroga al 30 settembre 2020.
In Portogallo invece, ad oggi, non è stato emanato alcun decreto di proroga sulla scadenza, anche se probabilmente è un’azione che verrà presa in considerazione nel futuro prossimo; ad oggi sul portale della finanza compare solo un avviso di conferma della data di avvio per le presentazioni, già precedentemente fissata al 1° aprile.

Francesca Galieti

EduPortogallo ha scritto :

Azz! Grazie, sono bloccato in Italia e questo mi era sfuggito. Se non ti dispiace ti chiedo una mano in privato.

Tranquillo.
Francesca Galieti

@SebyDa, non avevo decifrato il Nick-name  :cheers:
Felice di ritrovarci anche qui!

Ci sono dal 2017 o giù di lì ...
È su questo forum che ho avuto la fortuna di conoscervi grazie a Luited 😃👍
Ho tentato dopo di cambiare il nickname e mettere vero nome ma non ci sono riuscito


Francesca Galieti ha scritto :

@SebyDa, non avevo decifrato il Nick-name  :cheers:
Felice di ritrovarci anche qui!

Buonasera a tutti,

Dal 1° aprile al 30 giugno i contribuenti devono presentare  la dichiarazione del Modello 3, nella quale indicano i redditi ottenuti nel 2019.

Vi do qui di seguito un tutorial (in portoghese) ma abbastanza esplicito, che vi permette di compilare la vostra dichiarazione IRS.

ENTREGA DA DECLARAÇÃO MODELO 3

:cheers:

Mars60.

Francesca Galieti ha scritto :

Ciao a tutti,
prendo spunto da un'altra discussione per condividere qualche info.
L’emergenza sanitaria da Coronavirus oltre a creare dolore e preoccupazione in tutti noi, sta anche rendendo più difficile ottemperare agli obblighi di legge a cui siamo soggetti e ai quali siamo chiamati a rispondere entro i termini previsti.
Tra le varie scadenze ve ne è una di particolare importanza che vorrei segnalarvi: la DICHIARAZIONE DEI REDDITI PORTOGHESE (declaração de IRS).

LINEE GUIDA PER I PENSIONATI ITALIANI RESIDENTI IN PORTOGALLO

Chi deve presentare la dichiarazione dei redditi 2020 per le competenze 2019?
Tutti coloro che hanno ottenuto la residenza fiscale portoghese entro il 31/12/2019

Deve presentare la dichiarazione dei redditi anche chi ha maturato meno di 183 giorni nell’anno fiscale 2019?
Sì, nonostante l’anno fiscale non sia frazionabile è necessario presentare la dichiarazione anche per un solo giorno.

Cosa accade se non presento la dichiarazione dei redditi?
Esattamente come in Italia, prima o poi verrà richiesta e l’anno successivo non verrà accettata la nuova dichiarazione a causa dell’inadempienza arretrata. Ovviamente si potrà porre rimedio ma con tutte le complicazioni del caso.

Perché è così importante presentare la dichiarazione dei redditi in Portogallo anche se la risultanza delle tasse dovute è pari a ZERO?
I motivi sono due, di cui il primo è certamente un’ovvietà, il secondo invece è un dettaglio a cui spesso non si pensa ma che potrebbe rivelarsi fondamentale per non avere problemi in futuro:
1.    (Quello ovvio) è che la normativa fiscale portoghese lo richiede e visto che la popolazione locale ha accolto noi italiani a braccia aperte e con grande rispetto, noi dobbiamo ricambiare e rispettare le loro leggi.
2.    (Quello meno ovvio ma per chi è del settore il più rilevante) in caso di controlli a campione da parte dell’Agenzia delle Entrate, vi potrebbe giungere una richiesta di accertamento. In tal caso la documentazione da inoltrare non si limita al contratto di affitto, ai versamenti di pagamento verso il proprietario ecc… ma riguardano anche e soprattutto la documentazione fiscale, ovvero dovrete dimostrare di essere soggetti fiscali in Portogallo non solo sulla carta ma anche operativamente. Quindi produrre la ricevuta di accettazione della dichiarazione dei redditi è fondamentale. Segnalo che sulla ricevuta viene riportato un codice progressivo che determina la data di accettazione della domanda. Vine da se che produrre una ricevuta per l’anno 2016 (ad esempio) datata 2020, non è propriamente una mossa a nostro vantaggio.

E’ necessario recarsi fisicamente presso un commercialista o un solicitador?
Assolutamente no, quest’anno anzi è fortemente sconsigliato anche recarsi negli uffici delle Finanze.
Potete contattare via mail o telefonicamente qualsiasi figura professionale che possa svolgere il servizio da remoto. (Per consigli ed informazioni scrivetemi in privato)

Posso presentare la dichiarazione dei redditi tramite Portale delle Finanze?
Sì, il link è il seguente https://www.portaldasfinancas.gov.pt/at/html/index.html accedete con le vostre credenziali e cercate con la lentina  “ declaração de IRS 2020 “ prestate massima attenzione agli annessi di vostra competenza, altrimenti rischierete di vedervi richiedere le tasse come un normale cittadino portoghese non provvisto di RNH!

Devo presentare la dichiarazione dei redditi anche in Italia?
Dipende. Per chi percepisce solo ed esclusivamente redditi da pensione NO, sarà sufficiente e necessaria la dichiarazione portoghese. Per chi invece ha altre fonti di reddito in Italia quali ad es. Partite IVA, immobili di proprietà, redditi da locazioni per immobili di proprietà ecc… sarà ancora tenuto a presentare la dichiarazione dei redditi per la competenza italiana. Per questa potete rivolgervi ad un patronato o al vostro commercialista di fiducia.


In Italia con il Decreto Legge n.18 del 17 marzo 2020 noto come “Cura Italia” relativo alla “Sospensione dei termini degli adempimenti e dei versamenti fiscali e contributivi” si è confermato quanto già previsto dai precedenti decreti, ovvero l’estensione della proroga al 30 settembre 2020.
In Portogallo invece, ad oggi, non è stato emanato alcun decreto di proroga sulla scadenza, anche se probabilmente è un’azione che verrà presa in considerazione nel futuro prossimo; ad oggi sul portale della finanza compare solo un avviso di conferma della data di avvio per le presentazioni, già precedentemente fissata al 1° aprile.

Francesca Galieti

Francesca una domanda:
Lo scorso anno ho fatto Mod Unico in quanto residente dal 2017.
Nel 2019 ho però ( o per fortuna ahahah) venduto casa. Quest’anno devo solo far modificare i dati al patronato o devo fare dichiarazione 730?
Grazie!!!

mars60 ha scritto :

Buonasera a tutti,

Dal 1° aprile al 30 giugno i contribuenti devono presentare  la dichiarazione del Modello 3, nella quale indicano i redditi ottenuti nel 2019.

Vi do qui di seguito un tutorial (in portoghese) ma abbastanza esplicito, che vi permette di compilare la vostra dichiarazione IRS.

ENTREGA DA DECLARAÇÃO MODELO 3

:cheers:

Mars60.

Ottimo grazie 👍

Buonasera a tutti,
una domanda a proposito di IRS: - mia moglie, iscritta A.I.R.E, nel 2019 non ha percepito redditi.
Va dichiarata nell' IRS? Se si, la dichiarazione va fatta congiunta?
Un grazie di cuore a chiunque risponda.

Naturalmente e' presto per preoccuparsene, ma' presto o tardi ci sara' la necessita' di fare l' IRS alla quale allegare il CUD. CUD che in questo momento e' impossibile scaricare dal sito INPS, mi pare. E' sperabile che il problema si risolva presto, ma' se non fosse cosi, mi domando se, al suo posto, non si potrebbe fornire i 13 cedolini mensili relativi. Qualcuno ha verificato la cosa ?

Ciao Micolino,
scusa il ritardo ma il tuo messaggio mi era sfuggito.
Io posso darti risposte competenti riguardo alla fiscalità portoghese ma in merito alla dichiarazione dei redditi italiana posso essere poco utile anche in considerazione del fatto che l'ultima parola sulle tasse di proprietà spetta sempre al Comune. Chiederò comunque informazioni al Patronato e ti farò sapere presto.
Un caro saluto
Francesca Galieti

micolino5 ha scritto :
Francesca Galieti ha scritto :

Ciao a tutti,
prendo spunto da un'altra discussione per condividere qualche info.
L’emergenza sanitaria da Coronavirus oltre a creare dolore e preoccupazione in tutti noi, sta anche rendendo più difficile ottemperare agli obblighi di legge a cui siamo soggetti e ai quali siamo chiamati a rispondere entro i termini previsti.
Tra le varie scadenze ve ne è una di particolare importanza che vorrei segnalarvi: la DICHIARAZIONE DEI REDDITI PORTOGHESE (declaração de IRS).

LINEE GUIDA PER I PENSIONATI ITALIANI RESIDENTI IN PORTOGALLO

Chi deve presentare la dichiarazione dei redditi 2020 per le competenze 2019?
Tutti coloro che hanno ottenuto la residenza fiscale portoghese entro il 31/12/2019

Deve presentare la dichiarazione dei redditi anche chi ha maturato meno di 183 giorni nell’anno fiscale 2019?
Sì, nonostante l’anno fiscale non sia frazionabile è necessario presentare la dichiarazione anche per un solo giorno.

Cosa accade se non presento la dichiarazione dei redditi?
Esattamente come in Italia, prima o poi verrà richiesta e l’anno successivo non verrà accettata la nuova dichiarazione a causa dell’inadempienza arretrata. Ovviamente si potrà porre rimedio ma con tutte le complicazioni del caso.

Perché è così importante presentare la dichiarazione dei redditi in Portogallo anche se la risultanza delle tasse dovute è pari a ZERO?
I motivi sono due, di cui il primo è certamente un’ovvietà, il secondo invece è un dettaglio a cui spesso non si pensa ma che potrebbe rivelarsi fondamentale per non avere problemi in futuro:
1.    (Quello ovvio) è che la normativa fiscale portoghese lo richiede e visto che la popolazione locale ha accolto noi italiani a braccia aperte e con grande rispetto, noi dobbiamo ricambiare e rispettare le loro leggi.
2.    (Quello meno ovvio ma per chi è del settore il più rilevante) in caso di controlli a campione da parte dell’Agenzia delle Entrate, vi potrebbe giungere una richiesta di accertamento. In tal caso la documentazione da inoltrare non si limita al contratto di affitto, ai versamenti di pagamento verso il proprietario ecc… ma riguardano anche e soprattutto la documentazione fiscale, ovvero dovrete dimostrare di essere soggetti fiscali in Portogallo non solo sulla carta ma anche operativamente. Quindi produrre la ricevuta di accettazione della dichiarazione dei redditi è fondamentale. Segnalo che sulla ricevuta viene riportato un codice progressivo che determina la data di accettazione della domanda. Vine da se che produrre una ricevuta per l’anno 2016 (ad esempio) datata 2020, non è propriamente una mossa a nostro vantaggio.

E’ necessario recarsi fisicamente presso un commercialista o un solicitador?
Assolutamente no, quest’anno anzi è fortemente sconsigliato anche recarsi negli uffici delle Finanze.
Potete contattare via mail o telefonicamente qualsiasi figura professionale che possa svolgere il servizio da remoto. (Per consigli ed informazioni scrivetemi in privato)

Posso presentare la dichiarazione dei redditi tramite Portale delle Finanze?
Sì, il link è il seguente https://www.portaldasfinancas.gov.pt/at/html/index.html accedete con le vostre credenziali e cercate con la lentina  “ declaração de IRS 2020 “ prestate massima attenzione agli annessi di vostra competenza, altrimenti rischierete di vedervi richiedere le tasse come un normale cittadino portoghese non provvisto di RNH!

Devo presentare la dichiarazione dei redditi anche in Italia?
Dipende. Per chi percepisce solo ed esclusivamente redditi da pensione NO, sarà sufficiente e necessaria la dichiarazione portoghese. Per chi invece ha altre fonti di reddito in Italia quali ad es. Partite IVA, immobili di proprietà, redditi da locazioni per immobili di proprietà ecc… sarà ancora tenuto a presentare la dichiarazione dei redditi per la competenza italiana. Per questa potete rivolgervi ad un patronato o al vostro commercialista di fiducia.


In Italia con il Decreto Legge n.18 del 17 marzo 2020 noto come “Cura Italia” relativo alla “Sospensione dei termini degli adempimenti e dei versamenti fiscali e contributivi” si è confermato quanto già previsto dai precedenti decreti, ovvero l’estensione della proroga al 30 settembre 2020.
In Portogallo invece, ad oggi, non è stato emanato alcun decreto di proroga sulla scadenza, anche se probabilmente è un’azione che verrà presa in considerazione nel futuro prossimo; ad oggi sul portale della finanza compare solo un avviso di conferma della data di avvio per le presentazioni, già precedentemente fissata al 1° aprile.

Francesca Galieti

Francesca una domanda:
Lo scorso anno ho fatto Mod Unico in quanto residente dal 2017.
Nel 2019 ho però ( o per fortuna ahahah) venduto casa. Quest’anno devo solo far modificare i dati al patronato o devo fare dichiarazione 730?
Grazie!!!

Ciao Altobay,
vorrei aiutarti ma ho bisogno di qualche informazione in più.
L'iscrizione ai registri AIRE è un fatto puramente italiano, non riguarda il Portogallo.
In ogni caso, se è registrata vuol dire che probabilmente ha ottenuto la residenza "anagrafica", oppure ha ottenuto l'iscrizione per ricongiungimento famigliare (il che non garantisce che abbia ottenuto la residenza anagrafica).
Informazione diversa e necessaria ai fini della tua domanda è se tua moglie è residente in Portogallo "para efeitos fiscais", ovvero se è un soggetto fiscale portoghese.
Questo puoi verificarlo rapidamente sul NIF, se ha indirizzo italiano non lo è, se invece ha l'indirizzo portoghese allora è un soggetto fiscale portoghese.
In quest'ultimo caso è corretto presentare una dichiarazione congiunta.
Francesca Galieti

Altobay ha scritto :

Buonasera a tutti,
una domanda a proposito di IRS: - mia moglie, iscritta A.I.R.E, nel 2019 non ha percepito redditi.
Va dichiarata nell' IRS? Se si, la dichiarazione va fatta congiunta?
Un grazie di cuore a chiunque risponda.

tavazzi ha scritto :

Naturalmente e' presto per preoccuparsene, ma' presto o tardi ci sara' la necessita' di fare l' IRS alla quale allegare il CUD. CUD che in questo momento e' impossibile scaricare dal sito INPS, mi pare. E' sperabile che il problema si risolva presto, ma' se non fosse cosi, mi domando se, al suo posto, non si potrebbe fornire i 13 cedolini mensili relativi. Qualcuno ha verificato la cosa ?

Buongiorno Tavazzi,
INPS non ha inibito l'accesso ai CUD, ha semplificato l'accesso per tutti coloro che a causa dell'emergenza coronavirus devono chiedere un sussidio ma non hanno il PIN di accesso, In questo caso ne viene generato uno che consente l'accesso limitato ad alcuni servizi.
Se hai il PIN dispositivo classico, puoi connetterti dopo le 16 ed accedere al servizio "cedolini" , noi finora non stiamo riscontrando nessun ostacolo, tu che tipo di difficoltà hai trovato? Se mi aiuti a capire ti aiuto volentieri.
Per risponderti comunque sì, puoi fornire anche tutti i cedolini, compreso quello della tredicesima, il contabilista farà i suoi calcoli senza problemi. Ma se ne scegli uno portoghese dovrai indicargli tu gli importi da sommare perchè probabilmente avrà qualche difficoltà ad interpretare le voci inserite nel cedolino, soprattutto se il 2019 è stato il primo anno di residenza estera. In questo caso però sconsiglio vivamente i cedolini e consiglio il CUD.
Francesca Galieti

Buonasera Tavazzi,
Il CUD me lo sono scaricato a fine marzo. C'è da insistere.
Cordialmente.

Buonasera Francesca,

mia moglie è residente portoghese da gennaio 2019 (nif con indirizzo portoghese). Non è RNH, non ha redditi, non percepisce pensioni, non possiede case.
Essendo io pensionato RNH e non avendo altro da dichiarare nell' IRS, gentilmente ti chiedo: -facendo la dichiarazione congiunta siamo soggetti a qualche tipo di tassazione?
Grazie per la cortese attenzione.

X Francesca . Sono riuscito. Il sito e' quanto mai traballante, bisogna ricaricare spesso la pagina e , chissa' perche', considera invalido il mio PIN. Sono entrato con lo SPID e , aquel punto, sono arivato al CUD e ai cedolini di quest'anno. Grazie per l'aiuto, saluti

Ciao Altobay,
stai tranquillo perchè non ci saranno addebiti, devi però inserire tua moglie nella dichiarazione, pertanto procedi pure con la congiunta, fai però sempre attenzione alla tua posizione, devi presentare la dichiarazione come RNH.
Francesca Galieti

Altobay ha scritto :

Buonasera Francesca,

mia moglie è residente portoghese da gennaio 2019 (nif con indirizzo portoghese). Non è RNH, non ha redditi, non percepisce pensioni, non possiede case.
Essendo io pensionato RNH e non avendo altro da dichiarare nell' IRS, gentilmente ti chiedo: -facendo la dichiarazione congiunta siamo soggetti a qualche tipo di tassazione?
Grazie per la cortese attenzione.

Ah ecco, questo non mi è ancora successo e spero non mi accada mai, ne ho più di 400 da fare... :sosad:
Lo SPID lo avevi già o lo hai richiesto sul momento?
Scusa se ti chiedo ma vorrei prepararmi all'eventualità.
Ti ringrazio
Francesca Galieti

tavazzi ha scritto :

X Francesca . Sono riuscito. Il sito e' quanto mai traballante, bisogna ricaricare spesso la pagina e , chissa' perche', considera invalido il mio PIN. Sono entrato con lo SPID e , aquel punto, sono arivato al CUD e ai cedolini di quest'anno. Grazie per l'aiuto, saluti

Grazie mille e Buona Pasqua.

Buongiorno a tutti,
anche io avrò a che fare per la prima volta con la dichiarazione dei redditi in Portogallo (IRS), essendo residente qui dal 2 aprile dell'anno scorso.
Ho incominciato a dare un'occhiata sul sito della Finanças e ho compilato la prima parte on line.
Quando però vado per aprire un allegato, il sistema mi chiede il numero di identificazione fiscale. Che non so quale sia e per certo non è il NIF perchè non me lo accetta.
Qualcuno di voi sa di cosa si tratta?
Nel frattempo ho scritto alla Finanças, ma presumo he le risposte siano lunghe.
(Mia moglie ha preso effettivamente la residenza a fine febbraio e ci è voluto un mese per avere il Certificado de registo de cidadao da Uniao Europeia e stiamo aspettando da un mese il PIN per accedere al sito della Finanças per attualizzare il suo NIF con il nuovo indirizzo..).
Grazie mille per le vostre risposte..
Mauro

Francesca Galieti ha scritto :

Ciao Micolino,
scusa il ritardo ma il tuo messaggio mi era sfuggito.
Io posso darti risposte competenti riguardo alla fiscalità portoghese ma in merito alla dichiarazione dei redditi italiana posso essere poco utile anche in considerazione del fatto che l'ultima parola sulle tasse di proprietà spetta sempre al Comune. Chiederò comunque informazioni al Patronato e ti farò sapere presto.
Un caro saluto
Francesca Galieti

micolino5 ha scritto :
Francesca Galieti ha scritto :

Ciao a tutti,
prendo spunto da un'altra discussione per condividere qualche info.
L’emergenza sanitaria da Coronavirus oltre a creare dolore e preoccupazione in tutti noi, sta anche rendendo più difficile ottemperare agli obblighi di legge a cui siamo soggetti e ai quali siamo chiamati a rispondere entro i termini previsti.
Tra le varie scadenze ve ne è una di particolare importanza che vorrei segnalarvi: la DICHIARAZIONE DEI REDDITI PORTOGHESE (declaração de IRS).

LINEE GUIDA PER I PENSIONATI ITALIANI RESIDENTI IN PORTOGALLO

Chi deve presentare la dichiarazione dei redditi 2020 per le competenze 2019?
Tutti coloro che hanno ottenuto la residenza fiscale portoghese entro il 31/12/2019

Deve presentare la dichiarazione dei redditi anche chi ha maturato meno di 183 giorni nell’anno fiscale 2019?
Sì, nonostante l’anno fiscale non sia frazionabile è necessario presentare la dichiarazione anche per un solo giorno.

Cosa accade se non presento la dichiarazione dei redditi?
Esattamente come in Italia, prima o poi verrà richiesta e l’anno successivo non verrà accettata la nuova dichiarazione a causa dell’inadempienza arretrata. Ovviamente si potrà porre rimedio ma con tutte le complicazioni del caso.

Perché è così importante presentare la dichiarazione dei redditi in Portogallo anche se la risultanza delle tasse dovute è pari a ZERO?
I motivi sono due, di cui il primo è certamente un’ovvietà, il secondo invece è un dettaglio a cui spesso non si pensa ma che potrebbe rivelarsi fondamentale per non avere problemi in futuro:
1.    (Quello ovvio) è che la normativa fiscale portoghese lo richiede e visto che la popolazione locale ha accolto noi italiani a braccia aperte e con grande rispetto, noi dobbiamo ricambiare e rispettare le loro leggi.
2.    (Quello meno ovvio ma per chi è del settore il più rilevante) in caso di controlli a campione da parte dell’Agenzia delle Entrate, vi potrebbe giungere una richiesta di accertamento. In tal caso la documentazione da inoltrare non si limita al contratto di affitto, ai versamenti di pagamento verso il proprietario ecc… ma riguardano anche e soprattutto la documentazione fiscale, ovvero dovrete dimostrare di essere soggetti fiscali in Portogallo non solo sulla carta ma anche operativamente. Quindi produrre la ricevuta di accettazione della dichiarazione dei redditi è fondamentale. Segnalo che sulla ricevuta viene riportato un codice progressivo che determina la data di accettazione della domanda. Vine da se che produrre una ricevuta per l’anno 2016 (ad esempio) datata 2020, non è propriamente una mossa a nostro vantaggio.

E’ necessario recarsi fisicamente presso un commercialista o un solicitador?
Assolutamente no, quest’anno anzi è fortemente sconsigliato anche recarsi negli uffici delle Finanze.
Potete contattare via mail o telefonicamente qualsiasi figura professionale che possa svolgere il servizio da remoto. (Per consigli ed informazioni scrivetemi in privato)

Posso presentare la dichiarazione dei redditi tramite Portale delle Finanze?
Sì, il link è il seguente https://www.portaldasfinancas.gov.pt/at/html/index.html accedete con le vostre credenziali e cercate con la lentina  “ declaração de IRS 2020 “ prestate massima attenzione agli annessi di vostra competenza, altrimenti rischierete di vedervi richiedere le tasse come un normale cittadino portoghese non provvisto di RNH!

Devo presentare la dichiarazione dei redditi anche in Italia?
Dipende. Per chi percepisce solo ed esclusivamente redditi da pensione NO, sarà sufficiente e necessaria la dichiarazione portoghese. Per chi invece ha altre fonti di reddito in Italia quali ad es. Partite IVA, immobili di proprietà, redditi da locazioni per immobili di proprietà ecc… sarà ancora tenuto a presentare la dichiarazione dei redditi per la competenza italiana. Per questa potete rivolgervi ad un patronato o al vostro commercialista di fiducia.


In Italia con il Decreto Legge n.18 del 17 marzo 2020 noto come “Cura Italia” relativo alla “Sospensione dei termini degli adempimenti e dei versamenti fiscali e contributivi” si è confermato quanto già previsto dai precedenti decreti, ovvero l’estensione della proroga al 30 settembre 2020.
In Portogallo invece, ad oggi, non è stato emanato alcun decreto di proroga sulla scadenza, anche se probabilmente è un’azione che verrà presa in considerazione nel futuro prossimo; ad oggi sul portale della finanza compare solo un avviso di conferma della data di avvio per le presentazioni, già precedentemente fissata al 1° aprile.

Francesca Galieti

Francesca una domanda:
Lo scorso anno ho fatto Mod Unico in quanto residente dal 2017.
Nel 2019 ho però ( o per fortuna ahahah) venduto casa. Quest’anno devo solo far modificare i dati al patronato o devo fare dichiarazione 730?
Grazie!!!

Grazie Francesca sai che confido in te!!!

Ciao Francesca, riporto quanto hai scritto:
>In Portogallo invece, ad oggi, non è stato emanato alcun decreto di proroga sulla scadenza, anche se probabilmente è un’azione che verrà presa in considerazione nel futuro prossimo; ad oggi sul portale della finanza compare solo un avviso di conferma della data di avvio per le presentazioni, già precedentemente fissata al 1° aprile.<

E' cambiato qualcosa? quale e' il termine per presentare l'IRS?
Tra l'altro sono anche io nella condizione di essere residente a Olhao mentre la moglie  risiede ancora in Italia , per la serie "vai avanti tu e mi dici come e' :-))" 
(Per la compilazione del modulo ho provato a rivolgermi ad uno studio fiscalista a Olhao ma non mi hanno nemmeno risposto)

Grazie Franco

Mezza48 ha scritto :

Ciao Francesca, riporto quanto hai scritto:
>In Portogallo invece, ad oggi, non è stato emanato alcun decreto di proroga sulla scadenza, anche se probabilmente è un’azione che verrà presa in considerazione nel futuro prossimo; ad oggi sul portale della finanza compare solo un avviso di conferma della data di avvio per le presentazioni, già precedentemente fissata al 1° aprile.<

E' cambiato qualcosa? quale e' il termine per presentare l'IRS?
Tra l'altro sono anche io nella condizione di essere residente a Olhao mentre la moglie  risiede ancora in Italia , per la serie "vai avanti tu e mi dici come e' :-))" 
(Per la compilazione del modulo ho provato a rivolgermi ad uno studio fiscalista a Olhao ma non mi hanno nemmeno risposto)

Grazie Franco

Ciao Franco,
ti scrivo in privato un indirizzo mail, un sito web ed un codice promozionale.
Francesca Galieti

Buongiorno a tutti, sono residente in portogallo dal 2019 e nello stesso anno ho ricevuto la liquidazione di un fondo ed oggi ho scaricato il cu relativo . Essendo a tassazione separata credo non devo inserirlo nella dichiarazione irs? Grazie per la risposta

Buongiorno a lei,
in realtà aprendo un qualsiasi allegato va inserito proprio il NIF.
Per quanto possa sembrare un giochino ai fini statistici, quello della Declaracao Irs, ed in parte lo è, poiché sarà emesso un Saldo Nulo, faccia attenzione a non sbagliare o flaggare laddove si è indecisi, altrimenti ci si può ritrovare a presentare una Dichiarazione dichiarata Certa, quindi formalmente corretta, ma a dover contestare, correggere o modificare la richiesta delle tasse da parte della AT.

Cordiali saluti,

Maurizio Galieti

metropolis59 ha scritto :

Buongiorno a tutti,
anche io avrò a che fare per la prima volta con la dichiarazione dei redditi in Portogallo (IRS), essendo residente qui dal 2 aprile dell'anno scorso.
Ho incominciato a dare un'occhiata sul sito della Finanças e ho compilato la prima parte on line.
Quando però vado per aprire un allegato, il sistema mi chiede il numero di identificazione fiscale. Che non so quale sia e per certo non è il NIF perchè non me lo accetta.
Qualcuno di voi sa di cosa si tratta?
Nel frattempo ho scritto alla Finanças, ma presumo he le risposte siano lunghe.
(Mia moglie ha preso effettivamente la residenza a fine febbraio e ci è voluto un mese per avere il Certificado de registo de cidadao da Uniao Europeia e stiamo aspettando da un mese il PIN per accedere al sito della Finanças per attualizzare il suo NIF con il nuovo indirizzo..).
Grazie mille per le vostre risposte..
Mauro

Buongiorno a lei,
in realtà aprendo un qualsiasi allegato va inserito proprio il NIF.
Per quanto possa sembrare un giochino ai fini statistici, quello della Declaracao Irs, ed in parte lo è, poiché sarà emesso un Saldo Nulo, faccia attenzione a non sbagliare o flaggare laddove si è indecisi, altrimenti ci si può ritrovare a presentare una Dichiarazione dichiarata Certa, quindi formalmente corretta, ma a dover contestare, correggere o modificare la richiesta delle tasse da parte della AT.

Cordiali saluti,

Maurizio Galieti

dalce ha scritto :

Buongiorno a tutti, sono residente in portogallo dal 2019 e nello stesso anno ho ricevuto la liquidazione di un fondo ed oggi ho scaricato il cu relativo . Essendo a tassazione separata credo non devo inserirlo nella dichiarazione irs? Grazie per la risposta

Buongiorno, andrebbe inserito.

Cordiali saluti

Maurizio Galieti

Buongiorno Maurizio,
a questo punto nella dichiarazione IRS va inserito anche il TFR percepito nel 2019?
Essendo a tassazione separata ed i conteggi di conguaglio verranno fatti successivamente, andrebbe dichiarato anche in Italia?

Il CUD è attualmente disponibile sul sito INPS, scaricato oggi 5 maggio 2020. Saluti

Buon giorno.
Una domanda al quale il mio fiscalista portoghese non mi ha dato una risposta convincente: secondo le vostre conoscenze, la casa posseduta in Italia si deve dichiarare in Portogallo? In che modulo per la precisione?
Mille grazie

Buon giorno a te PSBQ53,
ho parlato anch’io con una contabilista: la casa di proprietà in Italia non va dichiarata in Portogallo, si deve solo dichiarare in caso di avvenuta vendita nel corso del 2019.
Spero di essere stata di aiuto.
🙂

Mille grazie Matizia.
Saluti

psbq53 ha scritto :

Buon giorno.
Una domanda al quale il mio fiscalista portoghese non mi ha dato una risposta convincente: secondo le vostre conoscenze, la casa posseduta in Italia si deve dichiarare in Portogallo? In che modulo per la precisione?
Mille grazie

Assolutamente no, le proprietà immobiliari su territorio estero non vanno dichiarate in Portogallo.
Francesca Galieti

Francesca, mille grazie!!
Lino

Le proprietà immobiliari su paesi esteri (rispetto al Portogallo), vanno dichiarati se generano reddito ( ad esempio per canoni di affitto). Non si pagano tasse in Portogallo in quanto si pagano nel paese (Italia) dove gli immobili hanno generato reddito, ma il fisco portoghese vuole saperlo per regolarsi in futuro.

Luited, non ho capito bene l'ultima parte del tuo messaggio dove dici che il fisco portoghese "vuole saperlo per regolarsi per il futuro".  Come faccio a dire al fisco portoghese che ho una proprietà immobiliare
(non affittata) in Italia? Con che modello? Puoi chiarire per favore. Grazie

psbq53 ha scritto :

Luited, non ho capito bene l'ultima parte del tuo messaggio dove dici che il fisco portoghese "vuole saperlo per regolarsi per il futuro".  Come faccio a dire al fisco portoghese che ho una proprietà immobiliare
(non affittata) in Italia? Con che modello? Puoi chiarire per favore. Grazie

C’e Una apposita casella dove inserire i redditi da immobili , il
Contabilista lo sa. Quindi non la casa di proprietà ma tutto il reddito generato dagli  immobili  dati in affitto ( o in comodato con canoni di affitto). Luigi

Ok grazie.
Lino

Nuova discussione