Lavorare nel campo legale a New York

Buongiorno a tutti! Mi sono già presentata nella sezione apposita ma mi sono accorta troppo tardi che la mia presentazione si è trasformata in un romanzo senza fine, alcune cose le avrei dovute scrivere in una nuova discussione e quindi eccomi qua.
Venendo al succo, ho 27 anni, sono laureata in Giurisprudenza alla Sapienza a pieni voti e il mio desiderio (di una vita) è di lavorare negli Stati Uniti. Sono stata 4 volte a New York, conosco bene l'inglese (l'ultima volta ho frequentato un corso di inglese livello C1 per un mese) e, metto le mani avanti, so benissimo quanto sia difficile ma non impossibile questo mio sogno. Prememttendo che il diritto italiano e quello americano sono molto ma molto diversi l'un dall'altro, quello che io vorrei fare oltreoceano è di lavorare in un campo che richieda, per quanto possibile sia, competenze legate a ciò che ho studiato. Ora, ho già controllato sul sito delle Nazioni Unite se ci fosse qualche possibilità lavorativa ma in primis viene sempre richiesta esperienza pregressa e poi anche la conoscenza del francese che io non so. Quello che vorrei chiedervi è: l'unica strada possibile è quella di frequentare un LLM oppure ci sarebbero altre strade percorribili? Mi rivolgo a voi perchè spero di raccogliere un pò di informazioni da chi ne sa sicuramente più di me, visto che io non so da dove cominciare. Ho fatto tante ma tante ricerche su internet ma mi sono accorta che gli italiani sono richiesti molto più che altro nel campo della ristorazione, non in quello legale...
Aspettando una risposta, vi auguro buona giornata!
Janet

Ciao Janet,

Ben arrivata sul forum e auguri di Buon Anno!  :)

Spero che qualche utente del forum ferrato in materia possa condividere informazioni in merito alla tua richiesta.
Hai pensato nel frattempo a contattare qualche studio legale di New York attraverso LinkedIn per sottoporre il tuo profilo professionale?
Immagino ce ne saranno tantissimi ma potrebbe essere un modo per iniziare a stabilire dei contatti.
Come dici tu stessa, è un'impresa difficile ma non impossibile, e se ci credi datti tutte le possibilità per trovare la strada che ti faccia sentire felice!

In bocca al lupo,

Francesca
Team Expat.com

Ciao Francesa, anzitutto tanti auguri anche a te!:)
Ti ringrazio per la risposta. Nei mesi precedenti mi sono informata sulla presenza di studi legali italiani con sede a New York, ne ho trovati alcuni ma non ho mai pensato di inviare il mio c.v. semplicemente perchè mi chiedo sempre: perchè dovrebbero prendere me che sì, mi sono laureata con un buon voto ma non 110L? Perchè già qua in Italia ci sono molti studi prestigiosi che non vanno al di sotto del 105, ed è questo motivo che mi ha sempre frenato. Però ora ci proverò, mal che vada mi diranno di no.
Ti ringrazio davvero per le belle parole, mi hai dato un pò di carica!

Invia senza timori, chi può dire che la tua volontà di riuscire ed i tuoi valori sul lavoro non contino tanto quanto (o di più) di un laureato a pieni voti che non ha la tenacia e la voglia di farcela?
Magari prenditi del tempo per capire che tipo di curriculum viene usato in America (impaginazione, lunghezza...) e come impostare la lettera di presentazione (cover letter).
Questi sono aspetti importanti da curare perchè ogni nazione ha i suoi codici in fatto di curriculum e lettera di presentazione.
Lavoraci su ed invia, invia, invia...  ;)

Grazie mille per questi tuoi consigli. Io ho il curriculum europass per intenderci ma penso proprio, anzi ne sono sicura, che non vada bene per gli Stati Uniti. Ora ci lavoro su!
:)

Nuova discussione