conto italiano

chiedo agli esperti se lasciare cifre importanti su conto italiano,puo' creare problemi per dimostrare la residenza estera? grazie per l'eventuale risposta

Francov57 :

chiedo agli esperti se lasciare cifre importanti su conto italiano,puo' creare problemi per dimostrare la residenza estera? grazie per l'eventuale risposta

Ciao Franco,
ho appena risposto in parte su un altra pagina con argomento analogo.
Per me si, cioè l'ideale sarebbe chiudere proprio le posizioni in IT. Io sono d'accordo con te se pensi "che male c'è...", d'altronde uno in Italia c'è stato a lungo ed è normale mantenere certi rapporti. Ma siccome poi dover portare prove a tuo favore nel caso avessi la sfortuna di incappare in qualche funzionario che volesse approfondire, per esperienza ti posso consigliare di evitare di fornirgli qualunque appiglio anche se apparentemente irragionevole.
Il senso generale per me è che uno se decide, deve fare tutto ciò che comporta il cambiamento, prima di tutto l'effettiva permanenza in PT o meglio, l'effettiva NON permanenza in IT, e ovviamente compiendo tutti quei passi burocratici che il cambiamento contempla.
Buon trasferimento.
Ciao
Aldo

cari amici,
per quanto riguarda c/c, patrimoni mobiliari ed immobiliari, la mia esperienza (poca ma qualificata) insegna che non si può' generalizzare e le misure da prendere nonché il luogo ove gestire i propri beni dipendono esclusivamente dalla dimensione, del tipo dei beni posseduti e della fiscalità connessa
ci sono mille soluzioni, tutte valide e legalissime, ma é meglio non dar ascolto a disinteressati consiglieri
un caro saluto
Dario

Buongiorno
Mi interesserebbe conoscere quali soluzioni migliori e legittime nel caso di titoli cointestati in italia con il coniuge nell'ipotesi di rhn del solo marito.
Grazie

Buongiorno a Tutti e a Santoro 50.
non possono essere cointestati.
Converrebbe che il nuovo conto titoli sia intestato  residente italiano risparmiando oneri qualora passassero al residente all'estero.
Per esperienza personale con conto cointestato con mio figlio.
Ovviamente  ci sarebbe solo da dire Dio e' grande per  quanto possa riserare il futuro.
Molto cordialmente,
alfredo luigi caruso

santoro50 :

Buongiorno
Mi interesserebbe conoscere quali soluzioni migliori e legittime nel caso di titoli cointestati in italia con il coniuge nell'ipotesi di rhn del solo marito.
Grazie

Ciao ...

PREMESSA
Il RNH  non citarlo in ITA  manco sanno cosa è.
Il RNH è un passo successivo all'essere divenuto RESIDENTE FISCALE PORTOGHESE....

Si cambia indirizzo > si diventa residenti fiscali  >  si chiede benefici tasse denominati RNH


concordo con Luigi ed aggiungo  da "bancario"  che:

OGNI  cointestazione  tra RESIDENTE FISCALE ESTERO (marito expatriato) e RESIDENTE ITALIANO  (moglie rimasta e/o figlio e/o nonna , e/o zia)

è  NON POSSIBILE  causa il diverso "livello" di monitoraggio dei conti e/o  dep.titoli  e/o libr. risparmio ecc.

Siamo obbligati a comunicare  il  cambio di residenza fiscale per banche, assicurazioni (RCA + Polizze Vita + investimenti) eccetera  e  l'ente provvederà di conseguenza.

ATTENTO 
non si deve cambiare il solo l'indirizzo ...  ma proprio lo status di residente fiscale (che di conseguenza porta ANCHE al cambio d'indirizzo).

Qualche banca frettolosamente e lavorando male ha variato solo l'indirizzo NON CHIUDENDO IL RAPPORTO.

E' sbagliato.

CONSIGLIO
Inviare una bella PEC comunicando la nuova residenza fiscale in PT con indirizzo eccc. alla banca e  poi se la sbrigano loro.

Se omettono il problema non sarà tuo.

Sappi che dovrai scindere ogni rapporto cointestato.

Un saluto

Stefano

Concordo pienamente con Sbertan.
Molto cordialmente,
alfredo luigi caruso

grazie della esauriente risposta.
anche se non è quella che mi aspettavo.
grazie e saluti

Nuova discussione