Vivere e lavorare in Bulgaria

Ricevo numerose richieste di informazioni sulla vita in Bulgaria, quindi vorrei provare a fare una panoramica generale, dato che le domande sono ricorrenti.

Vorrei poter rispondere personalmente ad ognuno, ma vi assicuro che alcuni giorni me ne arrivano svariate decine!!! Mi scuso fin d’ora per l’ impersonalità di questo post, ma credo che questa panoramica possa esservi di aiuto (almeno spero)

Per i pensionati la situazione è piuttosto lineare, non c’è nulla da pensare: in Italia si vive di stenti, mentre qui si vive più che decorosamente. L’ unica cosa sensata è quella di prenotare il primo volo per Sofia...

Diverso è il discorso per chi vorrebbe venire alla ricerca di lavoro e/o avvio di un’ attività in proprio: la Bulgaria è un paese meraviglioso, ma non è il paradiso in terra, nè la panacea di tutti i mali.

Il consiglio migliore è quello di prendere l’ aereo e farsi un giro per rendersi conto di persona della situazione, dato che qui la situazione è molto diversa rispetto l’ Italia.

Qui vige sostanzialmente l’economia di mercato, quindi se si è competitivi, si possono fare grandi cose, se non lo si è (o non abbastanza) si chiude. Non esiste cassa integrazione, sussidi, e tutte le imbecillità che hanno affossato l’ Italia.

Lo stato ti lascia sostanzialmente fare, chiede poche tasse e non ti rompe le scatole. Un paradiso da questo punto di vista!!!

Detto questo, bisogna evitare la troppa baldanza o complessi di superiorità... Chi vuole aprire un ristorante, deve abbandonare il mito che la cucina italiana sia universalmente apprezzata.

Non è così... Chi di voi ha viaggiato, sa che la cucina italiana all’ estero si è dovuta declinare adattandosi ai gusti locali, nel nostro caso va “bulgarizzata”. Altrimenti preparatevi a chiudere dopo pochi mesi di attività...

Il manufatturiero è un settore delicatissimo: fuor da ogni ipocrisia, in Bulgaria le donne valgono molto, ma molto più degli uomini. Tenetene conto se volete avviare un’ attività produttiva. Data la poca attitudine alla rifinitura, orientatevi su lavorazioni conto terzi, oppure dotatevi di un sistema QA molto, ma molto efficiente...

Nel settore immobiliare, l’ errore più ricorrente che fanno gli italiani è quello di voler lavorare con altri italiani. Penso non serva aggiungere altro...

La tecnologia consente di fare qui quello che fino a ieri richiedeva una presenza fisica, quindi agenzie di viaggio, sondaggisti, pubblicità, marketing tradizionale, telemarketing, web marketing, uffici commerciali remoti, web design ed in generale tutto quello che può essere svolto in un posto diverso da quello di vendita, trova sempre più campo, data la grande disponibilità di personale altamente specializzato a costi frazionali rispetto a quelli italiani.

Ci sono interessanti opportunità di lavoro subordinato per le grandi multinazionali che arrivano qui in continuazione: si va dal semplice call center alla programmazione di alto livello.  Si parte col back-office con 1-2 lingue, per poi salire di livello.

Le multinazionali sono business-orientated e sono focalizzate sul profitto, per questo vige una sostanziale meritocrazia: se sei bravo verrai premiato con scatti di carriera, se non sei bravo, sarai premiato con... un altro lavoro!

Il lavoro lo si può trovare anche se non si è dei geni del computer, ma la lingua inglese –almeno a livello conversativo- è indispensabile, dato che tutte le comunicazioni aziendali, rapporti coi colleghi, training, meetings ecc sono esclusivamente in lingua inglese.

In bocca a lupo!

Loris

caro loris si vede che non sei tanto preparato sulla bulgaria scusa ma hai ancora tanto da apprendere buna fortuna

Ho scritto sulla base della mia esperienza personale. Difficile confutarla...

giusyly :

caro loris si vede che non sei tanto preparato sulla bulgaria scusa ma hai ancora tanto da apprendere buna fortuna

Però mi piacerebbe conoscere la tua opinione in merito, non certo per contestare od opinare qualcosa (sono solo pensionato e non ho competenze in merito) ma solo perché attraverso la diversità delle opinioni e delle esperienze vissute sulla propria pelle si riesce a conoscere meglio la realtà di un Paese.

Ti ringrazio in anticipo se vorrai farlo
Manuel

Nuova discussione