Aprire un conto in banca in Indonesia
Aggiornato il mese scorso

Dopo esservi trasferiti in Indonesia, una delle prime mosse da fare è aprire un conto in una banca locale grazie al quale potrete amministrare le vostre finanze, pagare le bollette ed evitare i costi di prelievo addebitati a chi usa carte straniere. Continuate a leggere questo articolo per ottenere altre utili informazioni a riguardo.

Ci sono numerose banche internazionali, come HSBC ad esempio, che hanno delle sedi in Indonesia; alcune di queste offrono delle soluzioni specifiche per gli expat, favorendo in maniera semplice e veloce un accesso internazionale alle vostre finanze, e un punto di riferimento dove custodire il proprio capitale. Avere un conto corrente del genere può tornare molto utile nel caso in cui aveste bisogno di trasferire rapidamente dei soldi da un conto all’altro, tenendo presente, oltretutto, che questi istituti bancari sono in grado di offrire il servizio in diverse valute e forniscono un’assistenza 24 su 24 sia online che telefonica, che può fare davvero la differenza se si vive all’estero.

In Indonesia ci sono anche delle ottime banche locali, e la maggior parte mettono a disposizione un conto in inglese in modo da risparmiarvi l’incombenza di cercare un traduttore che vi assista nel processo di apertura del conto. Inoltre, è consigliabile scegliere una banca vicina alla propria abitazione o al posto di lavoro, che disponga dei servizi di cui avrete maggiormente bisogno.

Alcune delle banche locali più popolari sono: Banca Mandiri, Banca Negara, Banca Danamon e la Banca Centrale dell’Asia Tbk (BCA). Oltre a queste, ci sono anche altre opzioni, e se avete bisogno di consigli potete chiedere al vostro datore di lavoro oppure ad altri expat che sono già ferrati sull’argomento.

La Banca Mandiri è la più grande in Indonesia in termini di servizi, e dispone di più lavoratori e sedi rispetto alle altre banche. È considerata un’opzione sicura che offre un’ampia gamma servizi finanziari, come trasferimenti internazionali rapidi e commissioni trasparenti.

In alternativa, la Banca Negara è stata la prima a diventare di proprietà del governo indonesiano ed è una delle più grandi banche del paese. La Banca Danamon, invece, è nota per le sue attività di microfinanziamento e non prevede dei costi mensili di conto corrente purché si disponga del saldo minimo. La Banca Centrale dell’Asia (BCA) offre ai titolari dei conti una carta con l’opzione cashback, ovvero abilitata al prelievo.

Spese bancarie

Generalmente, le spese bancarie in Indonesia variano a seconda del proprietario del conto e della banca stessa, e vi potrebbe essere richiesto di effettuare un deposito iniziale minimo all’apertura di un conto.
Dovreste essere in grado di visualizzare le strutture tariffarie online ma, se la banca scelta non rende visibile l’elenco degli addebiti, informatevi dei vari costi prima di aprire il conto. Le spese potrebbero includere i costi di gestione mensili, una penale se non si riesce a mantenere un saldo minimo e le commissioni di prelievo.

La maggior parte delle banche indonesiane non addebita costi quando si utilizza il bancomat all’interno della propria rete, ma potrebbe invece prevedere delle commissioni se si utilizza il bancomat in un’altra banca.
In quanto expat, le accortezze maggiori dovrebbero andare ai costi per i trasferimenti internazionali di denaro, in quanto potrebbero variare notevolmente a seconda della frequenza e dell’importo. In genere, è possibile che si debba pagare una percentuale sulla transazione totale, in aggiunta a una tariffa fissa.

Requisiti per aprire un conto bancario

Aprire un conto in banca in Indonesia è abbastanza semplice e può volerci anche solo una giornata, a patto che siate in possesso di tutti i documenti necessari. Tuttavia, a seconda delle normative, alcune banche possono impiegare fino a cinque giorni per elaborare la documentazione.

Il deposito minimo richiesto per aprire un conto bancario è in genere di Rp 500.000, anche se le banche internazionali potrebbero richiedere una cifra più alta. Prima di procedere assicuratevi che la banca esponga i loghi internazionali (ad esempio Visa o MasterCard).

Banche diverse hanno requisiti diversi, ma generalmente vi verrà richiesto di inviare i seguenti documenti:

  • Passaporto
  • Permesso di soggiorno temporaneo, KITAS o KITAP
  • Prova della vostra residenza in Indonesia

In alcuni casi potrebbero richiedervi anche:

  • Una lettera di raccomandazione da parte del datore di lavoro
  • Un documento emesso dalla banca del paese di origine
  • Una carta di credito o di debito valida
  • Una prova che attesti la vostra residenza in Indonesia
  • Un documento che provi l'indirizzo di domicilio
  • Fototessera formato passaporto (4cmx6cm)

Le banche indonesiane tendono ad operare a livello locale piuttosto che nazionale, quindi vi chiederanno di fornire i dettagli dell'indirizzo di residenza ed una documentazione adeguata a comprova dello stesso. 

 Indirizzi utili:

HSBC
Banca Mandiri
Banca Negara Indonesia
ANZ Indonesia
Banca Central Asia
UOB Indonesia
Ministero delle Finanze Indonesiano

Facciamo del nostro meglio per fornire informazioni aggiornate ed accurate. Nel caso in cui avessi notato delle imprecisioni in questo articolo per favore segnalacelo inserendo un commento nell'apposito spazio qui sotto.