IL DESIDERIO DI ESPATRIARE : DUBBI E INCERTEZZE

Ciao a tutti,  sono Alberto e con mia moglie Rossella vivo, da un anno, in "modalità" residente annuale, in Portogallo, ad Apulia , località turistica tra Porto e Braga, con poche "anime invernali" e molte nel periodo estivo. Così ci godiamo la tranquillità dell'inverno e la gioia e l'allegria dell'estate.
Da molto tempo frequento questo forum, anche se non intervengo spesso nelle discussioni perchè ho riscontrato che ci si dilunga in conversazioni che invece di dissipare incertezze e timori alle persone che chiedono informazioni, molto spesso li aumentano.
Per rendere chiaro il mio pensiero in "tono colorito" a volte mi sembra di essere in quei "comarò" che nei tempi andati si vedevano sui sagrati delle chiese dei piccoli paesini , nelle contrade o nelle piazze, dove si sedevano le vecchiette vestite di nero ,da una parte, e gli uomini con cappello o coppola in testa  e sigaro in bocca ,dall'altra, per raccontarsi giorno dopo giorno, sempre le solite cose.
E cosi accade qui : ad eccezione di pochi amici, preparati e a conoscenza dei vari temi e molto utili per dissipare i timori degli "aspiranti emigranti" , la maggioranza di chi si prende l'onore o onore di rispondere, lo fa solo per far notare la sua presenza........
Per dirne una su tutte, la bufala che i portoghesi non vogliono assolutamente sentire parlare in spagnolo !!! Io sono vissuto per sette anni in Messico e parlo lo spagnolo più o meno come l'italiano e, quando sono arrivato in Portogallo, cosciente delle avvertenze che mi erano state fatte di non parlare in spagnolo, ho avuto qualche scrupolo per esprimermi in quella lingua.......
Poi ho tirato fuori la mia italianità , il mio sorriso e la nostra  capacità italica di esprimerci in tutto il mondo e............ho trovato i portoghesi che mi rispondevano in spagnolo!!!!
I portoghesi sono di carattere molto umili e gentili e , come è giusto, a gentilezza rispondono con gentilezza e a cafonaggine rispondono di conseguenza.
Quando , anni fa, sono arrivato in Messico, senza conoscere la lingua, e poi negli Stati Uniti, per altri 2 anni, sempre senza conoscere la lingua, ho provato il disagio maggiore non trovando nessun italiano che mi abbia dato una mano consigliandomi il meglio e sconsigliandomi il peggio.
Anzi, ne ho trovato qualcuno che, per invidia, concorrenza o cattiveria, faceva l'incontrario , mi consigliava il peggio!!
Allora io , da questo forum, vorrei dare un consiglio che spero sia gradito e venga recepito da tutte quelle persone che vorrebbe espatriare e venire in Portogallo ma sono combattute da mille dubbi :
SE AVETE SCELTO O PENSATE DI PREFERIRE UNA ZONA PIUTTOSTO CHE UN'ALTRA, CERCATE IN QUESTO FORUM , NON LE CHIACCHERE DELLE COMARI, MA UNA PERSONA CHE SIA DISPONIBILE AD AIUTARVI .  PRENDETEVI UNA SETTIMANA DI FERIE PER VEDERE IL LUOGO CHE AVETE SCELTO E IN CUI VORRESTE VIVERE, ANDATE CON IL "TUTOR" NEGLI UFFICI, NEI CENTRI COMMERCIALI, NEI RISTORANTI, IN BANCA,  E FATEVI UN'IDEA DI QUELLA CHE SARA' LA REALTA' REALE, PER VIVERE IL VOSTRO FUTURO.
Noi siamo stati prima nell' Algarve, abbiamo visitato Faro e le cittadine limitrofe, e non ci è piaciuto , per i nostri gusti non era quello che cercavamo. Tre mesi dopo siamo venuti al nord, ci è piaciuto,
abbiamo cercato casa e ci siamo trasferiti. Nell' Algarve eravamo rimasti delusi anche dal contatto che avevamo avuto con un' agenzia per le pratiche di espatrio, che abbiamo pagato solo per stringerci le mani...
Poi abbiamo trovato un' Agenzia seria, con persone professionali che, col passare del tempo, sono anche diventate amiche : poche chiacchiere e fatti certi.
Loro mi hanno aiutato per le pratiche più importanti : Ambasciata, INPS, ASL , io mi sono occupato delle pratiche locali, sempre ben consigliato e accompagnato.
Agli amici italiani che desiderano venire in Portogallo e vogliono prima farsi un'idea di quello che troveranno e come potrebbero passare i loro prossimi anni di vita, io offro la mia disponibilità a visitare la zona in cui vivo tra Porto e Braga in cui ci sono luoghi bellissimi come Esposende, Povoa de Varzim, Vila do Conde, Guimaraes, Barcelos, Ofir, Santo Tirso, Vila Nova de Fameliçao, la zona del Minho con vini importanti, quella del Porto, famosa nel mondo. E naturalmente Apulia, dove vivo.
E, se ne resteranno affascinati, como lo siamo stati noi,  spiegare loro cosa devono e cosa non devono fare, senza tante chiacchiere inutili.
Scusate se vi ho annoiati ma sono un vicentino, veneto polenton, e  mi esprimo terra terra, senza l'intenzione di offendere nessuno.
Un abbraccio. Alberto

Caro Alberto,
bella città Vicenza, molto simpatici i vicentini, ho lavorato tre anni a Castelgomberto vivendo in Contrà San Rocco, Vi, e ne ho un ricordo splendido, anche perche ero molto giovane  :D .
Ma queste sono "ciacole" che probabilmente non interessano e non vorrei attirarmi i tuoi strali.
Apprezzo molto il tuo lungo messaggio. Mi permetto di segnalarti che ciò che tutti noi scriviamo nel blog lo scriviamo con l'intenzione e la speranza che sia utile a chi legge.
Difatti dalle tue parti si dice giustamente
"meglio massa che manco" cioè
meglio troppo che non abbastanza.
A chi non interessa la ciacola é sufficiente non leggerla.
D'altronde siamo nella gran parte pensionati o quasi e non é che un paio di righe di lettura ci faccia perdere importanti affari.Anche perché molti dei bloghisti sono di fronte ad un'importante e strategica scelta di vita.
Per quanto riguarda parlare spagnolo ai portoghesi ti posso garantire per frequentazione quarantennale della penisola iberica che la poca simpatia che gli spagnoli godono in Portogallo é storica ed accertata, anche se al giorno d'oggi si é molto attenuata. I portoghesi contrariamente agli spagnoli sono veramente cosmopoliti oltre ad essere molto gentili quindi faranno generalmente uno sforzo per capire lo straniero e farsi capire.
Chiaramente si può' viaggiare in tutto il mondo parlando inglese, milioni di anglofoni lo fanno, o addirittura parlando solo italiano ed esprimendosi a gesti, ma sarà sempre apprezzato in qualsiasi paese al mondo lo straniero che sarà esprimersi nella lingua locale, se non altro con poche parole, che sia in Swahili o in Thai, soprattutto se si vuole vivere in un paese senza esserne un corpo estraneo, come modestamente la mia esperienza di viaggiatore e di espatriato mi ha sempre indotto a consigliare. 
D'altronde i miei nonni (piemontesi) mi hanno insegnato che tutti i consigli sono ben accetti, soprattutto quelli gratuiti, stà a noi accettarli e farne buon uso o non tenerne conto.
Un saluto a tutti e sempre a disposizione per chi cerca informazioni sul Portogallo, il nord del Portogallo o per gli altri paesi dove ho lavorato e vissuto
Dario

Caro Dario, non voglio entrare in nessuna polemica : ho espresso chiaramente il mio pensiero e chi ha voluto capirlo , lo ha capito.
D’altronde io e te ci conosciamo bene , abbiamo pranzato anche assieme.
Anch’io , se posso essere utile , mettendo a disposizione la mia esperienza  a chi desidera visitare questa parte bellissima del Portogallo, sono disponibile a farlo con molto piacere.
Buon mercoledì a tutti. Alberto

Il punto secondo me è che ciascuno di noi pensa di avere un pensiero unico e insostituibile, utile agli altri, alle volte profondo e pieno di esperienze vissute. Non ci rendiamo conto ,ciascuno ,della propria banalità e dozzinalita ,di idee ed esperienze. E questo, secondo me, vale per ciascuno di noi. Luigi

Ciao grazie per l informazione data nel forum io sarei interessato a venire ad abitare nella zona che tu hai parlato se vuoi diventare amico

Ciao Alberto,
per cortesia mi puoi fornire il nome di chi ti ha aiutato nelle pratiche <'

caro Alberto,
nessun problema, mi sei sembrato solo "un fiatin" aggressivo
ciao e buon soggiorno
Dario

DARIO ALFREDO VIALE :

caro Alberto,
nessun problema, mi sei sembrato solo "un fiatin" aggressivo
ciao e buon soggiorno
Dario

Un fiantin o "na scianta"...  :D

Caro Alberto, sto valutando seriamente l'ipotesi di trasferirmi in Portogallo. Sono pensionato da settembre e lo scorso  fine giugno ho fatto una vacanza in Algarve e a Porto. Sto decidendo e nell'attesa ho avuto modo di leggere tutto ciò che mi serviva per ciò che riguarda il trasferimento.
Avrei cortesemente bisogno, se ti è possibile, conoscere il nome dell'agenzia che ti ha seguito e quella da evitare. Ho già avuto modo di parlare con alcune di loro....sulla carta sembrano tutte qualificate!!! Posso scriverti privatamente?
Ti ringrazio anticipatamente per l'aiuto che vorrai darmi e spero di incontrarti presto.

Francesca :

Un fiantin o "na scianta"...  :D

Ostia....ma questo e' puro dialetto Serenissimo ;)

Pero', perdonami, scritto cosi', si legge a mo' di "sciarpa" (per i non addetti agli idiomi locali, ovviamente). Meglio sarebbe scriverlo (e leggerlo) come "na s-cianta"

Ciarea,neh....;)

Chiaro e preciso bravo Alberto

Nuova discussione