Il sistema fiscale in Austria

tasse in Austria
shutterstock.com
Pubblicato 2023-11-21 13:11

Il gettito fiscale è un elemento cruciale dell'economia austriaca e svolge un ruolo significativo nel finanziamento dei servizi essenziali, tra cui la sanità, l'istruzione e le infrastrutture pubbliche. Esso sostiene infatti il funzionamento e lo sviluppo di questi settori chiave. In questo articolo abbiamo raccolto le informazioni più rilevanti sul sistema fiscale austriaco.

L'imposta sul reddito in Austria

In Austria, l'imposta sul reddito è denominata "Einkommenssteuer" e si applica a tutti i residenti. La prima cosa da fare è determinare il proprio status di residenza ai fini fiscali. Se avete risieduto in Austria per un periodo non superiore a 6 mesi durante l'anno fiscale precedente, siete tenuti a pagare le imposte solo sui redditi prodotti in Austria. Se invece avete vissuto in Austria per 6 mesi o più, dovrete pagare le tasse sul vostro reddito internazionale.

L'anno finanziario in Austria segue l'anno solare, ovvero inizia il 1° Gennaio e termina il 31 Dicembre.

Il reddito in Austria è soggetto ad una tassazione proporzionale in base ai guadagni annuali. Le aliquote fiscali variano generalmente dal 20% al 55%, con piccole fluttuazioni annuali. Esiste anche una soglia di esenzione fiscale e le persone che guadagnano al di sotto di questo limite sono esenti dal pagamento dell'imposta sul reddito se soddisfano i requisiti.

Per determinare la percentuale applicabile in base al vostro reddito, fate riferimento alla tabella qui sotto.
Tenete sempre in considerazione che le decisioni politiche e le aliquote fiscali possono cambiare, ma l'utilizzo di queste tabelle e dei calcoli forniti consentono di calcolare facilmente le imposte in qualsiasi momento.

Per i lavoratori dipendenti, le imposte vengono in genere detratte direttamente dal salario dal datore di lavoro. Tuttavia, i lavoratori autonomi devono presentare e pagare le imposte online o con l'assistenza di un commercialista.

Le dichiarazioni dei redditi devono essere presentate entro il 30 Aprile per tutti i residenti o entro il 30 Giugno per le dichiarazioni elettroniche.

Ecco la tabella aggiornata delle aliquote fiscali per i redditi annuali degli anni 2023/2024:

  • Un'aliquota dello 0% si applica ai redditi fino a circa 12.000 euro all'anno.
  • Fino a 18.000 euro si applica un'aliquota del 20%.
  • I redditi compresi tra 18.000 e 31.000 euro sono soggetti a un'aliquota del 30%.
  • I redditi compresi tra 31.000 e 60.000 euro sono soggetti a un'aliquota del 41% o del 40%.
  • I redditi compresi tra 60.000 e 90.000 euro sono tassati con un'aliquota del 48%.
  • I redditi compresi tra 90.000 e 1.000.000 euro sono soggetti a un'aliquota del 50%.
  • Per i redditi superiori a 1.000.000 di euro all'anno, l'aliquota fiscale è del 55%.

Queste aliquote progressive vengono applicate in base alle rispettive fasce di reddito, determinando l'ammontare delle imposte dovute dagli imprenditori.

Buono a sapersi:

Gli imprenditori calcolano il loro reddito imponibile sottraendo dal fatturato le spese, gli importi esenti da imposte e i contributi sociali, considerando anche la franchigia sugli utili.

L'imposta sul reddito si applica a diverse fonti di reddito, tra cui il lavoro dipendente, i beni strumentali, le proprietà in affitto, le vendite commerciali e artigianali e il lavoro autonomo. Le plusvalenze sono tassate con un'aliquota del 27,50%.

È possibile richiedere varie detrazioni per le spese legate al lavoro. Per ulteriori informazioni, è possibile contattare il Ministero delle Finanze.

Vediamo ora qualche informazione in più che riguarda i dipendenti e i freelance. In generale, come dipendenti non siete tenuti a conguagliare le tasse, perché l'imposta sul salario e i contributi sociali vengono dedotti automaticamente (ad eccezione di alcune organizzazioni internazionali a Vienna, come l'ONU). Detto ciò, ecco alcuni esempi di situazioni in cui potrebbe essere necessario apportare modifiche all'imposta sul salario.

Imposta sul reddito dei lavoratori dipendenti

In Austria, la maggior parte delle persone che lavorano sono dipendenti. In base a un contratto di lavoro standard, i dipendenti hanno diritto a ricevere 14 stipendi mensili, di cui solo 12 sono completamente tassati. Ciò significa che gli altri due stipendi sono soggetti a una tassazione ridotta.

Anche se si lavora stagionalmente, come nel settore del turismo, o per un periodo più breve, si ha comunque diritto proporzionalmente a questi pagamenti aggiuntivi e ai giorni di ferie. In questo modo si garantisce che i dipendenti ricevano la loro giusta quota di retribuzione, indipendentemente dalla durata o dalla natura del loro impiego.

In Austria, i contratti di lavoro sono generalmente a tempo indeterminato. Esistono tuttavia alcune eccezioni, come i periodi di prova (che vanno a vantaggio sia del datore di lavoro che del lavoratore), i contratti a progetto e i contratti temporanei sostitutivi delle ferie, che hanno una durata limitata. In linea generale, nelle grandi aziende austriache i dipendenti vengono assunti a tempo indeterminato.

I salari in Austria sono regolati da contratti collettivi noti come "Kollektivvertrag". Questi accordi stabiliscono per legge gli standard salariali minimi per settori e posizioni specifiche. Potete consultare il sito web ufficiale per trovare il contratto collettivo e il salario minimo applicabile al vostro settore o alla vostra posizione. I testi giuridicamente vincolanti sono disponibili solo in tedesco, ma potete tradurre la vostra filiale e/o chiedere al vostro datore di lavoro, inserire lo stato federale e poi cercare le informazioni che vi servono. Se non riuscite a trovare informazioni rilevanti, contattate la Camera del Lavoro WKÖ  o la Camera di Commercio AK (via e-mail, telefono o di persona), che vi forniranno direttamente informazioni sulle normative salariali specifiche.

Mentre in passato gli annunci di lavoro in Austria indicavano l'importo dello stipendio mensile, a causa delle influenze internazionali è diventato sempre più comune che riportino la cifra annuale. Se avete ricevuto un'offerta di lavoro, potete utilizzare un calcolatore di stipendio per determinare il vostro reddito netto in base allo stipendio annuale o mensile offerto.

Buono a sapersi:

Se non avete lavorato per un anno solare completo, ad esempio nei periodi di cambio lavoro o impieghi iniziati a Settembre, potrebbe essere utile effettuare la perequazione fiscale. Questo perché potreste aver pagato i contributi assicurativi per l'intero anno e, di conseguenza, potreste aver diritto ad un rimborso fiscale per il periodo in cui non avete lavorato.

Inoltre, per quanto riguarda l'imposta di culto, se applicabile, viene dedotta automaticamente. Al momento del conguaglio fiscale, è possibile includere le detrazioni per le donazioni e le altre spese deducibili. Questo vi permette di ottimizzare la vostra situazione fiscale e di ridurre potenzialmente il vostro carico fiscale complessivo.

In effetti, i costi relativi all'Home office, alla pubblicità, ai materiali e ai corsi di formazione per l'aggiornamento professionale possono generalmente essere dedotti dalle tasse. È importante informarsi sulle regole e le linee guida specifiche che si applicano per approfittare di queste detrazioni.

Inoltre, i pendolari possono beneficiare di una sovvenzione, che aiuta a compensare i costi associati agli spostamenti per andare e tornare dal lavoro.

C'è da sottolineare che la perequazione fiscale può essere effettuata retrospettivamente per i 5 anni precedenti, consentendo alle persone di apportare modifiche alle loro dichiarazioni dei redditi per quel periodo, se necessario.

Per saperne di più su contratti di lavoro, diritti dei lavoratori, benefit per i dipendenti, borse di studio e formazione e informazioni sui salari, potete rivolgervi alla  Camera austriaca del Lavoro ("Arbeiterkammer").

L'ufficio delle imposte mette a disposizione una piattaforma online dove è possibile effettuare la perequazione una volta concluso l'anno fiscale precedente. Questo vi permette di gestire comodamente le vostre questioni con il fisco per via elettronica.

Se avete bisogno di assistenza per la perequazione fiscale o avete domande su alcune procedure, è consigliabile contattare direttamente l'ufficio delle imposte. Questo approccio può semplificare le cose, in quanto si può spiegare la propria situazione e ricevere una spiegazione immediata senza dover passare ore a decifrare documenti complicati da soli.

Un'altra risorsa utile è la Camera del Lavoro, a cui ci si può rivolgere per ottenere ulteriori informazioni e indicazioni. Non esitate a contattare queste strutture, per rendere più semplice il processo e ottenere il supporto necessario.

Imposta sul reddito in Austria per gli stranieri

In Austria il sistema fiscale funziona secondo il principio del "pay as you earn", ovvero le tasse vengono detratte in base al reddito. Se vivete in Austria ma non avete lo status di residenza, sarete soggetti a un'aliquota fiscale ridotta e dovrete pagare le tasse solo sul reddito che avete guadagnato in Austria.

Se siete ricercatori, avete tre possibilità di impiego:

  • Stipendio/sovvenzione/borsa di studio,
  • Impiego regolare
  • Servizi personali indipendenti.

Il tipo di impiego specifico è fondamentale per determinare se si può beneficiare o meno delle esenzioni fiscali.

Se ricevete uno stipendio, in genere siete esenti dal pagamento delle tasse. Tuttavia, se siete assunti con un regolare contratto di lavoro, le tasse saranno detratte dal vostro stipendio e il vostro datore di lavoro sarà responsabile del pagamento delle imposte per vostro conto.
Se invece lavorate con un contratto di servizi personali indipendenti, noto come "Werkvertrag", siete considerati lavoratori autonomi. In questo caso, siete responsabili della dichiarazione e del pagamento delle imposte sul vostro reddito alla fine di ogni anno fiscale.

Come già detto, in Austria si è considerati residenti fiscali se si ha lo status di residenza ufficiale nel Paese e si trascorrono più di 180 giorni all'anno all'interno dei suoi confini. La determinazione della residenza fiscale è importante per stabilire gli obblighi e i benefici fiscali in Austria.

Imposta sul reddito per i lavoratori autonomi in Austria

Il processo di equiparazione fiscale è diverso per i lavoratori autonomi rispetto ai dipendenti. In qualità di lavoratore autonomo, l'attenzione è rivolta al pagamento dei contributi previdenziali durante tutto l'anno. Sebbene questi contributi siano ridotti durante i primi due anni di lavoro autonomo, in seguito dovranno essere rimborsati. È importante accantonare una parte del reddito per coprire questi obblighi futuri.

La dichiarazione dei redditi per i lavoratori autonomi viene generalmente presentata l'anno successivo. La scadenza per la presentazione scritta è la fine di Aprile o, se la si presenta online, entro la fine di Giugno. Se vi affidate ad un consulente fiscale, avrete più tempo a disposizione perché sarà lui a gestire il processo per vostro conto. Fornendo loro le fatture mensili, semplificherete ancor di più il processo.

Fare la dichiarazione dei redditi da soli può sembrare inizialmente complesso, tuttavia la Camera di Commercio (WKÖ) offre un seminario gratuito sulla tassazione, che puo' essere utile per approfondire l'argomento.
Se il vostro fatturato annuo come piccoli imprenditori è inferiore a 35.000 euro (da Gennaio 2023), potete utilizzare un metodo di calcolo più semplice e un'aliquota fissa. Inoltre, non siete tenuti ad addebitare o pagare l'imposta sul valore aggiunto (IVA) e non dovete includerla nelle vostre fatture.

Per la vostra piccola impresa è sufficiente tenere un semplice conto delle entrate e delle uscite. È consigliabile utilizzare una numerazione progressiva per le fatture, tuttavia non esistono sistemi specifici obbligatori.
Ai fini fiscali viene considerato valido il momento in cui il denaro viene ricevuto sul conto della vostra impresa, piuttosto che quello in cui è stata inviata la fattura.
Recentemente sono state apportate delle modifiche alla normativa fiscale che consentono alcune deduzioni. Ad esempio, è ora possibile detrarre il 50% delle spese sostenute per i trasporti pubblici, come il costo di un abbonamento annuale all'autobus o al treno.

Inoltre, sono disponibili due nuove deduzioni forfettarie specifiche per le persone che lavorano prevalentemente o frequentemente dal proprio ufficio. Queste detrazioni forniscono un approccio semplificato al calcolo delle spese legate al lavoro da casa.

Per facilitare il processo di calcolo delle imposte, sono disponibili strumenti online che consentono di inserire i propri dati e di stimare in anticipo l'onere fiscale. Questi calcolatori sono utili per farsi un'idea dei propri obblighi fiscali e pianificare di conseguenza.

Per saperne di più sulle tasse per i liberi professionisti, leggete qui o consultate il sito web della WKÖ.

Contributo alla previdenza sociale in Austria

Se vivete in Austria, siete registrati e lavorate, è obbligatorio avere un'assicurazione sanitaria. Se siete dipendenti, il vostro datore di lavoro coprirà i premi assicurativi e la vostra quota sarà detratta automaticamente dal vostro stipendio (potete anche optare per un'assicurazione privata, se lo desiderate). A seconda del settore e del tipo di impiego, sarete assicurati da una specifica compagnia di assicurazione sanitaria. Ad esempio, i lavoratori dipendenti sono generalmente coperti dalla più grande compagnia di assicurazione sanitaria, la WGKK, mentre i dipendenti pubblici sono coperti dalla BVA. La copertura e i costi per i medici pubblici possono variare leggermente a seconda della specifica compagnia di assicurazione sanitaria.

I lavoratori autonomi sono tenuti ad assicurarsi tramite la SVS (Assicurazione sociale per i lavoratori autonomi) e a versare trimestralmente la previdenza sociale.

Nel 2023 si applicheranno le seguenti tariffe per i liberi professionisti e i cosiddetti "nuovi lavoratori autonomi":

  • Assicurazione contro le malattie: 7,65%.
  • Assicurazione contro gli infortuni: 1,1%.
  • Assicurazione contro la disoccupazione: 6%.
  • Assicurazione pensionistica: per i liberi professionisti: 22,8%, per i nuovi lavoratori autonomi: 18.5%

Queste aliquote determinano le percentuali del vostro reddito che siete tenuti a versare per vari programmi assicurativi, tra cui l'assicurazione per malattia, gli infortuni (facoltativa), la disoccupazione e la pensione, a seconda del vostro status di lavoratore autonomo.

Accordi sulla doppia imposizione in Austria

Il governo austriaco ha firmato accordi sulla doppia imposizione con molti Paesi del mondo per garantire che i cittadini e i residenti che hanno vissuto sia in Austria che all'estero non siano tassati due volte sullo stesso reddito percepito. Per ulteriori informazioni sulla doppia imposizione, visitate il sito del Ministero austriaco delle finanze.

Imposta sulle società in Austria

L'imposta sul reddito delle società ha attualmente un'aliquota del 25%. Questa imposta si applica sia al reddito che alle plusvalenze che le imprese hanno conseguito nell'ultimo anno. Sono tenute a pagare questa imposta sia le imprese straniere che operano in Austria, sia le società che si sono costituite in Austria. Le imprese devono anche pagare un'imposta municipale, che va al comune in cui ha sede l'azienda.

Imposta sulle vendite in Austria

L'imposta sul valore aggiunto (IVA) è un tipo di imposta sulle vendite che viene applicata all'acquisto della maggior parte dei beni e servizi in Austria. L'aliquota IVA standard è del 20% e viene aggiunta al prezzo degli articoli o dei servizi.

Tuttavia, esistono aliquote IVA ridotte per determinati prodotti e servizi. Per alcuni articoli, come animali e piante, eventi culturali e uso di piscine, è prevista un'aliquota ridotta del 13%. Inoltre, è prevista un'aliquota ridotta del 10% per alimenti, libri, trasporti, affitti e medicinali.

In Austria i libri sono relativamente poco costosi rispetto ad altri Paesi. Se l'acquisto dei libri è finalizzato alla vostra formazione professionale, possono anche essere detratti fiscalmente. Ciò significa che si può dedurre il costo dei libri dal proprio reddito imponibile, offrendo un potenziale vantaggio per chi vuole investire nella propria crescita professionale.

Buono a sapersi:

Se avete visitato l'Austria in vacanza o ci vivete già, avrete notato i prezzi relativamente alti del caffè a Vienna o di una bibita in una baita di montagna. Non sono necessariamente il cibo o i menu a essere più cari rispetto ad altri luoghi d'Europa, ma piuttosto le bevande. Questo accadeva anche prima dell'attuale inflazione. A volte la birra può essere infatti addirittura più economica delle bevande analcoliche!

Il motivo di questa situazione è che le bevande sono soggette all'aliquota fiscale standard del 20%, mentre gli alimenti sono soggetti a un'aliquota inferiore del 10%. Questa disparità di aliquote fiscali contribuisce al prezzo relativamente più alto delle bevande rispetto al cibo in questi locali.

Altre tasse in Austria

Ci sono diverse altre tasse che da espatriati dovreste conoscere una volta che vi trasferirete in Austria. Eccone alcune rilevanti:

Per le aziende:

Imposta sulle plusvalenze: Questa imposta si applica ai profitti ottenuti dalla vendita di beni come azioni, obbligazioni, immobili e altri investimenti.

Imposta sul fatturato: L'imposta sul fatturato, detta anche imposta sul valore aggiunto (IVA), è un'imposta generale sulle vendite applicata all'acquisto della maggior parte dei beni e dei servizi, come già detto in precedenza.

Per i privati:

Imposta ecclesiastica: Se siete membri della Chiesa cattolica in Austria, potreste essere tenuti a versare un contributo. Il contributo ecclesiastico si basa sull'ammontare del reddito e può essere pagato una o quattro volte l'anno. Alcune persone sono esenti se hanno un reddito basso o stanno ancora studiando.

Imposta sui trasferimenti immobiliari: Quando si acquista o si trasferisce una proprietà immobiliare, viene riscossa una tassa nota come imposta sui trasferimenti immobiliari o imposta sui trasferimenti di proprietà.

Tassa sui veicoli: I proprietari di veicoli in Austria sono tenuti a pagare una tassa in base al tipo, alle dimensioni e alle emissioni dei loro veicoli.

Tassa sul possesso di cani: Gli individui che possiedono cani sono soggetti ad una tassa specifica, conosciuta come tassa sui proprietari di cani, che aiuta a coprire i costi dei servizi e delle infrastrutture legate ai cani.

Se risiedete a Vienna, è bene che familiarizziate con queste imposte per garantire la conformità con le normative fiscali austriache e comprendiate i potenziali obblighi finanziari che potrebbero sorgere.
Avere un confronto con un consulente fiscale o delle autorità fiscali locali può essere utile per reperire ulteriori informazioni su questo argomento.

Link utili in inglese e tedesco

Finance Ministry

Income tax calculator

Income and taxation

Austrian Chamber of Commerce WKÖ

Facciamo del nostro meglio per fornire informazioni aggiornate ed accurate. Nel caso in cui avessi notato delle imprecisioni in questo articolo per favore segnalacelo inserendo un commento nell'apposito spazio qui sotto.