Scheda informativa Senegal


Il Senegal ricopre un territorio di circa 196.722 km², è una Repubblica semipresidenziale e si trova nella zona occidentale del continente africano. La sua capitale è Dakar, e il simbolo del Paese è un albero di baobab.

Sebbene abbia raggiunto l’indipendenza nel 1960, l’influenza della colonizzazione francese è ancora molto forte. La maggior parte della comunità infatti è francofona, ma ancora si conserva l’uso di molti dialetti complessi e interessanti.

Con le sue forti tradizioni, miste a modernità e democrazia, questo paese si è rivelato una destinazione popolare sia per le aziende occidentali che per i professionisti stranieri.

Il Senegal è al quarto posto tra le principali economie della zona occidentale dell’Africa, nonostante la mancanza di risorse naturali; è considerato uno dei paesi africani più industrializzati grazie a diversi settori come turismo, pesca, servizi, agricoltura e industria. Tra i principali partner economici oltre India, Francia e Cina c’è anche l’Italia.

Questo Stato si è distinto come uno dei Paesi più istruiti della zona; ospita molti talenti in termini di creatività e gestione aziendale. Nel corso degli anni, molte scuole europee e nordamericane vi si sono stabilite, apportando un livello d’istruzione qualitativo sia per i Senegalesi stessi che per gli altri abitanti. Un’altra prerogativa grazie alla quale ha attratto molte società multinazionali è la sua posizione geografica e la stabilità politica.

Grazie al suo successo economico, il Senegal è diventato membro dell’Unione Economica e Monetaria dell’Africa occidentale, della Comunità Economica degli Stati dell’Africa occidentale, della Comunità degli Stati del Sahara e dell’Unione africana. Nel 2006, inoltre, è diventato idoneo ad accedere al Fondo Monetario Internazionale (FMI) dal 2006.

Per quanto riguarda il clima, in generale in Senegal si alternano due stagioni, ovvero quella secca e quella delle piogge. La stagione secca dura da novembre a maggio con temperature che variano tra i 22° e i 30°. Altre variazioni significative di temperature sono quelle registrate tra la costa e l’entroterra. Per quanto riguarda la stagione delle piogge, ossia l’inverno, questa dura da giugno a ottobre, e le piogge più forti spesso si verificano nel sud e nel nord.