Tempo libero e stile di vita in Indonesia
Aggiornato 6 mesi fa

La vita da expat in Indonesia potrebbe essere molto diversa da quella a cui siamo abituati nel nostro paese, ma se si possiede un buono spirito d’adattamento e si è pronti ad affrontare varie situazioni con una mente aperta e senza perdere la pazienza, sicuramente riuscirete a godervi sia il tempo libero che il vostro nuovo stile di vita in questo meraviglioso arcipelago.

In molti ritengono che vivere in Indonesia sia un’esperienza unica e ricca di fascino: dal cibo, al clima, alle lingue, alle pratiche religiose, è impossibile non apprezzare questa terra, specialmente se già siete rimasti incantati dai paesaggi e dalla cultura.

Avere dimestichezza con certe pratiche burocratiche e formalità renderà più facile il processo di adattamento, perciò, se avete dei dubbi, non esitate a rivolgervi ad un altro expat che vive da parecchio in Indonesia, o a qualcuno del luogo; entrambi sapranno darvi buoni consigli e indicarvi il modo migliore per integrarvi e godere di tutto ciò che questa terra ha da offrire.

Religione

L’Indonesia è ufficialmente un paese laico, con una relativa libertà di religione. Tuttavia, il 90% dei suoi abitanti è di religione islamica, e costituiscono la più grande comunità musulmana del mondo – sebbene vi siano anche delle minoranze cristiane, indù e buddiste. A seguito di questa preponderante presenza musulmana, vi accorgerete che molte attività chiudono presto il venerdì pomeriggio per pregare (jumu’ah), che si osservano varie pratiche islamiche come il Ramadan, e che le festività, come l’Eid, sono ampiamente celebrate.

Praticare l’Islam significa anche che le autorità indonesiane non hanno verso l’alcool la stessa tolleranza che invece dimostrano i loro colleghi del vicino sudest asiatico e, sebbene Bali sia famosa per la sua vita notturna, molti cittadini nel resto del paese non hanno la stessa attitudine nel fare festa.

 Importante:  Nonostante l’Indonesia si stia rapidamente trasformando in una nazione moderna, le tradizioni vengono ancora tenute in considerazione e rispettate, e ci si aspetta che gli stranieri manifestino lo stesso atteggiamento di rispetto, vestendosi in modo morigerato e non scambiandosi effusioni in pubblico.

Lingue

All’infuori dei contesti metropolitani e dei luoghi turistici, l’inglese è una lingua praticamente sconosciuta, quindi può essere d’aiuto imparare alcune frasi indonesiane di base per poter interagire con la gente del luogo.

La lingua bahasa è una delle più facili da imparare, poiché è costituita da verbi con semplici coniugazioni e segue l’alfabeto romano. Sapere anche solo le parole o le frasi più comuni può fare la differenza anche in posti dove la maggior parte della gente parla inglese.

 Buono a sapersi:

L’acqua in Indonesia non è potabile, quindi potete comprarla in bottiglie riutilizzabili, o far bollire quella del rubinetto prima di usarla. Se vi state trasferendo in pianta stabile, invece, conviene acquistare un distributore d’acqua e contattare una società idrica che provvederà a sostituire le bottiglie vuote man mano che verranno usate. Di solito le taniche contengono 19 litri, quindi a lungo termine il risparmio è evidente perché non è necessario acquistarne molte, e il sistema di riciclo è utile anche per l’ambiente.

 Importante: 

È bene portare sempre con sé un documento d’identificazione – molti stranieri scelgono di richiedere la patente di guida locale in modo da non dover girare con il passaporto. Se si viene fermati dalla polizia indonesiana, è obbligatorio mostrare un proprio documento d’identità, l’eventuale omissione può comportare una multa o un’ulteriore sanzione.

Tempo libero

L’Indonesia offre tantissime possibilità di svago per rilassarsi durante il tempo libero. Dopo una settimana di lavoro nel trambusto della città, che cosa c’è di meglio di una giornata in spiaggia con una bella noce di cocco, o una passeggiata tra i luoghi storici, una visita al museo, oppure stare a contatto con le meraviglie della natura nei parchi nazionali? Se invece siete tipi più avventurosi, in Indonesia ci sono più di 150 vulcani, anche noti come gunungs, quindi l’escursionismo può essere un altro passatempo divertente (però siate prudenti perché 125 vulcani sono ancora attivi!).

Se invece siete shopping-dipendenti, le grandi città come Giacarta saranno il vostro paradiso; i centri commerciali sono enormi e molto affollati soprattutto durante il fine settimana. Non mancano neanche una serie di ristoranti per tutti i gusti e budget, dove potrete deliziare le vostre papille gustative, dallo street food alla cucina raffinata.

Per quanto riguarda lo sport, anche se l’Indonesia è famosa per il volano, quello più seguito è senza dubbio il calcio – tra l’altro è stato il primo paese asiatico ad essersi qualificato per la Coppa del Mondo nel 1938. Gli sport tradizionali, come il sepak takraw – un incrocio tra calcio e pallavolo giocato sul campo da volano – sono anch’essi praticati e seguiti da tutto il paese, così potrete imparare una cosa nuova e mettere alla prova le vostre abilità!

Per quelli che prediligono il mare, sappiate che l’Indonesia è una destinazione molto popolare tra i subacquei e i surfisti. Grazie alle grandi onde e all’incredibile biodiversità marina, non potrete certo rinunciare a immergervi in queste meravigliose acque non appena ne avrete la possibilità.

Facciamo del nostro meglio per fornire informazioni aggiornate ed accurate. Nel caso in cui avessi notato delle imprecisioni in questo articolo per favore segnalacelo inserendo un commento nell'apposito spazio qui sotto.