I pericoli del vivere in Tunisia

Si dai Lavinia.. Era.. Xx sdramattizzare un po'''... Cercando di comprendere chi a volte non Osserva.. In oieno le varie discussioni... Poi scusa se anche rispondiamo a qualche Post gia in ptecedenza dibattuto che male c'e'... Penso che a tutti noi.. Quasi... Il tempo non manchi.....

Giusta.. Osservazione.. Lavinia.. X Vivere ok.. 700 euro.. X ottenere Permesso Soggiorno.. Meglio su Attestato Banca.. 1000 euro.. X i 3 mesi necessari....

Anto&Simo :
Michele Lodeserto :

Mi risulta che un impiegato di grado alto, ha pressapoco uno stipendio di 1500,00 TND.

Molte cose sono cambiate in Tunisia, un agente di vendita che si occupava delle commesse presso l'azienda di un amico già nel 2017 guadagnava 3500 dinari tunisini… dipende dove lavori e con quali mansioni.
Se sei un perfetto ignorante senza istruzione e senza alcuna specializzazione tiri su dai 500 ai 700 dinari ma salendo di poco i prezzi cambiano. Un mio amico in un'azienda guadagnava 2200 dinari e si occupava del mercato interno...

Buongiorno Michele Lodeserto,

Avevi portato un esempio di quanto possa guadagnare un tunisino, pertanto il riferimento e' indubbiamente chiaro anche nella risposta. Il riferimento era quello.

Aggiungo soltanto che per es. le donne tunisine che vanno a servizio di altre tunisine, sono spesso ben piu' in gamba delle loro datrici di lavoro ma.... orrendamente sfruttate e pagate anche solo 450 dinari mensili. Ci sono purtroppo tante realta', in Tunisia (e....anche altrove).

Quindi, tanto per non restare troppo out of limit, uno dei pericoli e' dato dall'essere dai tunisini -non sempre, ma troppo spesso- considerati dei nababbi (leggasi polli da spennare),in virtu' della nostra origine europea. Ma spesso non sono neppure i veri poveri, ad abusare......

Anto&Simo :

Comunque cerchiamo di far tornare questa discussione all'interno del contesto del titolo...

:thanks:

I PERICOLI DEL VIVERE IN TUNISIA

ok, un pericolo, oltre a quelli già  segnalati sotto il titolo di argomenti ben simili, è quello di trovarsi male per circostanze o reazioni cui non si era pronti e cui non si sarebbe mai pensato.  I furbi, chiaramente, rischiano meno.  E pure gli iper-cauti.  Le persone sole, soprattutto poi se solitarie, peggio poi se donne, hanno da vedersela e da reggersela e vedere.... . Chiaramente poi si impara, come no ...

:dumbom:  :up:

Abito in Tunisia da ben 13 anni e posso assicurarti che quello che il signore ha raccontato corrisponde alla sacrosanta verità!!
L'igiene non esiste quasi in nessun luogo. L'idea di entrare in una toilette di un qualsiasi ristorante, bar ecc. (ho già provato tante volte) mi raccapriccia.
Quando vai a comprare il pane, per es. non prendere mai la tua baguette in superficie, ma scegli il tuo pane sotto la catasta. Tutti prendono in mano il pane e lo schiacciano e lo rimettono di nuovo al suo posto.
Vogliamo parlare della doccia, dell'igiene personale? Allora, il tunisino/a normalmente si lavucchia forse una volta la settimana. Se hai la sfortuna di salire su un pullman, taxi collettivo, tram ecc. preparati a sentire odori di ogni sorta. Anche se un pezzetto di sapone ed un pochino d'acqua si trovano facilmente.
L'immondizia é in ogni luogo !!!! Il tunisino butta tutto per terral. DICO TUTTO. I pochi giardinetti esistenti sono ricolmi di spazzatura.
E potrei stare qui, e raccontare per giorni.
Quando si viene in Tunisia bisognerebbe visitare prima il luoghi "normali", i quartieri semplici, invece di recarsci in località come Hammamet, Sousse, Monastir oppure Mahdia e abitare in Hotel. La vita di tutti giorni é ben differente !!!

Sei un eroe.. Se con quello che sostieni.. Nonostante tutto sei qui da 13 anni.. Hai uno Spirito di Sacrificio notevole...
Ma scusa a che citta' ti riferisci....
Fermo restando.. Che ti fastidia che tutti prendono e tastano le baguette.. Credi che quelle stanno sotto sono immacolate..
Illuso....
X quanto riguarda il lavarsi.. Certamente i poveri e disagiati non si lavano tutti i giorni.. Come da noi i Clochard.. Punk.. Eccetera....
Per il resto ti assicuro che i tunisini.. Anzi gli Arabi.. Fanno uso di docce shampoing Saponi in modo esagerato.. Certo chi puo perletterselo... e le docce anche due al giorno....
Non fare di tutta l'erba in fascia... Le  cose stanno sempre a meta''forse tu le vedi Solo dalla meta' sbagliata....

Beh, ecco avete ragione entrambi.

Il fatto è che per abitare in un posto è vero che bisogna imparare a conviverci, con certe realtà (e quindi con quelle di entrambi i fronti -non tutti negativi appunto-).  Eppoi è pure vero che neppure risulta facile e piacevole per quei tunisini che appunto non sono come dice Andrea.   Io per esempio rimango di stucco, davvero ogni volta, quando uscendo di casa presto trovo tutto pulitissimo -la piazza spazzata e senza una cartina per terra-... ma poi, basta mezza giornata e uno può davvero credere che di lí non sia passata una scopa da molte settimane o forse già da qualche mese, bensí una orda di insudiciatori....

Lo stesso per la cura di arbusti, aiuole, fiori, piante, alberi.... Vengono potati a dovere e i giardini puliti che sembrano uno spettacolo.  Poi arrivano a frotte e non manca molto a progressivamente veder crescere il frutto di "tanta civiltà": carte servite a pulirsi il deretano dietro qualche cespuglio, poi naturalmente tutto il resto in sacchetti, porcherie, cartacce, spuntini .... E le scritte murali? Fossero almeno artistiche o quasi....   
No; io fatico, ecco; mi intristisce pensare che tanta gente soltanto sappia criticare "il paese", il Governo, il Sindaco e non so chi d'altri - MA  GLI INDIVIDUI stessi che fanno?  Si direbbe che il loro paese lo odiano, per come trattano tutto.  E mancando di rispetto a tutti e specialmente a chi invece il suo misero pane se lo guadagna passando ovunque la scopa, sotto ogni vento o sole.
Queste, mi sembrano considerazioni legittime. Ma purtroppo riscontrabili anche fuori dalla Tunisia...  Non ovunque, ma sempre di più un po' dappertutto il rispetto in generale sta scemando moltissimo!

Aggiungo a quando ha già detto Mauro Biazzi che nei bagni dei locali che ho frequentato non ho mai trovato un degrado superiore a quello dei nostri bagni nazionali… al contrario recatomi in un bar di Ede in Olanda di venerdì sera dove tutti bevevano a più non posso i bagni erano misti, i maschietti facevano la pipì su un lastrone di acciaio irrorato con acqua corrente e le femminucce si accovacciavano sull'unica tazza presente senza porta (ma non dirò mai che in Olanda i locali igienici non sono a norma) :)

Vedi Lavinia.. Quello che cerco di far capire dq tanti anni a molti e purtroppo non sempre ci riesco e me ne dispiaccio molto... Che non e' un caso. Che la Tunisia pur con tutti i progressi.. Emancipazione.. Rivoluzione 2011 rimane un paese Povero.. Con Abitudini  Culture vecchie e non facilmente Cambiabili.. Quindi quando si viene qui bisogna per quanto piu possibile conviverci.. Con queste Realta''... Altrimenti si continua sempre a Lamentarsi.. Vivere Male.. Non capendo  che forse.. Ripeto Forse... Tanti Vantaggi specie x noi Europei non ci sarebbero..
Costo della Vita.. Affitti... Cambio Euro.. Dinaro... Ma tant' e'.. Niente.. Si. Continua sempre.. Imperterriti.. Nelle nostte Convinzioni...
Vabbe'... Vado a cena....

Anto:   No, giusto;  perché appunto si direbbe che più  o meno siano "tutte le norme"  ad essere state adattate allo "stile" in corso ...   :joking:  :sosad:

Mauro: vero!

Insomma sta a ognuno di noi la possibilità di aggiustare lo sguardo ... (ma ciechi non si diventa...e a volte cio' che si constata pesa perché rincresce)

sono del pensiero che se una persona decide di lasciare un paese per un altro e ci vive ne condivide usi e costumi, quindi è inutile stare a parlare dei lati positivi e di quelli negativi. Che fare? cambiare ancora paese? beh, tutto il mondo è paese

Esatto.. Ben detto Lavinia...  :)  :)

Ciao,
Siete mai stati all' Oktoberfest nella civilissima Germania? Od in Olanda e Danimarca, ancora più civili, nei locali il fine settimana?
Io si! e vi dico uno schifo mai visto! In Finlandia, in una discoteca, le ragazze facevano i loro bisogni in terra nell'antibagno.
Molto meglio se andavano dietro un  cespuglio.
Non sono d'accordo a fare di tutta l'erba un fascio e devo dire che di simili schifezze me ne hanno raccontate diverse nei paesi "civilizzati": UK, Australia, Stati uniti, ecc.
Personalmente, per la mia piccola esperienza, anche all'interno della Tunisia non ho notato grandi deficienze nell'igene personale delle persone.
Ho viaggiato parecchio con i "louage", anche nell'iterno del paese, solo in alcuni casi ho riscontrato difficoltà dovute al caldo od a persone che vevano faticato (erano più loro in difficoltà di me).
Cosa del resto abbastanza normale anche nei mezzi pubblici Italiani.
Poi, ovvio, dipende dall'ambiente in cui si è abituati e ci sono tanti "Washers" o come li chiamo io "orsetti lavatori" che sono ossessionati dalla pulizia, i contatti con i germi e batteri.
Queste persone, così abituate dalla piccola età, normalmente dispongono di scarse difese immunitarie, quindi è meglio che continuino a vivere nella loro "bolla".
La pulizia dei luoghi non differisce granchè da quella di molte aree urbane  Italiane ad alta densità abitativa.
Comunque tutto ciò non costituisce assolutamente " Pericolo del vivere in Tunisia".
Io mi trovo abbastanza a mio agio, pericoli non ne ho rilevato.
Nonostante tutto sono piuttosto attento e guardingo, da buon sardo, e cerco di capire chi mi sta intorno ed il movimento del posto.
Cosa che ho sempre fatto anche in Sardegna ed altri luoghi Italiani.
Il pericolo maggiore che ho notato in Tunisia è stato quello del traffico automobilistico e pedonale.
Scusate la lungaggine.
A presto
Antonio

Concordo pienamente...
X. Pulizia.. Vedi anche Toilette Autogrill nostre autostrade.. Stazioni... Treni.. No Regionali.. Ma Intercity...

subdive :

Ciao,
Comunque tutto ciò non costituisce assolutamente " Pericolo del vivere in Tunisia".
Antonio

QUOTO a lettere maiuscole, sgolandomi...
Ma capitemi, non sto giudicando la qualità degli interventi qui sopra, bensi la collocazione in questo thread. Ne andava aperto un altro, solo che adesso diventa anche difficile spostarli aprendo una nuova discussione. Vabbè lascio cosi....

Buongiorno Francesca,

beh, stavolta mi sento quasi in dovere, di fare l'avvocato "del diavolo"... A volte diventa un po' difficile restare dritti sui binari perché  -come per es. in questo caso- quando entra una persona e fa un elenco dei motivi di disgusto ecc. ecc., esponendo le situazioni in modo alquanto assolutistico o insomma generalizzando,  da' una certa impressione e per cui,  chi poi entrasse a leggere  e non fosse mai stato in Tunisia (né in paesi affini, o analoghi riguardo alla loro Storia e ai retroscena)   potrebbe decidere sui due piedi di lasciar perdere.  ----------Potrebbe insomma temere che stare in Tunisia comporti anche o soprattutto il correre chissà  quali disagi e pericoli per la salute --------.

E vuoi allora che noi ci si astenesse dal considerare come ... l'essere umano , ovunque si trovi....sia e possa comportarsi in determinati modi ... ?   Almeno in Tunisia possiamo facilmente anche capirne molti motivi e determinate cause che da noi, invece, sono principalmente inerenti la tutt'altro che squisita scostumatezza e mancanza di rispetto.  E constatare il degrado e le sue conseguenze, dispiace e fa male ovunque.  Anzi, in in certo senso ancor più  da noi che non altrove.  Anche perché i segni di tracotanza e di tanta superficialità di modi  in Occidente non sono tanto "scusabili";   i segni dello sconforto, o della disperazione che si manifesta -non soltanto- ma pure con la rassegnata apatia e/o lo scontento ad altre latitudini, invece si.   Ma se e quando tutto questo duole, vuole perlomeno dire che nello spirito umano, un anelito all'armonia  e il bisogno di bellezza (e di giustizia...) ancora e sempre si fanno sentire...  Ed è  giusto***, ovvero naturale (secondo natura) legittimo pure questo - perché siamo vivi e ci si può dunque ben sentire alquanto spaesati....ovunque-   specie in determinate situazioni appunto... (che non rispecchiano il meglio, della nostra specie...).

(***vocazionale, si potrebbe pure segnalare come tale e...quale un richiamo alla nostra recondita essenza...)

E dunque, di quali pericoli potremmo sennò ancora dire, visto che su questo argomento già avevamo scritto...persino fiumi...e con reazioni che ormai si cerca di non provocare, risp. di evitare ?  E visto che qui non è neppure luogo per dibattere di "politiche e contorni"  ? 
Tant'è e per cui....questo è  quanto...
Ed ecco perche' taluni argomenti è poi logico che si sviluppino ... "de fil en aguille" !

Con permesso, Vostro Onore...

:thanks:

Nuova discussione