Scheda informativa Nuova Zelanda


La Nuova Zelanda si trova nel mezzo dell’Oceano Indiano Meridionale ed è formata da due isole principali, l’Isola del Nord e l’Isola del Sud.

Il Paese, conosciuto anche con il nome tradizionale Maori di “Aotearoa”, si estende per oltre 268,021 km² e nonostante sia spesso considerato vicinissimo all’Australia, in realtà dista più di 2000 km nel punto più vicino.

La capitale è Wellington, fulcro creativo e culturale nonché centro del governo mentre Auckland, con i suoi 1,5 milioni di persone, è la città più grande ed abitata.

L’arcipelago è formato da più 600 isole minori tra cui le più conosciute e visitate sono Stewart Island, Chatham Island, Great Barrier Island e Waiheke Island. La maggior parte delle rimanenti sono per lo più disabitate o accolgono riserve naturali.

La popolazione della Nuova Zelanda è composta da circa 4,6 milioni di abitanti, la maggior parte dei quali vive negli agglomerati urbani, mentre solo 600.000 abitano le zone rurali del paese. All’interno della nazione coesistono diversi gruppi etnici, i principali sono quello europeo, il maori, quello delle isole del pacifico e il gruppo asiatico.

Le due lingue ufficiali sono il Maori e la lingua dei segni Neozelandese anche se l’inglese è in realtà la lingua più parlata, seguita dal maori, dal samoano e dall’hindi.

Nel 2017 la Nuova Zelanda è stata classificata dalla Banca Mondiale come miglior paese dove avviare un’impresa e come secondo luogo al mondo per realizzare un’attività commerciale.

E’ stata inoltre dichiarata dall’Istituto di ricerca statunitense“Heritage Foundation” terza economia più libera della terra.

E’ uscita dalla recessione mondiale del 2008 molto più velocemente rispetto alla maggior parte dei paesi ed è considerata una delle economie in più rapida crescita del pianeta.

L’agricoltura è ad oggi l’attività principale, tuttavia negli anni i settori del turismo e dell’edilizia sono diventati cardine della politica economica del paese, contribuendo al suo miglioramento in modo significativo. A marzo del 2017 il PIL ammontava a più di 265 miliardi di dollari neozelandesi con un tasso di crescita di 0,5% rispetto all’ultimo trimestre.

I suoi principali partner commerciali sono Australia, Repubblica Popolare Cinese, Europa e Stati Uniti. Fa parte dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC), della Cooperazione Economica Asiatico Pacifica (APEC) e dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

La Nuova Zelanda è una monarchia parlamentale retta dalla regina Elisabetta II. Il suo rappresentante in loco è il Governatore Generale, oggi Dame Patsy Reddy, nominato dal Primo Ministro.

Il Parlamento (chiamato House of Representatives) è composto da 120 deputati, eletti ogni tre anni da un sistema di voto proporzionale per la rappresentanza di membri misti. Ciò significa che ciascun elettore deve esprimere due preferenze: una per il proprio deputato locale e una per il proprio gruppo preferito. Un formazione politica entra nella House of Representatives solo se ottiene il 5% dei voti sulla base del voto per partito o se riesce a far eleggere almeno un suo rappresentante. Il Governatore Generale nomina un Primo Ministro in base a chi ritiene più adatto a guidare il Parlamento, anche se nella maggior parte dei casi si tratta dell’esponente del partito che detiene il maggior numero di parlamentari. Può succedere che un gruppo ottenga più seggi di quelli che gli spettano secondo la percentuale che ha raggiunto con i voti di partito. In una situazione simile si provvede aumentando il numero dei membri del Parlamento: questo porta ad una lieve sovra-rappresentazione della fazione politica in questione sulle altre. In ogni caso in questa nazione è un evento raro.

La Nuova Zelanda si trova nell’emisfero australe il che significa che le stagioni e le temperature sono all’opposto rispetto a quelle dei paesi dell’emisfero boreale. Il punto più a nord del paese si trova vicino all’equatore ed è di conseguenza il più caldo, mentre quello più a sud è in prossimità dell’Antartide quindi decisamente il più freddo. L’estate dura da dicembre a marzo con temperature medie che variano da 20°a 30°C, mentre l’inverno va da giugno a settembre in cui si registra un’escursione termica che varia da 10° a 15°C.

Essendo una nazione insulare la Nuova Zelanda nel suo complesso presenta un clima costiero moderato durante tutto l’anno, influenzato sia dal mare che dalle numerose catene montuose. Auckland e Northland godono di un clima caldo per la maggior parte dell’anno, nella città di Wellington il clima è più marittimo simile a quello inglese mentre nell’Isola Sud esistono le stagioni tradizionali con variazioni di temperature più ampie e precipitazioni nevose nelle aree Alpine. Le piogge sono diffuse in egual misura su tutto il territorio ma nell’arco di un anno il paese gode di più giornate soleggiate che in Europa!

Attenzione! In Nuova Zelanda a causa dei bassissimi livelli di inquinamento e di raggi UV molto forti è molto facile scottarsi!