Close

Portare auto dall'Italia, conviene?

Qualche consiglio e suggerimento in base alla mia esperienza.
Del noleggio abbiamo già parlato in un precedente post, quindi leggetelo  :D .

Come poter portare la propria auto in Portogallo?
Esistono 2, anzi 3 alternative:

1. guidandola per tutto il percorso con tappe in Francia e Spagna, sempre che non partiate dal profondo sud, per cui sarà forse meglio includere anche una tappa italiana.

2. Imbarcandosi su un traghetto della * direzione Barcellona, risparmiando, per così dire, un migliaio di km. partendo da Civitavecchia o Livorno.

3. Per i più facoltosi, contattare una compagnia di trasporti internazionali che ve la recapiti in Portogallo, per diverse centinaia di euro.

Nel primo caso, potrebbe essere divertente far diventare il viaggio stesso una mini-vacanza.
Sceglierete hotel su diversi siti di vostro gradimento, e vedrete che si trovano ottime offerte anche in hotel 4-5 stelle per una cifra tra le 50 o 70 euro a notte a camera.
Da Roma, la città in cui vivo, a Tavira, dove lavoro, le ore sono 24.
Ora, capisco che per i più non sia una passeggiata ma, spezzando il viaggio in più di una tappa ( nel mio caso Aix-en-Provence e Valencia), si arriva a destinazione con 8 ore di guida al giorno fermandosi per giunta in località da visitare assolutamente almeno una volta nella vita ( sono Italo-americano da parte di padre, compagna italo-francese, madre di origini abruzzesi per cui amante della buona cucina, e conosco bene Francia, Spagna e Portogallo, per cui se volete qualche consiglio, se posso lo farò volentieri  ;) )
E poi soprattutto, l'auto ve la volete portare per non noleggiarla no?  e che volete da me allora  :D
Per avere uno specchietto di quello che sarà la spesa, andate sul sito viamichelin.it , sulla schermata apparirà anche il dettaglio dei pedaggi autostradali con relativo ammontare di tutto il percorso che avrete selezionato. Indicativamente avrete anche la spesa di benzina, diesel o gpl, ma questo probabilmente lo saprete meglio voi in base alla vostra vettura.
Per assurdo questa è la modalità che consiglio.

Traghetto:

Attenzione Lupone, un viaggio che se non organizzato bene potrà diventare un inferno vero e proprio.
Tariffe convenienti, che si riflettono sulla scarsità, impreparazione ed incompetenza del personale a bordo.
Qui l'obbligo assoluto è di prenotare una cabina, sperare sia pulita, chiudersi dentro con una buona dose di libri o dvd o fate voi, e cercare di dormire il più a lungo possibile.
La nave in sé non è male, ma ripeto, i servizi sono scadenti in modo assoluto.
La traversata dovrebbe durare circa 20 ore per arrivare a Barcellona, ma non si è mai così fortunati.
Il mare, che tu Lupone a giudicare dalla foto conosci molto bene, è imprevedibile anche per colossi di stazza superiore a migliaia di tonnellate. E così ti capita di partire non più alle 20,30 ma alle 24,00, e di giungere a destinazione con altre 3 ore di ritardo, che sommate alle prime diventano un macigno insostenibile.
Per chi volesse quindi avventurarsi, calcolate le variabili, ed aggiungete ASSOLUTAMENTE la cabina, perché le aree comuni sono poche, rumorose e piene di persone spaesate che rimpiangono di non averne scelta una al momento della prenotazione.
Inutile chiederne una una volta a bordo, per una qualche regola di mercato a me sconosciuta, piuttosto che proportene una ad un prezzo vantaggioso perché libera, pretendono di venderla al doppio di quanto trovato su internet, senza addirittura scalare il passaggio ponte già pagato.
Inutile prenotare la poltrona riservata. L'unica sala, piccola, viene presa d'assalto da ogni genere di ectoplasma che, noncurante del rispetto altrui, occupa posti non suoi, si sdraia a piedi nudi occupando 3 sedute, russa per non dire altro e addirittura si sdraia sui 2 corridoi impedendo il passaggio. Insomma, risparmiatevi quest'ecatombe, siete in pensione, siete residenti non abituali, guadagnate di più, e spendete i soldi per la cabina  :lol:

Nel terzo caso, so che esiste la possibilità ma non ho modo di portare né esperienza diretta, tantomeno relative ai miei amici/clienti, per cui non so che dire.

Cordiali saluti

Maurizio

Moderato da Francesca 2 mesi fa
Motivo : * società di navigazione

Grazie tante Maurizio ,avevo optato per il traghetto , ma alla luce di ciò che mi dici , riesaminerò altre possibilità . Un saluto a te e a tutti gli amici del forum :)

Maurizioguiku :

contattare una compagnia di trasporti internazionali

Per ottenere preventivi  gratuiti per il vostro trasloco in Portogallo consultate questa pagina di Expat.com: www.expat.com/it/trasferirsi

Maurizio, hai per caso informazioni aggiornate circa l'immatricolazione dell'auto italiana in Portogallo? Costi, procedure ed uffici di riferimento?

Grazie in anticipo per le info che potrai passarci,

Francesca

Si, è abbastanza lungo e complesso. Provo a sintetizzare, premettendo che, a mio avviso, la soluzione migliore sia fare un passaggio di proprietà ad un familiare, approfittando della Bersani per la classe di merito qualora fosse più bassa .
O addirittura acquistarne una in Portogallo se l'auto è di poco valore ( economico, non affettivo).

Premetto un aspetto importante, ossia che il cittadino che prende la residenza in Portogallo, RNH o non, ha l'obbligo di risolvere la questione entro 6 mesi a partire dall'accettazione dello statuto, altrimenti si è fuori regola. Se la macchina è intestata ad un familiare non residente invece, nessun problema di circolazione con targa italiana. Consiglio di parlare con la propria assicurazione in Italia per capire se e come si è coperti in un paese della UE, potrebbero richiedere un'assicurazione integrativa, un po' come per il Cross Border di quando la si noleggia.
Bisogna sperare di essere proprietari del proprio veicolo da almeno 12 mesi ( per evitare sotterfugi relativi a chi compra in uno stato più conveniente rispetto ad un altro... le famose auto d'importazione, ricordate?), altrimenti occorrerà pagare la ISV ( imposta sui veicoli), e qui la cifra da sborsare è molto alta, parliamo di migliaia di €, ma non ne conosco i parametri di giudizio. So solo che è una botta immane, almeno per utilitarie mediamente recenti.
Per chi fosse fortunato, e non ha acquistato la propria auto negli ultimi 12 mesi, questi dovrà presentare una serie di certificati, sia relativi all'auto, sia alla dimostrazione che si è vissuti nell'anno precedente in Italia, tra cui:

Relativi alla residenza in Italia:
-Bollette, contratti d'affitto, rata di mutuo, anche scontrini di carta di credito. E soprattutto che siano 12, per farla breve occorre presentare una prova al mese :/

Relativi all' auto:
-documenti di identità del proprietario;
-patente di guida;
-libretto di circolazione dell’auto;
-certificato di proprietà dell’auto;
-dichiarazione di conformità dei parametri, in accordo col marchio della vettura; in mancanza di questo documento dovrete sottoporre il veicolo ad un’ispezione in un concessionario autorizzato.
Poi bisognerà recarsi agli uffici delDRAF – Direção Regional dos Assuntos Fiscais, per ottenere l'ok sulle emissioni ( come una revisione da noi), al costo se non sbaglio di 46 € circa.

Relativi alla residenza in Portogallo:
-Iscrizione all' AIRE oppure la pre-richiesta fatta al comune italiano di origine.
- Certificado de Registo da Uniao Europea.
- Pagare, quando sarà il momento ( lo si può fare dal portale delle finanze portoghese) lo IUC ( imposto unico de circulaçao), l'equivalente del nostro bollo.

Quello che ho scritto vale per qualsiasi cittadino che intende immatricolare l'auto in Portogallo, ma per i Residenti Non Abituali la pratica è un po' più snella, se non altro perchè proprio il regime del RNH, una volta accettato, già esclude la ri-presentazione di molto dei documenti sopra-citati.

Costo totale di tutta l'operazione, escludendo la ISV, si aggira mediamente tra i 350 e i 500 €.

Vi è passata la voglia? a me si :/

Se potete date retta a me, e scegliete una delle prime due opzioni.

Cordiali saluti
Maurizio

SALVE A TUTTI,
SE IO PORTO L'AUTO DI MIO FIGLIO CHE NON E' RESIDENTE IN PORTOGALLO; POSSO GUIDARLA? ESISTE UNA NORMATIVA CHIARA CHE SPIEGA  SE E' POSSIBILE GUIDARLA? IN CASO NEGATIVO QUALI SONO LE SANZIONI?
GRAZIE PER LA RISPOSTA

Ciao Maurizio51,
sulla mia macchina ho un'assicurazione (con compagnia italiana non online) per guida effettuata da terzi.
Il mio assicuratore mi ha spiegato che con la carta verde tale assicurazione è valida anche all'estero quindi mio marito la potrá guidare in Portogallo.
Spero di esserti stata utile.
Saluti

maurizioguiku sei informatissimo è un vero piacere leggere le tue risposte sempre esaurienti e precise

Grazie Franco, è un piacere sapere che lo apprezzi.
Sarebbe grave se le informazioni da me postate fossero errate!

Da come le esponi con ordine e proprietà di termini dovresti avere grande fantasia ad inventarti tutto. ho riscontri puntuali dalle informazioni che sto raccogliendo da tempo.

Non credo che porterò l'auto e date le condizioni meteo ed il fatto che sono un motociclista incallito penso di optare per motoscooter acquistato sul posto ed auto a noleggio quando serve. Sto optando per la leggerezza,  pochi obblighi e meno problemi.

Ciao Maurizio
condivido tutto quello che ha appena scritto Franco,è sempre un piacere leggerti,l'idea di portare la macchina l'ho scartata fin da subito,ho trovato casa a Cabanas de Tavira dove risiedero da novembre
Saluti

Ciao a tutti un saluto particolare a Maurizio fonte inesauribile di notizie che anticipano sempre le mie domande.
Per la macchina ritengo che  la soluzione del noleggio secondo necessità   possa essere la miglior strada: no assicurazione, no bollo,  no manutenzione, no stress da parcheggio, no multe e poi  batteria scarica spingi spingi che parte ........cose già vissute.
Da qualche mese ho iniziato a fare delle prove generali: via auto solo car shering, si scooter e abito a Genova città non particolarmente fredda nel periodo invernale ma ventosa e piovosa. In Portogallo avremo almeno 300 gg anno di insolazione quindi scooter popolare , casco leggero e via.

Mi sa che tocchera' comprare uno scooter.
Che moto hai ??

giapponese che sa di mare shi300 anno scorso , ma ho avuto moto per gli ultimi 50anni ed  ho appena venduto una tedesca bicilindrica diventata  troppo pesante . Ora desidero ruote grandi, buone forcelle ed ottima tenuta di strada. Girando per il mondo mi sono reso conto che se  desidero la "leggerezza"  necessario sfrondare la quantità di bisogni fittizi e tentare di arrivare alle cose essenziali. E le due ruote nei paesi del sud est asiatico hanno preso il posto dell'asinello che consuma poco e ti aiuta tanto  quindi asinello.

Bello l'sh. Io ho una giap 750 prossimamente ( non so quando ) una tedesca 1200 e purtroppo uno scooter comprato dalla figlia e che si rifiuta di usare per ... boh ?? Purtroppo aveva comprato un 3 ruote e ... vabbe' tanto non mi vergogno :-)))
Se avevi ancora una moto ti avrei fatto una proposta indecente ... Italia - Portogallo. Sara' per il futuro.
Sulla " leggerezza " condivido al 100 % ( anche se il sudest asiatico che un po conosco e' diverso ). Il difficile e' decidere cosa e' fittizio e cosa no. Mah ??!! Basta provarci

Ciao Maurizio, sono Tino54 da Trieste, grazie delle info, ma io non mi sono scoraggiato perché pensavo che costava molto ma molto di più... di 500€ perché la reimmatricolazione italiana ad un famigliare probabilmente costa di più, senza contare il risparmio sull'assicurazione..
Io in Italia per un BMV compresa la casco su assicurazione online con classe di merito superscontata pago 1850€!!!! In Portogallo da quello che so molto meno della metà...(500/600€)
Per quanto riguarda il viaggio concordo con quelli che preferiscono la macchina.
Io sono appena Tornato è stato bellissimo me la sono presa con calma, non ho fatto una tappa ma diverse con due giorni di sosta per ogni tappa.. ho visitato un sacco di belle città sia all'andata che al ritorno, naturalmente facendo itinerari diversi , andata -  Trieste,Cuneo,Carcassonne,Girona,Valencia,Siviglia,Albufeira 15 gg di sosta poi Corrois, San sebastian ,Tolosa,Cuneo,Trieste.
Naturalmente per chi non ha fretta.
Ciao a tutti
Tino

Nuova discussione

Traslocare in Portogallo

Consigli per preparare un trasloco in Portogallo

Voli per il Portogallo

I prezzi migliori per il tuo biglietto aereo in Portogallo