Close
Seguici su Facebook!

Fare impresa in Ungheria: intervista al Presidente della CCIU

Buongiorno a tutti,

Se volete fare impresa in Ungheria, leggete l'intervista al Presidente della Camera di Commercio Italiana in Ungheria, il Dott. Martignago, che ci parla della potenzialità economiche del paese e delle finalità della CCIU.

Riporto un estratto del documento che potete leggere per intero seguendo questo link: www.expat.com/it/intervista


Quali sono le potenzialità dell'Ungheria e perchè si consiglia di investire in questo Paese?


L'Ungheria è un Paese di medie dimensioni, con 10 milioni di abitanti.
Budapest è una città tipicamente europea, con una fascia di consumatori di livello medio e medio-alto paragonabile per gusti e stili di vita a quella dei Paesi dell'Europa occidentale.
I rapporti tra Italia e Ungheria sono tradizionalmente ottimi e l'Italia gode di considerevole popolarità.
L'Ungheria non presenta problemi particolari per l'attività di esportazione e può essere considerata un mercato per certi aspetti quasi domestico, con buone prospettive di sviluppo nel medio e lungo termine.
La posizione geografica e strategica dell'Ungheria ne fa una sede ideale per la logistica.
L'Ungheria è attraversata da quattro corridoi pan-europei, ha una rete stradale di 1100 km, una rete ferroviaria estesa in tutto il Paese e 6 aeroporti internazionali.
Il corridoio n. 4 va da nord-ovest a sud-est e connette Berlino al Mar Nero. Il corridoio n. 5 va da nord-est a sud-ovest e connette le regioni dell'Adriatico con l'Ucraina. Il corridoio n. 7, lungo il fiume Danubio, scorre dalla Germania al Mar Nero. Il ramo B del corridoio n. 10 attraversa la Serbia per arrivare a Salonicco.
Il sistema scolastico e universitario in Ungheria è di livello elevato, soprattutto in alcuni settori: ingegneria, ICT, farmaceutica, economia, matematica, fisica, servizi professionali.
La forza lavoro è altamente qualificata ed istruita: circa i 2/3 dei lavoratori hanno almeno un'istruzione secondaria, tecnica o professionale. Il 90% degli studenti parla l'inglese.
I salari sono inferiori di 1/4 rispetto a quelli dell'Europa Occidentale, ma il numero di ore lavoro/anno è uno dei più elevati in Occidente (con alta produttività sul salario). Il mercato del lavoro è molto flessibile.
L'Ungheria inoltre gode di consistenti contributi UE (fondi strutturali e di coesione).
Nel periodo 2007-13 sono stati destinati al Paese più di 29 miliardi di euro. Per il 2014-20 i fondi ammontano a euro 21,9 miliardi (a prezzi correnti) di cui: euro 15 mld per le regioni meno sviluppate; euro 6 mld per le politiche di coesione; euro 463,7 mln per le regioni sviluppate; euro 361,8 mln per cooperazione territoriale e euro 49,8 mln per l'impiego giovanile.

Ci sono molte aziende italiane attive nel territorio ungherese e in quali campi operano?

La presenza italiana in Ungheria è caratterizzata da una varietà di tipologie e dimensioni delle varie aziende.
Ci sono Studi Professionali, aziende di micro, piccole e medie dimensioni. Anche aziende di grandi dimensioni sono rappresentate.
Le statistiche indicano la presenza italiana in circa 2.500 aziende in cui gli Italiani hanno almeno una quota di capitale sociale.
La presenza delle aziende italiane è a "macchia di leopardo" ed è distribuita in tutto il territorio ungherese. Tali aziende operano nei settori più disparati: dalla coltivazione agricola all'allevamento, dal commercio ai servizi, dalle costruzioni all'energia, dai trasporti alla metalmeccanica.

Quali sono i settori più promettenti che favoriranno un'ulteriore consolidamento della presenza imprenditoriale italiana?


I dati economici dell'Ungheria sono positivi ed il trend dei vari settori è in continua crescita. Questo significa che spazi per la "creatività italiana" sono elevati ed il mercato è alla continua ricerca di qualità e novità.
I settori di più facile penetrazione sono quelli che richiamano il "Made in Italy" a partire da quelli legati al settore Ho.Re.Ca. (Hotel - Restaurant - Catering) e al settore dei servizi.
Oltre a questi settori, quello immobiliare continua ad avere un trend positivo.
Positivo è anche il settore ambiente, trasporti ed energia.

Per continuare la lettura : www.expat.com/it/intervista

Cordialmente,

Francesca

Nuova discussione

Traslocare in Ungheria

Consigli per preparare un trasloco in Ungheria

Voli per l'Ungheria

I prezzi migliori per il tuo biglietto aereo in Ungheria