Close

Trasferimento dall'Italia in Romania con la famiglia

Ciao mi chiamo Amedeo, sono ingegnere informatico e vivo a Roma con la mia famiglia (io, mia moglie e due bambini 12 e 2 anni). Abbiamo in programma di trasferirci in Romania entro fine 2018. Motivo principale la insostenibile imposizione fiscale in Italia. Il lavoro che facciamo io e mia moglie non necessita di una sede fisica in quanto si svolge completamente online tipo il trading, quindi tutto ciò di cui abbiamo bisogno è un computer e una buona connessione internet. Mia mogliè è moldava quindi partiamo con un piccolo vantaggio sulla comprensione della lingua rumena. Al momento non sappiamo ancora in quale città trasferirci. Mi sono iscritto su questo forum proprio per raccogliere più informazioni possibili e poter affrontare il trasferimento con le idee abbastanza chiare. Inizialmente pensavamo a Bucarest però da quanto abbiamo capito è ovviamente la città più cara della Romania e quindi per ottimizzare il margine entrate-uscite potremmo optare per una città secondaria da decidere, ovviamente che sia vivibile e che consenta un buon margine di crescita per i figli in termini di formazione e strutture. Spero riusciamo a trovare nel tempo su questo forum notizie utili al nostro caso. Ovviamente abbiamo in mente di andare a visitare le varie città principali per un week end ciascuna. Tanto con i voli low cost ho visto che sono abbastanza accessibili. Grazie in anticipo a tutti quanti ci lasceranno informazioni utilie e grazie alla redazione. A presto.

Ciao Amedeo e benvenuto in Romania, io ti consiglio Bucarest in quanto la tua formazione è il top avere piu' contatti nel settore informatico, e anche per la formazione dei ragazzi. Ho girato gran parte delle grandi citta' rumene e posso assicurarti che il costo della vita è simile in termini di affitti e di vita, s'intende che tutto è proporzionato a come vuoi vivere, nel senso che un affitto in un quartiere popolare è simile nelle grandi citta' è molto piu' economico in un paesino. Lo stesso dicasi per i quartieri piu' altolocati. Comunque fai bene a visitare qualcosa prima di decidere, la cosa essenziale è vivere in una citta' che ti consente di avere il volo per l'Italia senza tanti spostamenti in quanto spostarsi internamente richiede tempo e pasienza.

Ciao Amedeo.
Mia moglie è  rumena ed ho girato la Romania in lungo ed in largo. Credo che Ieri offra stimoli culturali di rilievo e, volendo abitare in periferia, potresti trovare quello che cerchi. Inoltre il livello scolastico è  decisamente buono e le infrastrutture sono all'altezza,  comprese quelle sanitarie. Altro centro ottimo è  Bacau... In bocca al lupo

Ciao, io vivo in Romania da sei anni, per un anno e mezzo ho vissuto a Bucarest e da quattro anni e mezzo vivo a Iași, parlo correttamente rumeno e sono fisioterapista, pur avendo la prima laurea in farmacia (per inciso ho conseguito tutti e due i titoli in Italia).
Ottima l'idea di trascorrere del tempo nelle città rumene che ti interessano, più tempo ci passi, più ti rendi conto di come si vive e delle spese che si affrontano.
Io, passando nel 2013 da Bucarest a Iași ho constatato di persona una netta diminuzione dei prezzi, dal fitto al pranzo al ristorante, dalla lavanderia alla notte in albergo. Che in quattro anni la situazione sia cambiata tanto, non lo so, all'epoca era così.
Tieni presente che c'è un fenomeno molto diffuso in Romania: quello dell'italiano che frega il connazionale, quindi fatti le tue esperienze, impara il rumeno da tua moglie e cerca di rimetterci quanti meno soldi con gli italiani residenti in Romania. Qui a Iași ci sono tre italiani che sono professionisti in questo.
In Romania ci sono leggi che si fanno rispettare e si vive secondo le regole della convivenza civile, non fare cxxxxte, non lasciarti coinvolgere dai connazionali e costruisciti la tua vita.
Per quanto riguarda gli alloggi, vedendone tanti ti renderai conto della differenza tra i vecchi casermoni sovietici ed i nuovi palazzi che hanno praticamente tutti la coibentazione.

Ciao Derc, grazie per la risposta. In effetti cosa importante è che la città sia direttamente e facilmente collegata con l'aeroporto. Però mi sembra che tutte le principali città sono collegate con volo diretto con Roma tranne Oradea che è collagata con Milano. Grazie. A presto. Amedeo

Ciao Nino grazie per la risposta. Non ho capito che città hai scritto: IERI ? se è corretto non riesco a trovarla...

Grazie Rio per la risposta. Ottimi spunti di riflessione. Ho sentito parlare molto bene anche io di Iasi, tra l'altro in questa città Amazon ha scelto di installare un suo centro sviluppo.
Purtroppo l'italiano che cerca di fregarti è un tarlo che abbiamo in Italia stessa e per questo abbiamo sviluppato per fortuna anche un sistema di autodifesa :)

Ti chiedo Scusa, il correttore che non si fa i suoi... Iasi!

Nino Fausti :

Ti chiedo Scusa, il correttore che non si fa i suoi... Iasi!

Grazie :)

Ciao Amedeo
lavoro da poco più di un anno in Romania per una importante gruppo. Il progetto di costituire una società in Romania aveva preso in esame diverse città ed infine la scelta era caduta su Brasov una città con ca. 300.000 abitanti e con 6 università a ca 140km da Bucarest, nell'interno. I fattori presi in esame erano diversi e tutti vantaggiosi rispetto alle altre città esaminate, in special modo la qualità della vita.
Se hai piacere di fare due chiacchiere scrivimi in privato così ci scambiamo i numeri telefono.
Gianmarco

Ciao Amedeo,
certo come dice Rio imparare il rumeno è fondamentale per vivere bene in Romania, in riguardo Italiani che vogliono fregarti penso che sia una cosa irrilevante per uno che ha le idee chiare e anche una famiglia. Nel senso che c'è un buon punto di riferimento e le decisioni sono sempre ponderate.
Fai questi viaggetti di esplorazione e renditi conto di persona. Se sei di passaggio a Bucarest con piacere possiamo prenderci un caffe'.

Amedeo non scartare nemmeno Suceava, città di poco meno di centomila abitanti, servita da un efficiente aeroporto, con dei dintorni meravigliosi (i più famosi monasteri della Romania sono a meno di un'ora da Suceava), prima città della Romania con una mobilità sostenibile in relazione al numero di abitanti, ovvero la città dove con un'auto elettrica hai la maggiore concentrazione di colonnine elettriche (e da quando hanno tolto il timbru de mediu, una sorta di ecotassa, a Iași ad esempio l'aria è irrespirabile), una città con dei costi bassi, cosa che può essere importante se lavori da remoto, quindi cerchi di vivere in un posto a prezzi contenuti.

Gianmarco Manzone :

Ciao Amedeo
lavoro da poco più di un anno in Romania per una importante gruppo. Il progetto di costituire una società in Romania aveva preso in esame diverse città ed infine la scelta era caduta su Brasov una città con ca. 300.000 abitanti e con 6 università a ca 140km da Bucarest, nell'interno. I fattori presi in esame erano diversi e tutti vantaggiosi rispetto alle altre città esaminate, in special modo la qualità della vita.
Se hai piacere di fare due chiacchiere scrivimi in privato così ci scambiamo i numeri telefono.
Gianmarco

Ciao Gianmarco, grazie per la risposta. Certo ci sentiamo con piacere. Ti scrivo. A presto!

Rio_751 :

Amedeo non scartare nemmeno Suceava, città di poco meno di centomila abitanti, servita da un efficiente aeroporto, con dei dintorni meravigliosi (i più famosi monasteri della Romania sono a meno di un'ora da Suceava), prima città della Romania con una mobilità sostenibile in relazione al numero di abitanti, ovvero la città dove con un'auto elettrica hai la maggiore concentrazione di colonnine elettriche (e da quando hanno tolto il timbru de mediu, una sorta di ecotassa, a Iași ad esempio l'aria è irrespirabile), una città con dei costi bassi, cosa che può essere importante se lavori da remoto, quindi cerchi di vivere in un posto a prezzi contenuti.

Grazie mille Rio, ottimo spunto Suceava. Ho visto un po' di foto su internet e sembra ci sia molto verde anche in città stessa. Unica cosa mi sembra di aver capito che il volo per Roma non ci sia un diretto da Suceava per Roma (il contrrio si). Comunque ottimo spunto di riflessione. Grazie!!

derc :

Ciao Amedeo,
certo come dice Rio imparare il rumeno è fondamentale per vivere bene in Romania, in riguardo Italiani che vogliono fregarti penso che sia una cosa irrilevante per uno che ha le idee chiare e anche una famiglia. Nel senso che c'è un buon punto di riferimento e le decisioni sono sempre ponderate.
Fai questi viaggetti di esplorazione e renditi conto di persona. Se sei di passaggio a Bucarest con piacere possiamo prenderci un caffe'.

Grazie Derc, credo verremo a Bucarest a Dicembre, anche per iniziare a capire come costituire la SRL in Romania. Davvero mi farebbe piacere prenderci un caffe insieme :)

Da Roma Ciampino in questo periodo il volo Wizzair per Suceava parte il mercoledì e il sabato alle 09:55, mentre da Suceava per Roma Ciampino il volo è alle 12:35: ovviamente queste informazioni sono da confermare riferendosi a fonti ufficiali.
Qualunque città della Romania tu scelga tieni presente che in linea di massima vale una considerazione basata sulla mia esperienza di vita: a Bucarest e Constanța i rumeni ci tengono in antipatia e quella antipatia, nel momento in cui capirai e parlerai rumeno, la sentirai ogni giorno della tua vita, nel Nord-Est le persone sono più semplici e più rispettose.
I costi, poi, a Bucarest e Constanța sono sempre stati più alti che nel Nord-Est.

Grazie RIo. Comunque per il momento avremmo scelto di andare a Iasi. Se riusciamo ci trasferiremo dall'estate 2018. Tra i vari motivi della scelta di questa città c'è anche il fatto che saremmo vicino ai miei suoceri che vivono in Moldavia, saremmo ad un paio d'ore di macchina e questo per noi sarebbe un aiuto molto importante.

Io sono stato una ventina di volte a Bălți, una cinquantina di volte ad Ungheni e sei volte a Chișinău. Tutte e tre le città sono ben collegate con gli autobus (rutiere) da Iași. Paradossalmente și impiega più tempo ad arrivare a Bălți, a Falesți o ad Ungheni con l'auto che non con gli autobus, in quanto gli autobus hanno una corsia preferenziale ad entrambe le dogane (quella rumena e quella moldava), quindi in mezz'ora le passi tutte e due, mentre con la macchina puoi impiegare anche tre o quattro ore solo per passare le due dogane.
A Iași la macchina non serve a niente, è solo un intralcio ed un costo inutile: i trasporti pubblici sono economici e funzionano bene ed i taxi costano quattro soldi. La vera utilità dell'automobile è per chi ci lavora e per chi vive fuori dal perimetro urbano di Iași.
Valuta bene. A Iași c'è adesso un boom economico ed un boom immobiliare che non trovi in altre città della Romania.

Rio_751 :

Io sono stato una ventina di volte a Bălți, una cinquantina di volte ad Ungheni e sei volte a Chișinău. Tutte e tre le città sono ben collegate con gli autobus (rutiere) da Iași. Paradossalmente și impiega più tempo ad arrivare a Bălți, a Falesți o ad Ungheni con l'auto che non con gli autobus, in quanto gli autobus hanno una corsia preferenziale ad entrambe le dogane (quella rumena e quella moldava), quindi in mezz'ora le passi tutte e due, mentre con la macchina puoi impiegare anche tre o quattro ore solo per passare le due dogane.
A Iași la macchina non serve a niente, è solo un intralcio ed un costo inutile: i trasporti pubblici sono economici e funzionano bene ed i taxi costano quattro soldi. La vera utilità dell'automobile è per chi ci lavora e per chi vive fuori dal perimetro urbano di Iași.
Valuta bene. A Iași c'è adesso un boom economico ed un boom immobiliare che non trovi in altre città della Romania.

SI infatti abbiamo dato un'occhiata a vari siti immobiliari rumeni per vedere l'offerta di case nelle varie città ed in effetti a Iași c'è tanta offerta e i prezzi sono anche buoni. Forse il fatto che Amazon abbia scelto Iași come unica città europea per aprire il suo centro ricerca e sviluppo, ha dato una spinta all'economia locale e al mercato immobiliare.

A Iași per un appartamento in un palazzo nuovo con due camere e due bagni in una posizione centrale ci vogliono 400 euro al mese per il fitto, mentre per comprarlo ci vogliono sui 1200 euro a metro quadro. In periferia i prezzi scendono di un 20% per gli acquisti e di un 30% per i fitti.
Gli immobili vecchi sono più economici, ma per ovvi motivi non li ho mai presi in considerazione.

Rio_751 :

A Iași per un appartamento in un palazzo nuovo con due camere e due bagni in una posizione centrale ci vogliono 400 euro al mese per il fitto, mentre per comprarlo ci vogliono sui 1200 euro a metro quadro. In periferia i prezzi scendono di un 20% per gli acquisti e di un 30% per i fitti.
Gli immobili vecchi sono più economici, ma per ovvi motivi non li ho mai presi in considerazione.

In pratica sono quasi i costi paragonabili ad immobili nuovi di una media città italiana al giorno d'oggi.
Considerando che il materiale edile viene acquistato in LEI, considerando le finiture, le scelte progettuali, il costo della manodopera, ect.. il tutto messo sul mercato in Euro ( con rapporto al cambio di 1:4,6 ) , scusate.... ma questa io la chiamo speculazione.
Non in linea con il potere di acquisto dei popolo romeno, pertanto fuori mercato.

Secondo me, se l'intendo è possedere una o più proprietà, hai più convenienza ad acquistare immobili da ristrutturare o costruire una casa da "0".
Acquisti tu stesso il materiale ( in Lei e dietro consiglio del geometra o architetto progettista ) e paghi la sola manodopera all'impresa ( sempre in Lei ).

Caro RIO,
DFevi pure considerare che IASI è la terza città romena, che ha servizi adeguati e non la puoi paragonare ad una "media città italiana". Cmq certamente si sono svegliati, ed i pressi si stanno adeguando. Spero che quando toccherà a me si possa non peggiorare più di tanto.... Saluti

Per "media città" intendevo per numero abitanti ( ca.100000).

Diciamo Che rapportata alla Romania puoi paragonarla a Torino o Firenze

Nino Fausti a Iași finisce la Comunità Europea, poi c'è la Republica Moldova che è terzo mondo, lo dico senza offesa, in quanto la mia ragazza è moldava ed inoltre nella bella stagione quasi ogni settimana sono ad Ungheni. L'autostrada più vicina a Iași è a 350 chilometri, ovvero a Ploiești, quindi per andare in qualunque città nel raggio di 350 chilometri da Iași devi entrare nei paesi o nelle cittadine per arrivarci.
Come ho già detto, adesso a Iași c'è un boom immobiliare, dovuto al fatto che ci sono tanti italiani, come Amedeo1870, e stranieri in genere che vogliono venire qui.
Nino Fausti Iași non puoi paragonare Iași a Torino o a Firenze, a Torino o Firenze puoi paragonare Cluj Napoca, il secondo polo industriale rumeno dopo Bucarest, puoi paragonare Constanța, con le attività portuali ed il turismo estivo, puoi paragonare Pitești, sede della Renault-Dacia, puoi paragonare Ploiești, con le multinazionali del petrolio, puoi paragonare Timișoara, detta l'ottava provincia veneta per la numerosa presenza di imprenditori veneti ed alto-atesini, puoi paragonare Brașov, prima città turistica della Romania dopo Bucarest e sede di molte aziende italiane e straniere. A Iași, oltre agli studenti stranieri, peraltro in diminuzione, che spendono all'impazzata, oltre all'Amazon, alla Delfi e ad una piccola sede della Moncler e della Benetton, non ci sono altre aziende. Iași si trova in una delle zone più povere della Romania.
Giustamente Eurodani71 osserva che c'è una speculazione in atto sugli immobili. Per quanto riguarda il mercato dei fitti, a Iași non c'è paragone con l'Italia, infatti praticamente nessun propietario registra il contratto di fitto e praticamente nessun proprietario ci paga le tasse, ma è tutto assolutamente in nero.

ho usato Firenze in quanto Iasi è  principalmente un polo culturale. Io andrò vicino Vatra  Dornei, Giuridizione di Suceava, esattamente a Brosteni, nascita di mia moglie. In tutta la Romania è  difficilissimo avere un contratto  di affitto

Nuova discussione

Traslocare in Romania

Consigli per preparare un trasloco in Romania