5 buone ragioni per vivere a Cuba

Ciao a tutti e a tutte!

Se dovreste parlare delle cinque buone ragioni per trasferirsi a Cuba, cosa direste al proposito?

Quali sono i cinque aspetti principali che più apprezzate della vita a Cuba?

Grazie mille per condividere con noi la vostra esperienza!

Francesca

magari 5 son tante...
diciamo un paio di buone ragioni per gli italiani sono la prima il fattore linguistico, l'ottima qualità sanitaria
Ora chi è un pensionato/a e vive in un posto freddo, all'incirca con quello che spende di riscaldamento in Italia in 7 mesi  può valutare per un fattore prettamente economico una seconda casa dove appunto svernare probabilmente considerando l'ottimo sistema sanitario con un paio di visite specialistiche ed un ck-up ,sei stato hai Caraibi 7 mesi allo stesso prezzo che a Ivrea
ovviamente i visti turistici hanno durata mesi 3 cumulativi quindi soggiornarvi senza interruzioni nn è possibile, a meno che nn si ottenga una residenza temporanea che per chi possiede una rendita o una pensione nn è particolarmente problematico da ottenere
è demagogia che si viva con 100 euro al mese ma intorno ai 600 si ha un tenore di vita estremamente decoroso e agiato,come abbiamo sottolineato la sanità e di grande garanzia e anche la qualità dello studio è straordinaria
Il cibo è ottimo
è un paese estremamente sicuro e al contrario di quel che si pensa lo stato di diritto è tutelato come in pochi altri paesi al mondo, questo è dovuto alla continuità che c è stata da un punto di vista politico degli ultimi 50 anni che ha permesso allo stato di diritto di crescere in modo razionale
anche se in larga parte le leggi che dettano le regole sociali sono pre rivoluzione e quelle commerciali post appunto e di gran lunga le prime hanno dato risultati molto più positivi delle seconde e qualcosa vorrà anche dire? detto questo buon viaggio a tutti

Ciao mikypupazik,

benvenuto su Expat.com e grazie mille per aver condiviso con noi queste info :)

Tu vivi li da molto tempo?

Saluti,

Francesca

Io vivo per il momento circa metà anno li e metà in Italia dato che sono un proletario di mezza età e disto circa un paio di anni luce dalla rendita vitalizia
questo apre un altro argomento interessante :un giovane che volesse trasferirsi a Cuba? temo che purtroppo sia un luogo dove si possa trasferire solo chi ha risorse economiche al di sopra della norma non essendoci una politica bancaria di finanziamento alcuno,neanche di titolo ipotecario al momento,quindi le risorse devono essere necessariamente a monte,peccato perche questo sistema ha creato di fatto un monopolio mediocre di servizi e beni di consumo,che aprirebbero strade di guadagno straordinarie a chiunque puntasse sulla qualità
il reddito dichiarato per famiglia e di circa 500 usd all'anno di fatto si aggira sui 4 000 usd l'anno
il punto e che sono netti ed ad esempio l'Havana ha 2 milioni d'abitanti, di cui il 5% sono dei ricchi questo significa che ci sono 100 mila persone che sono potenziali clienti per beni di consumo superflui che è più o meno l'equivalente di una città medio grande come Genova,Bologna o Firenze però a differenza che in Italia il peso fiscale e di circa il 17% le utenze sono al confronto irrisorie come la mano d'opera che è per un fatto culturale facilmente qualificabile,la cui legge aggiornata recentemente permette l'accordo individuale sulla retribuzione a fronte di un accordo generale per la parte contributiva ,ovviamente sto parlando delle risoluzioni che trattano il lavoro indipendente che rientra nella categoria dell'artigianato o la libera prestazione d'opera,per artigianato loro intendono chi vende ciò che produce o terzi che rivendono beni prodotti in territorio nazionale quindi rientra in buona parte anche quello che qui sarebbe identificato come commercio o servizi ...
Cmq chi volesse tentare è consigliato di adeguarsi agli usi in loco e non voler adeguare la logica legale della sua origine,tra i due sistemi ci gira circa un 50% d'introiti in positivo e un 50% di spese in negativo,morale il 100% per avviamento e gestione in più della concorrenza che di fatto preclude la possibilità di competere per la stessa fetta di mercato,ad oggi in loco il valore di un immobile commerciale è di circa 100 volte il reddito lordo mensile dell'attività che volete rilevare in caso si voglia farlo ex novo dipende da altri fattori, loro considerano la comodità hai servizi e la qualità degli stessi nella location come fattore principale e ad esempio i piani nobili sono quelli bassi al contrario che in Europa o USA ,l'architettura più pregiata è Vittoriana o post Vittoriana che è identificata con il nome di costruzione capitalista quindi parliamo d'immobili datati fine 18tesimo secolo fino al 1950,la piramide sociale è decisamente invertita al momento consiglio di tenerne conto soprattutto a chi guarda al futuro e vuole trovarsi preparato. spero di esser stato utile cordiali saluti

bene, ho vissuto aa Cuba per quattro anni e posso rispondere a proposito:

1) la tranquillita' in tutte le cose che fai, compreso il lavoro nel bene e nel male...ma e' cosi', se riesci ad adeguarti hai compreso molto del vivere cubano.

2) L'Inverno che non esiste, niente bollette del riscaldamento con cui puoi vivere bene li' per 3/4 MESI

3) LA SOCIALITA' che abbiamo oramai noi solo su facebook, per fortuna che Internet non e' ancora arrivato ancora come si deve a Cuba e spesso gli apagon sono motivo di ritrovo fuori al buio spettegolando su tutti e su tutto, compreso il governanti- noi qui in europa a malapena parliamo con il vicino di casa.

Ciao marzmo,

ti ringrazio per il contributo :)

Saluti,

Francesca

Nuova discussione