Close

Diego: "A Porto de Galinhas viviamo in un'isola felice"

Mi piace

Italiano nato in Svizzera, Diego inizia a girare il mondo per lavoro dopo il diploma alla scuola alberghiera. Vive in Inghilterra, Stati Uniti, St. Moritz, si imbarca sulle navi da crociera fino a che conosce la donna della sua vita, Brasiliana, ed assieme decidono di iniziare una nuova vita a Porto de Galinhas, destinazione turistica non distante da Recife, famosa per le sue spiaggie di sabbia bianca.

Diego: "A Porto de Galinhas viviamo in un'isola felice"

Ci racconti un po’ di te, chi sei e dove sei nato?

Anche se sono Italiano, sono nato in Svizzera dove i miei genitori lavoravano all’epoca; poi ho terminato i miei studi in Italia diplomandomi alla scuola alberghiera come cuoco e così a partire dai 16 anni ho cominciato a girare il mondo a destra e a manca, sempre lavorando chiaro!
Ora sono sposato e con un figlio di 16 anni nato qui in Brasile tra l’altro.

In che paese straniero sei espatriato?

Ho lavorato 5 anni in Gran Bretagna, Cardiff e per lo più a Londra, poi negli Stati Uniti vicino alla capitale ma solo per un breve periodo, mi sono pure imbarcato su navi da crociera e poi tornato in Svizzera nel canton Ticino e a St. Moritz.

Da quanto tempo vivi in Brasile?

Oramai sono quasi 17 anni che abito qui a Porto de Galinhas, nel nord-est brasiliano.

Come mai hai scelto proprio questo paese per iniziare una nuova vita?

Siccome mia moglie è Brasiliana (ma cresciuta e vissuta in Europa per 30 anni) abbiamo voluto tentare insieme qualcosa di diverso in un paradiso tropicale e il Brasile era la risposta ovvia dovuto al fatto che non avremmo avuto problemi di visto.

Quali furono le difficoltà iniziali e come le hai superate?

A parte le solite quando si cambia paese, più che altro il fatto che non conoscevamo quasi nessuno e mia moglie era giá incinta di 6 mesi, per cui cercare casa da comprare, auto, traduzioni varie per regolarizzarsi in un posto che a malapena si conosce non è stata la strada dell’orto.
Basilare direi è stato un piano triennale di ricerche prima di partire.
Oggi con internet sarebbe stato meno complicato avere tutte le informazioni.

Che iter hai seguito per l’ottenimento del visto?

Nel mio caso, per via del fatto che mio figlio è nato qui, alla Policia Federal mi hanno dato un visto permanente prorogabile ogni 10 anni; a partire dei 60 anni diventa definitivo e devo dire che sono meno burocratici e piú rapidi che da noi in quel settore; qui a Recife per lo meno.

In cosa consiste la tua attuale attività?

Noi affittiamo ai turisti dei mini appartamenti e monolocali che abbiamo costruito nell’edificio dove abitiamo e siccome il clima qui è sempre costante lavoriamo tutto l’anno anche se chiudiamo un mese durante le ferie scolastiche tra giugno e luglio e ne approfittiamo per viaggiare…anche se i nostri clienti ci dicono che non ne abbiamo bisogno visto dove abitiamo.

Quali sono i requisiti necessari e le formalità da espletare per aprire un business in proprio?

Bisogna innanzitutto avere un commercialista che segua le pratiche per essere in regola con tutto e per scegliere la miglior soluzione.
Per aprire una ditta ci vuole il CNPJ che sarebbe come la nostra partita IVA se mi ricordo bene, e per piccole e medie imprese la tassazione é agevolata.

Parlavi il Portoghese prima di trasferiti o l’hai imparato in loco? Hai fatto una scuola?

Ho iniziato a parlare il portoghese dopo un anno guardando molto la tv, anche se dopo qualche mese già riuscivo a capire abbastanza; mia moglie, seppur Brasiliana, non parlava la lingua da una vita ma chiaramente per lei è stato più facile.
Non ho sentito il bisogno di andare a scuola per imparare nè a scrivere nè a leggere il portoghese che ora è come una seconda lingua.

Come giudichi la qualità delle cure mediche nel Pernabuco?

In Pernambuco, e in Brasile, esiste il servizio pubblico (gratuito per tutti) che, a seconda dall’ospedale di riferimento può essere traumatico (non lamentatevi dei servizi in Italia) e quello a pagamento privato che, chiaramente, è migliore. Mi è capitato di usare l’ospedale pubblico anche per mia madre che era qui a svernare e ha dovuto subire un intervento.
L'assistenza è stata molto buona, per cui dipende poi da dove si abita.

Hai stipulato un’assicurazione sanitaria privata?

Noi abbiamo sempre avuto un'assicurazione privata ma molte volte per comodità e facilità usiamo il servizio pubblico che qui nella nostra zona è ulteriormente migliorato.

Quanto costa vivere a Porto de Galinhas rispetto all’Italia (affitto, bollette, cibo…)?

Beh, sono via da molto tempo e non saprei comparare anche perchè il cambio qui è fluttuante; 3 anni fa l’euro era a 2.2 ed ora è a 3.6. Noi non abbiamo mai pagato affitto ma in generale la vita in Brasile é aumentata parecchio negli ultimi anni.

Come giudichi la qualità dei servizi a Porto de Galinhas?

Da quando siamo arrivati, 17 anni fa, qui hanno fatto passi da gigante al punto che chi conosceva il posto allora, oggi non lo riconosce più.
All’epoca, quando il nostro villaggetto di pescatori si riempiva di turisti e al ritorno dalla spiaggia tutti usufruivano della doccia, che qui è elettrica, la tensione cadeva sempre mentre ora raramente manca la corrente.
Le strade erano quasi tutte di terra mentre ora, o sono asafaltate, o di porfido/pietra.
Il distretto sanitario è più attrezzato.
Allora non avevamo neanche l’acqua potabile e le fognature (queste ultime funzionano dove abito ma sono in fase finale di installazione in altre frazioni).
Già da parecchi anni si puó bere un espresso e mangiare una buona pizza italiana.
Inoltre il comune si è impegnato per fornire un accesso facilitato alle persone con problemi fisici nel centro e in spiaggia permettendo veramente a tutti di potersi divertire nelle proprie vacanze.

Come si svolge la tua giornata?

Posso gestire il tempo come mi pare visto che lavoro per me, per cui mi preoccupo delle riserve per gli appartamenti, della manutenzione degli stessi e del giardino che col caldo di 28/33° bisogna annaffiare 2 volte al giorno.

Cosa ti piace fare nel tempo libero?

Il tempo è una cosa che qui non ci manca.
Io e mia moglie siamo sportivi per cui ci dilettiamo a fare camminate sulla spiaggia che dista 150m da casa, qualche pedalata in bicicletta visto che abbiamo 2 piste ciclabili di 5 e 10km, pilates, allenamento funzionale in spiaggia alla sera, palestra, kayak, etc. Poi ci incontriamo spesso con altri amici in feste private e perché a volte non stancarsi sull’amaca...

Ci sono molti espatriati nella zona in cui vivi ed in che settori sono principalmente impiegati?

Si, qui vivono molti Europei e anche Argentini che svolgono attività legate al turismo per cui sono principalmente proprietari o gestori di pousada, apparamenti, ristoranti.

Un bilancio della tua esperienza all’estero dopo 16 anni in Brasile: lo rifaresti e perché?

Tornassi indietro nel tempo lo rifarei senz’altro, perchè il Brasile mi ha dato la possibilità di vivere una vita agiata (posso dire che sono giá in pensione virtualmente da 16 anni) ma qui viviamo in un’ “isola” felice rispetto al resto del paese.
Porto de Galinhas è una delle spiagge più famose, eletta per piú di 10 volte la migliore del Brasile…Fosse ora non saprei, perche non avrei la possibilità per comprare visto che il prezzo degli immobili è salito alle stelle, il che non mi dispiace casomai volessi vendere.


Mi piace
iamdix Utente
Utente da 01 Luglio 2016
Porto de Galinhas, Brazil
Scrivi un commento

Blog del mese

Expat.com
Una Romana a New York

New York: che sia una vacanza o un trasferimento, sul mio blog troverete tante informazioni utili per vivere al meglio la vostra esperienza in questa città magica.

Leggi

Incontra altri espatriati e partecipa a vari eventi

O