Close

Marco a Nizza: "Adoro la città vecchia con i suoi negozietti e ristoranti tipici "

Mi piace

Marco è uno yatch designer che si è trasferito dalla Sardegna in Francia quattro anni fa per motivi legati al lavoro. Dopo un primo periodo passato a Menton, ora vive a Nizza. Amante dello sport, fa parte della squadra locale di canoa-polo. La sua zona preferita di Nizza è la città vecchia, vivace e molto suggestiva.

Marco a Nizza: "Adoro la città vecchia con i suoi negozietti e ristoranti tipici "

Chi sei e da dove vieni?

Ciao, mi chiamo Marco. Ho 31 anni e vengo dalla Sardegna (Cagliari), dove ho vissuto fino ai 19 anni dopodichè mi sono iscritto all'università di Genova.

Qual è il tuo Paese d'espatrio?

Vivo in Francia da 4 anni, il primo periodo a Menton (il primo paese dopo il confine Italiano) e da due anni a questa parte mi sono trasferito a Nizza.

Quali sono i motivi principali per cui hai deciso di andare a vivere all'estero?

Il motivo è il lavoro, l'azienda per cui lavoro originariamente era in Italia e, quando si è trasferita a Montecarlo, io ho deciso (senza troppe altre alternative) di seguirla.

Ti sei trasferito da solo o con la famiglia?

Mi sono trasferito in Francia da solo.
Al momento del trasferimento stavo affrontando una separazione, per cui non avevo famiglia al seguito.

Di cosa ti occupavi in Italia?

In Italia lavoravo come yacht designer.

Cosa fai adesso?

Continuo a lavorare per la stessa azienda facendo lo stesso lavoro.

Che tipo di istituto hai frequentato per intraprendere questa professione?

Ho frequentato l'Università di Architettura a Genova, il corso si chiamava Design navale e Nautico, era un ramo di disegno industriale.
Dico era perchè al momento non mi risulta più esistere come corso a sè stante ma solo come biennio di specializzazione per coloro che hanno frequentato il triennio in disegno industriale o in altre facoltà analoghe.
Non ho frequentato nessun master o specializzazione al termine del triennio, per diversi motivi, il più significativo è che ho trovato lavoro nel settore solo pochi mesi dopo essermi laureato.
Inoltre, in quel momento, non c'era nessuna specializzazione che mi apparisse interessante e stimolante. Quella proposta dall'università era a carattere prettamente ingegneristico, mentre i corsi improntati sul design erano una copia di quanto già studiato, per cui l'unica alternativa era andare a fare un master in qualche università privata ma a costi esorbitanti (e non sempre ricevi quanto paghi).

Quali differenze sostanziali riscontri a livello lavorativo tra Francia e Italia?

Purtroppo la mia esperienza a riguardo è un po' limitata, in quanto lavoro per lo stesso "boss" Italiano di prima.
Posso però dire che tutto il sistema burocratico relativo al lavoro/tasse etc. è nettamente più semplice in Francia che in Italia.

Quanto costa in media un affitto mensile per un monolocale o un T1?

In Nizza i prezzi sono un po' meno cari che in altre parti della Costa Azzurra, comunque in media per un monolocale in questa zona della Francia variano tra i 600 e 900 Euro.

Quanto spendi in media al mese per le bollette?

All'incirca sui 30 euro al mese di energia elettrica, il gas è molto meno diffuso.
In genere si usa il vetro ceramica per cucinare e il boiler elettrico per l'acqua calda.
Spendo circa 40 euro per l'acqua al mese.

C'e' un quartiere/zona della città dove consigli di cercare casa?

Io adoro la zona vecchia della città di Nizza, in quanto è una zona sempre viva, durante il giorno è pieno di negozietti sempre aperti (estate e inverno) e la sera invece è pieno di ristorantini e locali. Di contro è una zona "chiassosa", gli edifici sono vecchi e spesso fatiscenti, e la notte non è raro trovare ubriachi che vagabondano per i vicoli ... ma non è poi così male!
Se qualcuno cerca delle zone più residenziali dovrebbe andare a cercare casa più verso la via Jean-Medicin, un largo viale pedonale dove passa il tram, nel quale ci sono i negozi di internazionali (Zara, Bata, H&M, Fnac, etc...).
La sera rimane più calma come zona sempre se si sta lontani dalla stazione centrale.

Che tipo di garanzie/documenti sono richiesti per poter affittare casa?

Viene richiesto un contratto di lavoro ed una busta paga superiore di almeno 3 volte il prezzo dell'immobile che si vuole affittare, naturalmente un documento d'identità valido, e la cauzione in genere varia da 1 a 2 mensilità. Anche se in alcuni casi mi è stata richiesta una garanzia bancaria pari ad un anno di mensilità (questo, a me, è successo due volte, a Menton).

E' indispensabile avere una macchina per muoversi in città o ci si può affidare ai mezzi pubblici?

Non è necessario avere la macchina, in città a Nizza ci si muove benissimo con il tram e i bus.
Per spostarsi invece fuori città un mezzo proprio può risultare comodo.
Discorso non valido per i pendolari in quanto il parcheggio è sempre un dramma. E chi lavora a Monaco e vive a Nizza predilige l'autobus o il treno, anche se qui in questa parte di Francia il servizio non è dei migliori.
I prezzi sono bassi ma per contro gli scioperi fanno da padroni e in caso di mal tempo (pioggia forte) i treni vengono dimezzati (cosa ridicola che non mi è mai successa altrove, in Italia solo per neve).
L'ideale è uno scooter o una moto, o se si è sportivi anche una bicicletta.
Inoltre, tra i mezzi pubblici in città, ci sono anche le biciclette che puoi noleggiare in diversi quartieri, non so bene come funziona questo servizio in quanto non ne ho mai usufruito.

Cosa ti piace fare nel tempo libero?

Adoro fare sport e andare in giro in mountainbike.
Qui attorno è pieno di sentieri fantastici sia per road bike che per mountainbike.
Faccio inoltre parte della squadra di Canoa-Polo di Nizza e mi piace andare in giro in motocicletta.

E' stato facile instaurare nuove amicizie a Nizza?

Insomma, i Nizzardi non sono famosi per essere iper socievoli, inoltre io ho un carattere piuttosto introverso.

Che atmosfera si respira in città dopo il tragico attentato dello scorso luglio?

Si percepisce la tensione, i militari che fanno la ronda sono aumentati notevolmente e ogni qual volta ci si trova in un posto affollato (sul bus, alla stazione, al mercato) il pensiero è inevitabile che vada sul tragico, anche se solo per un secondo.

Dopo il fatto, hai mai pensato di lasciare il paese?

Sinceramente no, così facendo è come darla vinta a loro.
Capisco la decisione di ridurre il rischio ma da un lato penso che non organizzare più grossi eventi per paura degli attentati è come dire: okay, avete vinto. E Nizza (come Monaco) hanno già cancellato diversi eventi per paura che la concentrazione di persone potesse essere un facile bersaglio.

L'idea che ti eri fatto della Francia prima di trasferiti si è in qualche modo modificata dopo che hai iniziato a viverci?

Un po' si.
Mi ero fatto l'idea di una Francia molto efficiente, invece non è così.
L'idea che fosse un Paese più efficiente era un pò sotto tutti gli aspetti, in generale intendo.
Devo ammettere che i Francesi sono molto convinti di sè stessi, piuttosto presuntuosi, (certo non i peggiori d'Europa) ma dopo che ho avuto a che farci credo la loro presunzione sia fine a se stessa, e non "motivata" da grande esperienza o efficienza professionale, sono confusionari come noi ma senza il senso dell'umorismo.
Una mia amica Portoghese li ha definiti simili agli Italiani solo che non sorridono....
Poi naturalmente (e per fortuna) non sono tutti così!
Ovviamente la mia è una testimonianza di questa piccola parte della Francia, e come in ogni nazione ci sono un sacco di differenze tra zone neanche troppo lontane tra di loro.

Mi piace
MarcoC85 Nuovo utente
Utente da 09 Marzo 2015
Nizza, France
Scrivi un commento

Blog del mese

Expat.com
Una Romana a New York

New York: che sia una vacanza o un trasferimento, sul mio blog troverete tante informazioni utili per vivere al meglio la vostra esperienza in questa città magica.

Leggi

Incontra altri espatriati e partecipa a vari eventi

O