Cambiamenti in Inghilterra durante e dopo il COVID-19

Shutterstock.com
Pubblicato 2020-07-31 16:02

In questo articolo, cerchiamo di delineare i cambiamenti a cui potresti andare incontro quando ti trasferirai in Inghilterra dopo la crisi del COVID-19. Parliamo di modifiche sulla gestione dei visti, sul mercato immobiliare e del lavoro, sull'assistenza sanitaria, ecc.

Quali sono le normative vigenti per l'ingresso in Inghilterra?

Le normative attuali sono soggette al tuo paese di provenienza. I visitatori e i residenti che entrano nel Regno Unito devono fornire il loro itinerario di viaggio e i dettagli di contatto all'arrivo. La mancata presentazione di queste informazioni può comportare una sanzione. L'auto isolamento è obbligatorio durante i primi 14 giorni di soggiorno nel Regno Unito. Chi rifiuta di auto isolarsi è soggetto al pagamento di una multa di 1.000£ . Questa regola non si applica ai viaggiatori provenienti da Irlanda, Isole del Canale, Isola di Man ed alcuni altri territori. Trovi maggiori informazioni qui.

Ci sono stati cambi sui visti di recente?

Se hai un visto Tier 1 per imprenditori, e hai dovuto interrompere l'attività a causa della crisi economica, sei esente dall'obbligo di assumere almeno 2 dipendenti per i prossimi 12 mesi. Durante questo periodo di tempo puoi assegnare diverse mansioni ad un solo impiegato. Nel caso cui tu non riesca ad assumere personale e ti scade il visto, puoi chiederne un'estensione temporanea fino a che non avrai soddisfatto tutti i requisiti richiesti. Se hai fatto domanda di visto Tier 4, puoi iniziare il corso di studi fino a che la tua domanda non viene esaminata. Devi però avere uno sponsor, avere ricevuto la conferma di accettazione agli studi (CAS), devi aver inoltrato la domanda prima della scadenza del tuo attuale visto e il corso di studi che segui è lo stesso indicato sul CAS. Se la tua domanda fosse respinta, dovrai lasciare il paese. Se hai richiesto un visto di livello 2 o 5 puoi iniziare a lavorare a condizione di possedere il certificato di sponsorizzazione (CoS), di avere inoltrato la domanda prima della scadenza del tuo attuale visto e il lavoro che svolgi è lo stesso indicato sul CoS. Se la tua pratica avrà esito negativo dovrai lasciare il territorio. Per quanto riguarda gli operatori sanitari, alcuni di loro otterranno un' estensione automatica del visto a causa della crisi del COVID-19. La regola viene applicata anche ai loro familiari. Per i visti che scadono dopo il 1 ottobre 2020, deve essere presentata una nuova domanda di proroga. Inoltre, all'inizio di quest'anno, il Regno Unito ha annunciato ampie modifiche ai visti di lavoro dopo il 1 gennaio 2021. Puoi trovare maggiori informazioni qui.

Sarà facile trovare lavoro in Inghilterra dopo la crisi?

Attualmente circa 7.6 milioni di posti di lavoro, pari a circa il 24% della forza lavoro, sono a rischio. Ad aprile 2020, quasi il 22% della popolazione attiva era stata temporaneamente licenziata. I settori più in difficoltà sono l'alimentare, la vendita al dettaglio e all'ingrosso, l'edilizia e l'industria dell' intrattenimento. A meno che tu non abbia una competenza molto richiesta, trovare un lavoro in Inghilterra dopo la crisi non sarà facile.

Come ha funzionato il sistema sanitario inglese durante la crisi?

Tenendo conto del calo dei contagi da COVID-19, si potrebbe affermare che il Servizio sanitario nazionale (NHS) ha funzionato relativamente bene durante la crisi. Oggi, i consulti medici virtuali sono la nuova norma. E' possibile contattare il medico di base online, farsi fare le ricette e chiedere consulti per trattamenti ai denti. Queste pratiche sono largamente in uso in quanto è preferibile recarsi in ospedale solo in caso di emergenza. Purtroppo il sistema sanitario inglese sta affrontando una carenza di medici e infermieri. Come conseguenza del coronavirus, i tempi di attesa per le visite potrebbero allungarsi, le cure non urgenti potrebbero essere posticipate e sarà più difficile ottenere appuntamenti per controlli di routine.

È cambiato qualcosa per quanto riguarda università e scuole?

La riapertura delle scuole è prevista per settembre 2020. Per quanto riguarda le università, il rientro è previsto per settembre/ottobre 2020. L'insegnamento a distanza è diffuso nel Regno Unito ma molte università pianificano, con il nuovo semestre, di offrire lezioni in classe ed altre attività agli studenti, nel rispetto delle norme sanitarie. Si sta anche valutando la possibilità di posticipare l'inizio di alcune classi a gennaio 2021, per agevolare chi non può essere presente in settembre.

Che impatto ha avuto la crisi sul mercato immobiliare?

Dopo la Brexit, il mercato immobiliare britannico aveva già iniziato a vacillare, è chiaro quindi che il COVID-19 l'ha scosso ulteriormente. Con la chiusura delle frontiere, sia professionisti che studenti non hanno potuto trasferirsi e ciò significa che molte proprietà sono attualmente vuote. Molte persone avevano inoltre lasciato il paese prima del lockdown. Tutto ciò fa presupporre che, quando la crisi sarà rientrata, l'offerta di alloggi sarà ampia e i prezzi si abbasseranno. Una ricerca di Knight Frank prevede un calo dei prezzi del 3% fino alla fine del 2020, seguito da un aumento del 5% nel 2021. 

Il costo della vita in Inghilterra è aumentato?

Secondo la statistica del Mercer sul costo della vita, Londra, che è tra le città più costose del mondo, lo è diventata ancora di più dopo lo scoppio della pandemia. In generale, i prezzi sono aumentati in tutto il paese e si è verificata una penuria di certi prodotti alimentari. Gli scaffali dei supermercati non sono pieni come prima, ed i prezzi sono rimasti alti. Dopo la loro riapertura, i pub hanno alzato il costo delle consumazioni. Secondo Expatistan, il costo della vita è di circa 2.249 £ al mese per una persona sola, e di 3.803£ al mese per una famiglia di quattro persone. I prezzi delle case dovrebbero scendere in modo significativo nei prossimi mesi.

La crisi sanitaria ha modificato lo stile di vita in Inghilterra?

Come per qualsiasi altra cosa, dipende dalle zone. In città la gente indossa le mascherine protettive mentre nelle aeree rurali, meno toccate dal coronavirus, l'atmosfera è più distesa. In linea di massima sempre più persone lavorano da casa e il distanziamento sociale è diventato una regola di vita. L'uso della mascherina è obbligatorio su tutti i mezzi pubblici del Regno Unito.

Facciamo del nostro meglio per fornire informazioni aggiornate ed accurate. Nel caso in cui avessi notato delle imprecisioni in questo articolo per favore segnalacelo inserendo un commento nell'apposito spazio qui sotto.