Dichiarare euro in ingresso alla dogana di La Goulette.

Salve a tutti.
C'è qualcuno che ha dichiarato euro in ingresso alla dogana di La Goulette?
Tra pochi giorni sarà una operazione che dovrò fare. Sareste così cortesi da riferire se bisogna citarli nel foglio ove si scrive tutto ciò che c'è a bordo? Magari se qualcuno facesse una descrizione dettagliata dell'operazione sarei molto felice.
Grazie a tutti coloro che risponderanno.

Ciao Antarf, ho trascorso 3 settimane in Ottobre ad Hammamet. Arrivando in aereo ho dichiarato in aeroporto la somma in Euro che portavo con me. La ricevuta mi è stata richiesta dalla banca dove ho aperto un conto corrente. Senza di quella non avrei potuto fare alcun deposito, e senza un conto corrente ed un contratto di affitto non avrei potuto chiedere il Permesso di Soggiorno, primo passo per poi ottenere la residenza. Credo quindi sia un passo obbligatorio se intendi trasferirti.
I turisti possono invece rivolgersi anche a cambi privati dove non ti chiedono assolutamente nulla.
Credo tutto dipenda da che tipo di posizione tu intenda assumere in Tunisia.
Suppongo che a La Goulette la situazione sia la stessa: se non dichiari non puoi depositare in banca e tutto il resto di conseguenza.
Ciao

Vado per rimanere da residente. Come specificato in apertura, mi servirebbero info per la Goulete. Cmq grazie

Antarf ha scritto :

Salve a tutti.
C'è qualcuno che ha dichiarato euro in ingresso alla dogana di La Goulette?
Tra pochi giorni sarà una operazione che dovrò fare. Sareste così cortesi da riferire se bisogna citarli nel foglio ove si scrive tutto ciò che c'è a bordo? Magari se qualcuno facesse una descrizione dettagliata dell'operazione sarei molto felice.
Grazie a tutti coloro che risponderanno.

Chi non sa fare un bonifico si : tutti.
Operazione obbligatoria: no.
Citarli nel foglio: no
Si trova ufficio declaration si danno i soldi che contano ( attento a qualche prestigiatore) e ti danno ricevuta che deve essere registrata telematicamente.(controlla).
Il conto corrente si apre a zero ma entro un mese devi ricaricarlo altrimenti viene chiuso.
Il puzzle che ho costruito è questo.
Trattasi di un obbligo vessatorio anacronistico.
Salut

Antarf ha scritto :

Salve a tutti.
C'è qualcuno che ha dichiarato euro in ingresso alla dogana di La Goulette?
Tra pochi giorni sarà una operazione che dovrò fare. Sareste così cortesi da riferire se bisogna citarli nel foglio ove si scrive tutto ciò che c'è a bordo? Magari se qualcuno facesse una descrizione dettagliata dell'operazione sarei molto felice.
Grazie a tutti coloro che risponderanno.

Buongiorno a tutti
si alla Goulette funziona esattamente come in aeroporto.
C'è un ufficio a pochi metri da dove fermi la macchina per le pratiche doganali che ti rilascia la dichiarazione.
Qualche volta contano i soldi qualche volta no.
Comunque hanno quella macchinetta tipo quelle della banca , in un paio di minuti è tutto fatto.
Al più aspetterai che qualche italiano prima di te ritiri il suo certificato di " importasion de devise" .
Il famoso "aiutante" di cui sopra sarà felice di indicarti la porta giusta tra i vari uffici presenti dogana.

No!
nel famoso foglio in arabo dove devi elencare le varie masserizie a bordo dell'auto non devi dichiarare il contante .
È un'altra partita !

Giovannibattista tu hai dichiarato soldi all'ingresso a La Goulette? Quando se ancora devi recarti in Tunisia?! Io gradirei che si esprimesse chi ha dichiarato soldi all'arrivo a La Goulette.

Giovannibattista ha scritto :

Chi non sa fare un bonifico si : tutti.
Operazione obbligatoria: no.
Citarli nel foglio: no
Si trova ufficio declaration si danno i soldi che contano ( attento a qualche prestigiatore) e ti danno ricevuta che deve essere registrata telematicamente.(controlla).
Il conto corrente si apre a zero ma entro un mese devi ricaricarlo altrimenti viene chiuso.
Il puzzle che ho costruito è questo.
Trattasi di un obbligo vessatorio anacronistico.
Salut

A parte rispondere ad una domanda precisa con un puzzle mal costruito da parte di qualcuno che ancora in Tunisia ci deve mettere piede la prima volta lascia alquanto perplessi.....

....ma prova a vedere tu se a un tunisino che si presenta in una banca italiana senza un Euro gli aprono un conto solo presentando a vista il suo bel passaporto......e magari se te lo tengono pure aperto se dopo un mese il saldo è ancora a zero e quindi non potrebbero neppure addebitagli le spese di tenuta mensili......

Live in tunisia ha scritto :
Giovannibattista ha scritto :

Chi non sa fare un bonifico si : tutti.
Operazione obbligatoria: no.
Citarli nel foglio: no
Si trova ufficio declaration si danno i soldi che contano ( attento a qualche prestigiatore) e ti danno ricevuta che deve essere registrata telematicamente.(controlla).
Il conto corrente si apre a zero ma entro un mese devi ricaricarlo altrimenti viene chiuso.
Il puzzle che ho costruito è questo.
Trattasi di un obbligo vessatorio anacronistico.
Salut

A parte rispondere ad una domanda precisa con un puzzle mal costruito da parte di qualcuno che ancora in Tunisia ci deve mettere piede la prima volta lascia alquanto perplessi.....

....ma prova a vedere tu se a un tunisino che si presenta in una banca italiana senza un Euro gli aprono un conto solo presentando a vista il suo bel passaporto......e magari se te lo tengono pure aperto se dopo un mese il saldo è ancora a zero e quindi non potrebbero neppure addebitagli le spese di tenuta mensili......

La critica va rivolta a chi mette in giro, anzi dichiara pubblicamente ciò che ho riportato, persone che ci vivono.
Si lo so che presentarsi con 5000 euro in contanti in banca è un buon biglietto da visita.
Quello che mi preme accertare è se è possibile evitare di viaggiare con 5000 euro in contanti.
Perché prendere appuntamento in banca per ritirare 5000 euro, passa mezza giornata, poi tutto il viaggio.
Quindi opterei per una via di mezzo: portarsi 500 euro da dichiarare e poi fare il bonifico, che mi sembra in tre giorni arriva o no ?
Saluti

Giovannibattista ha scritto :

... opterei per una via di mezzo: portarsi 500 euro da dichiarare e poi fare il bonifico, che mi sembra in tre giorni arriva o no ?
Saluti

Io te l'ho già detto che se continui così l'Inps lavorerà la tua pensione non per defiscalizzarla ma per la reversibilità.
Se continui così in Tunisia non ci arrivi.
Ti stai aggrovigliando il cervello inutilmente.
Tutti hanno fatto così e sono ancora tutti vivi.

Consiglio Xanax

Sempre per “tentare” di fare chiarezza: in entrata in Tunisia, così come in ogni altro paese estero (shengen o extra shengen), c’ è una somma in valuta “propria” che, in genere,  si può importare senza dichiararla, ogni paese in cui si entra decide l’ammontare di questa somma; io non ricordo quanto sia per la Tunisia e spero qualcuno più aggiornato di me lo possa indicare. Tutte le somme di denaro che superino la soglia indicata dai singoli paesi VANNO dichiarate in ingresso alla dogana. Delle regole per aprire un conto bancario in Tunisia si è già parlato altrove in questo forum, va da sé che, se la cifra che si vuole/deve versare per apertura conto è superiore alla somma di importazione cd “libera” , questa vada dichiarata all’ingresso in dogana presso l’apposito ufficio, presente sia in aeroporto che a La Goulette. I meccanismi di apertura conto corrente sono standard poi è possibile che  ogni banca si regoli come preferisce e, dato che questo ha già formato argomento di discussione, con i relativi commenti al seguito, ritengo sia inutile disquisire su cosa sia corretto, su come, eventualmente, alcuni applichino le regole in maniera stretta ed altri meno. Penso umilmente che sarebbe più utile, in un forum di “servizio” e non di “filosofia” attenersi a quanto previsto dai regolamenti, senonaltro per non confondere che qui certa chiarezza e info valide.
Scusate la tirata....

No assolutamente... Li dichiari quando arrivi in Dogana.. Li contano ti rilasciano Ricevuta X poterli Versare in Banca

Luna60 ha scritto :

...omissis...io non ricordo quanto sia per la Tunisia e spero qualcuno più aggiornato di me lo possa indicare.

9.999 euro

No.. Non devono essere superati équivalente di 30.000 dinari tunisi.. Dichiarazione settimana scorsa Chef du Douane Aéroport Monastir

mauro biazzi ha scritto :

No.. Non devono essere superati équivalente di 30.000 dinari tunisi.. Dichiarazione settimana scorsa Chef du Douane Aéroport Monastir

Bene quindi ad oggi sono 9.252,44 euro.
Siccome il cambio valuta è come l'umore di certe signorine, se non indispensabile, si porta 9.000 e si sta tranquilli

Non vorrei sbagliare o dire cavolate e forse Matteo S potrebbe dare un'informazione più corretta ma in uscita dalla Tunisia somme non dichiarate (quindi prive di dichiarazione della dogana in ingresso o della banca per prelievo) non dovrebbero essere superiori ai 3000 euro, l'eccedenza viene sequestrata... spero di non aver detto una cavolata.

Antarf ha scritto :
Luna60 ha scritto :

...omissis...io non ricordo quanto sia per la Tunisia e spero qualcuno più aggiornato di me lo possa indicare.

9.999 euro

Esatto !

AntoTunisia ha scritto :

Non vorrei sbagliare o dire cavolate e forse Matteo S potrebbe dare un'informazione più corretta ma in uscita dalla Tunisia somme non dichiarate (quindi prive di dichiarazione della dogana in ingresso o della banca per prelievo) non dovrebbero essere superiori ai 3000 euro, l'eccedenza viene sequestrata... spero di non aver detto una cavolata.

Onestamente per le somme NON  dichiarate non ti saprei dire.
per quelle dichiarate , cioè con attestazione bancaria per espatrio di valuta io sabato sono uscito con 8000 euro in contanti.
Regolarmente controllato al controllo doganale dell'aeroporto di Tunisi da parte dell'agente doganale senza nessun problema!
Stessa cosa altre volte (l'ultima maggio 2021) al porto della Goulette

mauro biazzi ha scritto :

No.. Non devono essere superati équivalente di 30.000 dinari tunisi.. Dichiarazione settimana scorsa Chef du Douane Aéroport Monastir

Anche alla filiale  STB Medina di Hammamet l'equivalente di 30.000 dinari in euro sono il massimo che puoi prelevare con dichiarazione per l'espatrio di valuta .
Non so se sia casuale con quello che afferma Mauro ma è così da almeno 3 anni , cioè da quando io prelievo presso questa banca!
Norme mai cambiata dal 2019 ad oggi

Antarf ha scritto :
mauro biazzi ha scritto :

No.. Non devono essere superati équivalente di 30.000 dinari tunisi.. Dichiarazione settimana scorsa Chef du Douane Aéroport Monastir

Bene quindi ad oggi sono 9.252,44 euro.
Siccome il cambio valuta è come l'umore di certe signorine, se non indispensabile, si porta 9.000 e si sta tranquilli

Esattamente.. Proprio come indichi.. Poi si sa non calcolano i centesimi.. Ma x stare tranquilli meglio tenere una piccola tolleranza.....

Dardo01 ha scritto :
mauro biazzi ha scritto :

No.. Non devono essere superati équivalente di 30.000 dinari tunisi.. Dichiarazione settimana scorsa Chef du Douane Aéroport Monastir

Anche alla filiale  STB Medina di Hammamet l'equivalente di 30.000 dinari in euro sono il massimo che puoi prelevare con dichiarazione per l'espatrio di valuta .
Non so se sia casuale con quello che afferma Mauro ma è così da almeno 3 anni , cioè da quando io prelievo presso questa banca!
Norme mai cambiata dal 2019 ad oggi

Certo proprio come dici sia in entrata Che in uscita il limite max e' 30.000 dinari Tunisini Delibera Banco Centrale Tunisie

Dardo01 ha scritto :

Onestamente per le somme NON  dichiarate non ti saprei dire.
per quelle dichiarate , cioè con attestazione bancaria per espatrio di valuta io sabato sono uscito con 8000 euro in contanti.
Regolarmente controllato al controllo doganale dell'aeroporto di Tunisi da parte dell'agente doganale senza nessun problema!
Stessa cosa altre volte (l'ultima maggio 2021) al porto della Goulette

Si quelli dichiarati vanno sempre bene, è per chi dimentica di farlo e si presenta in partenza con somme ingenti, proprio il giorno 11 di novembre uno straniero si è visto sequestrare 60.000 euro e 4 lingotti d'oro senza titoli per essere portati via, conviene sempre presentarsi con le opportune certificazioni o effettuare (come faccio io mensilmente) un bonifico dal conto tunisino a quello italiano. Sono due conti intestati a me e il bonifico è una normale alimentazione del mio conto corrente quindi non devo dimostrare nulla al fisco italiano o a quello tunisino, normalmente quando esco dalla Tunisia se porto con me grandi somme sono 200 euro, con bancomat e carte di credito una volta in Italia non ho problemi.

AntoTunisia ha scritto :

...omissis...  proprio il giorno 11 di novembre uno straniero si è visto sequestrare 60.000 euro e 4 lingotti d'oro senza titoli per essere portati via, conviene sempre presentarsi con le opportune certificazioni...

:lol:  Fratello Antonello, credimi, ti giuro, questo a me non potrà mai capitare (a meno che non le li presti tu)  :lol:  :lol:

AntoTunisia ha scritto :

[  Onestamente per le somme NON  dichiarate non ti saprei dire.
effettuare (come faccio io mensilmente) un bonifico dal conto tunisino a quello italiano. Sono due conti intestati a me e il bonifico è una normale alimentazione del mio conto corrente quindi non devo dimostrare nulla al fisco italiano o a quello tunisino,

si,  ma il bonifico ha un costo.  Per un bonifico di 9000 euro mi è costato 75,00 euro di cpmmissioni e cioè:
30,00 Euro la Banca Tunisina BH;
29,67 Euro la Banca Italiana Credem
15,00 in meno dei 9000 bonificato.  :dumbom:

Buona sera. Adesso non so se faccio cosa buona o confondo le idee nel segnalare quanto segue. Dal sito della dogana tunisina, da quando hanno inserito lo "smart gate", è possibile compilare e inviare  tre importanti moduli da poter compilare prima della partenza (tipo check in on-line) per snellire le code ai controlli. Li cito uno per uno postando i link di riferimento:

Questo è per dichiarare valuta all'ingresso ( DECLARATION D'IMPORTATION DE DEVISES EN BILLETS DE BANQUE) : https://www.douane.gov.tn/declaration-devise/

Continuo anche se un po' off topic, confido in una licenza "poetica" (spero Francesca me la dia -mi riferisco alla licenza poetica-  :kiss:) , altrimenti assorbirò il cicchetto)

Questo è per dichiarare gli effetti personali, masserizie ecc. trasportati a bordo del veicolo:   https://www.douane.gov.tn/declaration-d … ersonnels/

Questo è per l'autorizzazione a circolare con il veicolo straniero (DEMANDE D'AUTORISATION DE CIRCULATION):  https://www.douane.gov.tn/demande-dauto … rculation/

Tutto ciò lo comunico non come consiglio (in questa fase i consigli li devo solo chiedere) ma per mera informazione. Viste le difficoltà di lingua, la complessità dell'operazione e la possibile suscettibilità dei doganieri, io mi armerò di pazienza e lo farlo (almeno la prima volta) nel modo tipico.

Ottimo,! Grazie

PS: dopo aver aperto il conto corrente in Tunisia ho fatto un bonifico dall'Italia x alimentare il nuovo conto. Costo 88€ 😤

Le spese per un bonifico non sono sempre le stesse ed esse non sono legate all'importo che mandi ma sono un fisso che prende la banca (che varia da banca a banca ma non è eccessivo) , più un'altra somma che sarà pagata alle banche intermediarie qualora dovesse necessitare l'intermediazione. Mi spiego meglio: la tua banca tunisina fosse la BNP che è del circuito "Paribas", e la tua banca italiana fosse la  BNL (anche quest'ultima del circuito "Paribas") nel fare un bonifico  pagheresti solo le spese di bonifico alla banca tunisina, e i costi sarebbero modesti. Se invece banca tunisina e banca italiana appartenessero  circuiti diversi,  non avendo il contatto diretto , trasferirebbero il bonifico attraverso una società di credito che farebbe da tramite e che, inevitabilmente, ha un costo.  Come detto sopra, essendo il costo non dipendente dalla cifra del bonifico, conviene non farlo tutti i mesi, accumulare e poi inviare con un unico bonifico.

Antarf ha scritto :

Le spese per un bonifico non sono sempre le stesse ed esse non sono legate all'importo che mandi ma sono un fisso che prende la banca (che varia da banca a banca ma non è eccessivo) , più un'altra somma che sarà pagata alle banche intermediarie qualora dovesse necessitare l'intermediazione. Mi spiego meglio: la tua banca tunisina fosse la BNP che è del circuito "Paribas", e la tua banca italiana fosse la  BNL (anche quest'ultima del circuito "Paribas") nel fare un bonifico  pagheresti solo le spese di bonifico alla banca tunisina, e i costi sarebbero modesti. Se invece banca tunisina e banca italiana appartenessero  circuiti diversi,  non avendo il contatto diretto , trasferirebbero il bonifico attraverso una società di credito che farebbe da tramite e che, inevitabilmente, ha un costo.  Come detto sopra, essendo il costo non dipendente dalla cifra del bonifico, conviene non farlo tutti i mesi, accumulare e poi inviare con un unico bonifico.

esatto e più banche intermediarie ci sono più grande è la spesa. Al mio amico che venne giù lo feci andare nella sua banca italiana e gli feci chiedere quale banca tunisina loro riconoscevano ed erano collegati, risposero l'Habitat (ora BH) e gli feci fare il conto lì. Anche questa è una cosa da fare prima di un trasferimento... nel tuo caso Antonio dovresti domandare se riconoscono la STB :), anche l'invio è soggettivo, tante persone mandano mensilmente dei soldi ai figli in Italia.

Certo, lo avevo già pianificato. Grazie mille!!!

Free 2018 ha scritto :
AntoTunisia ha scritto :

[  Onestamente per le somme NON  dichiarate non ti saprei dire.
effettuare (come faccio io mensilmente) un bonifico dal conto tunisino a quello italiano. Sono due conti intestati a me e il bonifico è una normale alimentazione del mio conto corrente quindi non devo dimostrare nulla al fisco italiano o a quello tunisino,

si,  ma il bonifico ha un costo.  Per un bonifico di 9000 euro mi è costato 75,00 euro di cpmmissioni e cioè:
30,00 Euro la Banca Tunisina BH;
29,67 Euro la Banca Italiana Credem
15,00 in meno dei 9000 bonificato.  :dumbom:

I bonifici li devi fare con commissioni sempre a carico dell'ordinante.  Nel caso di STB BANK, prima prendeva 25 euro per bonifici di qualsiasi cifra diretti in Italia. Adesso mi dicono che è aumentato a 28 euro e arriva in 24 ore.  Comunque ricorda commissioni sempre a carico della banca ordinante, nel tuo caso Credem, restava a bocca asciutta e pagavi solo i 30 a BH.   Sono gli ottimi consigli di Mauro Biazzi , già collaudati :)

Asdrubale ha scritto :

[
I bonifici li devi fare con commissioni sempre a carico dell'ordinante.  Nel caso di STB BANK, prima prendeva 25 euro per bonifici di qualsiasi cifra diretti in Italia. Adesso mi dicono che è aumentato a 28 euro e arriva in 24 ore.  Comunque ricorda commissioni sempre a carico della banca ordinante, nel tuo caso Credem, restava a bocca asciutta e pagavi solo i 30 a BH.   Sono gli ottimi consigli di Mauro Biazzi , già collaudati :)

Bene, grazie.

Free 2018 ha scritto :
Asdrubale ha scritto :

[
I bonifici li devi fare con commissioni sempre a carico dell'ordinante.  Nel caso di STB BANK, prima prendeva 25 euro per bonifici di qualsiasi cifra diretti in Italia. Adesso mi dicono che è aumentato a 28 euro e arriva in 24 ore.  Comunque ricorda commissioni sempre a carico della banca ordinante, nel tuo caso Credem, restava a bocca asciutta e pagavi solo i 30 a BH.   Sono gli ottimi consigli di Mauro Biazzi , già collaudati :)

Bene, grazie.

Allego questo. 

Io qualsiasi sia la cifra del bonifico dalla STB BANK, diretto in Italia, pago sempre 25 euro, con commissioni a carico della stessa, la banca Italiana non  mi prende niente in quanto in modalità OUR, come meglio sotto specificato. Adesso mi dicono che STB BANK ha aumentato la commissione a 28 euro, e il bonifico arriva in 24 ore.

Più complessa è la situazione in caso di bonifici diretti in zone extraeuropee (vedi Come inviare soldi all’estero?).
In questo caso vi sono delle commissioni che sono tanto a carico dell’ordinante quanto del beneficiario; tuttavia il regolamento bancario internazionale prevede che le parti possano accordarsi diversamente.

In particolare si parla di bonifici con opzione SHA quando è il beneficiario che sopporta le spese bancarie reclamate dalla banca estera, così a carico dell’ordinante italiano restano solo le commissioni previste dall’intermediario nazionale (normalmente pari a € 15).

Si parla di bonifici con opzione OUR quando le commissioni reclamate tanto dalla banca nazionale, quanto dalla banca estera vengono interamente addebitate all’ordinante. Normalmente questa è l’ipotesi che trova di fatto maggior riscontro nella realtà.

Quando invece le commissioni della transazione sono interamente sopportate dal beneficiario dei fondi, la banca nazionale addebita le commissioni alla banca estera che provvede a decurtale, unitamente alle proprie commissioni di intervento, dall’importo nominale da accreditare: in questo caso siamo di fronte ad un bonifico con opzione BEN.
In realtà questa soluzione viene utilizzata solamente per regolare pagamenti di forniture riservate a clienti con un ampio potere contrattuale da parte di aziende italiane che operano nelle esportazioni. Nella maggior parte dei casi viene impostata per default l’opzione OUR, soprattutto nel caso delle vendite online.

Free 2018 ha scritto :
AntoTunisia ha scritto :

[  Onestamente per le somme NON  dichiarate non ti saprei dire.
effettuare (come faccio io mensilmente) un bonifico dal conto tunisino a quello italiano. Sono due conti intestati a me e il bonifico è una normale alimentazione del mio conto corrente quindi non devo dimostrare nulla al fisco italiano o a quello tunisino,

si,  ma il bonifico ha un costo.  Per un bonifico di 9000 euro mi è costato 75,00 euro di cpmmissioni e cioè:
30,00 Euro la Banca Tunisina BH;
29,67 Euro la Banca Italiana Credem
15,00 in meno dei 9000 bonificato.  :dumbom:

Cosa.....?????Cambia subito banca..io li faccio saltuariamente ca.ogniv3/4 mesi spese carico 100% STB costo Fisso 25 euro....

AntoTunisia ha scritto :

Non vorrei sbagliare o dire cavolate e forse Matteo S potrebbe dare un'informazione più corretta ma in uscita dalla Tunisia somme non dichiarate (quindi prive di dichiarazione della dogana in ingresso o della banca per prelievo) non dovrebbero essere superiori ai 3000 euro, l'eccedenza viene sequestrata... spero di non aver detto una cavolata.

Io gli euro, in entrata, li ho sempre dichiarati, tanto alla Goulette che in aeroporto , non tutti sono stati messi in banca, e quando ho deciso di riportarmeli in italia, erano troppi , superando il limite di valuta esportabile li hanno confiscati. Per fortuna erano tutti giustificati con le dichiarazioni doganali, altrimenti mi avrebbero arrestato per traffico illegale di valuta.  L'ho detto prima i Predatori sono i doganieri, si attaccano a tutto per fottere il viandante. Voi le conoscete tutte le leggi doganali? io no e a loro non importa un fico secco. a me hanno "rubato"migliaia di euro e non ti dicono nemmeno perchè, ti danno il foglio della confisca(in arabo) e ti indicano anche la sanzione(oltre il furto dei pure pagare una multa consistente, altrimenti se la multa non viene pagata non si ha il diritto di metter un avvocato a cui spiegano che hanno applicato la legge doganale). Alla fine della giostra ti ritrovi con un pugno di mosche in mano dato che hanno sempre ragione loro, con il portafoglio alleggerito ,avendo subito la confisca,pagata la multa e pure la parcella dell'avvocato.Vi ricordo che non siamo in uno Stato di diritto e l'avvocato scrive solo una"supplica di benevolenza" all'autorità doganale che ovviamente respinge dovendo far cassa per uno stato permanentemente al verde che vive di prestiti del fondo monetario internazionale.

Matteo S ha scritto :
AntoTunisia ha scritto :

Non vorrei sbagliare o dire cavolate e forse Matteo S potrebbe dare un'informazione più corretta ma in uscita dalla Tunisia somme non dichiarate (quindi prive di dichiarazione della dogana in ingresso o della banca per prelievo) non dovrebbero essere superiori ai 3000 euro, l'eccedenza viene sequestrata... spero di non aver detto una cavolata.

Io gli euro, in entrata, li ho sempre dichiarati, tanto alla Goulette che in aeroporto , non tutti sono stati messi in banca, e quando ho deciso di riportarmeli in italia, erano troppi , superando il limite di valuta esportabile li hanno confiscati. Per fortuna erano tutti giustificati con le dichiarazioni doganali, altrimenti mi avrebbero arrestato per traffico illegale di valuta.  L'ho detto prima i Predatori sono i doganieri, si attaccano a tutto per fottere il viandante. Voi le conoscete tutte le leggi doganali? io no e a loro non importa un fico secco. a me hanno "rubato"migliaia di euro e non ti dicono nemmeno perchè, ti danno il foglio della confisca(in arabo) e ti indicano anche la sanzione(oltre il furto dei pure pagare una multa consistente, altrimenti se la multa non viene pagata non si ha il diritto di metter un avvocato a cui spiegano che hanno applicato la legge doganale). Alla fine della giostra ti ritrovi con un pugno di mosche in mano dato che hanno sempre ragione loro, con il portafoglio alleggerito ,avendo subito la confisca,pagata la multa e pure la parcella dell'avvocato.Vi ricordo che non siamo in uno Stato di diritto e l'avvocato scrive solo una"supplica di benevolenza" all'autorità doganale che ovviamente respinge dovendo far cassa per uno stato permanentemente al verde che vive di prestiti del fondo monetario internazionale.

Hai perfettamente ragione Matteo.. À la Goulette sono pirati.. Non sei il primo e purtroppo nemmeno L'ultimo.. Cui sono capitate ste disavventure...

SI, ma come dice MatteoS questo solo perché "il pesce puzza dalla testa". Se volessero risolvere questo problema basterebbe veramente poco. Ma probabilmente gli addetti agli sbarchi passeggeri fottono i passeggeri,  i pesci medi saranno impegnati a fottere i trasportatori di container e il pesci grossi saranno impegnati a fottere le import export. E tutto rimane così.

E se mi stanno leggendo... come dubita giustamente Asdrubale... non me ne frega proprio nulla! Mi aspettassero alla dogana...

Sono normative valutarie.
Ogni stato ha le sue se ricordate in passato ti sparavano se portavi  i i soldi in. Svizzera !

Attenzione che NON si tratta solo di “denaro” ma anche titoli rappresentativi di denaro (assegni e simili  titoli al portatore etc…)  se vi beccano che non avete dichiarato il denaro magari si “rischia la vita”, dato che le patrie galere tunisine non sono certo un albergo!

Usate canali ufficiali : banche ed affini. Evitate il fai da te. Tenete traccia delle transazioni con le giuste causali dei bonifici.

Questa mania di versare in contati migliaia di euro per aprire il conto  o portarsi appresso troppo denaro non la capisco!  Io ho fatto un bonifico SWIFT  sul conto indicato dalla BIAT che ha contati diretto con le banche italiane 3 giorni banca  conto operativo.
Quindi dato che quello che muove il mondo è il dio  denaro: prima cosa aprirsi il conto è trasferire il denaro, poi fare i pagamenti desiderati tramite banca tunisina.

Boh forse a me ha funzionato tutto bene.  Sarò stato fortunato

Comunque ogni uno è libero di affrontare la cosa come preferisce.

Attenzione anche a cosa portare (vedi convenzione di Washington  sugli animali) vedi portafoglio di coccodrillo e simili !

Buon viaggio

Live in tunisia ha scritto :
Giovannibattista ha scritto :

Chi non sa fare un bonifico si : tutti.
Operazione obbligatoria: no.
Citarli nel foglio: no
Si trova ufficio declaration si danno i soldi che contano ( attento a qualche prestigiatore) e ti danno ricevuta che deve essere registrata telematicamente.(controlla).
Il conto corrente si apre a zero ma entro un mese devi ricaricarlo altrimenti viene chiuso.
Il puzzle che ho costruito è questo.
Trattasi di un obbligo vessatorio anacronistico.
Salut

A parte rispondere ad una domanda precisa con un puzzle mal costruito da parte di qualcuno che ancora in Tunisia ci deve mettere piede la prima volta lascia alquanto perplessi.....

....ma prova a vedere tu se a un tunisino che si presenta in una banca italiana senza un Euro gli aprono un conto solo presentando a vista il suo bel passaporto......e magari se te lo tengono pure aperto se dopo un mese il saldo è ancora a zero e quindi non potrebbero neppure addebitagli le spese di tenuta mensili......

Dipende chi ti presenta alla banca!
  E se la KYC C bancaria ha avuto esito positivo. AML ( ossia il controllo della  anti riciclaggio)

Anche  se ti presenti con denaro possono decidere  non aprirtelo.

Guarda io ho aperto conti in mezzo mondo e ti assicuro che : se nessuno ti presenta…. È dura !

No tranquilli, di certo non si mettono a leggere expat, hanno ben altre patate da pelare, se volete portare via soldi al nero... parliamone (scherzo :D meglio dirlo subito prima di scatenare un putiferio :D). Il bello è che ogni tanto ci sono maxi stangate con arresti a pacchi di doganieri corrotti dai generali agli ultimi della ruota, ma sembra che non ci sia mai fine, esiste anche il numero verde anti corruzione fa capo alla INLUCC (Instance National De Lutte Contre la Corruption) 80102222 - fisso 70028220 - fax 71657503 - E-mail [email protected]
Francesca penso che possono essere utili a tutti e sono reperibili su internet alla pagina di INLUCC.
Speriamo che funzionino, comunque uno sforzo è stato fatto per crearli.

Nuova discussione