Informazioni su apertura delle frontiere tunisine

Allego il link del modulo da compilare  per il volo.

coronavirus.rns.tn/fiche-sanitaire2020/fiche-sanitaire/fiche.php?fbclid=IwAR2a49Gq2rGOAcccbUoCOr_8EV6hVa2rsgVQKINPrYzMBzxFHnHqnJ6N2WY

Dal sito della Farnesina : Nessun tipo di restrizione per i paesi classificati in fascia Verde (No tamponi, no quarantene ecc ecc).

Dal Corriere della sera online:

L’Italia vieta ufficialmente il bagaglio a mano a bordo degli aerei. Lo apprende il Corriere della Sera da fonti internazionali: la misura - destinata ad avere un impatto logistico sulle operazioni delle compagnie - rientra nell’ambito delle misure di contenimento del coronavirus.

Da venerdì 26 giugno su tutti i voli nazionali e internazionali (in arrivo o in partenza dal nostro Paese) non sarà più consentito l’imbarco con trolley o borsoni, ma soltanto con qualche piccolo effetto personale come le borse o gli zaini che potranno essere depositati nello spazio sotto al sedile di fronte.
Trolley in stiva

Ad annunciare la misura a tutte le compagnie aeree che operano in Italia è l’Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac) che in una lettera inviata alla Iata (la principale associazione internazionale dei vettori) il 25 giugno scrive che «per quanto concerne il bagaglio a mano, ai passeggeri è consentito di portare a bordo solo bagagli di dimensioni tali da essere posizionati sotto il sedile di fronte al posto assegnato». E ancora: «Per ragioni sanitarie non è consentito a nessun titolo l’utilizzo delle cappelliere». Questo significa che i passeggeri - anche sui collegamenti intercontinentali - dovranno mandare i trolley in stiva.

Lo stop al bagaglio a mano a bordo era stato rivelato dal Corriere dopo la pubblicazione del Dpcm dell’11 giugno scorso in Gazzetta Ufficiale. In uno degli allegati tecnici veniva imposto il divieto dei trolley «di grandi dimensioni» ma senza specificare se le cappelliere si sarebbero potute utilizzare o meno per gli altri effetti personali. Così come non veniva precisata la dimensione massima del bagaglio a mano consentito in cabina.

Dopo due traghetti cancellati sono arrivato il 28 giugno in Tunisia, partendo con il primo aereo utile dopo l'apertura delle frontiere del 27 da Venezia con il volo delta Tunisair. Dopo che la Tunisia, basandosi sui dati dell'OMS,  ha inserito l'Italia tra i paesi "verdi" a basso rischio contagio, sono state tolte tutte le restrizioni all'arrivo, e la necessità di fare il tampone (perché il richiesto PCR, poi meglio corretto in RT-PCR è il tampone). Tra l'altro, fatte alcune eccezioni, in Italia, non si riesce a fare il tampone. Si può fare il test sierologico a pagamento (qualitativo o quantitativo). Se poi sei positivo, entro 48 ore l'ASL di competenza ti invita a fare il tampone. Ovviamente se sei positivo al sierologico sei automaticamente in quarantena. Il tutto con un prelievo fatto entro 72 ore dalla partenza. Significato: prima di essere inseriti nel gruppo delle nazioni virtuose non c'era alternativa al dover fare la quarantena all'arrivo. Io, comunque, avevo voluto rischiare e, prima di sapere dell'area "verde", avevo fatto il sierologico (negativo).
Tornando al viaggio da Venezia, non si può fare il checkin on line e non si possono portare i trolley in cabina. Si imbarca tutto, a parte la solita borsa da mettere sotto al sedile davanti. Non si può mettere niente nelle cappelliere. Si entra in aeroporto indossando la mascherina e si toglie quando si esce all'aeroporto di arrivo. Il check-in apre 4 ore prima della partenza e chiude 1 ora prima. Ti consegnano due moduli da compilare. Uno in italiano da consegnare prima dell'imbarco, e uno in francese/arabo (questo lo avevo trovato anche nella pagina Facebook di Tunisair e lo avevo già compilato), che viene ritirato all'arrivo prima del controllo passaporti, dove misurano la febbre. L'aereo Tunisair del 28 giugno aveva comunque tanti posti liberi. Buona serata

*****
Ho visto discussioni sul significato di PCR. Questo è dovuto ad un caso di omonimia.
PCR in Italiano è l'abbreviazione usata per un esame del sangue, la Proteina C Reattiva che non ha nulla a che vedere con il Covid-19
In francese, invece, PCR è l'abbreviazione della sigla inglese, più completa, RT-PCR, Real-Time Polymerase Chain Reaction che è la procedura per rilevare da campioni prelevati (il muco dei campioni oro-faringei ->tampone), nel caso specifico impostata per rilevare il Virus Covid-19.
La Farnesina non si era posto il problema e aveva semplicemente tradotto PCR dal Francese dei documenti Tunisini in PCR nel testo Italiano.
Pubblicai sull'argomento un articoletto su Facebook. Non so se la Farnesina lo ha letto, ma dopo due giorni è miracolosamente apparso l'RT- davanti a PCR

Buongiorno a tutti, poichè sono appena rientrato in  Tunisia dall'Italia, mi sono ritrovato la bolletta della STEG, emessa  nel mese di marzo, quando comunque erano bloccate le frontiere con la mora per il mancato pagamento della stessa. Chiaramente trovandomi in Italia e con la chiusura delle frontiere sino al 27  giugno non la potevo pagare. Chiedo agli utenti del forum se sono a conoscenza  se il Governo Tunisino, come successo in Italia ha sospeso i pagamenti per sei mesi. Grazie a chi saprà rispondermi.

Buongiorno Asdrubale Scusa, se mi permetto, ma che cifra stai parlando tra mora e bolletta.

161 di bolletta  161di mora totale , totale generale 322 dinari. La bolletta è forfettaria.

Buongiorno Asdrubale,

credo che "LIVE", vedendo la tua domanda, saprà dare risposta.
Altrimenti, da parte mia ti suggerirei di presentarti alla STEG (con mascherina per entrare, almeno poche settimane fa era ancora obbligatorio...) con la fattura, una lettura attualizzata del contatore e spiegando l'accaduto.  Sicuramente loro sanno poi pure loro, se provvedimenti o misure analoghe siano state previste.  Ma seppure ciò non fosse, in vista del motivo per il mancato pagamento entro i termini di tempo previsti, è magari possibile che ti tolgano la penalizzazione. ***  O altrimenti rivolgiti al primo piano in fondo a sinistra...

Per il futuro, per qualsiasi evenienza del genere, varrebbe forse la pena tu trovassi un accordo con il proprietario di casa; in modo che se lui si incaricasse della cosa durante una tua assenza per eventualitá imprevedibili circa la data di un tuo rientro  e visto che ha ben da pagare le sue proprie fatture, o gli anticipi una parte, o gliela saldi al tuo rientro.  Prova...


(*** nel frattempo vedo che ha risposto Live e quindi la mora non sarebbe un problema...)

Ciao, innanzitutto fai una lettura dei contatori e vai alla STEG per farti ricalcolare l'importo.

Quello che vedi non è la mora. Che peraltro non potrebbe mai essere il 100% del dovuto.

Probabilmente si tratta di pagamenti arretrati (arriere ci sta scritto).

LA STEG emette la bolletta ogni due mesi. Una volta su lettura reale e quella dopo su lettura stimata.

Se vi con le letture ti ricalcolano in base a quanto dichiari.

Se non paghi per 4 mesi ti (in realtà circa 5) ti staccano in inverno la luce e in estate l gas.

Poi tu vai, paghi, avvisi che ti hanno staccato e in giornata vengono e riattaccano.

La mora eventuale è irrisora.

Con il COVID avevano chiuso gli uffici e sospeso tutti i pagamenti. Ora però che hanno riaperto (da maggio), occorre pagare. Se poi non si poteva entrare da altri paesi, questo non è affar loro; assumono che uno si organizzi.

:cool:

Asdrubale,

aggiungo qui una domanda -visto che sei appunto appena rientrato- :
com'é andata, nello specifico, al confronto dell'epoca "Pre-Covid" ?
Era con Alitalia, o con Tunisair ?
con 4 ore di anticipo sull'orario di partenza ?
Con la mascherina addosso per tutto il tragitto ?
Con altre seccature ?
Avevi il Test del tempo entro le 72 ore?
Verificavano la temperatura (sparando in fronte l'aggeggio) ?
Senza bagaglio a mano nelle "cappelliere" ?
Altre particolarità ?  ...

Pongo la o le domande anche perché è di pochi giorni fa la notizia che il Governo ha deciso di rendere più severi i controlli all'arrivo a Tunisi.  Infatti, già ci sono stati 7 nuovi casi di contagio importati...

Grazie.

Allora andando con ordine ho fatto Roma- Tunisi il  circa 4 giorni  addietro con Alitalia, presentato come da disposizioni 4 ore prima;
-Non è richiesto nessun certificato medico;
-Su disposizioni ENAC dal 18 luglio è possibile portare il  trolley  a bordo;
-per tutta la durata del volo mascherina;
-presa temperatura sia all'ingresso a Fiumicino che all'arrivo all'areoporto di Tunisi;
-A Fiumicino quando si fa il check-in, consegnano un modulo e si redige un'autocertificazione, compilazione molto semplice, si consegna prima dell'imbarco al personale del gate;
Durante il volo non viene offerto più il rinfresco.  Chi vuole qualcosa lo chiede direttamente al personale di bordo che è molto gentile.  Generalmente si chiede acqua poichè con la mascherina viene molta sete.
-Durante il volo viene consegnato un altro stampato di autocertificazione in lingua Francese e arabo, da riportare sempre generalità,  estremi documento, luogo dove si va ad abitare in Tunisia etc, anche questa molto semplice. La stessa viene consegnata all'arrivo alle  Autorità sanitari Tunisine, presenti in aereoporto.
Il mio giudizio in generale  è buono, tutto molto tranquillo e semplice. L'aereo era a pieno carico. Lo stesso aereo riparte l'indomani mattina alle ore 5,15 a Roma.

Live in tunisia :

Ciao, innanzitutto fai una lettura dei contatori e vai alla STEG per farti ricalcolare l'importo.

Quello che vedi non è la mora. Che peraltro non potrebbe mai essere il 100% del dovuto.

Probabilmente si tratta di pagamenti arretrati (arriere ci sta scritto).

LA STEG emette la bolletta ogni due mesi. Una volta su lettura reale e quella dopo su lettura stimata.

Se vi con le letture ti ricalcolano in base a quanto dichiari.

Se non paghi per 4 mesi ti (in realtà circa 5) ti staccano in inverno la luce e in estate l gas.

Poi tu vai, paghi, avvisi che ti hanno staccato e in giornata vengono e riattaccano.

La mora eventuale è irrisora.

Con il COVID avevano chiuso gli uffici e sospeso tutti i pagamenti. Ora però che hanno riaperto (da maggio), occorre pagare. Se poi non si poteva entrare da altri paesi, questo non è affar loro; assumono che uno si organizzi.

:cool:

Grazie Live, puntuale e preciso come sempre. Si ci sta scritto arriere ed a me col tradutore ha data mora  :D . Effettivamente  dopo le tue notizie col calcolo ci siamo, poichè io  l'ultima bolletta l'ho pagata il 27 gennaio. Comunque ho preso i numeri del contattore e domani vado alla STEG. Grazie  mille.

:top:

Giusto per aggiornarvi effettivamente , la STEG manda fatture ove ipotizza   i consumi  di energia elettrica e gas, sono identici all'ultima lettura reale. Nel mio caso essendo stato in Italia dal mese di febbraio, dopo un controllo ai contattori, ho rilevato che i consumi sono stati pressochè nulli. Quindi domani, foto alla mano, con la dovuta diplomazia gli mostro i consumi reali e mi faccio rifare il conteggio.

È prassi normale.

Non serve neppure la foto. Basta la comunicazione della lettura.

Tanto al prossimo giro passano e verificano.

Idem per la SONEDE. Solo che fatturano ogni tre mesi.

Buongiorno, per completezza di informazione vi informo che stamane  mattina, mi son o recato presso gli Uffici della STEG di Hammamet, ho esposto brevemente la problematica all'impiegata addetta alla postazione delle fatture, fornendogli  i numeri  reali da me  rilevati dalla lettura dei contatori. La stessa elaborava nuovamente una nuova fattura da 170 dinari  rettificando la precedente che era molto più esosa.

:top:

:cool:

Nuova discussione