Procedura Completa per pensione INPS "detassata" in Portogallo

Riassumo i passi principali da fare per il trasferimento di residenza da Italia a Portogallo, iscrizione A.I.R.E., richiesta pensione INPS privata (non pubblica) “detassata” in Portogallo, Motorizzazione Libretto Auto/Moto, ecc…

1. NIF Portoghese : equivalente al nostro Codice Fiscale.
Da richiedere almeno 4 mesi (il periodo di tempo dipende dalle Municipalità portoghesi)  prima della richiesta di residenza e di domicilio fiscale che occorre per poter richiedere all’INPS il pagamento della pensione all’estero (in Portogallo in questo caso) e che prevede la permanenza minima di 183 giorni / anno (184 gg negli anni bisestili) nel nuovo Paese dove si vuole risiedere.
2. Firmare contratto d’affitto o rogito di proprietà del luogo di residenza nel paese estero
3. Aprire cc bancario per accredito pensiore (la banca italiana può limitare l’operatività sul suo cc nel momento in cui non si è più residenti in Italia e iscritti all’AIRE)
4. Presentare al Comune Italiano di residenza attuale ( Ufficio Atti Migratori) la Richiesta di iscrizione all’A.I.R.E. (entro 90 giorni da quella data deve presentarsi al Consolato del Paese estero di residenza per confermare l’iscrizione e indicare l’indirizzo di residenza in quel paese).
5. Entro 90 giorni da 4) presentarsi al consolato del paese estero per quanto detto al punto 4); attualmente in Portogallo, così come in molti altri Paesi Europei, non occorre più (anzi non permettono) presentarsi di persona al Consolato ma occorre espletare tutta la procedura telematicamente sul portale FAST del Ministero degli Esteri :
https://amblisbona.esteri.it/ambasciata_lisbona/it/
6. AT : Autoridade Tributaria e Aduaneira : corrispondente alla nostra Agenzia delle Entrate. Molto ben organizzata online (occorre richiedere il codice di accesso a Internet e quello telefonico) si fanno tutte le pratiche quasi senza presentarsi allo sportello, che è comunque talvolta consigliabile per ottenere:
I) Certificato di RESIDENTE NÃO HABITUAL  (per poi godere del Regime Fiscale agevolato)
II) Domicilio Fiscale: in Portogallo. All’attribuzione del NIF di cui al punto 1) si indica temporaneamente il proprio indirizzo in Italia, che va cambiato meglio rivolgendosi di persona a un Ufficio della Segurança Social
7. Istituto de Segurança Social (ISS): allo stesso ufficio della Segurança Social richiedere anche l’iscrizione al Ministério da Saude per ottenere il numero SNS del servizio nazionale della sanità (come il numero del  nostro tesserino sanitario) che da diritto alle prestazioni sanitarie negli ospedali e all’attribuzione del medico di base. Occorre presentare l'attestato di residenza in Portogallo;il certificato di iscrizione all'A.I.R.E. Del Comune Italiano dove si aveva la residenza prima del trasferimento all'estero; un loro questionario debitamente compilato; una documentazione della pensione INPS (per questo va bene stampare i cedolini dell'anno in corso). L'ISS si presta a richiedere all'A.U.S.L. Di competenza il certificato S1, indispensabile per ottenere l'assistenza sanitaria in Portogallo (al posto di quella in Italia). Alla fine si ottiene una “ficha de identificação” col proprio numero di SNS (Servizio Nazionale della Salute) che serve per ricevere l'assistenza sanitaria nel Paese, per l'iscrizione nella lista dei pazienti seguiti dal proprio medico di base (non si può scegliere, ma viene assegnato d'ufficio in base al Junta de Freguesia di residenza).
8. Municipalitade : Certificado de Registo de Cidadao da uniao Europeia ( come il nostro certificato di residenza) che riporta l’indirizzo di residenza,  necessario per il SNS
9. INPS : mi permetto, per esperienza personale del 2018, di non riportare qui i suggerimenti procedurali che ho ricevuto rivolgendomi di persona prima di espatriare ai loro uffici (tutti quelli ricevuti erano inutili, se non addirittura errati o impraticabili) né di perdersi fra i mille blog e forum sul web ma di rivolgersi a un PATRONATO o a un SINDACATO di Categoria e farsi assistere nella pratica che è la più importante (ai fini del conseguimento della pensione “detassata” in Portogallo per 10 anni, per il momento) sia per l’invio all'INPS di tutti i documenti necessari che per il riconoscimento della propria iscrizione all’A.I.R.E. solo dopo la quale si ottiene infine il pagamento della pensione “detassata” presso un Istituto di credito Portoghese dove si è aperto fin dall'inizio il proprio conto corrente e dove i primi mesi arriva la pensione “non detassata”. Indispensabile è dotarsi del PIN dell’INPS per poter accedere e trasmettere online (unica procedura ammessa dall'INPS) richieste e documenti vari e poter vedere e stampare i propri cedolini, moduli, posizione e quant’altro (spesso richiesti dall’Istituto di Credito, dalla Municipalità, ecc.). Trascorsi i 183 giorni di residenza, nell'anno in considerazione, nel Paese estero si ha diritto per l’anno in corso ad ottenere la detassazione e il conguaglio delle imposte trattenute ai fini IRPEF e operate fino all’ultimo mese “tassato” pagato , conguaglio che viene versato circa 3-4 mesi dopo il termine dei 183 giorni. L’anno successivo il primo anno di pagamento della pensione all’estero si riceverà dall’INPS tramite CITI il CEV (Certificato di Esistenza in Vita) che dev’essere tassativamente compilato e firmato alla presenza di un Testimone fra quelli ammessi (es. Presidente della Junta de Freguesie, Notaio, Consolato, ecc .) e ritornato per posta a CITI che opera per conto di INPS (anche per il pagamento della pensione sulla Banca estera) o meglio per via elettronica solo attraverso canali Istituzionali (es. Consolato) che hanno accesso al Portale Agente di CITI. Indico qui di seguito i documenti necessari:
a)    certificato residenza ufficiale in Portogallo emesso dal Municipio regionale di competenza ;
b)     attestato di residenza emesso dal comune del paese ;
c)     attestazione iscrizione A.I.R.E. dal 12 giugno 2018;
d)    certificato iscrizione al servizio sanitario nazionale portoghese con numero di identificazione;
e)    cc su banca portoghese aperto per comunicare a INPS dove trasferire la pensione;
f)    MOD EP – I/2: equivalente del Mod. 21-RFI . Modello fondamentale da compilare,     far timbrare e far firmare all’ufficio delle finanze portoghese (AT ) da inviare     all’INPS per     ricevere in Portogallo la pensione “detassata”. Il Mod 21-RFI è il     modulo portoghese che l'INPS però non accetta, ma vuole che si usi il suo :     CI532 Mod EP – I/2 o I/4 che va stampato e spedito per “correio registado     com Aviso de rececao de entrega” (=raccomandata con ricevuta di ritorno)     all'Ufficio centrale dell'AT (Autoridade Tributaria e Aduaneira) a Lisboa :
AT AUTORIDADE TRIBUTARIA e ADUANEIRA
DSRI – DIRECAO DE SERVICOS DE RELACOES INTERNACIONAIS ,
Avenida Eng.° Duarte Pacheco 28-4° ; 1099-013 Lisboa
che lo compila, timbra e firma  e rispedisce per posta normale molto diligentemente e sollecitamente (in genere nel giro di una quindicina di giorni – meglio inserire una lettera di accompagnamento alla richiesta chiedendo la cortesia di restituirlo entro una certa data, che dev'essere antecedente all'ultimo termine utile di presentazione all'INPS, ossia il 30 settembre). Questo modulo va trasmesso al Patronato che si incarica di presentare di persona tutta la documentazione richiesta per la pratica in oggetto. Consiglio vivamente di rivolgersi a un Patronato e di far avere la documentazione di persona e non online. Solo i Patronati hanno ancora accesso a incontri di persona con funzionari INPS. E' sufficiente una delega al Patronato, non occorre essere presenti, anzi meglio rimanere in Portogallo.
g)    è indispensabile presentare tutte le richieste dovute all’INPS 4 mesi prima della fine     dell'anno, entro il 30 settembre,  per poter evitare la doppia imposizione della     pensione nell'anno in corso, purchè si sia iscritti all’A.I.R.E. almeno 183 giorni     prima della fine dell'anno in corso (184 gg. per anni bisestili).
h)    occorre avere i seguenti certificati ( online presso il Portal das Finanças )da inviare a     INPS :
-  Inscrição como residente não habitual
-  Certificado de Residência Fiscal
-  Cedolini INPS ( Riepilogo dei Pagamenti INPS nell'anno in corso)
10. Documenti : Passaporto, Patente, Carta d’Identità Italiani – converrebbe rinnovarli in Italia, meglio se in scadenza prima di fare la richiesta di iscrizione all’A.I.R.E. di cui al punto 4), oppure se lontani dalla scadenza (la patente ad esempio si può rinnovare in Italia solo entro 4 mesi dalla scadenza, se si vuole farlo prima bisogna fare denuncia di smarrimento o danneggiamento e chiederne un duplicato) il Consolato italiano all’estero rinnovano passaporto e patente che in alternativa possono essere rinnovati anche in Italia, anche dopo essere iscritti all’A.I.R.E, molto facilmente e rapidamente (es. rivolgersi a Ufficio ACI per il rinnovo della patente).
11. Motorizzazione e PRA : dipende da cosa si vuol fare dei propri veicoli (auto, moto):
a) volendo lasciarli con libretto e targa italiana seguire le istruzioni rilasciate dalla Motorizzazione col Modulo di “Dichiarazione Sostitutiva di Certificazione…Cittadini A.I.R.E”, eleggendo il domicilio in Italia presso persona di fiducia che possa ricevere posta e documenti.
b) Volendo trasferire all’estero libretto e targa veicolo occorre registrarsi all’Ufficio immatricolazioni del paese estero (trattenendo, se si riesce, CDP in originale e targhe italiane) per esportazione, re-immatricolazione e successiva cancellazione dal PRA italiano, pagare le tasse locali di immatricolazione (care in Portogallo, ma forse esentabili su richiesta da compilare sul posto certificando che l’auto è un bene di prima necessità e dev’essere intestata da più di 1 anno in Italia),e portare al PRA italiano una fotocopia semplice della carta di circolazione portoghese, una volta ottenuta, assieme alla propria richiesta di cancellazione dal PRA e al proprio documento d’identità. Tale cancellazione dal PRA italiano va fatta tassativamente entro il mese successivo alla data di scadenza del bollo di circolazione dell’autoveicolo (es. se scade ad Aprile, entro maggio).
12. TEAM : sul retro del Tesserino Sanitario Italiano c’è la Tessera Europea di Assicurazione Malattia che si perde prendendo la residenza all’estero. Nonostante ripetute richieste, solleciti, interrogazioni parlamentari questo diritto di cittadino europeo viene leso. Si ha diritto per 30 giorni (o 90 giorni) all’assistenza sanitaria di emergenza (pronto soccorso, ma non medico di base, non ticket, ecc.) se si torna temporaneamente in Italia: se si superano i 30 giorni occorre richiederla prima di partire dal Portogallo con una procedura lunga e complessa che sottende la perdita di assistenza in Portogallo per ottenere quella in Italia previa richiesta di opportuna documentazione per poi dover ripetere la pratica all’inverso rientrando in Portogallo dall’Italia!

:P ..

giulio salvadori :

1. NIF Portoghese : equivalente al nostro Codice Fiscale.
Da richiedere almeno 4 mesi (il periodo di tempo dipende dalle Municipalità portoghesi)  prima della richiesta di residenza e di domicilio fiscale che occorre ....

Salve Giulio,

non me ne voglia se mi permetto ... ma  ci sono inesattezze e  citazioni proprio errate.

Ad esempio ...

1) Il NIF lo si può chiedere anche lo stesso giorno che si arriva in Portogallo ... è la "base" per poter stipulare  il contratto di affitto (o comprare casa... ma qui intervengono altri obblighi notarili se  "casado" o "nao casado" ecc.)
Il tempo di  rilascio del NIF  non è a cura della Municipalità
Il NIF è rilasciato UNICAMENTE dagli uffici di ATFinancas (corrispondenti alla nostra agEntrate)

Eventuali NIF provvisori possono essere rilasciati da altre istituzioni (es. banche)  unicamente per il contratto di pertinenza presso di loro, ma tali istituzioni non "lavorano"  sul dBase di ATFinancas e tale numero attribuito sarà poi SOSTITUITO  una volta fatto il NIF in ATFinancas ...e   solo  presso di loro

............

La  "scaletta"   contiene  indicazioni errate , nomi o documenti da presentare ad INPS ... che per inciso ... sono solo 3 !! ed  induce in errore

come ad esempio (importantissimo) per INPS
- il Certificado do Cidadao

- una prova di attestazione residenza Fiscale;  convenzionalmente è il mod. CI531 E/P1, che ATFinancas gentilmente si presta a firmare e timbrare. MA è apposizione di certificazione su modulistica non dello Stato Portoghese. Si dovrebbe richiedere e produrre un "pura" attestazione del Paese di nuova residenza ... come quella che si può scaricare   direttamente dal proprio account in AtFinancas  indicando (come in ITA) l'uso ... cioè  ad esempio nelle note >> CERTIFICAZIONE USO INPS ITALIA

- l'attestazione di  Iscrizione AIRE per la Legge di dematerializzazione tra enti pubblici dello Stato Ita del 2012 (il numero proprio...)  è da farsi come AUTOCERTIFICAZIONE ed il singolo operatore, verificherà on.line la correttezza di quanto asserito. 

Un eventuale produzione del Certificato Iscrizione AIRE , da chiedersi unicamente al Comune di ultima residenza sarebbe al costo di 16eur e  ... comunque ... non DOVUTA ....  ma  tant'è .. per semplificare si inonda INPS di carta inutile, contrariamente a quanto stabilito per Legge e disconosciuto a  tutti .. in primis agli operatori.

Non serve dare copia dei cedolini INPS di pensione !   all' INPS  stessa ... ehhm 
e  tali cedolini non sono reperibili sul portale ATFinancas.

Non serve dare copia di iscrizione esenzione fiscale RNH all' INPS ... questo sì reperibile sul portale ATFinancas.




Il tutto è un lodevole tentativo   ma  non è corretto   (non me ne voglia)  ed  induce in errore e  confusione   chi  deve ancora intraprendere il processo o  vuole solo capirlo.

Ste

X Sbertan.                     Stefano davvero non hai di meglio da fare ? Metterti a correggere puntualmente gli strafalcioni di chi scrive sul forum ? Secondo me sono tentativi inutili perché tra racconti approssimativi e tue correzioni puntuali ( degne di obiettivi più ambiziosi) alla fine anche io non ci capisco più nulla , pur avendo già fatto tutto. Sul forum ci sono alcune descrizioni dell’iter molto  chiare e quasi complete, che bisogno c’e  di riscrivere il tutto non avendo neanche la capacità di farlo con un minimo di chiarezza ? Confusione. Poi l’audacia di fare tutto da soli. Ma che senso ha risparmiare 600-1000 euro , da dare all’agenzia, e poi rodersi  il fegato e non dormire bene di notte per le preoccupazioni di non aver capito o di non aver fatto i documenti giusti ? Mi sembra autolesionismo puro. Se una persone è capace di fare tutto da solo lo sa da se e non chiede sul forum informazioni banali reperibili ovunque. Se fa domande banali significa che non è in grado di fare da solo, quindi meglio spendere qualche euro e non complicarsi l’esistenza ( anche la salute ha un costo). Luigi

:)

x LUIGI

... lo so ... è che per altre necessità sono spesso al PC e   talvolta  ho tempo.

So anche che i "nuovi"  ci saranno sempre (ognuno di noi lo è stato...) ed  ognuno con le proprie  "VISIONI" dell'iter.

Vorrei evitare che almeno su questo Forum  (che è ben sopra al livello di FessBook)  rimanga  come ultima un' affermazione  " NON vera" ... sulla quale poi altri potrebbero basarsi.

NON è mia intenzione mettermi in affari in questo  campo ... altrimenti l'avrei già fatto .... lascio ad altri .

Ste

La mia vuole essere una linea guida con "consigli" procedurali. La procedura può essere apparentemente più lineare, ma se si vuole ottenere la residenza e il domicilio fiscale in Portogallo per l'anno di riferimento occorre:
- chiedere il NIF, da richiedere all'AT e online (ovvio, non l'ho scritto ma era scontato), entro la fine di aprile
- chiedere il "Certificado de Registo de CIDADAO DA UNIAO EUROPEIA" allla Càmara Municipal de...(città), che viene rilasciato solo se si ha il NIF da 4 mesi (almeno a CB)
- all'INPS vanno presentati, tramite Patronato (mio consiglio) i certificati che attestano la residenza e il domicilio fiscale in Portogallo e il certificato di iscrizione all'A.I.R.E. (rilasciato dal Comune Italiano di prima residenza, oltre che successivamente dall'Ambasciata Italiana a Lisbona). La certificazione suddetta della residenza in Portogallo è il Certificado de Registo de Cidadao da Uniao Europeia. La certificazione di iscrizione all'A.I.R.E. è richiesta dal patronato per comprovare la domanda della pensione, quindi perchè non inviarla??? Così come il certificato di Residente Non Abituale (che certo l'INPS non va a cercarsi online sul sito di AT come potrebbe indurre a pensare la sua nota negativa alla mia indicazione)...comunque non è mai troppo, ma se poco si rischia di non completare la pratica nei tempi richiesti ( con somma gioia dell'INPS che slitta di un anno a pagare la pensione "detassata" e conseguente ricorso all'Agenzia delle Entrate da parte del cittadino con tempi di anni perchè venga accolta!). Per quanto riguarda il certificato Mod EP - I/2 questo e solo questo è accettato da INPS, proprio il contrario di quanto attesta lei che è errato. Il certificato portoghese, che ho menzionato, e che inizialmente mi ero fatto rilasciare Mod 21-RFI ("attestazione del Paese di nuova residenza") non viene accettato dall'INPS (confermato dal Patronato)  e pertanto la mia procedura è quella corretta e le sue indicazioni No:
" Si dovrebbe richiedere e produrre un "pura" attestazione del Paese di nuova residenza ... come quella che si può scaricare   direttamente dal proprio account in AtFinancas  indicando (come in ITA) l'uso ... cioè  ad esempio nelle note >> CERTIFICAZIONE USO INPS ITALIA"
almeno nel 2018  e inducono in errore chi legge. Rigetto quindi la sua affermazione : "La  "scaletta"   contiene  indicazioni errate , nomi o documenti da presentare ad INPS ... che per inciso ... sono solo 3 !! ed  induce in errore", perchè sono proprio le indicazioni insufficienti a creare confusione ed errori, sia per quanto riguarda la documentazione che per la procedura consigliabile da seguire (per esperienza personale dopo aver perso 5 hr alla sede dell'INPS in Italia ho dovuto cancellare le indicazioni e i documenti ricevuti e solo grazie al Patronato ho raccolto quelli necessari). Lo scopo del mio scritto è proprio quello di dare indicazioni pratiche vere e corrette da seguire per evitare di incorrere in errori o mancanze e vedersi la pratica interrotta e non conclusa positivamente. Il mio è un elargimento alla comunità di chi legge per aiutarli a non sottovalutare, per consigliarli grazie all'esperienza fatta sulla mia pelle, seguito in Italia da Federmanager e da un Patronato loro associato e facendo da solo in Portogallo con la supervisione di miei amici locali, tutti esperti, colti, laureati e capaci.
- I cedolini INPS, dati al Patronato per inquadrare il pensionato nella pratica INPS a loro delegata, servono anche per aprire un conto corrente in una banca portoghese dove farsi accreditare la pensione e godere di un trattamento agevolato nella tenuta conto (e nei suoi costi annui) come esattamente fatto per i pensionati portoghesi. Se si vuole pagare di più, liberi. Il mio consiglio è di pratica convenienza e utilità.
Forse lei signor "SBERTAN"( qual'è il suo nome, il mio è chiaro e completo sul Forum) si riferisce a qualche anno fa ? Le cose cambiano, il mio è un resoconto ESATTO e PRATICO delle PROCEDURE seguite nel 2018 e non contiene "inesattezze" nè "citazioni errate" perchè sono tutte corrette e veritiere (forse le espressioni linguistiche possono essere sommarie e non sempre chiare e per questo la ringrazio delle sue correzioni, ma la sostanza è esatta ed ha condotto al risultato desiderato).
Invito inoltre chi legge e risponde a cercare di non creare maggiore confusione oltre a quella che riempie le pagine web e dare risposte aggiornate e sicure, oggettive e comprovate come le mie sperimentate l'anno scorso e "regalate" al web per chi ne ha bisogno. Se disturbano equilibri su alcuni siti mi dispiace ma mi confermano la necessità di ragguagliare chi ancora si appresta a seguire queste pratiche e non le conosce e cerca tutti i consigli pratici e le documentazioni necessarie .

Luited...
per favore non deludermi,
magari potevi scrivergli in privato...oppure potevi "signorilmente glissare"...
Non conosco personalmente Sbertan...per me è una "colonna" e da parte mia SOLO APPLAUSI...basta la frase "ognuno di noi è stato nuovo" per farsi un'idea del tipo di persona.
Scusami ma non me la sono sentita di "glissare"...anche se non così  appassionato come avrei voluto.
Al piacere di leggere le altre tue.

IvoOscar :

Luited...
per favore non deludermi,
magari potevi scrivergli in privato...oppure potevi "signorilmente glissare"...
Non conosco personalmente Sbertan...per me è una "colonna" e da parte mia SOLO APPLAUSI...basta la frase "ognuno di noi è stato nuovo" per farsi un'idea del tipo di persona.
Scusami ma non me la sono sentita di "glissare"...anche se non così  appassionato come avrei voluto.
Al piacere di leggere le altre tue.

x IvoOscar.        Forse hai interpretato in modo non corretto quanto ho scritto. Per me Sbertan è il migliore su questo forum. Mentre volevo sottolineare l’inutilita del tentativo di Sbertan di fare chiarezza. Infatti poco dopo è arrivata puntuale un’altra lunga dichiarazione confusa (ovviamente non di Sbertan). Comunque sono d’accordo con te alcuni miei interventi potrei evitarli, ma ho sempre la speranza che gli italiani possano migliorare nel tempo. Luigi

giulio salvadori :

La mia vuole essere una linea

- chiedere il "Certificado de Registo de CIDADAO DA UNIAO EUROPEIA" allla Càmara Municipal de...(città), che viene rilasciato solo se si ha il NIF da 4 mesi (almeno a CB)

Gentile Giulio .... 

Il Permesso di Soggiorno (certif.d.cidad) è   rilasciato solo se si dimostra la residenza  (contratto di AFFITTO o proprietà o altro diritto reale come in ITA)

Il NIF    ( serve a contrarre obbligazioni  in PT)  inizialmente ha indirizzo ITA dei documenti presentati e se lo si ha anche da 2  anni  MA senza  contratto di affitto   non serve a nulla,  serve dimostrare stabile residenza o intenzione di averla, non certo avere  il NIF da 4 mesi.
Il termine dei 4 mesi è legato al  fatto che per 90gg si è sempre e comunque considerati turisti (norme Europee).
Il NIF è un passo ... ma  non il solo.... e  non dà alcun diritto ... sono le obbligazioni contratte che lo danno.

- I cedolini INPS, dati al Patronato per inquadrare il pensionato nella pratica INPS a loro delegata,

un solo cedolino ... che contenga il NUMERO e la categoria della pensione ... mannaggia facile da dire no ??

Non è un attacco alla Sua Persona ...  questo  deve essere ben chiaro.
Beninteso ... queste sono solo "pizzicotti" verbali  che  nulla sminuiscono il Suo Buon Volere.

La lascio gentilmente nel suo Brodo ... primordiale ... qualcosa  nascerà in evoluzione.

Non scriva cose inesatte o parziali,  non sono di alcun aiuto.

..... e ... tranquillo ... cerco  di essere  e rimanere  aggiornato.

Non me ne voglia ,  non sono e non sarò un suo "nemico" ... contrarian sì .. ma  nemico NO   :cheers:

Che dire Stefano,
chi ti conosce sa quanto sei disponibile e preciso nelle tue informazioni :one , aggiungiamo una pazienza infinita, ogni tanto qualche rimbotto ben dato ma sempre con levità :joking: , io tanto ho imparato dai tuoi consigli.
Per te anolini e tortelli quando ci troveremo in Portogallo :D

- contratto d’affitto: indicato al punto 2. (scusi ha letto integralmente il mio testo?)

- NIF: anch’io l’ho avuto prima con la residenza in Italia; la Camera Municipale della città rilascia il certificato di residenza “CIDADAO DA UNIAO EUROPEIA" solo dal 4° mese da quando uno ha il NIF (come dice lei fino a 90 gg. si è considerati “turisti”!)

- Cedolini INPS : sotto quella voce nel portale INPS trova i moduli coi cedolini dei singoli mesi, dell’anno in corso, degli anni precedenti: documenti che attestano il percepimento della pensione e che riassumono tutti i dati del pensionato; se apre un cc in banca ci sono piani appositi per il “reformado” portoghese che danno diritto a condizioni agevolate e per ottenere le medesime condizioni del portoghese pensionato occorre il cedolino INPS!

Non scrivo cose inesatte, forse parziali, perché ho riportato il mio diario di bordo che ha portato alla meta.

Purtroppo troppe inesattezze e mancanze in tutti i post letti su internet prima di iniziare il percorso mi hanno indotto a scriverne uno di aiuto per gli altri “primordiali”, a suo dire!
Vorrei me ne citasse e mostrasse uno così completo ed esatto come sembra attestare nei suoi interventi, ai più sconosciuto (ho diversi amici e conoscenti che hanno vissuto le stesse manchevolezze internettiane).

Le suggerisco, prima di dare indicazioni che le ho già citato essere non attuali e quindi inesatte e di  esprimere pubblicamente giudizi un po’ saccenti e poco cortesi da cui non colgo il background e il know-how per tanta superiorità ostentata  di riflettere prima di scrivere certe parole e frasi perchè non sa a chi si rivolge..che potrebbe forse anche essere meno “primordiale” e più attuale e competente di quanto lo dipinge!

La polemica e le frasi che si potrebbero ritenere anche offensive non credo facciano bene alla causa di questi forum che è quella di aiutare chi non sa ed è interessato a conoscere per cercare di fare meno errori possibile: tutto quanto ho scritto e descritto non contiene un solo errore nel processo di acquisizione della pensione “detassata” in Portogallo che ho ottenuto proprio grazie a quanto ho scritto.

Sbertan...lascia stare!!!! 😂

sempre a disposizione per fornire chiarimenti e prove scritte documentali di ciò che scrivo; mi spiace notare saccenza ed arroganza, dove dovrebbe regnare collaborazione e gentilezza. Questo è il mio intento, non mi pare quello di chi asserisce cose sbagliate e vuole aver ragione con piglio di superiorità!

luited :
IvoOscar :

Luited...
per favore non deludermi,
magari potevi scrivergli in privato...oppure potevi "signorilmente glissare"...
Non conosco personalmente Sbertan...per me è una "colonna" e da parte mia SOLO APPLAUSI...basta la frase "ognuno di noi è stato nuovo" per farsi un'idea del tipo di persona.
Scusami ma non me la sono sentita di "glissare"...anche se non così  appassionato come avrei voluto.
Al piacere di leggere le altre tue.

x IvoOscar.        Forse hai interpretato in modo non corretto quanto ho scritto. Per me Sbertan è il migliore su questo forum. Mentre volevo sottolineare l’inutilita del tentativo di Sbertan di fare chiarezza. Infatti poco dopo è arrivata puntuale un’altra lunga dichiarazione confusa (ovviamente non di Sbertan). Comunque sono d’accordo con te alcuni miei interventi potrei evitarli, ma ho sempre la speranza che gli italiani possano migliorare nel tempo. Luigi

confusa? cosa non è chiaro che glielo spiego?

micolino5 :

Sbertan...lascia stare!!!! 😂

credo sia meglio,  perchè fuorviare gli ignari con indicazioni di documenti sbagliati per portare avanti la pratica INPS non è far bene alla causa...io ho scritto e posso dimostrarlo cosa l'INPS nel 2018 richiedeva, chi lancia strali saccenti senza alcuna prova documentale nè contro quanto da me asserito nè a favore di quanto da lui indicato.
Da ingegnere non accetto proclami o affermazioni non supportate da una dimostrazione concreta e obiettiva e non accetto i toni rivoltimi.

Giulio sei forte, se non riescono a capire delle spiegazioni precise e chiare come le hai
scritte ...........................

Sbertan sempre cortese e generoso nel dare una mano, con me personalmete davvero di grande aiuto ,  Anche per i ristoranti che sono per noi italiani  sono  importanti.
continuiamo ad aiutarci e' molto bello darci una mano e di sicuro incontrarci sara' sempre un piacere.

grazie Expat

messaggio INPS  3830  05.10.2017
---------------------------------

.........  Si precisa che l’iscrizione all’A.I.R.E., nei casi previsti dalla legge, può formare oggetto di una dichiarazione sostitutiva di certificazione o dell’atto di notorietà, ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 445/2000, e deve formare oggetto di controllo da parte delle strutture territoriali attraverso verifiche presso le Anagrafi comunali ......

.......  al fine della definizione della domanda di applicazione del regime fiscale previsto dalle convenzioni di cui trattasi, è necessario che il richiedente produca alla sede INPS competente in originale l’attestazione di residenza fiscale da parte dell’autorità fiscale del paese di residenza compilata su modello EP/I o su certificazione equipollente in uso nel suddetto paese.

----------------------

SBERTAN :

messaggio INPS  3830  05.10.2017
---------------------------------

.........  Si precisa che l’iscrizione all’A.I.R.E., nei casi previsti dalla legge, può formare oggetto di una dichiarazione sostitutiva di certificazione o dell’atto di notorietà, ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 445/2000, e deve formare oggetto di controllo da parte delle strutture territoriali attraverso verifiche presso le Anagrafi comunali ......

.......  al fine della definizione della domanda di applicazione del regime fiscale previsto dalle convenzioni di cui trattasi, è necessario che il richiedente produca alla sede INPS competente in originale l’attestazione di residenza fiscale da parte dell’autorità fiscale del paese di residenza compilata su modello EP/I o su certificazione equipollente in uso nel suddetto paese.

----------------------

2017 forse diverso da 2018...perchè insiste quando scrivo e affermo che le indicazioni da me riportate sono quelle pratiche, oltre che teoriche, richieste da INPS attraverso patronati e Associazioni di Categoria? Perchè porta citazioni che nella pratica non sono accettate e seguite e non portano concretamente al fine?
Il mio intervento è, ed era, volto ad aiutare indicando quanto praticamente sia da fare al di là di indicazioni teoriche riportate online e purtroppo anche di persona, come già scritto, negli uffici.
Perchè fa polemica sterile che rovina il contenuto di apporti oggettivi, pratici e competenti arroccandosi dietro affermazioni scorrette come quella della  "pura" attestazione del Paese di nuova residenza che non è accolta da INPS nel 2018 che richiede solo quella che indico io: a/m Mod EP - I/2 compilato, timbrato e firmato da AT (ho dato anche l'indirizzo esatto a Lisbona).
E' lei caro signore che crea confusione e disorienta chi si avvicina a questo forum per apprendere cosa fare. Con quale diritto, autorità e competenza si scaglia contro chi riporta, per il bene di tutti, le informazioni utili aggiornate complete e corrette?...viene quasi il dubbio, legittimo, che dia fastidio fornire gratuitamente la procedura necessaria per proteggere i mille consulenti spesso incompetenti, inutili e costosi?! Del resto le ho chiesto, e non mi ha risposto: quali background, know-how, competenze ha lei? e come si permette di schernire chi porta linfa nuova e vitale, gratuitamente?!
Si astenga, glielo chiedo con cortesia e fermezza, perchè fa solo del male a insistere su posizioni forse valide un tempo, ora (2018) non più...e forse nel 2019 anche le mie verranno superate e dunque ben venga l'apporto di qualche altro italiano che emigra in Portogallo quest'anno: non è da criticare ma da accogliere a braccia aperte e da ringraziare
cordiali saluti
Ing.Giulio Salvadori

Ferdinandomerolla :

Sbertan sempre cortese e generoso nel dare una mano, con me personalmete davvero di grande aiuto ,  Anche per i ristoranti che sono per noi italiani  sono  importanti.
continuiamo ad aiutarci e' molto bello darci una mano e di sicuro incontrarci sara' sempre un piacere.

grazie Expat

anch'io sto dando un aiuto, competente e aggiornato....e se vuole suggerimenti eno-gastronomici da Sommelier AIS, Sommelier ADAM, ex Accademico della cucina italiana, produttore in Portogallo di vino, di olio extra vergine di oliva, di frutta tutti con certificazione biologica nonchè redattore di guide gastronomiche per associazioni di categoria e grande esperto e contributore di Tripadvisor...mi faccia domande che, se conosco e solo se conosco, le risponderò e l'aiuterò volontieri

Stupendo sig. Giulio ... Le cito i riferimenti normativi .. e  li giudica superati ... ma da cosa ??  Vediamo se reperisce qualcosa , SUCCESSIVO  .. in merito.

Non faccio alcuna confusione e non dò  (cerco di non dare) indicazioni errate.

Ed insisto ... eccome  se insisto .... 

A mio parere l'ho disturbata per essermi permesso di fare precisazioni necessarie (a mio parere) e  peraltro  verificabili da chiunque rileggendo quanto da Lei scritto.

Nessuno dei 2  ha dato  indicazioni completamente errate ... solo (a mio parere) il suo elenco era da migliorare per renderlo capibile da chiunque si avvicini per la prima volta a  questo argomento.

Questa era la Sua intenzione nel redigere la Guida, che ho peraltro lodato.

Chissà che una volta sbolliti gli animi si diventi AMICI ?!

SBERTAN :

Stupendo sig. Giulio ... Le cito i riferimenti normativi .. e  li giudica superati ... ma da cosa ??  Vediamo se reperisce qualcosa , SUCCESSIVO  .. in merito.

Non faccio alcuna confusione e non dò  (cerco di non dare) indicazioni errate.

Ed insisto ... eccome  se insisto .... 

A mio parere l'ho disturbata per essermi permesso di fare precisazioni necessarie (a mio parere) e  peraltro  verificabili da chiunque rileggendo quanto da Lei scritto.

Nessuno dei 2  ha dato  indicazioni completamente errate ... solo (a mio parere) il suo elenco era da migliorare per renderlo capibile da chiunque si avvicini per la prima volta a  questo argomento.

Questa era la Sua intenzione nel redigere la Guida, che ho peraltro lodato.

Chissà che una volta sbolliti gli animi si diventi AMICI ?!

sa quanti riferimenti normativi e documenti errati mi hanno dato all'INPS, per poi non accettarli e dire che altri erano quelli che l'ufficio richiedeva...per questo è indispensabile il Patronato, non l'asettica normativa, spesso riveduta e modificata da postille e cambiamenti.
Sa qual'è il suo errore, oltre a quello di non riconoscere che si intestardisce a indicare una documentazione che l'INPS non accetta: quella di non ascoltare altro che la sua voce, di non ammettere che le cose possano essere cambiate, di non credere a chi le dice cosa occorre fare perchè l'ha appena fatto su indicazioni di Istituzioni e Associazioni ufficiali e qualificate e ha portato a buon fine.
Mi dispiace per la sua ostinazione, che nemmeno di fronte all'oggettività dell'evidenza si rassegna e si arrocca dietro righe teoriche di norme...chissà se più in vigore, ma sicuramente modificate come dimostrato dai FATTI.
Non da mai prova di conoscenza pratica, non ha mai risposto alla mia richiesta di portare lei le procedure "perfette" da espletare corredate da obiettiva documentazione e risultati, non ha mai detto quali sono le sue conoscenze teoriche e pratiche che la portano a pontificare, dall'alto con superiorità, a dispetto di quanto riportato dalla narrazione pratica di quanto va fatto per soddisfare le richieste.
Mi spiace perchè ha rovinato con questa sua polemica un contributo che avevo portato col sorriso e col cuore a chi poteva essergli utile.
Rimane la mia linea guida, rimane perchè quella raccoglie l'esperienza appena trascorsa con finale positivo e riassume per l'utilità di chi si avvicina alla stessa pratica i documenti che realmente servono e che prima di questa mia su nessun forum o blog si trovavano così completi ed esatti. Purtroppo si trovavano proprio quei riferimenti parziali, obsoleti forse, inutili e svianti nella pratica come ho potuto riscontrare sulla mia pelle, riferimenti fatti evidentemente da persone come lei che hanno tempo per scrivere pezzi di teoria un pò stropicciata e mai dimostrata e senza alcun riferimento pratico e racconto di vita vissuta che è quello che serve ed essere quindi inutili e dannosi.
Non credo proprio di aver voglia nè altro tempo da perdere con persone come lei, non me ne voglia.

Non gliene voglio, è sicuramente una persona  valida e mi spiace che non ci siamo intesi.

A titolo di cortesia ... mi dia  retta (senza darne ulteriore riscontro) ,     controlli quella circolare interna Inps ... o la faccia controllare al Patronato a  da  chi crede.

Buon Proseguimento

Ste

SBERTAN :

Non gliene voglio, è sicuramente una persona  valida e mi spiace che non ci siamo intesi.

A titolo di cortesia ... mi dia  retta (senza darne ulteriore riscontro) ,     controlli quella circolare interna Inps ... o la faccia controllare al Patronato a  da  chi crede.

Buon Proseguimento

Ste

E' lei che "mi deve dar retta"!!!
Non capisce che a suon di circolari non si ricava la verità?! Ho scritto sin dall'inizio che tutte le indicazioni ricevute di persona negli uffici INPS erano errate! Non l'ha letto? ...forse lo fanno apposta? sorge il dubbio! Ma non capisco perchè lei si rifiuti di credere al puro e oggettivo resoconto della trafila da fare per raggiungere l'obiettivo che ho descritto per regalarla a chi ne ha bisogno dopo di me: i miei sono fatti, le sue parole, vuote senza un substrato pratico. Quando lei si intestardisce a dire che non occorre il mod EP-I/2 dell'INPS proprio dimostra di non sapere nulla. e rifiutarsi di credere a chi si è dovuto confrontare recentemente con quella teoria (infatti m'ero fatto rilasciare il Mod 21-RFI portoghese che però tramite il Patronato l'INPS m'ha fatto sapere di non accettare e che solo il modulo INPS EP-I/2 - o 1,2,4 a seconda della lingua in cui è redatto - era assolutamente da far compilare come ho dettagliatamente descritto) e solo grazie all'esperienza sul campo è riuscito a portare a termine l'iter burocraticamente faticoso (almeno per la parte italiana) non ha alcun buon senso.
Non ha capito che ho perso tempo per scrivere cosa fare veramente per aiutare altri e non mi sono limitato a riportare, come fa lei, frasi di norme che se ancora valide (non lo so, non m'interessa, non perdo tempo ad andare a verificarle perchè so quanto realmente in pratica richiesto) non servono in pratica a nulla; e non ha ancora capito che insistere contro l'evidenza e la realtà non è logico e per di più semina solo zizzania e grande confusione: proprio quello che volevo evitare, non pensando mai di trovarmi di fronte persone come lei che anzichè ringraziare per un contributo concreto, fattivo, realistico, pratico si scagliano contro non so da cosa animati (forse orgoglio personale?!) limitandosi a contraddire con due frasette ma incapaci, nonostante ripetuti miei solleciti, a riportare casi pratici, come il mio, di successo e di aiuto a chi serve. Io ho perso ore a leggere frasi come le sue, inutili e contraddette dai fatti. Ho redatto quelle linee guida proprio per evitare ad altri di perdere tempo e non cogliere le indicazioni reali e necessarie.
Abbia l'intelligenza e l'apertura mentale di ascoltare senza pregiudizi, di accettare con interesse l'esperienza pratica, di riflettere sulle differenze sostanziali che regnano, ahimé purtroppo spesso nelle pubbliche amministrazioni italiane, fra teoria e pratica, fra regole interne e generali, incomprensibili ai più che hanno vissuto in un mondo di produzione industriale, come il sottoscritto, in un mondo pratico e pragmatico, basato sui fatti e pronti a cogliere le richieste, seppur diverse dalle aspettative teoriche, e adeguarsi.
Per concludere, perchè credo sia il caso (sia per il troppo tempo perso che per la confusione da lei creata) la invito a non rispondere, ma a riflettere; a pensare che chi racconta fatti concreti li sa e chi parla solamente può non sapere tante cose che vanno oltre alle regole teoriche.
un cordiale saluto

W Sbertan forever. Dott. Ing. luigi (ex membro Accademia Della Crusca).

per GIULIO
---------------------
va bene.. non rispondo ...

sig
vi invito caldamente a interrompere la zizania verbale Grazie

Io trovo una persona arrogante e una no. A voi la scelta!!!

micolino5 :

Io trovo una persona arrogante e una no. A voi la scelta!!!

visto che da dell'arrogante a me, la invito ad approfondire e capire chi ha cominciato a polemizzare (non certo io!) e chi ha dato un contributo fattivo (=io) e chi si è limitato a contestare senza dimostrare (non certo io). Quindi il giudizio va pensato ed espresso sul contenuto, non sulla forma.
Il mio racconto obiettivo doveva servire ad aiutare altri, mentre evidentemente per qualche motivo personale mi è stato avversato con motivazioni teoriche inconsistenti e inattuali perchè smentite alla luce dei fatti. a mia domanda di dimostrare quanto sostenuto non ha mai risposto.
La mia, cara signora, non è certo arroganza ma scocciatura di dover reagire ad attacchi ricevuti fuori luogo, mendaci e contrari allo spirito che dovrebbe animare queste pagine.
Mi spiace di aver perso tempo con queste persone, la mia non è arroganza ma delusione, le risposte dovute perchè inaccettabile quanto scritto contro i miei sperimentati e sicuri consigli..
Il mio post rimane, così come é su altri forum, blog e sul mio sito per aiutare, dando elementi certi, chi vuole ripercorrere questo percorso.
un cordiale saluto a tutti e soprattutto a chi avrà bisogno di sapere come fare

Non vorrei sostituirmi a Francesca, sapiente ed efficace moderatrice di questo forum, ma al pari di Chumy ritengo opportuno invitare tutti alla calma. Credo che le polemiche o le prese di posizione non servano ad alcuno e non rendano merito a questo forum che ha tra i suoi pregi proprio quello di riportare le esperienze di ognuno di noi. Sommessamente vorrei evidenziare che anche per esperienza personale ho potuto verificare che le procedure purtroppo cambiano da ufficio ad ufficio, tanto in Italia che qui in Portogallo. La raccomandazione da fare a tutti è quindi quella di verificare personalmente quale procedura viene adottata nell'ufficio in cui ci rechiamo. Chiedo fin da ora scusa per l'intromissione, ma rinnovo l'invito ad evitare polemiche. Buona serata a tutti.

giorugge :

Non vorrei sostituirmi a Francesca, sapiente ed efficace moderatrice di questo forum, ma al pari di Chumy ritengo opportuno invitare tutti alla calma. Credo che le polemiche o le prese di posizione non servano ad alcuno e non rendano merito a questo forum che ha tra i suoi pregi proprio quello di riportare le esperienze di ognuno di noi. Sommessamente vorrei evidenziare che anche per esperienza personale ho potuto verificare che le procedure purtroppo cambiano da ufficio ad ufficio, tanto in Italia che qui in Portogallo. La raccomandazione da fare a tutti è quindi quella di verificare personalmente quale procedura viene adottata nell'ufficio in cui ci rechiamo. Chiedo fin da ora scusa per l'intromissione, ma rinnovo l'invito ad evitare polemiche. Buona serata a tutti.

concordo pienamente!...e ho raccontato la mia esperienza personale, a Bologna e a Castelo Branco, suffragata da Federmanager (Dirigenti d'Azienda) e da Patronato 50&Più Enasco 50epiuenasco.it/
Io parlo di fatti, non faccio proclami!...chi li fa, senza dimostrare ciò che asserisce teoricamente scagliandosi contro chi da il proprio contributo dovrebbe astenersi e tacere, per il bene di tutti e per lo spirito della comunità! Da Ingegnere in più di 40 anni  non m'è mai capitato di trovare situazioni paradossali come questa. Grazie

X Giulio Salvadori.   Egregio ingegnere,da ingegnere ad ingegnere ( io sono laureato in ingegneria al Politecnico di Torino, ed ho anche un’altra laurea in informatica), che le dico di non aver apprezzato il suo primo scritto : perché era un elenco lunghissimo di cose e di documenti,conteneva imprecisioni ed era scritto in una forma illeggibile. Io non l’ho capito pur avendo già fatto tutto l’iter, ho già la pensione detassata, ed ho seguito personalmente la presentazione della documentazione all’Inps ( non delegando ad un patronato come ha fatto lei). Detto ciò , stiamo parlando di una procedura per pensionati! E stiamo scrivendo in un forum frequentato da persone che espatriano, non da frequentatori dell’Accademia della Crusca ( per chi non lo sapesse è un ente importante in Italia). Quindi sia il linguaggio usato sia la forma di quanto si scrive deve essere semplice e leggibile e capibile ai più. Cosa che non riscontro nei suoi messaggi. Le scrivo questo perché forse sta sbagliando il messaggio, e anche il tono che usa. Tra i frequentatori del forum ci sono tanti che fanno fatica a capire l’iter delle procedure, e quindi la forma deve essere semplice, elementare, frasi brevi. Poi ci sono anche frequentatori che in base ai titoli ne hanno anche più di lei, e quindi hanno fastidio ed insofferenza a leggere in continuazione che lei ostenta i suoi titoli, che poi così importanti non sono, per avvalorare quanto scrive, e comunque in Portogallo non importa a nessuno dei titoli dei pensionati italiani. Ovviamente sono disponibile in privato a dimostrarle tutti i miei titoli, così si dà pace. Per inciso a capo delle organizzazioni dei dirigenti che lei cita ci sono miei ex collaboratori.  Auguri e buona salute. Luigi

Non posso che confermare: [at]sbertan ha una pazienza infinita! :-)

Non entro nel merito della questione tecnica relativa alla procedura da espletare per la detassazione, non la conosco pertanto non sono in grado di asserire o confutare quello che Giulio o Stefano scrivono. Ne tanto meno voglio prendere parti.

In tutta onestà mi sento però di dire che ho imparato a conoscere ed apprezzare Stefano grazie ai contributi che ogni giorno apporta sul forum. Il suo approccio, da tre anni a questa parte, è sempre stato pro attivo.

In merito a Giulio, sappi che non dubito quando scrivi che lo scopo che ti ha spinto ad inserire la discussione provenga da una voglia sincera di condividere il tuo percorso. E' proprio questo lo spirito del sito.

Mi si alzano le antenne quando il susseguirsi dei post, che non preclude uno scambio di opinioni diverse (un contraddittorio sapientemente condotto può anche essere costruttivo), si riduce ad una sterile polemica. La lettura diventa noiosa, poco costruttiva e perde di valore.

Pertanto vi invito tutti a terminare la diatriba ricordandovi che questo forum è aperto a tutti, non ci piace classificare gli utenti per titolo professionale e soprattutto, non ci interessa.

Bene, la mia l'ho detta, ora vi saluto e vi auguro un buon fine settimana  :)

Temendo di fare lo sborone avevo tenuto un low profile... Ora ho aggiornato le mie info!
:D :D :D :D :D
Ovviamente spero si capisca che sto scherzando e tento di abbassare i toni, ma nel dubbio ho preferito specificare, non si sa mai! ;)

luited :

X Giulio Salvadori.   Egregio ingegnere,da ingegnere ad ingegnere ( io sono laureato in ingegneria al Politecnico di Torino, ed ho anche un’altra laurea in informatica), che le dico di non aver apprezzato il suo primo scritto : perché era un elenco lunghissimo di cose e di documenti,conteneva imprecisioni ed era scritto in una forma illeggibile. Io non l’ho capito pur avendo già fatto tutto l’iter, ho già la pensione detassata, ed ho seguito personalmente la presentazione della documentazione all’Inps ( non delegando ad un patronato come ha fatto lei). Detto ciò , stiamo parlando di una procedura per pensionati! E stiamo scrivendo in un forum frequentato da persone che espatriano, non da frequentatori dell’Accademia della Crusca ( per chi non lo sapesse è un ente importante in Italia). Quindi sia il linguaggio usato sia la forma di quanto si scrive deve essere semplice e leggibile e capibile ai più. Cosa che non riscontro nei suoi messaggi. Le scrivo questo perché forse sta sbagliando il messaggio, e anche il tono che usa. Tra i frequentatori del forum ci sono tanti che fanno fatica a capire l’iter delle procedure, e quindi la forma deve essere semplice, elementare, frasi brevi. Poi ci sono anche frequentatori che in base ai titoli ne hanno anche più di lei, e quindi hanno fastidio ed insofferenza a leggere in continuazione che lei ostenta i suoi titoli, che poi così importanti non sono, per avvalorare quanto scrive, e comunque in Portogallo non importa a nessuno dei titoli dei pensionati italiani. Ovviamente sono disponibile in privato a dimostrarle tutti i miei titoli, così si dà pace. Per inciso a capo delle organizzazioni dei dirigenti che lei cita ci sono miei ex collaboratori.  Auguri e buona salute. Luigi

Grazie della sua franca risposta, caro collega.
Il mio è un "breviario" riassuntivo di tutte le formalità da espletare; una lista di documenti necessari per arrivare all'obiettivo. L'ho semplicemente elencato, senza alcuna pretesa letteraria, tanto meno da Accademia della Crusca! ma corretto, aggiornato alle richieste del 2018, concreto e positivo. L'ho girato ad amici, che non hanno trovato alcuna difficoltà a intenderlo. Mi dica, caro collega, che cosa non ha capito, mi faccia degli esempi, mi citi frasi e parole, non sia generalista, come non lo siamo mai noi ingegneri. Parlavo due ore fa con un amico, grosso dirigente, che ha affidato la pratica ad un'agenzia specializzata dal maggio 2018, ha speso € 1800 e l'INPS gli ha rifiutato la pratica; io, seguendo la descrizione fatta, ho avuto invece riscontro positivo. Questo è l'intendimento del mio messaggio, di aiutare chi ha bisogno senza che debba spendere una lira! Quanto al Patronato, essendo gratuito per gli iscritti a Federmanager come me, debbo dire che è stato indispensabile, come ho puntualizzato, avendo ricevuto informazioni sbagliate andando prima di persona all'INPS. Quando ha fatto lei la pratica? l'anno scorso, o prima? Ogni anno cambiano le richieste, si complicano con l'aumentare dei pensionati italiani che emigrano!
Comunque sempre a disposizione per chiarire ciò che le risulta non chiaro...e se l'elenco è lungo come dice è perchè é completo!, a differenza di tanti altri scritti approssimativi e generalisti.
Ho comunque l'impressione che dire tutto quel che serve dia fastidio a tanti, credo anche di sapere il perchè!
sempre a disposizione,
Cordiali saluti
Giulio Salvadori (ingegnere chimico, laureato a Bologna)

SBERTAN :

Non gliene voglio, è sicuramente una persona  valida e mi spiace che non ci siamo intesi.

A titolo di cortesia ... mi dia  retta (senza darne ulteriore riscontro) ,     controlli quella circolare interna Inps ... o la faccia controllare al Patronato a  da  chi crede.

Buon Proseguimento

Ste

Non serve controllare, ciò che ho scritto è ciò che è stato richiesto da INPS tramite Patronato, forse a dispetto di circolari esistenti...come sa gli Uffici "personalizzano" le richieste, e seguendo le circolari un mio amico tramite specializzata agenzia cui ha devoluto € 1800 non ha avuto accolta la sua richiesta da INPS! Io sì...seguendo quanto ho scritto, non circolari astratte e teoriche che a nulla servono se non a creare confusione. Il mio è un "Bignami", efficace, corretto, serio e completo...dato che porta al risultato desiderato!

Francesca :

Non entro nel merito della questione tecnica relativa alla procedura da espletare per la detassazione, non la conosco pertanto non sono in grado di asserire o confutare quello che Giulio o Stefano scrivono. Ne tanto meno voglio prendere parti.

In tutta onestà mi sento però di dire che ho imparato a conoscere ed apprezzare Stefano grazie ai contributi che ogni giorno apporta sul forum. Il suo approccio, da tre anni a questa parte, è sempre stato pro attivo.

In merito a Giulio, sappi che non dubito quando scrivi che lo scopo che ti ha spinto ad inserire la discussione provenga da una voglia sincera di condividere il tuo percorso. E' proprio questo lo spirito del sito.

Mi si alzano le antenne quando il susseguirsi dei post, che non preclude uno scambio di opinioni diverse (un contraddittorio sapientemente condotto può anche essere costruttivo), si riduce ad una sterile polemica. La lettura diventa noiosa, poco costruttiva e perde di valore.

Pertanto vi invito tutti a terminare la diatriba ricordandovi che questo forum è aperto a tutti, non ci piace classificare gli utenti per titolo professionale e soprattutto, non ci interessa.

Bene, la mia l'ho detta, ora vi saluto e vi auguro un buon fine settimana  :)

Concordo, ho solo risposto a chi ha rivolto critiche alla sostanza del mio scritto e alla mia persona...bastava dire, grazie...proprio perchè era ed é un contributo serio e concreto offerto alla comunità. La polemica non è certo partita da me, anzi io non ne ho mai voluta fare ma ho dovuto rispondere per chiarezza ed obiettività a chi mi criticava senza portare esperienze concrete e dimostrare praticamente quanto sosteneva...non bastano due circolari per aver ragione, quando si sa bene quanto ci si scontra quotidianamente soprattutto in Italia con la burocrazia a dispetto di regole e circolari!
spero questa sia l'ultima replica, perchè mi ha veramente stancato dovermi difendere da un'offerta graziosa e corretta, completa e corretta che replica per iscritto la mia esperienza. Come scritto altrove mi pare abbia dato fastidio ad alcuni!

SPERIAMO CHE FINISCA STO SPUTACCHIO……….E PER I TITOLI NOBILIARI ….MA CHI SE NE FREGA …...OGNUNO INCORNICI ORMAI I SUOI….ALTRIMENTI IN PIEMONTEIS AS DIS …….SUMA AI PIAN DI BABI
E BONA SEIRA

Nuova discussione