Visto per entrare in Italia

Ciao a tutti, sono una donna italiana e spero ogni giorno da quasi un anno che al mio compagno che vive a Tunisi che gli venga rilasciato il visto per entrare in Italia ma niente.... Lui è già provvisto di passaporto ma non si riesce a vedere altro. Allora chiedo se per favore c'è qualcuno che ci può aiutare a darci delle dritte e se posso contattare qualcuno qui in Italia o presentarmi in qualche ufficio specifico. Ho sentito dire che si può uscire dalla Tunisia anche con una proposta di lavoro ma come mi potrei muovere? C'è qualcuno che ha esperienza e mi può aiutare anche in questo? Grazie mille, buona serata!

Per prima cosa bisogna capire perché l'Ambasciata Italiana non abbia concesso il visto, se la persona ha i requisiti per poter uscire dalla Tunisia anche come turista. Ad esempio la mia parrucchiera si sposa a settembre ed in viaggio di nozze va in Spagna, nessun problema con i visti, se poi sta richiedendo un visto differente dal turistico ci vogliono le motivazioni previste dal visto stesso.

Ciao, grazie per la risposta. Devo informarmi meglio. Il fatto è che so che se ci fosse una proposta di lavoro sarebbe più facile ottenere il visto. Ma davvero non so come procedere e dove rivolgermi. Ciao

Sempre in Ambasciata a Tunisi, con un contratto di lavoro lo si ottiene subito sempre se non ci sono problemi, tieni presente che per la concessione dei visti vengono fatti dei controlli da parte dell'ambasciata e della polizia tunisina, un visto di ingresso senza motivazione valida viene sempre respinto, insomma ci sono tante casistiche, ti conviene provare a scrivere una mail all'ufficio visti dell'Ambasciata e vedere cosa rispondono ma anche in questo caso non credo ti possano dare troppe informazioni.

Romy70 :

.... Lui è già provvisto di passaporto ma non si riesce a vedere altro.

Questo non è molto chiaro. Passaporto italiano??? In tal caso non serve visto  :unsure

Passaporto tunisino? In tal caso beh...le motivazioni possono essere davvero tante.

Inoltre: lui ha gia' presentato domanda di visto? Che tipo? Ha avuto una risposta negativa o nessuna risposta?

Lui lavora in Tunisia? Con un contratto regolare? Ha un conto bancario con regolare accredito dello stipendio? Uno stipendio "congruo"?

Se non lavora e' ben difficile che ottenga il visto di tipo turistico.

Allora certamente una domanda di visto per lavoro potrebbe essere la via, ma ovviamente deve avere l'occorrente, ovvero la proposta e l'invito da parte di una azienda. Occhio a come ci si muove, perche', soprattutto di questi tempi, i controlli sono molto accurati.

Ad ogni modo, non vi e' nessuna informazione o indicazione seria che tu possa reperire qui o altrove senza avere una completa conoscenza della situazione specifica.

Tuttavia il tuo compagno si sara' certamente rivolto alla societa' che gestisce, in appalto dall'Ambaciata italiana, tutta la parte preparatoria della domanda di visto: Almaviva Visa Services.

Quella e' la sede per avere tutte le informazioni.

Sappi comunque che non è facile per chi non ha una storia lavorativa regolare e stabile ottenere i visti turistici. E anche per i ricongiungimenti le cose non sono semplici. Conosco un caso di una donna che da quasi ormai due anni attende che le venga rilasciato il visto per andare in Francia dal marito che lî regolarmente vive e lavora. Controlli di ogni tipo; controllo sul lavoro di lui, sullo stipendio e sul tenore di vita, visita dell'appartamento per verificare che sia adeguato, regolarita' del contratto di locazione, pagamento di tasse e bollette luce e gas ecc., verifiche incrociate i tutti i documenti, colloqui con lui in Francia e con lei a Tunisi....un calvario insomma. Lei ebbe anche difficolta' per ottenere il visto per il viaggio di nozze nonostante un lavoro regolare, solo per il fatto che lo stipendio "ufficiale" che poteva dimostrare era troppo basso (400 Dt), perche' la differenza la prende in nero.

Buona fortuna!

Anni or sono (la situazione può essere attualmente tutt'altra...) volendo invitare una donna tunisina in vacanza da noi in famiglia, le abbiamo inviato un invito formale e, non ricordo più in che forma/to o formulario da noi richiesto eppoi presentato ad un ufficio apposito del nostro paese, si trattava di garantire noi finanziariamente per il soggiorno di questa giovane donna. E lei, all'entrata, doveva esibire questo permesso rilasciato dall'ufficio competente del nostro paese appunto.  Si tratta e trattava infatti di dare chiare ed esplicite garanzie riguardo il lato finanziario...

Grazie ancora di cuore per questi consigli. Spero davvero che riusciremo a realizzare il nostro sogno di vivere insieme. Ciao, buonanotte!

Ciao, grazie infinite per il tuo scritto. Certo che è un po' scoraggiante sapere che i tempi sono così lunghi. Comunque sia, farò tesoro di quello che mi hai scritto e vediamo cosa ne uscirà di buono. Grazie ancora, buonanotte!

Ciao, provo a rivolgermi in Questura. Grazie mille per questo consiglio, ciao!

Vai , è una articolazione interna , all'ufficio stranieri . Ti potranno dire cosa serve per il tuo caso alla luce della normativa vigente .

Grazie Massimo, incrocio le dita 😊 ciao!

Nuova discussione