Testimonianza di Valeria da Chalfont St. Peter

Buongiorno,

Con piacere metto a disposizione del forum la testimonianza di Valeria. 

Alla ricerca di migliori opportunità lavorative e stabilità economica, Valeria, con il compagno e l'inseparabile micione, hanno lasciato Roma per trasferirsi in Inghilterra.
Si sono stabiliti a Chalfont St. Peter, una cittadina che dista solo trenta minuti di treno da Londra.

Riporto un estratto della sua intervista:

Quali sono i motivi principali che ti hanno portata in Inghilterra?
Avere più opportunità lavorative e più stabilità finanziaria.

Qual è stata la prima sensazione che hai provato appena arrivata in UK?
E` stato bello ed al tempo stesso spaventoso. Tante speranze per un nuovo inizio, con la consapevolezza di tutte le eventualità del caso, ma tutto sommato l`impatto è stato positivo.

Dal punto di vista lavorativo, cosa ti dà in più l’Inghilterra rispetto all’Italia?

Più garanzie, più legalità, più mercato. Contratti, flessibilità; paghe minime orarie e due giorni liberi a settimana garantiti per legge. Orari di lavoro molto soddisfacenti.

Si può risparmiare vivendo in Inghilterra?

Personalmente non trovo semplice risparmiare qui in Inghilterra ma qualcosa si può di certo fare.
Siamo due persone e un gatto in un flat e abbiamo spese fisse di circa 1.500£ mensili tra affitto, bollette, council tax, assicurazione auto (si trovano facilmente auto usate a prezzi accessibili, ma l'assicurazione è molto costosa), wi-fi, compresi piccoli sfizi (Netflix, beneficienza ecc).
Purtroppo, e per fortuna, vivo in una zona appena fuori Londra molto ricca e quindi gli affitti non sono bassi, ma è possibile trovare stanze dai 400/500£ o flat (o anche detti studio flat, che sono appartamenti di varia metratura, ma in genere medio piccoli) dai 700£ in su.
Per la spesa cerco di acquistare prodotti di media/buona qualità, ma in offerta.
Il costo della vita è molto più elevato che in Italia e fare la spesa può diventare frustrante perchè il costo dei cibi pronti e meno salutari è più conveniente dei prodotti freschi, ma ci sono sempre molte offerte e sconti stagionali da cui trarre vantaggio in questo senso. Inoltre ogni supermercato ha la propria carta fedeltà con cui si possono avere effettivi sconti sulla merce.
L'unica soluzione che ho trovato fin'ora infatti è  fare spesa dalle 2 alle 3 volte a settimana con questo principio.  Es: compro sempre la pasta De Cecco a metà prezzo e la pago meno che in Italia. Per quanto riguarda la casa, il mercato dell’usato può essere un ottimo modo per risparmiare su cose indispensabili quali l’arredamento.
Se si vuole arredare con poco la casa presa in affitto (la maggior parte dei landlord si avvale delle agenzie e le case vengono fornite pressochè non arredate, fatta eccezione per gli elettrodomestici necessari) potete usare applicazioni quali "Shpock" o buttarvi su un Ikea nei paraggi per fare velocemente e con poco.
Nei numerosi negozi chiamati “charity shop” è possibile trovare oggetti di seconda mano di ottima qualità e stato.
Per quanto riguarda l’abbigliamento ci sono molte catene a buon mercato.
Per i contratti telefonici non ho molta esperienza, ma io utilizzo la GiffGaff che ha ragionevoli piani tariffari. Il Wi-Fi e' comunque molto diffuso.

Continua a leggere l'intervista : www.expat.com/it/expat-mag

Clicca qui per leggere tutte le altre Interviste agli espatriati e condividile sui social networks, trovi le icone dedicate nella pagina di ogni intervista.

Se sei un espatriato e vuoi partecipare all’intervista, contattami ora!

Saluti,

Francesca

Nuova discussione