MENSILE PER LA FIGLIA DI MADRE INDONESIANA E PADRE ITALIANO

Vorrei cortesemente sapere che qualità di vita ha una ragazza di 23 anni con 450/500 EURO al mese che le manda regolarmente il padre dall'Italia, figlia di una donna indonesiana e di un Italiano, riconosciuta dal padre e quindi diventata automaticamente Cittadina Italiana anche se nata a Bandung e vissuta sempre con la madre in Indonesia dove ha fatto tutti i suoi studi ed essendo Laureata in Architettura ed attualmente facendo un tirocino presso uno Studio di Architetto e non dovendo contribuire alle spese di casa della madre,la quale è attualmente sposata con un Indonesiano.Praticamente questi soldi sono solo per lei!!

Lo stipendio minimo ammissibile per legge a jakarta sono 3.750.000 e ci vive più che decorosamente una madre con un figlio. A Bandung la vita costa molto meno, lo stipendio minimo è inferiore ma non lo conosco dettagliatamente.
Il tuo amico sta inviando circa 9.000.000, trai le tue conclusioni.

Grazie per la risposta, quindi praticamente con quello che riceve mensilmente possono viverci benissimo lei e sua madre per 3 mesi, bene a sapersi, anche se già avevo capito che era così guardando appunto gli stipendi medi in Indonesia!
Grazie.

Ti direi che ci possono vivere anche in 4 o più, loro mangiano tipo riso bianco tutti i giorni, alla meglio pollo fritto.
Io per vivere con uno standard Europeo, quindi appartamento 70 Mt, piscina, palestra, cibo decente non contaminato da ratti o roba del genere, pago circa 500 euro al mese, comprese cene al ristorante e simili divertimenti.

Per il costo universitario non saprei dirti, ci sono costi estremamente variabili, dovresti vedere sul sito dell'istituto.

Per l'università non ci sono più "problemi" è stata già tutta pagata e la ragazza è già Laureata da Gennaio e già sta facendo tirocinio in uno studio di Architetti...dove già guadagna qualcosa, lei ha detto che prende tipo 200 Euro, quindi i soldi che riceve dovrebbero essere solo per lei per le sue spese e per mettersi i soldi da parte per venire in Italia. Per il resto non deve spendere nulla vivendo in casa con la madre ed il patrigno...Ma mi sa che il mio amico sta facendo la fine dello sfruttato perché in effetti continua anche ora che non ha più nessun obbligo legale a mantenere non solo la figlia ma tutta la famiglia compreso il marito della madre della ragazza...
Grazie ancora per la risposta!1

Beh, a mio parere fino a quando ha dovuto pagare l'università 500 euro ci stavano e di sicuro qualcosa avanzava, non credo ci fosse una "truffa" dietro.
Relativamente al suo lavoro, se usi un convertitore vedrai che 200 euro sono circa 3.500.000 rp, lo stipendio minimo a cui mi riferivo prima, quindi i soldi inviati non sono spariti nel nulla, se riceve uno stipendio del genere sicuramente si è laureata.
Quello che non capisco è il tuo riferimento a stare in Indonesia e metter da parte dei soldi.
I titoli accademici indonesiani non valgono nulla e non sono riconosciuti da nessuna parte, personalmente ti posso dire che non valgono veramente nulla, se paragonati ad un corso di studi italiano. Frequentano la metà e la metà del tempo che frequentano pregano. Tutto quello che non è previsto dall'islam viene cancellato dai programmi.
Se posso consigliarti, se questa ragazza ha nei programmi di vivere in Italia, non ha senso che passi un giorno in più stando in Indonesia. Quando arriverà in Italia avrà una qualifica equivalente ad un diploma se fortunata oppure una scuola professionale, meglio tagliare i tempi e farle avere una formazione valida.

Per completezza, se il tuo amico non l'ha riconosciuta in ambasciata, per la legge islamica nulla è dovuto mai. Se lui l'ha riconosciuta è una sua proprietà e può disporne come gli pare, puó anche pianificare chi debba sposare.

X Tapioca e Giga
Ciao spero tu bene ero in sulaw a dare una mano sono rientrato da poco. In tutto sto lungo post tuo e dell amico non ho capito una cosa, se cpme dice, la rahazza e italiana, avra il passaporto italiano, visto che la doppia cittadonanza non si puo avere, quindi sta in indonesia con permesso di lavoro?inoltre presupponendo sempre sia italiana, lei e il vero padre devono seguire le leggi italiane, che riguardano il mantenimento o non della figlia, che non e libera di scorazzare dove le pare in indonesia(parlo sempre del lavoro) quindi arrivo al dunque)( forse stanco mi sono perso pure io, quindi chiedo scusa)
1)Perche la ragazza fa lo stage in imdonesia che non e riconosciuto dalle leggi CE?
2) Se lavora e premde 3,5 jt ( che non e fisso ma dipende dai governatorati) e vive in famiglia, perche il padre al posto di invisrle 500 euro, non crea un risparmio per wuando si trasferira in italia, cosi si taglia la testa al toro?
3)La ex moglie o convivente(la legge italiana dice che se si convive per 5 anni con una persona, a tutti gli egfetti legali e moglie o marito), questa donna che parte ha in tutta sta faccenda? (mi riferisco al fatto che in italia provvedeva al mantenimento famigliare o faceva la casalinga, vedere la legge in vigore)?
4)ed ho finito di rompere, il convivente indo lavora? O se la spassa? (la domanda ha una ragione di essere a seconda della risposta)
Se ci sobo tanti dubbi perche deve porre quesiti l amico e non il padre direttamente, o l amico e il padre?
Finito, grazie per avermi letto

Non per Tapioca
È bello vedere che quamdo io scrivo uno ti ringrazia, causa sicuramente persa

Nuova discussione