Intervista: Ferdinando in Ontario

Ciao a tutti!  :)

Se siete alla ricerca di informazioni sulla vita in Canada e in Ontario, vi invito a leggere la testimonianza di Ferdinando di cui vi riporto un estratto:

Qual è stato l'aspetto più difficile da sormontare legato al trasferimento dall'Italia in Canada? Potresti raccontarci un po' la tua esperienza?

Lasciare il proprio Paese, la città nella quale sei cresciuto per tanti anni, i parenti e gli amici (poi noi del Sud siamo particolarmente legati gli uni con gli altri) è stato difficile. All'inizio del Gennaio 2011, ormai con i documenti e il visto pronti per il Canada ho intrapreso questa avventura forse un po' avventatamente. Quando sei qui in Canada ti accorgi che la maggior parte della gente che viene da altri Paesi lo fa con i genitori, o con la moglie/marito/fidanzato. Ho incontrato pochissime persone davvero che hanno deciso di fare questa esperienza da soli. Di conseguenza, un aspetto da superare è quello che viene definito "shock culturale". Dall'altra parte dell'oceano i comportamenti, le usanze e la lingua sono diversi e ciò può creare entusiasmo, all'inizio, definito come "honeymoon phase", successivamente si ha un po' paura della diversità culturale, ci si sente come un pesce fuor d'acqua. Ecco che, successivamente, la maggior parte della gente tende a fare "cluster sociali" ovvero a familiarizzare più con quelli del proprio Paese di origine. La lingua ufficiale parlata in Ontario è l'inglese. Ho studiato un po' di lingua inglese alle superiori, poco all'università (purtroppo per come viene trascurata) ma quando poi si trascorre del tempo in una terra straniera la si impara molto meglio e velocemente, specialmente in un percorso formativo quale il dottorato in una università nord americana.

A tuo avviso, quali sono i settori che in Canada offrono più opportunità lavorative agli espatriati e quali sono le figure professionali più richieste?

A mio avviso il Canada può offrire molto dal punto di vista lavorativo. Il problema è che più passa il tempo, più questa gente, proveniente da immigrati, sta chiudendo le porte del Paese al mondo. Ogni anno diventa sempre più difficile ottenere un visto, anche turistico, figuriamoci la cittadinanza. Ho parecchi esempi di amici (messicani, iraniani) che hanno tentato più volte di far entrare i genitori in Canada con ovvie conseguenze di denaro e tempo speso. I profili professionali più richiesti sono, in genere, elencati e classificati tra i NOC number ovvero National Occupational Classification. In questa classifica vengono inserite le figure più richieste. Il problema è che ogni anno questa lista cambia. Quello che consiglio è di acquisire prima di tutto esperienza canadese anche come volontariato. Difficilmente i Canadesi assumono gente dall'estero e la crisi economica si fa sentire anche qui per cui preferiscono dare lavoro a Canadesi o a gente straniera che ha costruito un percorso formativo in Canada (come master, dottorato, certificati di frequenza, volontariato). Personalmente noto che la figura dell'ingegnere è richiesto soprattutto se si ha esperienza nel settore del trattamento e raffinamento di petrolio...continua...


Clicca qui per leggere tutte le altre Interviste agli espatriati e condividile sui social networks, trovi le icone dedicate in fondo alla pagina di ogni intervista!


Saluti,

Francesca

Nuova discussione