Aprire un conto in banca in Indonesia

Ciao a tutti,

Ŕ complicato per un espatriato aprire un conto in banca in Indonesia?

Quali documenti sono richiesti per aprire un conto corrente in Indonesia e quali sono i tempi di attivazione?

Ci sono delle restrizioni per gli espatriati riguardo a servizi quali ad esempio la richiesta di un mutuo?

Quale banca raccomandereste?

Grazie mille in anticipo per il vostro contributo!

Francesca

Aprire un conto in banca: NON Ŕ un problema. Passaporto in corso di validitÓ (ricordare che x validitÓ s'intende che deve avere scadenza pari al periodo di dichiarato soggiorno + sei mesi) e al resto pensano loro. Il problema Ŕ che si firmano documenti in lingua indonesiana. Quale banca? Bella e giusta domanda visto che durante la crisi delle monete asiatiche parecchie banche "fallirono". Rivolgi la domanda al Consolato o all'Ambasciata italiana anche a mezzo email.

Ci sono delle restrizioni per gli espatriati riguardo a servizi quali ad esempio la richiesta di un mutuo?
Che garanzie sei in grado di dare?
Il tutto, per˛, Ŕ superato dal costo esagerato. Purtroppo, l'Indonesiano non Ŕ capace di fare il calcolo del tasso. Quando gli dicono che per un prestito di Rp 5.000.000 deve rimborsare rate mensili che complessivamente porteranno il rimborso a Rp 6.000.000, fa i conti di quanto deve rimborsare mensilmente e se vede che la somma Ŕ per lui possibile...firma il contratto e paga! Come si pu˛ capire dai numeri sopra esposti, che corrispondono ad una operazione fatta da un locale che ho conosciuto, solo se il rimborso fosse integralmente a fine anno il tasso sarebbe del 20%.
Considerato che, invece, il rimborso Ŕ mensile...si supera il 30%!!
Non Ŕ il posto giusto per chiedere un prestito.

Salve pietro donagemma,

ti ringrazio per le informazioni :)

Buona giornata,

Francesca

pietro donagemma ha scritto :

Ci sono delle restrizioni per gli espatriati riguardo a servizi quali ad esempio la richiesta di un mutuo?
Che garanzie sei in grado di dare?
Il tutto, per˛, Ŕ superato dal costo esagerato. Purtroppo, l'Indonesiano non Ŕ capace di fare il calcolo del tasso. Quando gli dicono che per un prestito di Rp 5.000.000 deve rimborsare rate mensili che complessivamente porteranno il rimborso a Rp 6.000.000, fa i conti di quanto deve rimborsare mensilmente e se vede che la somma Ŕ per lui possibile...firma il contratto e paga! Come si pu˛ capire dai numeri sopra esposti, che corrispondono ad una operazione fatta da un locale che ho conosciuto, solo se il rimborso fosse integralmente a fine anno il tasso sarebbe del 20%.
Considerato che, invece, il rimborso Ŕ mensile...si supera il 30%!!
Non Ŕ il posto giusto per chiedere un prestito.

No,  qua non chiede nessuno mutui, chiedono prestiti per piccole cifre, magari per l'auto o lo scooter. Le case vanno comprate per contanti e sempre sulla carta. Quando i progetti sono nuovi il valore Ŕ circa un quinto del finito, se poi si vuole comprare dopo Ŕ da spararsi. Inoltre comprando una casa sulla carta non Ŕ raro trovare offerte 5 x 4 o cose del genere. Inoltre come in tutti i posti mussulmani ci sono fregature sull'acquisto della casa. Dopo 60 anni se la prendono indietro. Non confondere mai i tuoi amici locali con i governanti!

pietro donagemma ha scritto :

Aprire un conto in banca: NON Ŕ un problema. Passaporto in corso di validitÓ (ricordare che x validitÓ s'intende che deve avere scadenza pari al periodo di dichiarato soggiorno + sei mesi) e al resto pensano loro. Il problema Ŕ che si firmano documenti in lingua indonesiana. Quale banca? Bella e giusta domanda visto che durante la crisi delle monete asiatiche parecchie banche "fallirono". Rivolgi la domanda al Consolato o all'Ambasciata italiana anche a mezzo email.

Occhio che ti stai sbagliando, per aprire un conto serve un KITAS/KITAP. Mandiri, Bca, CIMB Niaga, Panini, Danamond,  BNI, BRI OCBC e un'altra che non ricordo, ti posso dire per certo che si fanno firmare la documentazione in inglese. Se non la hanno in sede ti indicano la filiale pi¨ vicina con documenti in inglese. Per completezza non sono proprio in inglese ma bilingue. Nella maggior parte delle volte con l'home banking Ŕ possibile accedere anche ai conti correnti speciali per i buoni del tesoro.
Io consiglierei OCBC con valuta in dollari di singapore, per poi rendere facile il trasferimento degli stessi su singapore. Chiamare l'ambasciata come sempre non serve a nulla, non sanno nulla e rispondono al telefono solo 2 ore al giorno.
Se qualcuno ti ha aperto un contro con le modalitÓ che hai descritto, fossi in te sposerei i soldi da qualche altra parte!

Nuova discussione