Close

Le tasse in Spagna

Raccomanda

Tutti i residenti in Spagna devono pagare le tasse sul reddito. In questo articolo trovate informazioni relative al sistema fiscale spagnolo.

Se siete residenti in Spagna per più di 183 giorni in un anno, siete considerati come residenti fiscali e dovrete pagare le imposte sul reddito.

Per evitare una doppia tassazione, la Spagna ha firmato una convenzione con vari paesi. L’elenco si trova nel sito internet dell’Agenzia Tributaria.
In Spagna sono considerati residenti fiscali tutti coloro che esercitano una professione e percepiscono un salario.
Dato che la Spagna è composta da 17 comunità autonome, le aliquote fiscali possono variare da una regione all'altra.

Buono a sapersi:

L'anno fiscale inizia il 1 gennaio e termina il 31 dicembre.

Imposta sul reddito

L’imposta sul reddito, in Spagna, viene di solito prelevata alla fonte ad un tasso percentuale che va dal 19% al 45% ed include la quota dell’assistenza sociale.
Ogni contribuente è tenuto a compilare una dichiarazione d’imposta da spedire prima del 30 giugno, data di inizio della "Campaña de Renta".
Detrazioni e deduzioni sono possibili a seconda delle situazioni individuali (numero di figli a carico) o professionali (deduzione delle spese di trasferta ecc).
I dipendenti il cui reddito non supera i 22.000 euro annui non devono presentare alcuna dichiarazione. 

Lavoratori autonomi

I lavoratori autonomi sono responsabili del versamento dell’imposta sul reddito e dei propri contributi assicurativi.
In questi casi è consigliabile farsi aiutare da un commercialista o un consulente fiscale.
La tassazione in questo caso varia dal 18% al 43%, a seconda dello stipendio percepito.

Altre tasse

I non residenti in Spagna devono ugualmente pagare imposte sui beni mobili e immobili (IVA tra 1 e 6%), sul patrimonio, sui guadagni e le tasse applicabili alla successioni.
Dovrete presentare il numero N.I.E. (o N.I.F. se non siete residenti) ogni qualvolta vi metterete in contatto con gli uffici dell'Agenzia delle Entrate spagnola. 

IVA

In Spagna, l'imposta sul valore aggiunto (IVA), o Impuesto sobre el Valor Añadido (IVA), viene detratta in percentuali diverse:

• 21% su prodotti e servizi non essenziali
• 10% per cure dentistiche ed oculistiche
• 4% sugli articoli di base come latte, pane, formaggio, frutta e verdura, cereali e uova.

Alle Canarie non si applica l’IVA ma una tassa locale conosciuta come Impuesto generale Indirecto Canario.

 Indirizzi utili:

Expat.com Tasse e imposte in Spagna
Agencia Tributaria - Sito generale www.agenciatributaria.es
Agencia Tributaria - Informazioni per i non residenti www.agenciatributaria.es
Agencia Tributaria  - IVA www.agenciatributaria.es

Facciamo del nostro meglio per fornire informazioni aggiornate ed accurate. Nel caso in cui avessi notato delle imprecisioni in questo articolo per favore segnalacelo inserendo un commento nell'apposito spazio qui sotto.
Raccomanda
expat.com Your favourite team
Utente da 01 Giugno 2008
Small earth, Mauritius
1 Commento
angela cau
angela cau
2 anni fa

Queste tesse riguardano anche i redditi derivati da una pensione italiana?

Rispondi

Vedi anche

I cittadini europei possono studiare liberamente in Spagna mentre quelli provenienti da altre parti del mondo devono richiedere il visto di tipo D.
I residenti in Spagna possono aprire un conto in banca presentando carta d'indentià, permesso di residenza e giustificativo di domicilio.
Per accedere ad internet in Spagna, potete scegliere tra diversi tipi di connessione. Troverete più informazioni al riguardo leggendo questo articolo.

Traslocare in Spagna

Consigli per preparare un trasloco in Spagna