Scheda informativa Grecia


Situata nell’angolo sudorientale dell’Europa, al crocevia tra Africa, Europa ed Asia, la Grecia è stata abitata fin dal Paleolitico da navigatori, esploratori e conquistatori. L’Antica Grecia ricopriva un territorio vastissimo che comprendeva la maggior parte delle coste della Turchia, i Balcani e il sud Italia (con Alessandro Magno l’impero si estese addirittura fino all’India nordoccidentale). Nel 146 a. C. divenne una delle tante provincie dell’Impero Romano, successivamente cornice dell’Impero Bizantino fino al 1453 d. C. quando subentrarono gli Ottomani.

Nonostante questo lungo passato ricco di storia, la Grecia di oggi è uno stato relativamente giovane: la Grecia moderna (o Hellas come viene chiamata dai suoi abitanti) ha ottenuto l’Indipendenza dall’impero Ottomano nel 1830.

In seguito all’abolizione della monarchia nel 1974, l’attuale forma di governo è una democrazia parlamentare in cui il Primo Ministro ricopre il ruolo di principale rappresentante (attualmente è Alexis Tsipras, il primo in assoluto di un partito di sinistra).

A causa del consistente debito del paese e delle dure misure di austerità, adottate per permettere alla Grecia di rimanere nell’euro, dal 2011 si è verificato uno vero sconvolgimento politico: 6 coalizioni e governi provvisori si sono succeduti per cercare di trovare un equilibrio tra le richieste del Fondo Internazionale Monetario e un popolo greco al limite della sopportazione per i disagi subiti.

Dal 2010 interi settori di impresa sono scomparsi a causa della crisi, cancellando milioni di posti di lavoro. Ciò ha portato il tasso di disoccupazione a salire fino al 23% e ha spinto migliaia di giovani greci altamente qualificati ed istruiti a cercare lavoro all’estero.

Ma il popolo greco ha sempre saputo rimboccarsi le maniche, ha dovuto farlo per riuscire a sopravvivere per 400 anni sotto l’occupazione turca, senza perdere la propria identità, la propria lingua e il credo religioso.

La crisi ha quindi paradossalmente agevolato un cambiamento radicale portando alla creazione di un’economia votata all’esportazione. Tra il 2010 e il 2013 è decuplicato il numero di nuove start-up e il capitale investito è aumentato da 500,000 € a 42 milioni di euro. Questo nuovo sistema imprenditoriale è cresciuto esponenzialmente negli ultimi due anni diventando una calamita sia per professionisti orientati al settore tecnologico sia per persone creative desiderose di vivere in Grecia: qui infatti le spese per creare e mantenere una start-up o sopravvivere facendo l’artista sono talmente basse che la capitale Atene è stata spesso soprannominata “la nuova Berlino”.

La Grecia è al 11° posto nella classifica mondiale come paese con la linea costiera più lunga (principalmente grazie alle sue numerose isole) anche se l’80% del paese è costituito da montagne e colline. Di tutte le migliaia di isole solo 227 sono abitate e Creta è la più grande.

La popolazione greca è composta da circa 11 milioni di persone, di cui 4 milioni vivono nella capitale Atene. Altre città di rilievo sono Salonicco, Candia e Chania a Creta, Larissa, Volos, Giannina, Rodi e Calcide. Sebbene la lingua ufficiale sia il greco, nelle aree urbane la maggior parte delle persone è in grado di capire e di comunicare in inglese, così come non è raro per un greco aver studiato un po’ di francese, tedesco o italiano.

La religione cristiana ortodossa ha un ruolo importante nella vita quotidiana. Sebbene ci sia un aumento costante di matrimoni civili, il 50% delle celebrazioni si svolge comunque in chiesa e il fatto di non battezzare i figli non è visto di buon occhio. Nelle grandi città come Atene, Salonicco e Patrasso si trovano molte chiese Cattoliche, Anglicane, Evangeliche, Battiste, Protestanti e due sinagoghe (ad Atene e Salonicco).

I greci sono molto accoglienti e calorosi nei confronti degli stranieri. Cercheranno di integrarvi nel loro sistema e vi aiuteranno ad incontrare nuove persone, vi indicheranno dove fare acquisti, dove mangiare e dove trovare le migliori offerte.

La vita quotidiana in Grecia, specialmente in una città cosmopolita come Atene, è essenzialmente molto conveniente: tutto, dai trasporti all’ingresso ai musei ha un prezzo ragionevole e si può godere di un basso costo della vita rispetto alla maggior parte delle città europee.