Shutterstock.com
Pubblicato 3 mesi fa

C'è da dire che il mercato del lavoro vietnamita non è particolarmente aperto agli stranieri; tuttavia, è comunque possibile che un expat trovi un impiego adeguato. A questo proposito, di seguito troverete alcune informazioni sul panorama di opportunità lavorative nel paese.

Ci sono dei settori specifici in cui gli stranieri hanno difficoltà ad accedere, a meno che non vengano contattati direttamente da società internazionali o multinazionali con sede nel paese. Per altri settori, invece, si prediligono proprio professionalità estere.

Molte aziende e imprese locali, sono incoraggiate dal governo ad assumere cittadini vietnamiti. Per essere in grado di assumere professionisti stranieri, le aziende devono dimostrare che le competenze richieste per questi lavori non sono disponibili localmente. In conformità con le disposizioni legali, le compagnie straniere possono avere solo un 3% di dipendenti stranieri.

 Buono a sapersi:

Per poter lavorare in Vietnam da expat, ci si aspetta che abbiate una buona padronanza della lingua inglese, e che conosciate almeno le basi del vietnamita.

Fare domanda per un lavoro

Quando fate domanda per un posto di lavoro, dovete essere in grado di produrre il vostro curriculum vitae, completo di foto formato tessera e di lettera di presentazione. Inoltre, è necessario presentare una copia del certificato penale, un certificato medico rilasciato nel proprio paese di origine, nonché le copie dei propri diplomi e di altri certificati che attestino qualifiche e competenze.

Settori con del potenziale

Negli ultimi anni, in Vietnam sono nate molte aziende specializzate in diversi settori, in particolare quello agroindustriale, della distribuzione, dei servizi, della salute e della tecnologia dell’informazione e della comunicazione. Se avete delle competenze e un po’ di esperienza in uno di questi campi, sicuramente avrete una probabilità più elevata di essere assunti. Altri settori dove c’è richiesta di personale includono ospitalità, ristorazione, agricoltura e servizi finanziari.
L’offerta di lavoro differisce a seconda dei settori in tutto il paese; l’unico con un’altissima richiesta ovunque è quello dell’istruzione, in particolare l’insegnamento della lingua inglese.

Condizioni di lavoro

Per legge, la settimana lavorativa in Vietnam ammonta a 48 ore, da distribuire su cinque giorni e mezzo. Vi è permesso fare degli straordinari per i quali avrete diritto ad una remunerazione aggiuntiva, ma senza superare il tetto massimo di 200 ore in più l’anno. Chi lavora di notte percepisce il 30% in più dello stipendio. Per quanto riguarda le ferie, invece, si ha diritto a un minimo di 12 giorni retribuiti e 9 giorni festivi.

Tipi di contratti

I contratti di assunzione generalmente stabiliscono lo stipendio del dipendente, il luogo di lavoro, l’orario, le mansioni da svolgere e la previdenza sociale.
Il diritto del lavoro, in Vietnam, riconosce tre tipi di lavoro contrattuale: indeterminato, determinato e stagionale. Un contratto stagionale ha una durata inferiore a 12 mesi, e si riferisce a lavori disponibili durante un periodo di tempo specifico. Un contratto a tempo indeterminato, invece, ha una durata variabile tra i 12 e i 36 mesi (a seconda della validità del permesso di lavoro), in base ad un accordo tra il dipendente e il datore di lavoro.

Facciamo del nostro meglio per fornire informazioni aggiornate ed accurate. Nel caso in cui avessi notato delle imprecisioni in questo articolo per favore segnalacelo inserendo un commento nell'apposito spazio qui sotto.