Aggiornato 6 mesi fa

Tra asili nido, centri per l’infanzia, gruppi di gioco, ragazze alla pari e baby sitter private, ci sono una miriade di opzioni per tenere i propri figli al sicuro e farli divertire e interagire con gli altri bambini mentre voi siete al lavoro o avete da fare. In Tailandia non esiste un sistema prescolastico obbligatorio, ma alcune scuole materne sono gestite da istituti pubblici ai quali accedere pagando una piccola tassa amministrativa, e nella maggior parte delle città tailandesi ci sono asili anglofoni – particolarmente in voga nelle aree urbane – che accolgono bambini da uno a tre anni.

I gruppi di gioco sono spesso organizzati dai genitori per incoraggiare l’interazione sociale, quindi vale la pena cercare nei forum degli expat, a seconda della città in cui abitate, per essere al corrente di tutte le attività. I costi di partecipazione sono decisamente ragionevoli, anche perché sono organizzati da genitori volontari. Tuttavia, se vivete in una grande città tailandese e preferite che i vostri figli studino presso una scuola materna gestita da un istituto internazionale, in questo caso la tassa da pagare potrebbe essere molto più alta.

Volendo potreste anche assumere una governante, molti expat lo fanno, così da avere più tempo a disposizione per gestire le varie mansioni quotidiane. Probabilmente nel vostro paese d’origine le tate si presentano con un curriculum e dei titoli, a garanzia della loro professionalità, ma in Tailandia non funziona così in quanto non ci sono norme relative alle bambinaie. Tuttavia molte di loro, anche con una lunga esperienza alle spalle, preferiscono lavorare in famiglie di lingua inglese, e potete trovarle contattando un’agenzia, cercando annunci sui giornali, controllando i siti web degli expat o semplicemente chiedendo consiglio in giro. Anche molte adolescenti tailandesi desiderano migliorare le loro competenze linguistiche facendo le babysitter, e questa potrebbe essere un’ulteriore alternativa da considerare a seconda delle esigenze.

Il sistema educativo

L’istruzione in Tailandia è in gran parte una responsabilità del governo, e viene gestita dal Ministero della Pubblica Istruzione. Secondo il National Education Act, i cittadini tailandesi hanno diritto a dodici anni di istruzione pubblica gratuita. Tuttavia, gli anni di studio obbligatori sono solo i sei di istruzione primaria e i successivi tre di istruzione secondaria inferiore.

Sono molti gli stranieri residenti in Tailandia che scelgono di iscrivere i propri figli in una scuola internazionale o in una privata che presenti un programma bilingue o solo anglofono. Le scuole private seguono il curriculum nazionale tailandese, ma la maggior parte delle classi sono svolte in lingua in inglese; le scuole internazionali, invece, seguono i curricula di altri programmi nazionali, come quelli americani o britannici. Anche numerose famiglie tailandesi di ceto sociale più elevato optano per mandare i propri figli in scuole internazionali piuttosto che in scuole private, poiché i metodi e le strutture di insegnamento tendono ad essere migliori, ed è prevista un’ottima preparazione per i bambini che un domani vorranno iscriversi in un’università estera.

Bisogna tenere presente che se in futuro deciderete di rientrare nel vostro paese d’origine, sarebbe meglio rendere la transizione più facile ai vostri ragazzi scegliendo una scuola tailandese che abbia una struttura curriculare corrispondente alla nostra. Tuttavia, le scuole internazionali sono più costose delle scuole private e alcune di queste prevedono un corso di studi che arriva fino ai 12 o ai 18 anni.

 Indirizzi utili:

Cybo
Acacia Centre
Garden International School
Sabatan
Bangkok - Scuole internazionali

Facciamo del nostro meglio per fornire informazioni aggiornate ed accurate. Nel caso in cui avessi notato delle imprecisioni in questo articolo per favore segnalacelo inserendo un commento nell'apposito spazio qui sotto.