Close

Alla scoperta della Tailandia

Raccomanda

Il Regno della Tailandia, precedentemente noto come Siam, è un paradiso tropicale nel sudest asiatico che attrae persone da tutto il mondo grazie al clima temperato, cibo delizioso, templi imponenti, rifugi nella giungla e spiagge idilliache.

Divisa in 76 province, la Tailandia copre un’area di 513.120 km² e confina con Malesia, Myanmar, Cambogia e Laos. Bangkok, la sua vivace capitale piena di divertimenti, negozi, attività culturali e gastronomiche, è l’attrazione principale; inoltre funge da punto nevralgico per quanto riguarda le partenze per esplorare altre regioni del paese.

Il clima

La Tailandia ha un clima tropicale con due stagioni principali: una secca e una umida. Tuttavia, il clima varia a seconda della zona in cui ci si trova. La stagione secca generalmente dura da novembre a maggio e può diventare estremamente calda durante gli ultimi tre mesi. I monsoni provenienti da sudovest sono attesi da maggio a ottobre, mentre la pioggia tende a cadere copiosa e in modo intermittente, così avrete sempre un po’ di sole del quale godere.
Nella maggior parte del paese, per buona parte dell’anno è spesso caldo e umido rispetto ai climi occidentali, sebbene il clima possa risultare più fresco nelle giungle e nelle colline del nord.

La demografia

Secondo il database della Banca Mondiale, la densità di popolazione della Tailandia, alla fine del 2016, era di 68,9 milioni di abitanti, e la città più popolosa era Bangkok, con oltre 9 milioni di persone.
La maggior parte dei tailandesi pratica il buddismo; circa l’80% dei musulmani di lingua malese vive nelle province più meridionali del paese dove vi è un conflitto etnico in corso e un’insurrezione separatista.
La lingua ufficiale della Tailandia è una lingua tonale chiamata Thai – a volte indicata come Thai Siamese, Thai centrale o Bangkok Thai – e viene insegnata nella maggior parte delle scuole. Essendo la lingua principale, quasi tutti i tailandesi sono in grado di capirla, ma ci sono anche molti dialetti etnici e regionali che vengono ancora parlati, soprattutto nel nord, nordest e sud del paese.
Il Thai scritto è basato su un alfabeto adottato dai Khmers in Cambogia, che si dice sia stato standardizzato durante il regno del re Ramkhamhaeng. Fortunatamente per gli expat, i segnali stradali sono scritti sia in tailandese che in inglese.
L’inglese, ad ogni modo, è considerata una seconda lingua per molti cittadini, specialmente quelli che vivono a Bangkok, Chiang Mai e sulle isole, visto il boom turistico presente in questi luoghi. Il Tinglish o Thaiglish, invece, è una lingua ibrida formata dall’unione tra il tailandese e l’inglese, inventata dalla nuova generazione che sta coniando sia parole che espressioni.

La politica

Il 1932 segnò la fine della monarchia assoluta, trasformando la Tailandia in una monarchia costituzionale, per cui l’autorità legale del Re fu ridimensionata a quella di Capo dello Stato. Da quell’anno in poi, il Primo Ministro è diventato responsabile della gestione degli affari governativi, ma la monarchia rimane ancora un’istituzione profondamente rispettata.
Dal 1932, la politica tailandese è stata altamente estremizzata, e ci sono stati vari scontri e divisioni tra governo rappresentativo e governo autoritario. Molte persone sostengono che, nonostante i frequenti cambiamenti nel governo, colpi di stato e insurrezioni di massa, la monarchia – che era l’autorità morale della nazione sotto il tanto amato re Bhumibol Adulyadej – ha contribuito a mantenere un grado di pace, unità e stabilità. Il re Bhumibol era ben voluto dal suo popolo e ha avuto una grande influenza durante i suoi settant’anni di regno ma, dopo decenni di disordini politici, un colpo di stato avvenuto nel maggio 2014 ha portato i militari a prendere il controllo del governo, riducendone il potere durante gli ultimi anni della sua vita.
Il generale Prayuth Chan-ocha, che guida il Consiglio Nazionale per la Pace e per l’Ordine (NPOMC), è salito al potere durante questo colpo di stato grazie a un governo civile ed è stato nominato Primo Ministro dal parlamento designato dai militari tailandesi che hanno preso il potere dodici volte dalla fine della monarchia assoluta avvenuta nel 1932.
Il re Bhumibol è morto nell’ottobre del 2016 all’età di 88 anni, e la sua monarchia viene ricordata come la più longeva al mondo; suo figlio, il re Maha Vajiralongkorn Bodindradebayavarangkun, noto come re Rama X – decimo monarca della dinastia Chakri – fu proclamato in una cerimonia che ha avuto luogo cinquanta giorni dopo la morte di suo padre.
La costituzione è stata recentemente modificata su richiesta del nuovo re, e le modifiche ripristinano l’influenza reale su procedure importanti e in periodi di grave crisi politica. Questo nuovo capitolo introduce un diverso sistema elettorale e, secondo il nuovo sistema, gli esperti ritengono che la Tailandia abbia maggiori probabilità di avere governi di coalizione, e l’appartenenza al Senato sarà essenzialmente determinata dal governo eletto dall’esercito e destinata a seguire il progetto ventennale militare previsto per il paese.

L’economia

Il tasso di crescita economica della Tailandia e il suo status tra le principali potenze della zona sono scemati a causa della recente oscillazione politica tra il potere militare e civile, così come la domanda interna e globale, che è sempre più debole. Tuttavia, in termini di grandezza e potenza, è ancora la seconda economia del sudest asiatico, e sta facendo progressi nella riduzione dell’indice di povertà. Nel 2013 è stata introdotta una nuova politica sui salari minimi, nonché nuove riforme fiscali concepite per ridurre i tassi del reddito medio. Inoltre, vi è un’inflazione relativamente bassa, così come basso è il tasso di disoccupazione, e la spesa pubblica per le infrastrutture ha contribuito a dare una spinta all’economia.

 Indirizzi utili

Ente Tailandese per il turismo
World Bank Tailandia
Ministero Affari Esteri Tailandese

Facciamo del nostro meglio per fornire informazioni aggiornate ed accurate. Nel caso in cui avessi notato delle imprecisioni in questo articolo per favore segnalacelo inserendo un commento nell'apposito spazio qui sotto.
Raccomanda
expat.com Your favourite team
Utente da 01 Giugno 2008
Small earth, Mauritius
Scrivi un commento

Vedi anche

Phuket offre uno stile di vita pi¨ rilassato rispetto ad altre cittÓ tailandesi, e gli expat hanno pi¨ possibilitÓ di trovare lavoro nel settore turistico.
I lavori pi¨ comuni per gli expat in Tailandia sono l’insegnamento della lingua inglese e le posizioni nel settore del turismo.
Pattaya non Ŕ una meta molto popolare tra gli espatriati, i posti di lavoro disponibili sono soprattutto nel settore turistico e dell’ospitalitÓ.
Chiang Mai Ŕ molto popolare tra gli expat principalmente per il basso costo della vita. Ci sono posizioni lavorative disponibili in vari settori.
Gli expat in cerca di lavoro a Bangkok devono richiedere un permesso per essere abilitati legalmente a lavorare.