Close

Diventare un nomade digitale in Malesia

Raccomanda

Situata in parte sulla terraferma asiatica e in parte sull’isola del Borneo, la Malesia è uno dei paesi più sottovalutati dell’Asia – spesso viene utilizzato dai viaggiatori come ponte per le vicine Indonesia e Tailandia. Nonostante tutto, si sta lentamente ma costantemente aprendo un varco per entrare a far parte delle destinazioni più popolari della comunità di freelance digitali.

Perché la Malesia

La Malesia si presenta come un paese contrastante. Diviso a metà dal Mar Cinese Meridionale, la penisola ospita la movimentata Kuala Lumpur, dove l’architettura è coloniale e le aree di sviluppo economico sono circondate da rilassanti resort sul mare. La gigantesca isola del Borneo è ricoperta da una rigogliosa giungla dove vivono dolcissimi orangotango; sull’isola ci sono anche piccoli villaggi, ed è proprio qui che gli amanti delle immersioni potranno trovare i migliori posti di tutta la Malesia per praticare il proprio sport preferito.

Una peculiarità della Malesia è la profonda cultura per il caffè. Infatti, visto il rapido sviluppo basato su questo business, nelle principali città del paese non mancano certo caffetterie e bar, in grado di offrire ai nomadi digitali un’ampia scelta di luoghi di lavoro.

Questo quadro eterogeneo, il rapido sviluppo tecnologico e il fermento attorno al commercio di caffè rendono la Malesia una destinazione emergente tra i lavoratori giramondo.

Le migliori città dalle quali lavorare

Kuala Lumpur è sia la capitale che la città più grande della Malesia e, naturalmente, offre il meglio quando si tratta di servizi urbani e di atmosfera metropolitana. La popolazione della città è di circa 1,76 milioni di abitanti. KL è una vasta metropoli asiatica, con i suoi grattacieli, gli edifici residenziali e un’architettura deliziosa. La città ha tutto quello che serve ad un freelance: alloggi a prezzi accessibili, Wi-Fi gratuito, catene di caffetterie e bar locali. L’unico inconveniente è il limitato numero di aree di coworking.

Penang è una delle destinazioni emergenti della comunità nomade digitale. È un’isola-stato della Malesia, divisa in due parti: l’Isola di Penang, con la capitale George Town e la penisola Seberang Perai sulla penisola malesiana. Penang è stata una meta popolare tra i viaggiatori grazie alla sua architettura variopinta, alla natura eterogenea e allo squisito cibo di strada. Tuttavia, con l’aumentare delle star-up locali, sono sempre di più i liberi professionisti che scelgono questa area come destinazione a basso costo che però mette a disposizione tutti i servizi per poter lavorare da remoto.

Internet e aree di coworking

Uno dei principali svantaggi del lavorare dalla Malesia per un tempo prolungato è la lentezza della connessione, specialmente se paragonata alla vicina Singapore. Secondo una stima del 2016, la velocità media di Internet in Malesia è di 8.2 Mbps.

Nelle città più grandi trovate diverse aree di coworking potendo scegliere tra diverse opzioni per affittare la vostra postazione: tariffa giornaliera, mensile, a tempo indeterminato, etc.
Questa imponente presenza di caffetterie e bar locali rende la scelta meno ardua. Infatti sono tantissimi i luoghi dai quali lavorare, magari meno professionali, ma con un’atmosfera confortevole e rilassata.

Aree di coworking a Kuala Lumpur

The Co. Bangsar, 8, Lengkok Abdullah, Bangsar

START Co-working Space, Level 6, Bangunan Yayasan Syed Kechik, Jalan Kapas, Bangsar

Aree di coworking a Penang

Scoopoint, 46 Pengkalan Weld George Town, Pulau Pinang, 10300 George Town, Pulau Pinang

Tempo libero in Malesia

Sia che abbiate deciso di rimanere in pianta stabile nella caotica Kuala Lumpur, sia che preferiate la tranquillità dell’isola di Penang, le cose da fare nel tempo libero non mancheranno in nessuno dei due casi: potrete assaggiare il “kopi” (caffè tradizionale), gustare la saporita cucina locale, visitare le Grotte di Batu o ammirare il panorama dalle Torri Petrona. Coloro che amano immergersi nella natura hanno l’imbarazzo della scelta tra il Monte Kinabalu, l’antica foresta pluviale Taman Negara, il Parco Nazionale di Gunung Mulu e molti altri luoghi incantevoli.

Cose da sapere prima di partire

I cittadini della maggior parte dei paesi possono stare in Malesia senza visto per un periodo che va da 14 a 90 giorni a seconda del paese di origine. Se invece si necessita di un visto entrare in Malesia, è possibile richiederlo presso l’Ambasciata o il Consolato malese del proprio paese d’origine.

 Indirizzi utili:

Turismo in Malesia - guida ufficiale

 

Facciamo del nostro meglio per fornire informazioni aggiornate ed accurate. Nel caso in cui avessi notato delle imprecisioni in questo articolo per favore segnalacelo inserendo un commento nell'apposito spazio qui sotto.
Raccomanda
expat.com Your favourite team
Utente da 01 Giugno 2008
Small earth, Mauritius
Scrivi un commento

Traslocare in Malesia

Consigli per preparare un trasloco in Malesia